NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

LE PAROLE LE PORTANO VIA IL VENTO...ED IL MARE...

 

 

Questi sono giorni estremamente importanti e delicati per il comparto balneare territoriale e nazionale, settore trainante dell'economia turistica della mia terra.
La Regione Liguria è conosciuta certo per il suo entroterra, ma principalmente per l'alta qualità delle sue spiagge, in grado di accontentare qualsiasi richiesta.
Queste aziende sono il nostro biglietto da visita agli occhi nazionali e oltre, e, fra diretto e indotto, impiegano qualche decina di migliaia di risorse umane.

 

La Regione Liguria, a tutela del settore, ha prodotto due disegni di legge, la n.25 e la n.26, delle quali io ho avuto l'onore e il privilegio di essere primo firmatario e relatore in Assemblea del Consiglio Regionale.
Un progetto unico, frutto della collaborazione con l'Assessorato al Demanio e con gli altri colleghi consiglieri.

 

Il Governo Gentiloni, come ultimo atto di un Governo già morto, le ha impugnate, e questa mattina la Corte Costituzionale discute la legge relativa alla tipicità del sistema balneare ligure, legge che non avrebbe dovuto subire l'impugnativa dal precedente Governo e che il Governo Conte avrebbe dovuto ritirare.

 

In attesa del pronunciamento della Corte, sperando che il buonsenso e il rispetto nei confronti degli operatori delle p.m.i. della nostra Regione non vengano meno, lanciamo un monito: non vorremmo che questa situazione fosse una scusa per mettere "la polvere sotto il tappeto", pensando di aver risolto il problema.
Se il Governo deciderà di non sostenere le nostre leggi, ne produca altre, ma che siano REALMENTE a tutela del settore balneare, che siano un provvedimento che SUPERI la direttiva servizi Bolkestein.

 

In questi giorni, al problema delle scadenza delle concessioni se ne è aggiunto un altro ancor più devastante: la distruzione da parte della furia del mare di aziende che non solo hanno visto le strutture irrimediabilmente danneggiate, ma che non hanno neppure più una spiaggia sulla quale poter ricostruire. 
Se da una parte è giusto e sacrosanto non dividere il fronte del No alle Aste e di una riforma del settore è altrettanto vero che questa è una situazione d'emergenza e come tale va trattata.

 

Oggi in Regione Liguria, incontreremo i rappresentanti delle associazioni di categoria proprio di quelle aziende distrutte. 
Ora più che mai, vedendo le immagini di imprese rase al suolo, molte delle quali di proprietà di persone conosciute e amiche, è necessaria una riforma urgente del settore, riforma che stiamo aspettando da molto tempo: più di 11 anni. 

 

La Bolkestein va superata e, nella drammaticità di questa occasione, riponiamo la nostra fiducia e le nostre speranze nell' operato del Ministro Gian Marco Centinaio, affinché venga prodotto un documento forte, concreto, difeso anche in Europa, che abbia la forza necessaria per tutelarci e superare le troppe, inutili parole fatte fino ad ora. 
Oggi, con quello che è successo, è già troppo tardi.
#lamialiguria

                                                                                                                    

 

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica