NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi Vino

Roma Champagne Experience, appuntamento al 2021

  Club Excellence annuncia lo slittamento del più grande evento italiano dedicato allo champagne al prossimo anno. La manifestazione si terrà dunque per la prima volta nella Capitale, a Fiera Roma, il 16 e 17 maggio 2021

 

Roma Champagne Experience andrà in scena nel 2021. Club Excellence, la società che riunisce diciotto tra i maggiori importatori e distributori italiani di vini e distillati d’eccellenza che organizza l’evento, ha infatti deciso di posticipare al prossimo anno, nelle date di domenica 16 e lunedì 17 maggio 2021, l’attesissima kermesse dedicata allo champagne che quest’anno avrebbe dovuto tenersi per la prima volta a Roma, dopo il grande successo delle precedenti edizioni a Modena. 

Abbiamo osservato con attenzione gli sviluppi della situazione per prendere la nostra decisione” - spiega Lorenzo Righi, organizzatore della manifestazione e direttore di Club Excellence – “con la speranza che Champagne Experience potesse svolgersi regolarmente nel 2020, in una veste analoga a quella che l’ha portata in questi anni a riscuotere un grande apprezzamento e a registrare un’ampia partecipazione di pubblico, operatori e produttori. Siamo infatti convinti che un appuntamento di questa portata abbia bisogno di una cornice che ne consenta uno svolgimento sereno, in sicurezza e allo stesso tempo al massimo delle sue possibilità”.

Vista la difficoltà di prevedere l’evoluzione dello scenario e di garantire quindi, ad oggi, un’edizione che rispecchi pienamente le sue fondamentali premesse, unita alla necessità, inderogabile, di mettere al primo posto la sicurezza sia del numeroso pubblico che dei tanti espositori, Club Excellence ha dunque preferito posticipare Roma Champagne Experience – di cui era stato precedentemente comunicato lo slittamento ad ottobre - al 2021.

Tra i motivi che in questi anni hanno permesso alla manifestazione di crescere fino a ottenere oltre 4500 visitatori – continua Righi – vi è l’opportunità di poter interloquire con i produttori di champagne presenti in prima persona, la possibilità di poter degustare un’ampissima selezione di etichette in un’atmosfera distesa e di poter condividere gli assaggi con amici, colleghi e conoscenti. Perché il vino, e lo champagne in particolare, proprio nella convivialità trova uno dei suoi complementi essenziali”.

Appuntamento, quindi, a domenica 16 e lunedì 17 maggio 2021 sempre a Fiera Roma, dalle 10 alle 18.30. A tutti coloro che avevano già acquistato il biglietto sarà garantito un rimborso attraverso un voucher: tutte le informazioni con tempistiche e modalità per richiederlo sono disponibili su www.champagneexperience.it.

 

Alice Camellini

Wine & Spirts Virtual Fair

 
Image

Come ripartirà il vino italiano? 

Il punto di vista di Andrea Farinetti, Eurostampa e il prof. Andrea Rea

Image

Da domani, al via a Wine & Spirts Virtual Fair, la prima fiera completamente digitale sul mondo del vino e degli spiriti. Si parlerà di packaging e non solo.. 

Andrea Farinetti insieme a Eurostampa e il prof. Andrea Rea SDA Bocconi Wine Management Lab si confronteranno sul futuro del mondo del vino italiano. 

"Siamo di fronte ad una nuova sfida, ma dobbiamo avere fiducia  perchè insieme siamo certi, che riusciremo a passare questo momento per RINASCERE" A.Farinetti

Martedì 9 giugno ore 13.30 

Iscrizione gratuita 

#RINASCIMENTOVERDE #FONTANAFREDDAWINES 

Fontanafredda s.r.l. - Via Alba 15 - 12050 Serralunga d'Alba (CN) - P.IVA 01197120528 -

+39 0173/626111 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.fontanafredda.it 

 

Radici del Sud 2020

 

Già oltre 100 i produttori che hanno aderito all’evento dedicato a vini e oli del Sud Italia, a Sannicandro di Bari dal 10 al 15 giugno 2020. Novità di questa edizione sono due giorni con eventi e degustazioni esclusive

 

Si prospetta un’edizione da record quella di Radici del Sud 2020. Il quindicesimo Salone dei vini e degli oli del Meridione, in programma a Sannicandro di Bari (BA) dal 10 al 15 giugno 2020, ha già raggiunto e superato le cento adesioni (qui l'elenco suddiviso per regioni), con un anticipo di oltre un mese rispetto alle precedenti edizioni. Tra le novità di quest’anno anche un maggior coinvolgimento del pubblico, a cui saranno dedicati eventi e degustazioni guidate a numero chiuso nelle giornate di sabato 13 e domenica 14 giugno.

“Radici del Sud 2020 è una scommessa che stiamo vincendo – spiega Nicola Campanile, organizzatore della manifestazione. – I produttori stanno rispondendo con grande entusiasmo sia alle novità proposte per questa edizione, sia alle nuove collaborazioni che abbiamo instaurato e siamo convinti che anche il pubblico sarà ancora più incuriosito e soddisfatto dall’offerta di masterclass e appuntamenti in programma, tutti dedicati alla scoperta dei territori e dei vini delle regioni meridionali protagoniste del Salone”.

Tra le novità della quindicesima edizione di Radici del Sud sono previsti un format più snello per la giornata del lunedì, per rendere più semplice il contatto tra pubblico e produttori, la presenza di aziende provenienti da AbruzzoSardegna e Molise (oltre a PugliaBasilicataCampaniaCalabria e Sicilia), un ampliamento del padiglione dedicato ai vini artigianali e quattro giurie completamente rinnovate composte da giornalisti e influencer nazionali e internazionali.

Per la stampa estera sono già stati confermati i nomi di Liza Zimmermann (Forbes), Deborah Grossman (Wine Enthusiast, Decanter) e Zachary Susan (punch-drunk.com) dagli Stati Uniti, Renè Langdahl Jørgensen (renelangdahl.com) dalla Danimarca, Madeleine Stenwreth MW (thedrinksbusiness.com) dalla Svezia, Elizabeth Gabay MW (elizabethgabay.com) dal Regno Unito, Jung Yong Cho (freelence e autore) dalla Corea, Mar Galvan Romero (La Gaceta del Vino) dalla Spagna, Marlene Del Olmo (Wine Mots) e Omar Hernandez Barbosa (Wine Mots) dal Messico e Piotr Widowiak (Wine O'Clock) dalla Polonia. Accanto a loro ci saranno gli italiani Luigi Salvo (giornalevinocibo.com), Franco Santini (Acquabuona), Antonio Paolini (Gambero Rosso), Enrico Malgi (LucianoPignatarowineblog), Jenny Viant Gomez (Presidente Donne del Vino Abruzzo), Maurizio Gily (MilleVigne), Maurizio Valeriani (Vino da bere), Antonio Tomacelli (Intravino), Jacopo Cossater (Intravino), Antonella Amodio (DoctorWine, LucianoPignatarowineblog), Leonardo Romanelli (leonardoromanelli.it), Giacomo Alberto Manzo (Egnews, Sicilianotizie) Francesco Muci (Slow Wine), Andrea Terraneo (Presidente Vinarius), Francesco Bonfio (Presidente AEPI) e Roberto Ripa (Unione Sarda).

Tra i buyer presenti ci saranno invece Jessica Luongo (AmoVino Wine + Spirits) e Stephanie Guth (The Living Vine) dal Canada, King Chang Mo (PNK Trading) e Hong Dongmyung (VinoVino) dalla Corea del Sud, Christian Boettger (Sintonia Lab) e Ole Udsen (Estrup & Udsen Vin ApS) dalla Danimarca, Olga Sokolova (Fortwine) e Yana Savelyeva (Wine State) dalla Russia, Pawel Swierczek (www.rafa-wino.pl) e Dariusz Kopiczko (G-wine) dalla Polonia, Gavin Davis (Cellar Door) dal Myanmar, Aleksandar Thiel (castelcosimo.de) dalla Germania e Rob Seddon (jacksonandseddon.com) dal Regno Unito.

La manifestazione si terrà in collaborazione con Assoenologi, Slow-wine, Vinarius, AEPI, AIS Puglia, Vinodabere, Intravino e LucianoPignatarowineblog.

L’elenco aggiornato dei produttori e il programma di Radici del Sud 2020 sono disponibili e in aggiornamento sul sito www.radicidelsud.it

Modulo di adesione per aziende di vino 

Modulo di adesione per aziende di olio 

 

RADICI DEL SUD 2020 - Salone dei vini e degli oli del Sud

Dove: Castello Normanno Svevo di Sannicandro di Bari (BA)

Apertura al pubblico: 15 giugno 2020

Orario: dalle 16.00 alle 22.00

Ingresso: kit di degustazione €15 (comprensivo di bicchiere, sacca portabicchiere e quaderno di degustazione)

Parcheggio: disponibile

 

I minorenni non pagano l’ingresso e non possono effettuare degustazioni.

Natural Born Wines

 

 

“Natural Born Wines”: appuntamento con i vini dalla forte personalità

Da domenica 19 a martedì 21 aprile 2020 apre a un passo da Verona il salone dei vignaioli naturali: un appuntamento imperdibile per chi vuole gustare vini nati in piccole cantine, prodotti da viticoltori che praticano un’agricoltura rispettosa dell’ambiente

 

Come si addice a tutti i grandi eventi internazionali, anche attorno a Vinitaly crescono gli eventi fuori-salone e nel 2020 si arricchiscono di un nuovo appuntamento con i vignaioli naturali. Da domenica 19 a martedì 21 aprile 2020 nel contesto settecentesco della maestosa Villa Boschi a Isola della Scala, nella campagna veronese, tra risaie, fossati e antiche corti rurali, apre la prima edizione di “Natural Born Wines – fiera dei vignaioli naturali”.

L’evento è curato da Sorgentedelvino, lo storico salone emiliano del vino naturale che dal 2009 a oggi ha scandagliato i territori vitivinicoli italiani alla ricerca di veri e propri gioielli enologici dimostrando una costante attenzione e una particolare acutezza nel riconoscere il talento là dove si trova.

In questi tre giorni di festa e di lavoro, operatori e winelovers potranno incontrare 70 vignaioli italiani e internazionali che hanno scelto il rispetto della natura nel loro lavoro. Tutti i partecipanti aderiscono infatti alla Carta dei Principi che riconosce alcuni valori comuni: l’agricoltura biologica o biodinamica in vigna, la vinificazione con i soli lieviti indigeni presenti sull’uva, l’uso limitato di solfiti.

“In campo vitivinicolo la biodiversità è un grande valore - racconta l’organizzatrice Barbara Pulliero - non solo per la vitalità dell’ambiente in cui i vigneti si trovano, ma anche per l’armonia e la complessità dei vini che nascono dalla raccolta di queste uve.” E in questo salone la biodiversità è davvero tanta! I vignaioli portano infatti in degustazione numerosi vini ottenuti da vitigni autoctoni, spesso salvati dall’estinzione grazie alla passione di poche persone che ci hanno creduto, vini da vecchie vigne che conservano una impressionante complessità di biotipi, ma questi vini portano con sé anche una grande diversità di territori: dai vini nati in montagna a quelli che portano con sé i profumi della macchia mediterranea, vini che conservano le tracce della tipologia di terreno su cui sono nati e dell’ambiente in cui le uve sono cresciute. Già, perché quando l’obiettivo della vinificazione è l’espressione del territorio e della singolarità dell’annata, occorre solo proteggere ed accompagnare le uve nella propria trasformazione in vino.

Volendo intervallare le degustazioni, i visitatori potranno inoltre apprezzare i sapori genuini di prodotti alimentari artigianali, rifocillarsi con una piccola cucina di piatti appositamente studiati per l’abbinamento con i vini in degustazione. Il tutto in un ambiente rilassato, conviviale ed elegante, negli spazi della villa e, condizioni atmosferiche permettendo, nello splendido giardino esterno. 

 

Barbara Valla - tel. 338.5823373 - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

PER LA 30A EDIZIONE DI ANTIQUA: LA LIGURIA NEL BICCHIERE E NON SOLO

di Virgilio Pronzati

Foto di Simona Venni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica