NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi culturali

BISTROT DE VENISE: FRANCESCO BOER

Appuntamento con la POESIA
martedì 26 febbraio 2019 ore 17.00 - INGRESSO LIBERO

 

”Il labirinto interiore”
di FRANCESCO BOER

 

Il tedio di una vita sempre uguale, la sensazione di non raggiungere nessun obbiettivo e l’angoscia di non avere uno scopo portano alla più grave delle epidemie del nostro tempo: la perdita dell’anima. Il labirinto interiore è il pellegrinaggio disperato di un uomo alla ricerca della sua anima perduta. Un viaggio in cui la realtà si mescola al sogno, all’inseguimento di un miraggio in grado di donare la salvezza e sanare la frattura che spezza in due il cuore.

Francesco Boer è ragioniere ed alchimista, scrittore, falso profeta, poeta e ciarlatano. Vive a ridosso del confine fra realtà e fantasia, e per guadagnarsi da vivere fa il contrabbandiere: di notte esporta di nascosto le regole della ragione nel regno dell’immaginazione, mentre di giorno riporta indietro alla civiltà degli uomini i colori dei sogni.

Conversano con l’autore Lucia Guidorizzi e Anna Lombardo

 
Scopri il programma completo degli incontri

COLORNO: NEL SEGNO DEL GIGLIO

 

C’è aria nuova a Colorno alla mostra mercato del giardinaggio di qualità giunta alla 26^ edizione. Immutata la magnifica location della manifestazione: il Parco storico della sontuosa Reggia di Maria Luisa d’Austria, già dei Farnese. Nuova, invece, la data: 12,13,14 aprile

 

Quest’anno, più che mai, si vuole puntare sulla qualità, per garantire al visitatore che, come da tradizione, viene a Colorno anche da lontano, il piacere di scoprire piante e idee nuove, di interloquire con esperti di livello, di trascorrere una giornata realmente speciale in un contesto storico-ambientale davvero unico quale è quello della Reggia con il suo grandioso Parco.

 

Fra le nuove iniziative, “Nel Segno del Giglio” 2019, proporrà una serie di “Balconi d’Autore”, per situazioni di pieno sole, mezz’ombra, ombra ma anche per chi voglia trasformare il balcone in un utile orto. Proposte da trasferire a casa propria a prezzi predeterminati, idee di pronto uso, perfette per chi non ha particolari conoscenze di giardinaggio o per chi, già esperto, cerca suggestioni e idee fresche.

 

“Nel Segno del Giglio” si allarga inoltre al settore delle attrezzature da giardino, agli arredi e alle luci, proponendo espositori tra i più qualificati e originali del settore. 

 

Inoltre, i visitatori troveranno interessanti laboratori creativi per adulti e bambini, gazebo con proiezioni continue per ammirare i più bei giardini d’Italia e d’Europa, degustazioni a tema e un ricco programma di eventi tutti da scoprire. La piccola ristorazione sarà a cura del noto chef stellato Massimo Spigaroli, per un piacevole assaggio dell’ottima cucina di Parma, capitale mondiale della gastronomia Unesco.

 

Info 0521 313300; www.nelsegnodelgiglio.it

 

Ufficio Stampa: 

 

Studio ESSECI - Sergio Campagnolo tel. 049.663499 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Roberta Barbaro)

I PREMIATI 2019 SAN VALENTINO … INNAMORATI A CAMOGLI 

 

Venerdì 8 febbraio 2019

 

È un’iniziativa promossa da Associazione Commercianti ed Operatori Turistici di Camogli e Comune di Camogli con il patrocinio Regione Liguria e Camera di Commercio di Genova in collaborazione con Pro Loco di Camogli. Iniziativa d’immagine e di promozione turistica, nel corso del tempo è riuscita a coinvolgere i vari comparti economici, commerciali e turistici della città, dando vita a molteplici iniziative d’intrattenimento. Si inizia venerdì 8 febbraio 2019, con la Serata di inaugurazione di San Valentino … innamorati a Camogli presso l’Hotel Cenobio dei Dogi. Appuntamento molto atteso, riunisce per l’occasione personalità, istituzioni e media che con le loro attività sono particolarmente legati alla Città e alle sue tradizioni. Durante la serata, momento molto atteso, è la consegna degli annuali riconoscimenti da parte dell’Associazione Commercianti e Comune di Camogli a personaggi che hanno dimostrato particolare affetto e attenzione a Camogli.

 

I PREMIATI SAN VALENTINO ...INNAMORATI A CAMOGLI 2019

La Coppia di San Valentino, innamorati ... di Camogli. La gioielleria Porto Sette, nel cuore del porticciolo di Camogli, realizza ogni anno un gioiello esclusivo: è in oro giallo, raffigura una mela con al centro un cuore ottenuto a traforo con inserito sul lato destro un piccolo diamante, due ciondoli perfettamente uguali, con un cordino nero di cotone e la chiusura in oro. E il suo autore, Gaudenzio Ferrari, così lo descrive “la MELA, perchè racchiude l'idea del desiderio e ... diciamolo, soprattutto della trasgressione. Al centro il Cuore dove i nostri migliori sentimenti possono albergare e far scaturire tra istinto e sentimento la musica della vita”.

 

La Coppia di San Valentino innamorati a Camogli 2019

Gherardo Colombo, magistrato italiano, ritiratosi dal servizio nel 2007, è noto per aver condotto o contribuito a inchieste quali la scoperta della Loggia P2, l’omicidio Giorgio Ambrosoli e soprattutto Mani Pulite. Da allora si impegna nell’educazione alla legalità nelle scuole, attraverso incontri con studenti di tutta Italia. Presidente di Garzanti Libri, nel 2012 è stato eletto nel consiglio di amministrazione della Rai. E' autore di numerosi libri sulla giustizia, la Costituzione, le Regole.

 

Alessandra Dal Moro, magistrato dal 1991, è attualmente componente del Consiglio Superiore della Magistratura, eletta a luglio 2018. Già giudice del Tribunale di Milano (dal 2005 al 2018) con funzioni di giudice civile: per 10 anni assegnata alla sezione impresa settore diritto delle società e poi al settore del diritto industriale. Per un anno applicata anche alla sezione competente per i ricorsi in materia di protezione internazionale. In precedenza (2000-2005) giudice del tribunale di di Lodi. E prima (1992- 2000) sostituito Procuratore presso il tribunale per i minorenni.

 

Innamorat(o)a di Camogli

A chi “viene da fuori” ma ha contribuito a diffonderne l’immagine nel mondo vivendo “Camogli” con e come i camoglini tanto da sentirsi ormai uno di loro. Particolare la creazione del premio “Innamorato di Camogli”, realizzata dalla Gioielleria Porto Sette, un profilo in oro dei simboli (dalla Punta al molo Giorgio) di Camogli posato su un sasso della sua spiaggia; “Come a seguire il profilo di una persona amata, una linea d'oro accarezza la sagoma del monte, di Punta Chiappa, della passeggiata mare sulla quale si affacciano, curiose, le colorate "case a mucchi". 

 

Innamorato di Camogli 2019 Mario Calabresi. Scrittore e giornalista, già direttore del quotidiano la Repubblica di cui è stato anche caporedattore centrale e per lo stesso quotidiano, nel 2007 – 2008, ha seguito come corrispondente da New York tutta la campagna presidenziale americana e l’elezione di Barack Obama, è stato inoltre direttore del quotidiano La Stampa (dal 2009 al 2015) e nel 2011 ha condotto su Rai 3 il programma Hotel Patria. Protagonista del Festival della Comunicazione, vi ha partecipato in tutte e cinque le sue edizioni. È autore di numerosi libri, tra cui: Spingendo la notte più in là (2007). La fortuna non esiste (2009), Cosa tiene accese le stelle (2011), A occhi aperti (2013), Non temete per noi la nostra vita sarà meravigliosa (2014). Traveler, Nationale Geografic, sotto il titolo “Una focaccia è per sempre” scrive …ogni amante della Liguria ha il suo forno del cuore, io ne ho due, uno è a Camogli … e ancora … prendete il traghetto e spingetevi fino a Punta Chiappa: li, appollaiati sulla roccia, vi sentirete a posto con il mondo,” solo un innamorato di Camogli può parlarne e scriverne così, delle sue bellezze, del suo mare, del suo porticciolo, delle sue focacce…

 

La Targa Peppino Trebiani. Riconoscimento voluto dal consiglio Ascot in ricordo di uno dei suoi fondatori e presidente per tanti anni. Viene assegnato una volta all’anno ad un camogliese che ha creato per Camogli situazioni positive per migliorare la vita commerciale e sociale della città. 

La Targa Peppino Trebiani 2019 Guido Risicato Architetto libero professionista da più di venti anni, titolare dello studio P46 architettura+sito in via al porto a Camogli. Nella sua attività ha curato diverse ricerche e progetti sulla tematica dei risseu (pavimenti tipici liguri in mosaico di ciottoli, vero patrimonio artistico della Liguria) e delle facciate dipinte. Su questi argomenti pubblica diversi articoli su riviste specializzate e partecipa a convegni nazionali e internazionali. Nel 2013 apre la P46 gallery, galleria fotografica e di arte contemporanea che alterna esposizioni di artisti emergenti a maestri affermati portando a Camogli i lavori di Gianni Berengo Gardin, Paolo Rosselli e Max Card. Quando si parla di cultura Guido a Camogli c’è sempre.

 

La Pietra dell’Amicizia. Riconoscimento creato nel 1987, viene assegnato a personaggi del mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo, dell’economia, del giornalismo, ad aziende o enti che hanno operato per promuovere l’immagine di Camogli. Il Premio è uno spaccato d’ardesia su base d’ulivo arricchita da una creazione artistica in oro che raffigura onde e vele della “città dai mille bianchi velieri”. Legno, ardesia e mare, i simboli della Liguria. 

 

La Pietra dell’Amicizia 2019 Eccezionalmente, nel 2019 ASCOT conferisce la Pietra dell’Amicizia a due persone, Rossella da Genova e Consuelo da Milano. A Camogli vivono la loro vita professionale e personale così naturalmente da essere … di Camogli. Son giornaliste, intervistano, osservano, interpretano, curiosano, archiviano, fotografano, domandano, a volte con “nonchalance” per non dare troppo nell’occhio, ma se serve … interrogano anche. Sanno tutto di Camogli e delle sue faccende ma quando scrivono sono estremamente obiettive, son giornaliste, è il loro mestiere! … ma sono grandi amiche di Camogli.

 

Rossella Galeotti, da oltre 25 anni firma articoli del più importante quotidiano ligure Il Secolo XIX, approda a Camogli un decennio fa e, pur scrivendo anche di ogni altra parte e argomenti, qui si stabilisce e ne fa la sua dimora. Quando era alla redazione centrale genovese nel reparto Interni-Estero sua l’intervista a Margherita Hack. Il 30 ottobre u.s., dopo la terribile mareggiata, è stata l’unica cronista italiana ad arrivare in Piazzetta, scendendo a Portofino dopo due ore di difficile camminata attraverso gli impervi sentieri del Monte. Chiamata ultimamente dalla redazione del levante a seguire “la nera”, importante esperienza terminata in questi giorni, ora è ritornata “camoglina”, a casa sua.

 

Consuelo Pallavicini, è di Milano ma la sua vita è a Camogli, da sempre. Importanti i suoi ruoli, rappresentante della Fondazione Giancarlo Pallavicini Onlus Umanitaria e Culturale nonché uno dei tre soci fondatori, Consigliere della Fondazione Treccani Cultura e del Consiglio di amministrazione della Fondazione per i Beni e le Attività Culturali e Artistiche della Chiesa costituita da Papa Francesco nel 2014 come Ente di diritto Vaticano per la valorizzazione dei beni culturali, è vice direttore di “Levante news”, una delle prime testate giornalistiche on line che, precursori dei tempi, oggi è in grado di raggiungere decine di migliaia di visualizzazioni al giorno. Consuelo né è una colonna. 

 

San valentino … innamorati a Camogli

Ufficio stampa e organizzazione

Daniela BerniniDimensione Riviera Promozioni

Recco (GE) via XXV Aprile 14

 

Tel.: 0185730748 - 3357274514

INGE MORATH

 

 

Mostra a cura di Brigitte Blüml – Kaindl, Kurt Kaindl, e Marco Minuz

Vernice per la Stampa:27 febbraio ore 11

 

Casa dei Carraresi di Treviso accoglie, dopo il successo della mostra su Elliott Erwitt ed i suoi cani, la prima grande retrospettiva italiana di Inge Morath, la prima donna ad essere inserita nel cenacolo, all'epoca tutto maschile, della celebre agenzia fotografica Magnum Photos. 

 

Impropriamente nota alle cronache più per aver sostituito la mitica Marilyn Monroe nel cuore dello scrittore Arthur Miller, divenendone moglie e compagna di vita, è stata in realtà soprattutto una straordinaria fotografa ed una fine intellettuale. Il suo rapporto con la fotografia è stato un crescendo graduale: dopo aver lavorato come traduttrice e scrittrice in Austria, inizia a scattare nel 1952, e dall'anno successivo, grazie ad Ernst Haas inizia a lavorare per Magnum Photos a Parigi. 

 

Limitarsi a considerarla una fotografa di questa celebre agenzia è riduttivo. Le celebri fotografie realizzate durante i suoi viaggi, o gli intensi ritratti in grado di catturare le intimità più profonde dei suoi soggetti, si accompagnano ad una brillante attività intellettuale che si alimentava di amicizie con celebri scrittori, artisti, grafici e musicisti. 

 

Che si trattasse di raccontare paesaggi e Paesi, persone o situazioni, le sue foto erano sempre caratterizzate da una visione personale e da specifica sensibilità, in grado di arricchire la percezione del mondo che la circondava. Come Inge Morath era solita dire: “Ti fidi dei tuoi occhi e non puoi fare a meno di mettere a nudo la tua anima”.

 

Ogni reportage di viaggio ed ogni incontro veniva da lei preparato con cura maniacale. La sua conoscenza di diverse lingue straniere le permetteva di analizzare in profondità ogni situazione e di entrare in contatto diretto e profondo con la gente. 

 

Per questa ampia retrospettiva a Casa dei Carraresi – una selezione di oltre 150 fotografie e decine di documenti riferiti al lavoro di Inge Morath – i curatori hanno dato vita ad un percorso che analizzerà tutte le principali fasi del lavoro della Morath, ma al contempo cercherà di far emergere l’umanità che incarna tutta la sua produzione. Una sensibilità segnata dell’esperienza tragica della seconda guerra mondiale, che con gli anni si rafforzerà e diventerà documentazione della resistenza dello spirito umano alle estreme difficoltà e consapevolezza del valore della vita.

 

La mostra ripercorre tutti i principali reportage realizzati dalla fotografa austriaca: da quello dedicato alla città di Venezia a quello sul fiume Danubio; dalla Spagna alla Russia, dall’Iran alla Cina, alla Romania, agli Stati Uniti d’America passando per la nativa Austria.

 

Contemporaneamente il percorso espositivo darà spazio ai suoi celebri ritratti di scrittori, pittori, poeti, tra cui lo stesso Arthur Miller, oltre ad Alberto Giacometti, Pablo Picasso e Alexander Calder: quest’ultimo suo vicino di casa a Roxbury, nel Connecticut, dove Inge Morath visse con il marito Premio Pulitzer per tutta la vita. 

 

Ci sarà poi spazio anche per il mondo del cinema. Nel 1960 Inge Morath viene infatti inviata dall’agenzia Magnum nel set della pellicola hollywoodiana “The Misfits”, un’enorme produzione cinematografica con alla regia John Houston, alla sceneggiatura Arthur Miller, ed attori del calibro di Clark Gable e Marilyn Monroe. All’epoca Miller e la Monroe erano sposati, ma la loro relazione era già in difficoltà. Proprio sul set del film, la Morath ebbe modo di conoscere lo scrittore, che sarebbe diventato poi suo marito.

 

Come dichiara Marco Minuz: “E’ un progetto espositivo che vuole descrivere, nel dettaglio e per la prima volta in Italia, la straordinaria vita di questa fotografa; una donna dalle scelte coraggiose, emancipata, che ha saputo nella fotografia inserirci la sua sensibilità verso l’essere umano”.

 

Questa prima retrospettiva italiana è prodotta da Suazes con Fotohof di Salisburgo, con la collaborazione di Fondazione Cassamarca, Inge Morath Foundation e Magnum Photos. 

 

Ufficio Stampa 

Studio ESSECI di Sergio Campagnolo

Tel. 049663499

 

Referente Roberta Barbaro Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

BISTROT DE VENISE

Appuntamento con la POESIA
martedì 5 febbraio 2019 ore 17.00 - INGRESSO LIBERO

 

“Raccogliendo silenzi di conchiglia”
di ALDO VIANELLO (Supernova)

 
 

Nel libro, scritto durante un momento assai critico della sua vita, dovuto a problemi di salute e alla imposta rinuncia di gustare quel nettare rosso che si mescolava col sangue e ravvivava il suo cuore, il poeta non smette di cantare sinceramente aprendosi al devoto lettore.
 

Presentazione a cura di Giovanni Distefano e Mariuccia Regina

 
Scopri il programma completo degli incontri
2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica