NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi Vino

SIMPLY ITALIAN GREAT WINES TOUR 2021

 

Il meglio dell’enologia italiana in tour

 

Simply Italian Great Wines Tour, organizzato da I.E.M. - International Exhibition Management per promuovere l’enologia italiana nel mondo, per la prima volta fa tappa in Repubblica Ceca, nella Capitale Praga. “Siamo molto entusiasti di approcciare un mercato di nicchia come quello ceco” ha detto Marina Nedic, titolare di I.E.M. “con le difficoltà di poter presenziare direttamente nei mercati di vino extra europei, per i produttori italiani diventa sempre più importante coltivare quei Paesi più piccoli ma che hanno grandi potenzialità di crescita, soprattutto per i vini di medio-alto livello”.

La manifestazione si svolgerà il 15 giugno a Praga presso il prestigioso Mandarin Oriental Hotel.

Per i produttori italiani Simply Italian rappresenta un’opportunità fondamentale di promozione che ha l’obiettivo primario di favorire l’incontro diretto con i professionisti locali (importatori, sommelier, canale ho.re.ca.) e la stampa, grazie a un ricco programma di seminari, degustazione guidate e workshop.

Il consumo di vino in Repubblica Ceca è in crescita e le prospettive sono molto buone. Si è infatti passati dai 16 litri dei primi anni 2000 ai quasi 20 attuali pro capite, soprattutto grazie alla costante diffusione nel paese della cultura del vino, dai rapidi cambiamenti nello stile di vita e dal continuo incremento del potere d’acquisto dei cechi. L’Italia si è confermata, anche nella prima metà del 2020, al primo posto assoluto nell’esportazione di vino, con un volume di oltre 153.000 hl e un valore di circa 29,5 milioni di euro.

La Repubblica Ceca è una meta turistica molto gettonata, specialmente la  Capitale Praga, città moderna e cosmopolita, dove si registra una quantità considerevole di ristoranti, hotel e bar. Il canale Ho.Re.Ca. rappresenta il più importante canale di distribuzione, con il 28% delle vendite totali. 

IL PROGRAMMA

TUESDAY, JUNE 15, PRAGUE

Mandarin Oriental Hotel

Nebovidská 459/1

118 00 Malá Strana

Cechia

 

10:30am – 11:30am             Masterclass ““Delle Venezie DOC: a wonderful journey into the world of Pinot Grigio””

        Guided Wine Tasting with wines of Consorzio Tutela Vini D.O.C. delle Venezie

        (Dominicus Hall) speaker: Ivo Dvořák

 

 

12:00pm – 1:00pm               Masterclass “The Wine Symphony of Friuli Venezia Giulia”

        Guided Wine Tasting with wines of Friuli Venezia Giulia

        (Dominicus Hall) speaker: Matteo Bellotto

 

1:00pm – 1:30pm                  Buffet lunch

 

1:30pm – 5:00pm                  Walk-around Tasting open to trade representatives: importers, distributors, those in the Ho.re.ca trade, press and opinion leaders.

        (Grand Ballroom)

 LE AZIENDE PARTECIPANTI

Agriment (Piemonte), Cà Tullio (Friuli), Canus (Friuli), Consorzio Tutela Vini D.O.C. delle Venezie, Conte D’Attimis - Maniago (Friuli), ITC Wine (Veneto), Masi (Veneto), Ronco Margherita (Friuli), Tenute Tomasella (Friuli), Valle (Friuli), Villa Mattielli (Veneto), Istituto Marchigiano di Tutela vini (Marche)

 

 

Eleonora Vatteroni

TASTE ALTO PIEMONTE EXPERIENCE E TASTE ALTO PIEMONTE WINE WEEK

 

 

Il più grande evento dedicato alle etichette dell’Alto Piemonte e ai suoi prodotti tipici torna a giugno, dal 5 al 27, in una veste inedita. Il pubblico sarà coinvolto con una ricca offerta di attività sul territorio e per il territorio, un naturale mosaico di paesaggi completamente diversi, nel raggio di poche decine di chilometri, tutti da vivere, visitare e gustare: dalle risaie alle colline dei pregiati vini, dai parchi naturali alle cime del Monte Rosa. Terra di profonde radici storiche, punteggiata di castelli e ricetti medievali, l'Alto Piemonte attraversa la parte settentrionale della Regione, ed è culla di ben 10 vini a denominazione d'origine protetta.

 

Il Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte ha deciso di confermare l'atteso appuntamento, sviluppando le diverse aree di progetto anche in periodi restrittivi, nel pieno rispetto della normativa anti-Covid e mettendo a punto due nuove linee: Taste Alto Piemonte Experience e Taste Alto Piemonte Wine Weeks. Un incontro sinergico con il territorio organizzato con il sostegno della Regione Piemonte, che si rinnova grazie a Enartis, Ponti, Amorim Cork Italia, il patrocinio della Camera di Commercio Biella e VercelliNovara Verbano Cusio Ossola, la collaborazione di A.I.S Piemonte, Valverde, il Consorzio Gorgonzola e la Media Partnership de La Stampa.

 

«Vogliamo coinvolgere sempre più persone per valorizzare il nostro Alto Piemonte, un territorio ancora troppo poco conosciuto ma ricco di bellezza – dichiara Andrea Fontana, Presidente del Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte - I protagonisti di questa quarta edizione non saranno solo le cantine e i produttori di vino, ma tutti gli attori del territorio sono invitati a partecipare:  gli operatori di settore, le attrazioni turistiche, i luoghi di cultura, le aziende di prodotti locali e gli appassionati che con le Wine weeks e le Experience vivranno l'Alto Piemonte a 360°. In un periodo così particolare, vogliamo dare un segnale positivo affinché possa essere una ripartenza tangibile. Un grazie quindi doveroso a tutti coloro che lo rendono possibile: la Regione Piemonte, Enartis, la Camera di Commercio delle quattro province unificate e Ais Piemonte, Valverde e il Consorzio del Gorgonzola, per la collaborazione ormai consolidata da anni».

 

La manifestazione si strutturerà su tre livelli: il consueto press tour sui territori tutelati dal Consorzio e la degustazione tecnica, riservata solo ai giornalisti ospiti, che per il primo anno avrà luogo a Stresa, perla del lago Maggiore; Taste Alto Piemonte EXPERIENCE, quattro weekend dedicati alla scoperta del territorio e delle bellezze del luogo, delle cantine e delle aziende agroalimentari e Taste Alto Piemonte WINE WEEKS, due settimane che vedranno la partecipazione di oltre 50 fra enoteche e vinerie, ristoranti, bar e trattorie situati sul territorio, dove sarà possibile degustare i vini delle aziende tutelate dal Consorzio.

 

 

“Quest'anno si è deciso di porre particolare attenzione al pubblico e al consumatore finale – spiega Lorella Zoppis, Vice Presidente del Consorzio – una scelta pensata anche per gratificare l'impegno di tutti i produttori, che con la loro adesione si sono resi disponibili ad aprire le porte in tempi di Covid. Saremo lieti di presentare tutte le sfaccettature del nostro territorio, accogliendovi numerosi”.

 

IL PROGRAMMA

Taste Alto Piemonte EXPERIENCE: 05-06 giugno, 12/13 giugno, 19/20 giugno, 26/27 giugno

Le 47 Cantine aderenti all’iniziativa rimarranno aperte ai visitatori per 4 week-end e proporranno dei pacchetti dedicati di degustazione o esperienza all’interno della propria struttura, come le passeggiate in vigna o l'assaggio di prodotti tipici. L’iniziativa verrà veicolata sui canali social del Consorzio e sul sito di Taste Alto Piemonte, dove verrà dedicata un’area alle aziende aderenti al format “EXPERIENCE”. Sulla pagina www.tastealtopiemonte.it  saranno inoltre inserite proposte relative a ristoranti ed attrazioni turistiche per ciascuna area al fine di invogliare l’utente a scoprire il territorio dell’Alto Piemonte. Infatti, unitamente alla prenotazione della visita in cantina, che verrà fatta direttamente all’azienda, l’utente potrà organizzare la sua esperienza creando un tour personalizzato tra le cantine aperte, le bellezze del luogo, le tipicità enogastronomiche della zona, segnalate dai produttori stessi, accorpate e visualizzabili sul sito per provincia. In collaborazione con Atl Novara, Atl Vercelli e il Distretto turistico dei Laghi.

 

Taste Alto Piemonte WINE WEEKS – da sabato  5 giugno a domenica 20 giugno

Due settimane dedicate ai vini dell’Alto Piemonte, da degustare in abbinamento ai prodotti tipici in oltre 50 locali aderenti fra ristoranti, trattorie, wine bar del territorio, che si impegneranno a servire almeno dieci etichette dell’Alto Piemonte, in carta e al bicchiere: un’iniziativa per promuovere il territorio e gli attori locali, attraverso proposte creative come piatti e menù studiati in abbinamento ai vini dell’Alto Piemonte, serate a tema, degustazioni dei Nebbioli dell’Alto Piemonte.  Partner istituzionali: Fipe Confcommercio Alto Piemonte, associazione che rappresenta bar e ristoranti di Novara e VCO, ASCOM Vercelli e ASCOM Biella

 

In occasione dell’evento verranno inserite sul sito www.tastealtopiemonte.it sezioni dedicate ai format EXPERIENCE e WINE WEEKS, attraverso cui gli utenti potranno scoprire il programma ed orientarsi tra le aziende vinicole, i ristoranti, i locali aderenti e partner. Grazie all’inserimento di informazioni turistiche, inoltre, avranno gli strumenti per programmare un soggiorno “su misura” e immersivo in Alto Piemonte.

 

Taste Alto Piemonte press tour: 10-12 giugno 2021

 

Il programma di incoming giornalisti prevede una parte dedicata alle visite dei territori, accorpati per delegazioni, ed una parte dedicata alla degustazione tecnica. In questa edizione, oltre alla stampa di settore italiana sarà presente un gruppo di giornalisti Food, Travel & LifeStyle, per proporre l’Alto Piemonte nella sua più ampia concezione. Il programma sarà strutturato in due giorni di incoming da realizzarsi giovedì 10 e venerdì 11 giugno, che toccherà tutte le zone delle diverse denominazioni. Per il primo anno, la degustazione tecnica si svolgerà a Stresa, presso il Grand Hotel Des Iles Borromées nella giornata conclusiva di sabato 12 giugno dove 47 aziende vitivinicole proporranno le ultime annate delle 10 denominazioni dell’Alto Piemonte tutelate dal Consorzio: Boca DOC, Bramaterra DOC, Colline Novaresi DOC, Coste della Sesia DOC, Fara DOC, Gattinara DOCG, Ghemme DOCG, Lessona DOC, Sizzano DOC, Valli Ossolane DOC

 

GIRO D’ITALIA: IL 19 MAGGIO ARRIVA A MONTALCINO LA BRUNELLO WINE STAGE

DOPO 11 ANNI, LA CORSA ROSA TORNA NELLA TERRA DEL VINO SIMBOLO DELL’ECCELLENZA ITALIANA NEL MONDO

 

 

Staffetta oggi Montalcino, con l’ultimo giorno di Benvenuto Brunello che passa il testimone al Giro d’Italia. Dopo 11 anni, torna infatti a sfrecciare tra le strade del piccolo e antico borgo medievale toscano la Corsa Rosa, che il 19 maggio farà tappa nelle terre del vino simbolo dell’eccellenza made in Italy nel mondo proprio con la Brunello Wine Stage.

“Archiviamo un Benvenuto Brunello in presenza all’insegna di numeri da record sia sul fronte del mercato che della tendenza green del nostro vigneto – commenta il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci -. Nei primi 4 mesi di quest’anno, i contrassegni delle due super annate 2015 e 2016 hanno registrato un balzo del 38% rispetto allo stesso periodo del 2020. In aumento anche la propensione green – prosegue il presidente del Consorzio – con 4 aziende su 10 certificate biologiche o in corso di conversione. Un dato, questo, che porta la vigna bio a Montalcino a quasi il 50% del totale. Ora, - conclude Bindocci – attendiamo la Brunello wine stage del Giro d’Italia, una tappa sostenuta dal Consorzio in un’ottica di marketing territoriale”.

Il Brunello è Montalcino e Montalcino è il Brunello e come scriveva Luigi Veronelli nel 1986 “vale il viaggio” e continua a valere la corsa, anche a pedali.

Vino dei record e brand globale – tutelato dall’omonimo Consorzio che è partner della tappa – il Brunello di Montalcino conta 10 milioni di bottiglie stappate in tutto il mondo ogni anno, con migliaia di referenze nelle liste dei migliori ristoranti da Singapore a New York, passando per Las Vegas fino a Toronto. Ma non solo. Il re dei vini toscani è stato infatti il primo vino tricolore di alta gamma ad essere esportato negli Stati Uniti negli anni Trenta per poi arrivare, nel 1960, a diventare la prima etichetta italiana servita durante un ricevimento tra capi di Stato, nei calici del presidente della Repubblica Giuseppe Saragat e della regina Elisabetta II.

Un vino dei primati, così come il suo territorio di provenienza. Proprio a Montalcino – primo caso in Italia - è nato quel fenomeno che oggi viene definito enoturismo, dove alla fine degli anni Quaranta una storica azienda produttrice ha aperto le sue porte al pubblico con visite guidate e degustazioni. E sempre nel piccolo comune toscano è stata fondata la prima enoteca pubblica del Belpaese per la vendita di vini e prodotti locali.

Il fascino del Brunello di Montalcino e della sua terra è stato fonte di ispirazione anche per poeti, giornalisti e scrittori, a partire da Mario Luzi che in una sua poesia mise in versi: “La strada tortuosa che da Siena conduce all’Orcia – traverso il mare mosso – di crete dilavate – che mettono di marzo una peluria verde – è una strada fuori del tempo, una strada aperta – e punta con le sue giravolte al cuore dell’enigma” per descrivere le strade che portano al cuore del Brunello fino a Mario Soldati che, riferendosi al Brunello, disse che: “Il vino non è soltanto un oggetto di consumo: in certi casi (…) può anche essere considerato come un'opera d'arte”.

 

Sara Faroni

FESTIVAL NAZIONALE SPUMANTITALIA 2021 PORTA LA SUA EFFERVESCENZA A GARDA DAL 2 AL 4 LUGLIO

 

 

Festival Spumantitalia, giunto alla sua terza edizione, cambia date e location. La manifestazione si svolgerà dal 2 al 4 luglio a Garda, sulle sponde veronesi del Lago di Garda, dando vita ad un format e a una progettualità volti alla promozione del mondo spumantistico italiano sia in ottica nazionale che estera, dando voce non solo ai grandi nomi ma anche ai protagonisti della spumantistica italiana che non hanno ancora una voce pur avendo già  qualcosa da dire.

Il Festival, organizzato da Bubble’s Italia, ha già  ricevuto il patrocinio del Comune di Garda, Federdoc e Assoenologi e vede già  l'iscrizione di molti Consorzi Vitivinicoli come quelli di Garda DOC, Monti Lessini Durello DOC, Soave DOC, Oltrepò Pavese DOCG, Asti DOCG, Acqui DOC, Abruzzo DOC, Valtenesi DOC, Cofagricoltura di Treviso, Prosecco DOC, Sannio DOP, ai quali, nei prossimi giorni, se ne aggiungeranno altri.

Cuore della manifestazione sarà  lo storico Palazzo Piccini Carlotti dove si svolgeranno incontri, dibattiti, degustazioni, talk shows, masterclass e approfondimenti che coinvolgeranno i principali attori del mondo spumantistico italiano.

La kermesse aprirà le porte anche ai wine lovers con l’obiettivo di promuovere la cultura del vino e la conoscenza di uno dei prodotti icona dello stile italiano nel mondo. La terza edizione non sarà dunque riservata ai soli operatori di settore ma sarà  un vero e proprio Festival, un brindisi alla ripresa che apre a un’estate sotto il segno dell’italianità e del bel vivere.

L’intero paese di Garda prenderà vita con piccoli villaggi enogastronomici nella piazza principale, eventi esclusivi, aperitivi nelle terrazze di palazzi e hotel, visite guidate nelle cantine del territorio, eventi enogastronomici nei ristoranti coinvolti, brindisi nei musei e wine experience che vedranno coinvolti Ambassador e influencer italiani per una vera e propria grande ripresa del nostro territorio.

Tutte le attività  saranno contingentate, a numero chiuso e previa prenotazione online per far fronte alle norme anti-contagio.

Il programma consultabile sul sito della manifestazione: www.spumantitalia.it

Il link per l’accredito stampa: https://www.spumantitalia.it/area-stampa

 

Federica Schir

VINIFERA 2021:  LA PRIMAVERA DEL VINO FIORISCE EN PLEIN AIR

 

 

Sabato 29 e domenica 30 maggio negli spazi esterni della Fiera di Trento 

la rassegna dedicata ai vini dell’arco alpino. Due masterclass con focus su Teroldego e PIWI

La nuova edizione di Vinifera, la rassegna dedicata ai vini artigianali dell’arco alpino, torna sabato 29 e domenica 30 maggio 2021, alla Fiera di Trento. Le montagne che circondano la città faranno da sfondo a questa edizione speciale: per la prima volta l’evento organizzato dall’associazione Centrifuga si sposta dalla tradizionale data di inizio primavera a fine maggio, consentendo così l’allestimento all’aperto. Saranno oltre 50 i produttori provenienti dalle regioni alpine che, dai loro banchi d’assaggio, racconteranno in prima persona i frutti di una viticoltura che si può definire eroica, per le dure condizioni in cui viene svolta e che riveste un ruolo fondamentale nella cura dei territori montani.

“Quest’anno abbiamo deciso di spostare la mostra dei vini all’esterno - commenta Elena Grulli, referente per la selezione dei vignaioli di associazione Centrifuga - per permettere ai visitatori di vivere un’esperienza positiva nel pieno rispetto delle misure di sicurezza e distanziamento dovute all’emergenza sanitaria da Covid-19. Le prime due edizioni di Vinifera, nel 2018 e 2019, si erano svolte nel primo week-end di primavera: la speranza è che, pur essendo a fine maggio, Vinifera sia comunque sinonimo di un nuovo inizio, un buon auspicio di rinascita per l’intera filiera del vino, duramente colpita da tanti mesi di pandemia, e per tutte le manifestazioni di cui è protagonista. I vignaioli di montagna hanno un carattere eroico, abituati a un territorio spesso irto e impegnativo da lavorare. Vogliamo prenderli come esempio per la ripartenza, guardando alla forza e alla tenacia con cui affrontano le difficoltà”.

Vinifera vuole essere un’occasione per conoscere da vicino produttori appassionati e i loro vini di carattere, frutto di territori e climi spesso estremi, un momento per incontrare persone autentiche e assaggiare sapori genuini, per ricominciare in serenità a condividere nuove esperienze e diventare protagonisti di un’evoluzione etica e responsabile. Per approfondire queste tematiche in programma anche due masterclass: la prima, sabato 29, dedicata al Teroldego e la seconda, domenica 30, dedicata ai vini PIWI. 

Tutti i dettagli sui produttori partecipanti saranno disponibili nei prossimi giorni sulla pagina web di Vinifera.

All’interno della fiera troverà inoltre spazio un’area food dedicata, con proposte gastronomiche realizzate da artigiani del cibo locali, dove verranno servite diverse pietanze da abbinare ai vini e da degustare comodamente seduti su tavoli distanziati.

Per consentire il rispetto delle norme sanitarie gli ingressi saranno contingentati. Si consiglia di acquistare i biglietti d’ingresso e per le degustazioni in prevendita sul sito www.viniferaforum.it

Vinifera in breve:

Quando: sabato 29 e domenica 30 maggio 2021

Dove: Trento Fiere - Via di Briamasco, 2 

Orario di apertura al pubblico: dalle 11.00 alle 19.00 

Ingresso: € 15.00 

Gli ingressi saranno contingentati in modo da garantire la sicurezza dei produttori e dei visitatori.

 

Anna Sperotto

2021 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica