NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

I TOP HUNDRED DEL GOLOSARIO DIVENTANO MAGGIORENNI (E RICOMINCIANO DA SUD)

 

 

Si completa il quadro dei migliori vini d'Italia premiati da Massobrio e Gatti che vedono il consolidamento della leadership di Piemonte e Toscana e il clamoroso avanzamento della Calabria

 

 

 

La selezione dei migliori vini italiani firmata da Paolo Massobrio e Marco Gatti compie 18 anni e si conferma una delle più longeve e interessanti nel panorama nazionale. Merito anzitutto di una formula che in questi anni ha permesso di andare a fondo nel territori, scoprendo chicche quasi introvabili. Il criterio scelto, infatti, è quello di individuare ogni anno 100 cantine che meritano il podio, senza mai premiare quelle degli anni precedenti. A questi si aggiungono i Fuori di top cioè cantine, per lo più piccole o piccolissime e spesso nuove, con vini eccezionali scoperti a chiusura della selezione effettuata con degustazioni collettive. In questa edizione sono 28 i vini promossi direttamente sul campo o da Massobrio o da Gatti, quindi senza passare dalle degustazioni plenarie. Il tutto per offrire un quadro unico dell'Italia da bere che vede affacciarsi con convinzione - ed è la maggiore novità dell'anno - una regione in particolare, la Calabria che con i suoi 7 vini premiati affianca i top player del Sud Italia Campania e Sicilia (che ne ha comunque 7). Ai vertici si confermano Piemonte e Toscana rispettivamente con 22 e 21 vini premiati che vanno a toccare sia le grandi denominazioni (sono 4 i Barolo premiati 2 i Brunello e 3 i Chianti Classico) ma anche i territori emergenti (come Carema e Valli Ossolane in Piemonte) o diventati negli anni una splendida realtà (come Montecucco e Maremma che in Toscana contano complessivamente ben 5 premi).

 

Come ogni anno, il riconoscimento dei Top Hundred comprende anche i Top dei Top, ossia l’eccellenza per ogni categoria. Per i vini bianchi è il Sardegna Superiore Semidano 2016 "Costa J Vacca" di Muxurida di Samatzai (Ss), per i vini rossi è il Bergamasca Cabernet Franc Biologico "Vento Fermo" 2018 di Le Corne di Grumello del Monte (Bg), per i rosati il Lazio Rosato "Ramatico" 2018 di Pacchiarotti di Grotte di Castro (Vt), per gli spumanti il Brut Metodo Classico "Bàsura Obscura" di Durin di Ortovero (Sv) e per i passiti il Terre Siciliane Zibibbo Passito "Zhabib" 2018 di Hibiscus di Ustica (Pa).

 

La selezione di quest'anno viene comunicata in anteprima il 15 settembre dalla rivista e sito on line Cronache di Gusto e commentata in diretta Facebook da Paolo Massobrio e Marco Gatti con il direttore Fabrizio Carrera, mentre la cerimonia di premiazione sarà effettuata, in una versione innovativa e totalmente digitale, a Golosaria Fiera on Line domenica 1 novembre, quando saliranno metaforicamente sul palco anche le 21 Cantine Memorabili che rappresentano quelle realtà storiche, già premiate con il Top Hundred, ma che vivono un costante miglioramento della loro offerta. I nomi dei premiati saranno svelati per l'occasione.

 

Sul sito www.cronachedigusto.it e successivamente su www.ilgolosario.it la lista completa di Top Hundred e Fuori di Top 2020 (questi ultimi indicati con l’asterisco).

 

Federica Borasio

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica