NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ristoranti

ÉGALITE' PORTA A MILANO LA FESTA DEL BEAUJOLAIS NOUVEAU

 

 Il 21 novembre la boulangerie di Porta Venezia celebra il famoso vino novello francese 

con una giornata all’insegna di allegria e convivialità. Il Beaujolais Nouveau sarà proposto 

dalla prima colazione all’aperitivo, accompagnato dalle gustose specialità del Boulanger:

petit pain au lait farciti, croque madame e mini quiches.

Image

Mesdames et Messieurs le Beaujolais Nouveau est arrivé chez ÉgalitéGiovedì 21 novembre la boulangerie di via Melzo 22 festeggia il vino novello francese, portando a Milano – per il secondo anno consecutivo – una delle ricorrenze d’Oltralpe più caratteristiche.

 

L’arrivo sul mercato del Beaujolais Nouveau rappresenta ogni anno in Francia un’occasione di festa e convivialità: il terzo giovedì del mese di novembre – data in cui finisce il processo di vinificazione e viene autorizzata la vendita – ci si ritrova nelle case e per le strade a festeggiare, dall’alba a tarda notte, al grido di “Le Beaujolais Nouveau est arrivé!” (“Il Beaujolais novello è arrivato!”).  

Image
Image

Da Égalité giovedì 21 novembre dalle 7.30 di mattina alle 22.00 di sera sarà possibile vivere questa tradizione, degustando il Beaujolais Nouveau - vino nature del Domaine de Chasselay, proveniente da una tenuta che risale al 1464, da qualche anno completamente dedita alla coltivazione biologica certificata. Un vino fruttato, profumato al palato e particolarmente piacevole da bere in compagnia. 

 

Nel corso della giornata il Beaujolais Nouveau sarà proposto in accompagnamento ad alcune prelibatezze della cucina francese, appositamente studiate da Égalité per esaltarne il sapore. 

Si parte dalla prima colazione, a base di vino novello e petit pain au lait farciti con:

- prosciutto crudo d’Osvaldo stagionato 24 mesi e formaggio Comté;

- salame Sussison de Montagne e insalata.  

Image

pranzo il Beaujolais sarà servito con il Croque Madame: per la prima volta arriva da Égalité uno dei piatti francesi più amati. Un gustoso pancarrè rosolato in padella con prosciutto cotto artigianale Branchi, béchamel, formaggio groviera grattugiato e uovo all'occhio di bue. Délicieux

 

Per l’ora dell’aperitivo Égalité propone Beaujolais Nouveau e mini quiches assortite: piccoli assaggi delle celebri torte salate - un must della cucina francese – in diverse varietà, dalla tradizionale Quiche Lorraine, a base di crème fraîche, uovo e pancetta, alla quiche con Porri e a quella con caprino e pomodori.

Image
 
Image
 
Image
 
Image
 

Égalité

via Melzo 22, 20129 Milano

Martedì - Mercoledì: 7.30 - 20.00

Giovedì - Venerdì: 7.30 - 22.00

Sabato: 8.00 - 22.00

Domenica: 8.30 - 15.00

t: +39 02 83 48 23 18

www.egalitemilano.it

CON TEMPI DI RECUPERO WEEK 2019 IL MARIN DI GENOVA ABBRACCIA LA CUCINA SOSTENIBILE

 

 

 

Dal 16 al 24 novembre prossimi il ristorante gourmet Il Marin di Genova aderisce all'iniziativa Tempi di Recupero Week 2019 e promuove, con il contributo dei suoi ospiti, un approccio sostenibile e conviviale a tavola. L'executive chef Marco Visciola, ligure doc e artefice di un'originale valorizzazione del pesce nel rispetto del mare e della biodiversità, ha creato per l'occasione il menu Il merluzzo dalla testa alla coda. Un percorso culinario che esalta un pesce dal sapore inconfondibile, utilizzabile in ogni sua parte in modo sfizioso e prelibato. Il costo di questa formula è di 50 euro a persona bevande escluse, valida tutti i giorni della settimana ad eccezione di martedì 19 novembre.

Ecco le proposte:

Antipasti: Ventresca basilico e radicchio - Fritto di guance, gole e pinne 

Primo: Spaghetto, cipolle alla brace, trippe e fegato affumicato

Secondo: Filetto, topinambur, bietole e spezie genovesi

Dolce: Pil pil alla vaniglia, pelle croccante, agrumi e cicoria

 

Un progetto in sintonia con la filosofia dello chef

Tempi di Recupero Week fa parte di una manifestazione dal respiro internazionale, ideata nel 2013 da Carlo Catani, ex direttore dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, e rivolta a chef, osti e privati sensibili al tema del recupero come buona pratica alimentare. L'obiettivo vuole essere quello di educare e coinvolgere il pubblico in maniera giocosa e stimolante nell'utilizzo integro delle materie prime in cucina. La nobilitazione del quinto quarto di carni, pesci e verdure, degli avanzi del giorno prima e dei piatti della tradizione e della memoria costituisce il cardine fondativo di questo appuntamento virtuoso. Insieme ai promotori del progetto, Il Marin sceglie di mettere in circolo piccoli gesti quotidiani che creano consapevolezze e generano cambiamenti attraverso un inno globale alla bellezza del cibo eco ed etico. Sostenendo l'evento, i clienti del ristorante compiono un'azione benefica: buona parte del ricavato dalle donazioni sarà infatti devoluto a due enti no-profit impegnati nella costruzione di un mondo più sostenibile, Food for Soul e Food for Change. Genova e l'Italia sono in buona compagnia nell'adesione alla manifestazione: Spagna, Francia, Regno Unito, Portogallo, Germania, ma anche Russia, Ecuador e Stati Uniti hanno risposto con entusiasmo all'appello per impiegare il cibo in un modo più proficuo per le tasche, l'ambiente e il gusto.

 

Link alla ricetta: https://drive.google.com/file/d/1np-d-YqdFRjRwscj5dgsFFJLsyWX4C2E/view?usp=sharing

 

 

 

 

Marco Visciola

34 anni, ligure doc di Bogliasco, innamorato della propria terra e delle sue origini, “un orto sospeso sul mare”, come ama chiamare la sua Liguria. Inizia la sua carriera al Solito Posto di Bogliasco, entra nel mondo Eataly e cura l’apertura di Eataly Corea. Qui lo chef prende confidenza con ingredienti asiatici e tecniche di lavorazione come le fermentazioni che trasporta anche come cammei del gusto nella sua cucina. Poi le esperienze da Enrico Crippa a Piazza Duomo ad Alba e da Fabrizio Tesse alla Locanda d’Orta hanno completato la sua formazione che vede in primo piano il rispetto per la materia prima e il territorio ligure. Uno chef “di mare” che ha sposato la causa della pesca etica, prediligendo in carta il pesce azzurro del Mediterraneo.

 

Per informazioni e prenotazioni presso il ristorante:

Il Marin  

Edificio Millo Porto Antico Calata Cattaneo, 15 

16126- Genova (GE)

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

numero di telefono: +39 010 8698722

Chiuso il martedì

 

Camilla Rocca

 

MEDIAVALUE srl a socio unico - Via Biancardi, 2 - 20149 Milano - tel. +39 3920531233- mediavalue.it

SERATE D'AUTUNNO AL RISTORANTE MANUELINA: 14 E 22 NOVEMBRE

  


FOCACCIA COL FORMAGGIO E PATA NEGRA

Dopo il grande successo della serata di maggio
giovedì 14 novembre torna la serata dedicata
alla nostra focaccia col formaggio e al prosciutto Pata Negra
alla Storica Focacceria.

Sotto il cielo stellato della nostra nuova location il prosciutto verrà tagliato a vista al coltello dal nostro cortador, e sarete voi a scegliere come gustarlo!

Se naturale o sopra la la Focaccia col formaggio Manuelina calda!!!

Per info e prenotazioni chiamaci al 0185/74128 o via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo."

 
 
 
 
 

SERATE D'AUTUNNO AL RISTORANTE

La serata dedicata al tartufo che ormai è diventata un appuntamento fisso dell'Autunno al Ristorante Manuelina.
Il banco del trifolaio dove acquistare il tartufo a peso e un menù tutto da tartufare...

L’ANGOLO DI ACQUAVIVA DI MONTEPULCIANO ACCOGLIERÀ' IL BOCON DIVINO DI CAMPOSAMPIERO

 

 

Nel segno di Leonardo da Vinci i sapori toscani sposano quelli veneti  

Venerdì 15 novembre il ristorante l’Angolo accoglierà il Bocon Divino di Camposampiero (Padova),                  

Nelle Terre di Siena proseguono i “gemellaggi” tra cuochi

 

Nel segno di Leonardo da Vinci, si rinnova nelle terre di Siena l’appuntamento con “Girogustando” il calendario che nasce da veri e propri “gemellaggi gastronomici” e che venerdì 15 novembre propone un inedito incontro tra sapori toscani e veneti.

Ad Acquaviva di Montepulciano il ristorante L’Angolo accoglierà il Bocon Divino di Camposampiero (Padova), per un viaggio nel gusto che ben promette.

Fra gli antipasti, la Carabaccia – tipica zuppa fiorentina di cipolle – in onore del genio toscano, il quale pare si cimentò anche nella cucina, per lo più vegetariana. A 500 anni dalla sua scomparsa, Girogustando tornerà a rievocare l’impronta di Leonardo, celebrandone la vena culinaria e la genialità con cui affrontava ogni sfida.

In cucina lo chef Paolo Contemori, che insieme alla moglie Manuela conduce con passione L’Angolo accoglierà Alberto Canton, cuoco del Bocon Divino: i due sapranno deliziare il palato degli ospiti con un menu che spazia dal carpaccio marinato lievemente affumicato di manza di burlina, preparato con sedano bianco e polentina di Maranello bianco – una varietà di mais –, alle crespelle ripiene di ricotta con riduzione di rosa, fino alle coscette di anatra in agrodolce e molte altre specialità. Ad accompagnare le pietanze, vini del Chianti Classico, Prosecco Superiore di Valdobbiadene Docg e Moscato Fiori d’Arancio, serviti da sommelier Fisar.

A Leonardo da Vinci sarà dedicato uno degli interventi di approfondimento tra un piatto e l’altro del menu a 4 mani. 

 

Girogustando proseguirà poi mercoledì 20 novembre nel cuore di Siena con il ristorante Gallo Nero che accoglierà il ristorante San Giorgio di Genova. Il calendario si concluderà quindi giovedì 28 novembre a Pienza (SI) dove il ristorante Dal Falco proporrà un menù ideato con il Konnubio di Arenzano (GE).

Partners della manifestazione, sono consorzi vinicoli e organismi di tutela e valorizzazione delle produzioni tipiche che impreziosiscono l’offerta agroalimentare della Toscana. È questo un ulteriore passo avanti per l’applicazione del modello “Vetrina Toscana”, ovvero il progetto condiviso tra Regione e Unioncamere Toscana che da tempo valorizza la filiera enogastronomica regionale e i suoi soggetti attivi.

Nata 18 anni fa la manifestazione “Girogustando – I cuochi d’Italia s’incontrano”, è ideata da Confesercenti nella volontà di stimolare l’incrocio di culture e competenze, come modello per l’ulteriore crescita di un settore che è strategico per l’identità territoriale.

 

Informazioni sull’edizione 2019 di Girogustando sul sito www.girogustando.tv

 

 

Sonia Corsi

LA RISTORAZIONE LIGURE: UN PATRIMONIO DA RISCOPRIRE E TUTELARE

 

Le TavoleDOC della Liguria, riunite nell’iniziativa editoriale coordinata da Mediavalue, fanno sentire la propria voce sul tema della qualità della ristorazione nella loro regione di appartenenza.  

Placatosi il fermento autunnale che agita il mondo dei media e della critica gastronomica alle prese con l'uscita delle Guide e relativi verdetti, i ristoratori liguri ritengono opportuno stilare un bilancio e rimarcare quanto la loro offerta culinaria sia ricca e variegata, partendo dalla grande tradizione del territorio per arrivare alla moderna interpretazione della cucina contemporanea. 

 

Sempre, qualsiasi sia il modello, realizzata con grande impegno puntando senza indugi sulla qualità della proposta. Accade da anni ma ancora una volta ci preme rimarcare quanto gli sforzi profusi non vengano percepiti e premiati dagli addetti ai lavori.

Forse perché la Liguria è conosciuta solo per la sua vocazione turistica "comoda" rispetto alle grandi città del nord Italia?  Forse perché continua ad essere considerata statica nello sviluppo dell’ospitalità e della qualità della tavola? Non è più così: le TavoleDOC lo stanno a dimostrare ed invitano i professionisti del settore a prenderne atto.

 

Da Ponente a Levante, per un totale di 32 insegne e con altre pronte ad aggiungersi, il mosaico TavoleDOC 2020 invita tutti gli appassionati gourmet dal 15 marzo al 15 aprile e dal 1 al 31 ottobre, ad assaggiare i menu stagionali completi alle fasce di prezzo prefissate: 35, 50 o 70 euro. Un progetto nato solo da un anno ma già divenuto popolare tra i foodie di ogni età ed in particolare tra i più giovani,  allettati dal costo smart senza sorprese ma sempre di qualità del pranzo o della cena.

 

Mario Cucci di Mediavalue esprime il pensiero di TavoleDOC: “siamo convinti che la Liguria esprima a pieno due dei tratti identificativi della ristorazione italiana: qualità e segmentazione. La regione dà vita ad un'esplosione di piccole e grandi realtà legate sì alla cultura contadina e marinara, ma sempre più aperte a un universo di conoscenza, sperimentazione e innovazione ben più ampio. Tanta ricchezza e un tale impegno trovano un timido riscontro nelle pagine delle Guide di settore: basti pensare che delle 374 stelle totali assegnate nel 2020 solo 6 risiedono in Liguria, mentre altre realtà sono giudicate meritevoli di menzione perché propongono una piacevole esperienza gastronomica."

 

Riconoscere e promuovere le tavole di qualità in Liguria aiuterebbe anche a rimarginare più in fretta la ferita che ha segnato la città di Genova e l'intera area geografica dopo il crollo del ponte Morandi. L'alta cucina affonda le sue radici nella comunità e dialoga con il mondo esterno: anche con questo ideale si sostiene il progetto TavoleDOC, in Liguria e nelle altre regioni italiane che stanno per abbracciare questo format.

 

Mediavalue è Agenzia di comunicazione milanese specializzata nel settore food & beverage fin dalla fondazione. Casa editrice, ufficio stampa, curatrice di eventi, ma anche esperta di dinamiche digital, social e di reputation, costruisce strategie di comunicazione complete e personalizzate per ogni esigenza di budget del cliente.

 

Ufficio stampa & Comunicazione

 

Mediavalue

PIZZA DEL TERRITORIO EATALY

 

PIZZA DEL TERRITORIO EATALY: DIECI NUOVE RICETTE PER RACCONTARE LE STORIE

 DELL’ECCELLENZA ITALIANA

 

Le Pizze del Territorio Eataly create per la stagione fredda offrono

non solo un’esperienza di degustazione, ma un vero e proprio viaggio nelle storie

di prodotti e produttori che fanno grande il nostro Paese

 

C’è lo Straccone di Amatrice ma anche la Toma ligure di pecora brigasca o il Prosciutto in crosta di pane triestino che risale agli antichi romani. Senza dimenticare il Macagn e i Porri di Cervere piemontesi, il Cacioricotta barese, le Acciughe di Camogli, i Pioppini e il Cacio del Po di Piacenza, il Pecorino Bartarello fiorentino e tanti altri.

 

Debuttano il 12 novembre a Eataly Genova le nuove ricette della Pizza del Territorio, create da Eataly in collaborazione con Slow Food per la stagione fredda. Un modo per far degustare la Pizza Eataly in abbinamento ai migliori prodotti del patrimonio agroalimentare del nostro Paese, ma anche per scoprire con tutti e cinque i sensi alcune specialità ancora poco conosciute che hanno storie incredibili da raccontare.

 

La Pizza del Territorio nasce infatti dalla volontà di rendere omaggio e dare visibilità alle eccellenze delle regioni in cui Eataly ha sede. Le guarnizioni di queste dieci pizze, ciascuna presente in esclusiva nel menu del negozio Eataly di riferimento, sono state scelte da Francesco Pompilio, maestro pizzaiolo del gruppo, con il supporto dell’esperto di pizza di Slow Food Italia Antonio Puzzi. A guidarli, la ricerca della giusta combinazione di stagionalità – motivo per cui la Pizza del Territorio cambia ogni sei mesi – e la valorizzazione delle specialità locali, inclusi i Presidi Slow Food, non dimenticando gli ingredienti che più hanno soddisfatto il palato dei clienti.  

 

Prodotti d’eccellenza, storie di passione

A rendere unici i prodotti selezionati non sono solo il gusto e la particolare lavorazione, ma anche la loro storia e quella dei loro artigiani. Un esempio è lo Straccone di Amatrice della Pizza Roma. È un tipo di stracchino, ma si differenzia da quello tradizionale perché alla lavorazione segue una fase di stagionatura. E se l’origine del nome si rifà, enfatizzandola, alla parola lombarda stracch (stanco), “stanca” non lo è mai stata la famiglia Nibbi che lo produce e che ha saputo ripartire con ancora più passione dopo i gravi danni subiti dall’azienda a seguito del terremoto di Amatrice nel 2016. 

 

Dalle montagne di Amatrice a quelle liguri, condividono la stessa passione i pastori che producono la Toma di pecora brigasca, Presidio Slow Food e ingrediente della Pizza Genova. La loro è una vera e propria missione per difendere l’eredità di un prodotto storico, oggi a rischio. Se all’inizio del XX secolo in tutta l’area di diffusione della pecora brigasca - tra Liguria, Piemonte e Provenza - erano allevati 60.000 capi, oggi in Liguria si contano appena 1.800 esemplari.

 

Un’altra antica tradizione che viene raccontata grazie alle Pizze del Territorio è il Prosciutto in crosta di pane, specialità triestina le cui origini risalgono al tempo degli antichi romani. Un salume dal gusto delicato, rivestito da una sottile sfoglia di pane non lievitato, che arricchisce la Pizza Trieste. L’innovazione contraddistingue invece la Pizza Piacenza con la Pancetta Giovanna – Pancetta cotta al miele, creazione della famiglia Capitelli. Cotta in tre differenti fasi, questa pancetta ha un gusto unico che deriva dall’utilizzo del miele e dal leggero sentore di fumo.

 

Viaggio nell’Italia del gusto in dieci pizze

 

 

Riparte da Genova il 12 novembre il “Giro d’Italia in 10 pizze”: una cena che toccherà le diverse città in cui Eataly è presente proponendo in degustazione tutte le Pizze del Territorio. A raccontare le pizze è Francesco Pompilio insieme ai produttori.

 

“Il primo tour ha riscosso molto successo e sollevato la curiosità degli ospiti sulle specialità gastronomiche del nostro Paese”, commenta il maestro pizzaiolo di Eataly. “Non potevamo che ripeterlo proponendo nuove pizze con nuovi ingredienti e storie da raccontare”.

 

Dopo il debutto genovese, i prossimi appuntamenti saranno a Torino (14 novembre) e Milano (26 novembre). Da gennaio 2020 la cena-degustazione del “Giro d’Italia in 10 pizze” si replicherà a Roma, Trieste, Piacenza, Bari, Firenze, Forlì e Pinerolo.

 

Le nuove Pizze del Territorio

 

Pizza Torino e Pinerolo

Bianca con Fiordilatte, Macagn (Presidio Slow Food), Porri di Cervere (Presidio Slow Food) e Salsiccia di Bovino Piemontese (Presidio Slow Food)

 

Pizza Roma

Bianca con Fiordilatte, Broccoli (prodotto locale), Guanciale (prodotto locale) e Straccone di Amatrice (prodotto locale) 

 

Pizza Genova

Bianca con Fiordilatte, Toma di Pecora Brigasca (Presidio Slow Food), Acciughe di Camogli e Basilico Fresco

 

Pizza Bari

Bianca con Fiordilatte, Pomodorini Semisecchi, Cacioricotta (prodotto locale) e Cardoncelli

 

Pizza Piacenza

Bianca con Fiordilatte, Pancetta Cotta al Miele (prodotto locale), Pioppini e Cacio del Po (prodotto locale)

 

Pizza Forlì

Focaccia con Prosciutto Crudo di Parma, Fichi Caramellati (prodotto locale) e Formaggio di Fossa (prodotto locale)

 

Pizza Firenze

Focaccia con Lardo di Colonnata (prodotto locale), Miele di Castagno e Scaglie di Pecorino Bartarello (prodotto locale)

 

Pizza Trieste

Bianca con Fiordilatte, Cotto in Crosta di Pane, Tabor (prodotto locale) e Kren (prodotto locale)

 

Pizza Milano

Bianca con Fiordilatte, Pancetta (prodotto locale) e Pannerone (Presidio Slow Food)

 

La Pizza Eataly

Una pizza né napoletana, né romana, ma Eataly. La ricetta è stata ideata dal maestro pizzaiolo Francesco Pompilio, che ha messo a punto impasto, cottura e guarnizioni con il supporto dell’executive chef del gruppo Enrico Panero, del produttore di farine Fulvio Marino e dell'esperto pizza di Slow Food Italia Antonio Puzzi. Farine biologiche, esclusivamente italiane e macinate a pietra; impasto realizzato con metodo “indiretto” che richiede almeno 50 ore di lievitazione e assicura così digeribilità e gusto; alto livello di idratazione (70% di acqua sul peso della farina) per una pasta ricca di alveoli, soffice e morbida all’interno e croccante all’esterno; tempo di cottura di 3 minuti e mezzo a una temperatura di 330°C in forno a legna rotante “Marana”. Sono questi i segreti della Pizza Eataly. A cui si aggiungono gli ingredienti di base e le guarnizioni: eccellenze locali italiane, inclusi i Presidi Slow Food, tutti forniti da produttori con cui Eataly ha un consolidato rapporto di collaborazione e fiducia.

 

Elena Ubertazzi

A IL BONTA’ PREMIATI GLI AMBASCIATORI DELLA CUCINA ITALIANA

 

 

 

Lunedì 11 novembre a Cremona i locali selezionati per tutto il 2019 dal Tour del Gusto hanno ricevuto il premio “Ambasciatori della Cucina italiana”

 

Occhi puntati sulla ristorazione italiana in patria e in Europa a Il BonTà. Lunedì 11 novembre nel padiglione 2 di CremonaFiere sono stati assegnati i titoli di “Ambasciatori della Cucina Italiana” ai locali selezionati dal Tour del Gusto durante tutto il 2019. L’iniziativa si è articolata con una serie di gemellaggi tra chef attivi in Italia e all’estero, portabandiera dei sapori tricolori all’estero con la cucina cremonese in prima fila. I ristoratori del territorio cremonese che hanno ritirato il titolo di Ambasciatori della Cucina Italiana sono Villa Borghesi (ex Villa Belussi) di Cignone, La Resca di Vescovato, Al Balurdù di Crema, l’Osteria Aporti-25 di Cremona, La Bissola di Cremona, Trattoria Scolari di San Vito di Casalbuttano, La Rosa Gialla di Ripalta Cremasca, e Bistek di Trescore Cremasco.

Nella lista dei ristoranti top italiani figurano anche, Alla Corte dei Bicchi di Cavriana, La Filanda di Asola, La Locanda di Calvignano, Ristorante Bazzini di Canneto Pavese, La Trattoria Cattivelli di Monticelli d’Ongina, Antica Trattoria La Corte di Cortemaggiore, Da Alfonso a Peschiera del Garda, Trattoria Cantina Battisti di Vago di Lavagno, La Corte di Palazzolo a Palazzolo sull’Oglio. L’elenco si arricchisce con i ristoranti italiani esteri con Casa Antica di Bϋhl (Germania), La Bella Italia di Nizza (Francia), Ristorante Da Antonello di Emmendingen (Germania) Da Zeffirino Barcellona (Spagna), La Perla di Graz (Austria), Zeffirino di Las Vegas (Usa). Ristorante Zeffirino di Genova (Italia). Qui la famiglia Zeffirino ha sviluppato la sua espansione con i prodotti italiani in mezzo mondo e il famoso pesto genovese di Zeffirino.

L’Evento ha voluto mettere in luce il talento Italiano in cucina e a tavola e che non teme rivali per qualità dei prodotti, composizione dei piatti e per la capacità di richiamare e intrecciare le tradizioni locali dei cuochi Italiani anche all’estero. Questo è solo uno degli appuntamenti che sta animando Il BonTà, il  Salone delle Eccellenze Enogastronomiche dei Territori che continuerà fino a martedì 12 novembre nei padiglioni di CremonaFiere. Arrivato alla 16° edizione conta 2.000 prodotti artigianali dei territori e l’anno scorso è stato capace di attrarre più di 30 mila visitatori. Il Salone dedicato ai sapori autentici e al cibo di alta qualità è un evento unico in cui l’eccellenza enogastronomica dei prodotti tipici dei territori, unita all’educazione alimentare e alle nuove esigenze del mercato, incontra l’interesse dei consumatori e degli operatori del settore.

Martedì 12 Novembre, nell’ultimo giorno della manifestazione, è in programma anche un evento dedicato a dei ragazzi disabili. Si chiama “Impariamo a fare il caffè e il latte artistico” e si terrà martedì 12 novembre dalle 10.30 alle 12.30 negli spazi di CremonaFiere. A condurre il workshop sarà Silvana Maccarini, giovane Bar-Lady. L’evento che si terrà martedì a Il BonTà di Cremona sarà una sorta di workshop di preparazione di latte-art a cui prenderanno parte gli allievi dell’Ente Professionale “InChiostro” di Soncino (Cr) del Corso Sala e Bar personalizzato disabili. “So Stare con Me”: questo è il tema a cui daranno vita attivamente in questa lezione operativa. Un modo per dimostrare come le differenze e le disabilità possono essere superate con amore, passione e professionalità, sin dalla giovane età.

Nonostante la giovane età la lezione sarà tenuta da Silvana Marcarini, 17 anni a marzo 2020, nativa di Brescia, ma naturalizzata a Cremona, figlia di Sebastiano Marcarini noto Barista-Farmer di Cremona, balzata alla cronaca per il suo talento innato nella preparazione e gestione della macchina del caffè. Una vera Arte del Caffè e del Cappuccino, non solo nella presentazione, ma anche e soprattutto nella realizzazione. Silvana si è diplomata a pieni voti Barlady Cafè Academy del 2019.  Insomma, una ragazza dall’aspetto timido e riservato, che ha però in sè un talento grintoso e determinato da stupire i migliori istruttori e professionisti di questo settore e per questo gli allievi della scuola Professionale “InChiostro” di Soncino (Cr) la amano e la seguono nei suoi esercizi davanti alla macchina del caffè.

Il salone comprende poi anche uno spazio dedicato ai professionisti della ristorazione: il BonTà Professional, che permette di toccare con mano il meglio delle attrezzature professionali. Terzo filone della manifestazione è quello dedicato alla birra: Special Beer Expo. Qui le specialità birraie dei territori incontrano professionisti e appassionati del mondo della birra, creando il contesto ideale per scoprire abbinamenti originali, tendenze innovative e per confrontarsi sulle ultime novità in tema di somministrazione e consumazione delle birre speciali.

 

 

Alessia Testori

I SEGRETI DELLA CUCINA PANASIATICA

wagamama presenta i laboratori “I segreti della cucina panasiatica”,

un’esperienza multisensoriale e culturale per bambini.

 

Un progetto didattico per le famiglie e le scuole ad ingresso gratuito: 

fino al primo dicembre nei ristoranti wagamama di Milano e Bergamo

 

Ingredienti, modalità di cottura, origine delle ricette e poi sperimentazione attiva, per scoprire in modo divertente sapori e usi della cultura panasiatica. Un viaggio tra i principi gastronomici e alimentari per assaporare il profumo di una tradizione oltreoceano ed essere partecipi di un’integrazione multietnica.

 

 

 

Partono da qui i laboratori firmati wagamama “I segreti della cucina panasiatica”: gli appuntamenti a ingresso gratuito riservati alle famiglie con bambini da 5 a 10 anni e alle scuole. Lo staff dei ristoranti wagamama di Milano, via San Pietro all’Orto, e Bergamo, centro Oriocenter sono così pronti ad accogliere i piccoli ospiti e gli studenti fino al primo dicembre.

 

wagamama, il brand ispirato alla tradizione del Giappone, con la sua filosofia che profuma di benessere, incisa nell’iconico motto “diffondere positività dalla scodella all’anima”, dal 1992 porta in tavola una proposta culinaria ampia e variegata accomunata dalla cura nella selezione di elementi sempre freschi e di alta qualità, per una proposta sana, gustosa e bilanciata. Un’attenzione che si estende ai bambini, a partire dai mini-menù dedicati, per intensificarsi oggi con una proposta esperienziale che profuma di edutainment.

 

I laboratori, guidati dall’head chef wagamama, prevedono una prima fase dedicata alla formazione in cui vengono esposti i principali ingredienti utilizzati nei piatti del menu, l’utilizzo e l’origine, per poi proseguire con la parte dedicata alla sperimentazione. Qui i bambini diventano protagonisti e, sotto la supervisione del personale wagamama, si dedicheranno alla creazione di alcune ricette della tradizione panasiatica. Un’esperienza tutta da gustare insieme ai compagni d’avventura. 

 

Al termine dell’incontro, per ogni piccolo partecipante, un simpatico omaggio per vivere anche a casa un’esperienza da mini chef wagamama e far crescere la passione per la cultura asiatica.

 

Info e prenotazioni (fino a esaurimento posti):

Famiglie e scuole: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Incontri famiglie:

Sede Milano: sabato dalle 10.00 alle 12.00 (16, 23 e 30 novembre 2019)

Sede Bergamo: domenica dalle 10.00 alle 12.00 (17, 24 novembre, 1° dicembre 2019)

 

 

 

 

A proposito di wagamama: propone cucina di ispirazione giapponese in grado di unire cibo fresco e nutriente ad un servizio amichevole dal buon rapporto qualità-prezzo. Dall’apertura del primo ristorante a Londra nel quartiere di Bloomsbury nel 1992, wagamama ha proposto una nuova esperienza gastronomica nel Regno Unito ed è attualmente presente in 25 paesi.

wagamama ha aperto il primo ristorante in Italia nel 2017, all’interno della nuova area all’ Oriocenter di Bergamo, poi nell’area del Terminal 1 di Malpensa e nel 2018 nel cuore di Milano.

wagamama è stato insignito con numerosi premi, tra cui il “New Premium Foreign Retailer” da Confimprese Italia, nel 2018, il premio 2017 CGA Peach Hero & Icon Awards – un prestigioso riconoscimento inglese - assegnato come “Most Admired Company” e come “Best Company”. Sempre nel 2017, il “Multiple Casual Dining Brand of the Year Award”. Nel 2015, il CGA Peach Honours Award come “Best Evolutionary Brand”; il Consumer Choice Award nel 2014 (votato da oltre 20.000 consumatori inglesi) come brand numero uno del Regno Unito, sulla base del sondaggio condotto dalla CGA Peach per misurare la percezione del brand utilizzando i parametri “soddisfazione del cliente”, “l’intenzione di tornarci” e di “raccomandarlo ad un amico”. wagamama è arrivato secondo nella categoria “Best Brand” al Marketing Society Awards nel 2015, oltre ad aver ottenuto l’ambito ‘London's Favourite Chain Restaurant’ award nel 2013 della London Zagat Guide. wagamama è stato anche insignito con il ‘Best Places for Kid’s Meals’ dalla Soil Association nella campagna “Out to Lunch” del 2013.

Per ulteriori informazioni: www.wagamama.it

 

Antonella Laudadio

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica