NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

NUOVO RISTORANTE MERITEVOLE:

LE VIE DEL SALE

Lungomare Trentoe Trieste 21 e 23

Tel. Provvisorio:3663519912

 

Ha aperto dal 7 febbraio 2012, nei locali dove  una dozzina di anni fa

c’era il ristorante Giannino).

Parcheggio più vicino: al molo corto del porto vecchio.

Numero max coperti 35 (privé riservato per 8 persone max).

Ambiente: raffinato e soft, tavoli a 3 metri l’uno dall’altro con belle mise en place classiche, bianche, stoviglierie di tono, calici Ridl, sottofondo musicale “Sinatra” (leggermente alto).

Accoglienza: Garbata, capace, attentissima e sorridente.

Servizio: pressoché perfetto, salvo qualche piccola sfumatura in sala (forse dovuta all’avviamento): disponibilità e  attenzione a prevenire le richieste del cliente.

Pane: di diverse qualità, buone, ma da rodare nelle temperature di servizio. Sale di diverse qualità. Acqua trattata in brocca.

Quantità delle porzioni: insolitamente generose, a questo livello e tipo di cucina.

Qualità: ottima in certi piatti, buona in altri.

Tipo di cucina: classica, ma con qualche plus derivante da esperienze internazionali del cuoco (di origine Albese) (Ritz di Parigi, Londra, Usa, ecc … per 15 anni). Molto valorizzatio i sentori leggeri di agrumi.

Carta Vini: qualche decina di buone etichette, in potenziamento. Alcuni vini a prezzi normali altri a prezzi un po’sostenuti. Qualche imprecisione nelle appellazioni.

Da  fine febbraio 2012  compariranno menù sui 60 euro e 80 euro circa  + menu mezzodì sui 40 euro. Al momento è prevista solo la carta con una trentina di proposte più i desserti

Prezzi alla carta:

Antipasti a 24 euro. (Sublime la generosissima degustazione dei 3 foie gras a 40 euro con:  Terrina di foie gras e pere caramellate, salsa Kum Kuat pan brioche della casa  - Scaloppa di foie gras brasata con salsa di agrumi al balsamico – Foie gras confit alla Pelaverga vin brulé con caldo e freddo di ananas).

Primi piatti: dai 20 ai 30euro (esempio: Ravioli al Plin ripieni di ricotta Seirass e borragini al burro d’alpeggio a 20 euro (+ tartufo in stagione) .

Secondi: dai 18 ai 40 euro. Citiamo il merluzzo arrostito al miele al timo e soia su schiacciata di patate ai profumi di pompelmo rosa. Il filetto di Fassona riduzione al Barolo e tartufo nero con funghi morilles ripieni di foie gras.

Dolci: 12 euro. Curioso e buono il tortino fondente al cioccolato con gelato al tabacco, quello dolce per pipa…. (!)

Aperitivo, apetizer (con gambero di Sanremo), mignardises finali, digestivo: offerti

E’ un insieme “pé bucche sernue” (per palati scelti) che a Sanremo mancava da molto tempo.

Cordiali saluti e buon appetito!

Luigino Filippi

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica