NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi Vino

ASOLO WINE TASTING 2018: NON SOLO PROSECCO

Domenica 6 maggio 2018 al Palazzo Beltramini di Asolo (TV). Banco d’assaggio e tre degustazioni guidate su Asolo Prosecco Superiore DOCG, rossi del Consorzio, Incrocio Manzoni e Recantina

Il Consorzio Vini Asolo Montello si prepara per la settimana edizione dell’Asolo Wine Tasting, in programma domenica 6 maggio 2018 a Palazzo Beltramini, nel cuore del borgo di Asolo (TV). Novità di quest’anno sono le tre degustazioni guidate dai sommelier di AIS Veneto e dedicate alle diverse tipologie di Asolo Prosecco Superiore DOCG, ai vini rossi DOC e DOCG del Consorzio, all’Incrocio Manzoni e alla Recantina. Dalle 10.00 alle 19.00 saranno aperti al pubblico i banchi d’assaggio con i vini del Consorzio.

Ad ospitare le tre masterclass sarà la Sala Gialla di Palazzo Beltramini. Alle 11.00 la prima degustazione, che sarà interamente dedicata all’Asolo Prosecco Superiore DOCG, presentato nelle sue diverse declinazioni, in particolare l’Extra Brut. La denominazione Asolo Montello è infatti l’unica tra le Denominazioni del Prosecco che può rivendicare la tipologia Extra Brut nelle bottiglie prodotte.

Il Consorzio Vini Asolo Montello, che quest’anno ha superato l’obiettivo dei 10 milioni di bottiglie, non è però solo Asolo Prosecco Superiore DOCG. Nel pomeriggio saranno presentate due degustazioni dedicate agli altri vini prodotti nella zona. Alle 16.00 l’attenzione sarà rivolta alla Recantina, all’Incrocio Manzoni e al Colfondo, che dal prossimo anno si chiamerà Asolo Prosecco Superiore DOCG sui lieviti, mentre alle 17.30 ci sarà una degustazione dedicata ai vini rossi DOC e DOCG del Consorzio.

Nello stesso weekend il borgo trevigiano ospiterà anche la dodicesima rassegna di Fucina del Gusto, rassegna gastronomica dedicata alle eccellenze locali, che con Asolo Wine Tasting ha in comune la volontà di valorizzare il territorio dell’Asolo Montello e i suoi prodotti.

Il costo dell’entrata al banco d’assaggio sarà di 10 € comprensivo di tasca e bicchiere souvenir.
Info:
www.asolomontello.it

INFO IN BREVE | Asolo Wine Tasting 2018
Data
: domenica 6 maggio 2018
Orario: dalle 10.00 alle 19.00
Luogo: Sala Consiliare di Palazzo Beltramini, Asolo (Treviso) Biglietto: 10 euro

Info: www.asolomontello.it

Press info:
Davide Cocco Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 392 9286448 

L'AMARONE TOMMASI SI AGGIUDICA L'OSCAR DEL VINO 2018

  

 

Sabato 10 marzo a Roma, il 19° premio internazionale del vino organizzato da Fondazione Italiana Sommelier

Il miglior vino rosso d’Italia è il Ca’ Florian Amarone della Valpolicella Classico DOCG Riserva 2010

È il Ca’ Florian Amarone della Valpolicella Classico DOCG Riserva ad aggiudicarsi l’Oscar come Miglior Rosso d’Italia. A decretarne il primato è stata una giuria selezionata di giornalisti ed operatori del settore composta da 700 persone durante La Notte delle Stelle, organizzata da Franco Maria Ricci, patron di Bibenda e della Fondazione Italiana Sommelier, a Roma nella prestigiosa location dell’hotel Rome Cavalieri.

Un format tutto nuovo per l’elezione del miglior vino, dato che tutto è avvenuto in diretta, grazie ad una nuova procedura di votazione telematica.

«Il nostro Amarone Riserva Ca’ Florian è arrivato in finale con uno Sforzato della Valtellina ed un Aglianico del Vulture – afferma Piergiorgio Tommasi, direttore commerciale Italia – prodotti da note cantine e con orgoglio ha sbaragliato la concorrenza, premiando l’eleganza e l’eccellenza di un territorio meraviglioso come la Valpolicella Classica. Questo premio testimonia la dedizione e la passione della mia famiglia e di mio cugino Giancarlo, l’enologo responsabile».

Un riconoscimento che premia non solo il territorio della Valpolicella Classica, a cui la famiglia Tommasi è strettamente legata, ma anche il lavoro svolto in questi anni con sacrificio sia in vigna che in cantina da tutto il team ed in particolar modo dalla forza vendita nazionale, guidata da Piergiorgio e Stefano Tommasi, che ha saputo posizionare l’Amarone Ca’ Florian, che ha una tiratura limitata di 9.000 bottiglie, ed i vini della gamma Tommasi nelle location più prestigiose di tutta Italia.

Il mercato nazionale è da sempre la punta di diamante della distribuzione commerciale di Tommasi, in particolare dei vini della Valpolicella Classica.

Tommasi Family Estates è un sistema di sei tenute di proprietà in cinque regioni ad alta vocazione vitivinicola dalla Valpolicella Classica alla Basilicata e Puglia, passando per la Lombardia e la Toscana, che copre 600 ettari vitati.

L’export rappresenta certamente una parte molto importante e questo riconoscimento rende il marchio Tommasi ancora più forte ed interessante per i distributori stranieri, che saranno incontrati a Dusseldorf durante Prowein, dal 18 al 21 marzo prossimi, e a cui sarà presentata la Trilogia di Emozioni, l’espressione di tre vini che celebrano la diversità, la storia, l’armonia e l’eleganza: Casisano Brunello di Montalcino, Paternoster Aglianico del Vulture e Tommasi Amarone della Valpolicella Classico. Vini unici che regalano emozioni.

Annalisa Armani

+39 045 770 12 66

MERCATO DEI VINI 2018: FIVI A CINECITTÀ, VA IN SCENA IL TERRITORIO

Sabato 19 e domenica 20 maggio al Teatro 10 di Cinecittà 200 vignaioli per il Mercato FIVI di Roma. Incontri, assaggi e acquisti nel segno del territorio

Sarà il Teatro 10 di Cinecittà il palcoscenico della seconda edizione del Mercato FIVI a Roma. Sabato 19 e domenica 20 maggio 2018 circa 200 vignaioli aderenti a FIVI, la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti, accoglieranno gli appassionati e i curiosi per raccontare loro il mestiere di Vignaiolo, dalla vigna alla bottiglia. Organizzato in collaborazione con Daniele De Ventura di Simposio - Trionfo del Gusto, l'evento non sarà solo l'occasione per assaggiare ma soprattutto per acquistare i vini dei vignaioli. Un grande mercato dove trovare in una sola occasione vini da tutte le regioni d'Italia. Come a Piacenza anche qui saranno a disposizione dei visitatori trolley e cestini per rendere più agevoli gli acquisti.

“Abbiamo scelto di fare questa seconda edizione del Mercato FIVI di Roma a Cinecittà - dichiara Luigi De Sanctis, vignaiolo in Frascati e consigliere della Federazione - perchè rappresenta quanto più di territoriale ci possa essere nella capitale. Cinecittà è per Roma quel che la vigna è per i vignaioli FIVI: come noi tuteliamo il territorio in cui viviamo con il lavoro nei campi e nel rispetto dei suoi frutti così Cinecittà attraverso i suoi film ha saputo portare nel mondo la vera essenza della città di Roma. Dopo l'ottimo esordio dello scorso anno volevamo trovare per questa seconda edizione un luogo che potesse rappresentare il rapporto speciale che lega ogni vignaiolo alla sua terra. Non poteva che essere Cinecittà ”.

L'immagine della locandina della seconda edizione del Mercato di Roma è stata realizzata dall'illustratrice vicentina Marina Marcolin, già autrice per FIVI di quella dell'edizione 2015 del Mercato di Piacenza.

Gli orari di apertura del Mercato dei vini di Roma sono dalle 11.00 alle 19.00. Ingresso € 15.00 giornaliero (ridotto per soci AIS – FIS – FISAR – ONAV – AIES - ARS e SLOW FOOD).

Mercato dei vini Roma in breve:

Dove: Teatro 10 - Cinecittà, Via Tuscolana 1055, Roma

Quando: sabato 19 e domenica 20 maggio 2018

Orario di apertura al pubblico: dalle 11.00 alle 19.00

Ingresso: € 15.00 comprensivo di bicchiere per degustazioni ingresso giornaliero.

I minorenni non pagano l’ingresso e non possono effettuare degustazioni

Press info:

Davide Cocco

392 9286448

MASTER OF WINE, ESPERTI ENOLOGI DA TUTTO IL MONDO OSPITI DI UMANI RONCHI AL CORSO PER AMBASCIATORI INTERNAZIONALI DEL VINO

 

Umani Ronchi: Michele Bernetti e Jane Hunt

Al via oggi, nella sede dell’azienda vinicola osimana, la master class di tre giorni per accedere al corso di studi dell’accademia londinese  

Si respira un’aria internazionale alla Cantina Umani Ronchi di Osimo dove, oggi pomeriggio, per quindici esperti enologi provenienti da sei regioni italiane ma anche da Giappone, Russia e Albania, è iniziata una full immersion di tre giorni nel mondo del vino. Per tutti l’obiettivo finale è quello di “laurearsi” Master of Wine, il titolo più ambito per chi lavora nel settore vitivinicolo, rilasciato dall’omonimo istituto londinese.

La sessione formativa, ospitata dall’azienda vinicola di proprietà della famiglia Bianchi – Bernetti, che ha fatto conoscere nel mondo le Marche e le sue etichette e che annovera tra le sue eccellenze anche il Montepulciano d’Abruzzo, rappresenta solo il primo step di un lungo percorso per entrare nell’esclusivo club dei guru mondiali del vino.

“E’ per noi motivo di grande soddisfazione - afferma Michele Bernetti, amministratore delegato di Umani Ronchi - ospitare questa master class dedicata ai professionisti che vogliono accedere al più completo e rigoroso programma di formazione enologica internazionale. L’Italia del vino non ha rivali nel mondo, eppure non abbiamo ancora un nostro Master of Wine. Il mio auspicio è che da questa edizione, importante opportunità per l’azienda e per il nostro territorio, esca il primo ambasciatore tricolore”. 

Quella al via oggi è l’edizione numero sette della master class italiana, organizzata in partnership con l’Istituto Grandi Marchi e finalizzata ad accedere al selettivo corso di studi dell’accademia londinese, che conta 368 membri, ma che ancora non ha trovato un rappresentante nel Belpaese.

Una tre giorni, articolata in degustazioni tecniche e ore di teoria, rigorosamente in lingua inglese, che vedrà salire in cattedra, tra gli altri, i selezionati masters of wine Jane Hunt, e Mai Tjemsland.


Letizia Larici

Valorizzazione dei paesaggi della viticoltura eroica. Focus ad Aosta

Convegno venerdì 23 febbraio, ore 14.30, all’Institut Agricole Regional

Prima parte con interventi tecnico-scientifici, a seguire una tavola rotonda tecnico-politica

 “Conoscenza, salvaguardia e valorizzazione dei paesaggi della viticoltura eroica”. E’ questo il titolo del convegno, organizzato dall’Assessorato Agricoltura della Regione autonoma della Valle d’Aosta e dal Cervim, in programma ad Aosta, venerdì 23 febbraio (inizio ore 14.30).


I lavori, vedranno una prima parte, tecnico-scientifica in cui si tratteranno gli aspetti relativi alla valorizzazione, gestione e salvaguardia dei paesaggi viticoli eroici, di territori riconosciuti come patrimonio Unesco e dell’importanza dell’istituzione degli Osservatori del Paesaggio. La seconda parte, invece, vedrà una tavola rotonda, tecnico-politica, con la partecipazione, tra gli altri, del viceministro alle politiche agricole, Andrea Olivero.

«La valenza paesaggistica della viticoltura eroica - sottolinea il presidente Cervim, Roberto Gaudio – è sempre più riconosciuta, anche a livello europeo. Il legame della viticoltura eroica con la tutela e la valorizzazione del paesaggio è fondamentale per lo sviluppo delle aree montane e ad alta pendenza; anche l’ingresso del Cervim in Uniscape con il ruolo di Osservatore va in questa direzione; anche per questo uno degli obiettivi dei prossimi mesi sarà quello di promuovere un Osservatorio del paesaggio a livello europeo, quale strumento per la sensibilizzazione sui valori identitari e la tutela del paesaggio vitivinicolo delle aree eroiche».

Il convegno di Aosta rappresenta una tappa di avvicinamento al sesto Congresso internazionale sulla viticoltura di montagna e in forte pendenza, in programma dal 26 al 28 aprile 2018 in Spagna, a La Laguna, Isola di Tenerife, ed organizzato dal Cervim.  

CERVIM

Centro di Ricerca, Studi, Salvaguardia,

Coordinamento e Valorizzazione per la Viticoltura Montana

 

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica