NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi Vino

RADICI DEL SUD 2019

 

 

Da novembre a maggio un ricco calendario di appuntamenti per approfondire la conoscenza di prestigiose realtà vinicole del Sud Italia. Dal 9 al 15 giugno la 15a edizione di Radici del Sud  A partire dal 21 novembre e fino alla fine di maggio torna la rassegna Aspettando Radici del Sud, una serie di appuntamenti pensati per approfondire la conoscenza dei vini da vitigni autoctoni del Meridione. Degustazioni, cene e incontri con gli addetti ai lavori che si svolgeranno in Puglia, Basilicata, Marche e Roma per prepararsi al meglio alla 15a edizione di Radici del Sud, in programma al Castello Normanno Svevo di Sannicandro di Bari dal 9 al 15 giugno 2020Si inizia giovedì 21 novembre a Fano al Bistrot lo Spietato con Mediterraneo il ponte tra i mondi, una rassegna in due appuntamenti (la seconda data è il 5 dicembre) sulla cucina mediterranea intesa come modo di pensare al cibo. Le aziende vinicole selezionate dall’edizione 2019 di Radici del Sud per i primi due appuntamenti saranno: A.A. Barone Macrì, Cantine Bonsegna, Cantine Elda, Rossovermiglio, Sertura vini, Tenute Fontana, Bosco de Medici e Cantina Delite.Dal 17 al 19 dicembre, tra Sannicandro di Bari e Minervino Murge (BT), si svolgerà la rassegna itinerante Storia, Geografia, Scienze sociali del vino e del cibo del Sud realizzata in collaborazione e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio regionale di Puglia. Saranno tre giorni dedicati alle culture vinicole, olearie e alimentari del Sud d’Italia con laboratori, attività e dibattiti. Tutti i protagonisti delle filiere agroalimentari potranno confrontarsi 

e creare nuove sinergie al fine di diffondere un nuovo stile alimentare e di vita: chef, viticoltori, olivicoltori, contadini, pescatori, pastori, ma anche giornalisti e appassionati. Alle ore 19 di giovedì 19 dicembre, durante la serata conclusiva alla Masseria Barbera a Minervino, si terrà la conferenza guidata dal giornalista di Rai 3 Michele Peragine. Interverranno rappresentanti delle istituzioni regionali, giornalisti del settore italiani e stranieri, il direttore del dipartimento Health MarketPlace della Regione Puglia dott. Felice Ungaro, il Prof. Antonio Mazzocca, Università degli Studi di Bari, e il presidente del Parco dell’Alta Murgia. In questa occasione si rilancerà il tema dell’alimentazione sostenibile anche dal punto di vista del rapporto tra dieta e salute. Seguirà, alle 20.30, la degustazione dei 75 vini autoctoni del Meridione d’Italia premiati al Salone del vino di Radici del Sud 2019, abbinati a piatti tipici realizzati dai cuochi della Masseria Barbera e di Aromi Bistrot di Sannicandro di Bari.          

La rassegna proseguirà con altre iniziative, a gennaio l’appuntamento sarà dedicato all’Aglianico il vitigno principe del Sud, fino ad arrivare a giugno alla quindicesima edizione di Radici del Sud.

Info e prenotazioni: 346 4076012

  

Anna Sperotto

SALONE DEI VIGNAIOLI A CAGNE SUR MER

Fotoservizio di Claudia Paracchini

 

Salon des Vignerons a Cagnes sur Mer 2019

 

 Panoramica del Salone

Dal 1992 il riferimento sulla costa azzurra. Dal 7 all’11 novembre 2019 dalle 10.00 alle 19.00 all’interno degli ampi spazi che offre l’ippodromo  di Cagnes-sur- Mer  più di 300 espositori da tutte le regioni della Francia sono il simbolo di questa manifestazione dove si racconta la storia di una produzione enogastronomica di varie eccellenze.  

Champagne Andre’ Robert con Claire et Jean Baptiste

La passione e la cultura francese trovano qui la loro grande espressione. Area di carico e scarico merci ristorazione sul posto degustazioni gratuite vendita diretta, queste alcune delle agevolazioni e comodità che rendono così frequentato questo salone. 

 Bourgueil, uno dei grandi rossi della Valle della Loira

La nutrita lista degli espositori tocca tutte le regioni francesi c’è solo l’imbarazzo della scelta, e anche per questa grande gamma di proposte che il salone si contraddistingue. 

Anne et Stephane Garcia Du Chateau des Brigands 

Un curioso e profumato viaggio in territori e prodotti dei nostri cugini d’oltralpe  dove clima, diversità elementi naturali e aromi sono l’espressione di un territori. Affluenza  sempre al top all’inaugurazione per raggiungere picchi da record nel weekend !

Champagne Salmon  

APERTE LE ISCRIZIONI PER GRANDI LANGHE 2020

IL 27 E 28 GENNAIO AD ALBA SI DEGUSTANO LE NUOVE ANNATE DELLE DOCG E DOC DI LANGA E ROERO. L’EVENTO DEDICATO AGLI OPERATORI DI SETTORE E FIRMATO DAI CONSORZI DI TUTELA SI PREPARA ALLA QUINTA EDIZIONE

 

Sono aperte le iscrizioni per partecipare a Grandi Langhe 2020, la due giorni di degustazione delle nuove annate di Docg e Doc di Langhe e Roero in programma il 27 e il 28 gennaio ad Alba. Da questa edizione, la quinta, l’evento diventa annuale e sarà sempre a fine gennaio, diventando di fatto il primo appuntamento nell’eno-calendario delle anteprime del vino in Italia. In regia due Consorzi di tutela: il Consorzio del Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e il Consorzio Tutela Roero.

Dal 2013, Grandi Langhe è un evento riservato agli operatori professionali: l’edizione 2019 ha registrato oltre 2000 ingressi di buyers, ristoratori, enotecari, sommeliers, da oltre 30 paesi europei ed extra europei. Parteciperanno 200 cantine con oltre 1500 etichette in degustazione. Quest’anno si potranno assaggiare le nuove annate di Barolo 2016, Barbaresco 2017 e Roero 2017, e delle altre denominazioni di Langhe e Roero.

 

«Grandi Langhe è un evento imperdibile ed essere i primi sul calendario delle degustazioni ci porta indubbiamente dei vantaggi. Spostare la manifestazione a fine gennaio e renderla annuale sono state senz’altro scelte vincenti» ha dichiarato il Presidente del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani Matteo Ascheri.

«Nel 2020 poi, dopo aver ‘giocato in casa’ con Grandi Langhe, presenteremo le nuove annate di Barolo e Barbaresco a New York. Con il Barolo & Barbaresco World Opening – BBWO porteremo infatti 200 produttori nel cuore di Manhattan per una grande degustazione dedicata alle Menzioni Geografiche Aggiuntive».

«La grande forza del nostro territorio risiede anche nella capacità dei Consorzi di fare squadra come accade per Grandi Langhe. Come Consorzio del Roero, il nostro focus per il 2020 sarà l’Italia: il 5-6 aprile i nostri produttori saranno alla Reggia di Venaria per i Roero Days», ha aggiunto il Presidente del Consorzio Tutela Roero Francesco Monchiero.

Anche nel 2020, Grandi Langhe si allea e segue a ruota Nebbiolo Prima, l’anteprima organizzata dall’Albeisa - Unione Produttori Vini Albesi per la stampa specializzata, «facilitando la partecipazione della stampa estera ad entrambe le manifestazioni» ricorda il direttore del Consorzio Barolo Barbaresco Andrea Ferrero.

 

 

Grandi Langhe sarà in un'unica location, il Palazzo Mostre e Congressi, e gli spazi espositivi saranno suddivisi in base ai Comuni di provenienza delle cantine. Un’occasione per cogliere a fondo il valore delle Menzioni Geografiche Aggiuntive (MeGA) di Barolo, Barbaresco, Roero, Dogliani e Diano e di conoscere gli altri vini del territorio. Alle MeGA saranno anche dedicati dei seminari di approfondimento, condotti da Alessandro Masnaghetti.

È possibile accreditarsi direttamente sul sito www.grandilanghe.com. L’ingresso è riservato agli operatori professionali.

 

Ufficio stampa Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani:

Ilaria Bertini – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  – 3938132901

 

Ufficio stampa iShock

Fiammetta Mussio – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 339 7552481

“APPASSIMENTI APERTI”, TUTTI I SAPORI DELLA VERNACCIA NERA

 

Nelle domeniche del 10 e del 17 novembre a Serrapetrona degustazioni e visite in cantina per conoscere questo straordinario vitigno direttamente nei luoghi di produzione. Un evento organizzato dall’Istituto Marchigiano di Tutela Vini 

 

Due domeniche di gusto, bellezza e cultura del vino. Torna il 10 e il 17 novembre nell’incantevole borgo di Serrapetrona (Macerata) “Appassimenti aperti”, l’evento dedicato alla valorizzazione del vitigno autoctono Vernaccia nera e alle sue due espressioni: la Vernaccia di Serrapetrona docg e il Serrapetrona doc. La manifestazione, giunta alla tredicesima edizione, è organizzata dall'Istituto Marchigiano di Tutela Vini (Imt) nell’ambito del piano di promozione sostenuto dal Programma di Sviluppo rurale 2014 – 2020 (misura 3.2) della Regione Marche.

 

Visite in cantina e degustazioni in piazza per conoscere da vicino questa “chicca” del patrimonio vitivinicolo delle Marche e cogliere l’opportunità di scoprire gli “appassimenti”: in questi suggestivi spazi le uve vengono conservate dopo la vendemmia ed impiegate via via nella lavorazione in procedimenti lunghi e complessi. La tecnica antica dei grappoli appesi è da sempre uno degli aspetti più affascinanti di Appassimenti aperti.

 

Una produzione che vanta diversi primati: prima docg delle Marche ed un legame così stretto con il territorio da rendere il vino da Vernaccia nera il prodotto tipico per eccellenza: “Tutto il procedimento – spiega Alberto Mazzoni, direttore di Imt –, dalla coltivazione all’imbottigliamento, viene mantenuto in questa piccola zona del Maceratese (70 ettari vitati), dando vita a vini unici, non riproducibili altrove, che meritano di essere apprezzati nei luoghi di produzione. Con questa filosofia è nata Appassimenti aperti”. 

 

Con tracce che arrivano fino al XV secolo, la Vernaccia racconta una storia antica e oggi raggiunge una nuova maturità grazie al lavoro dei produttori che alla voglia di esaltare la tradizione uniscono quella di sperimentare nuove strade. Ecco le cantine protagoniste di Appassimenti aperti 2019, impegnate nell’organizzazione dell’evento insieme con l’Amministrazione comunale: l’Azienda agricola Alberto Quacquarini, Cantine Fontezoppa, Terre di Serrapetrona, Podere sul lago e Vitivinicola Serboni. 

È grazie al loro lavoro se oggi questa produzione riesce ad esprimere una grande versatilità e ad accompagnare ogni occasione dove il gusto della cucina italiana è protagonista. Le bollicine rosso rubino della docg sono perfette accanto ai dolci della tradizione; la versione secca si sposa con formaggi e salumi ma è sempre più apprezzata per accompagnare tutto il pasto, accanto a sapori corposi. Il Serrapetrona doc, vino fermo, è ottimo con salumi e antipasti in genere, primi piatti saporiti, carni rosse, al forno e alla griglia, formaggi stagionati. A legare questa varietà, i sentori speziati e minerali tipici del vitigno.

 

Nelle due domeniche di Appassimenti aperti i visitatori potranno godere anche di un paesaggio d’incanto, dipinto dalle calde cromie autunnali, e conoscere un territorio ricco di risorse naturalistiche e culturali. Da visitare a Serrapetrona Palazzo Claudi, la Chiesa di San Francesco che conserva capolavori come lo splendido Polittico di Lorenzo d'Alessandro e la Chiesa di Santa Maria di Piazza, riaperta lo scorso anno dopo il sisma e tornata a vivere come deposito attrezzato per le opere d’arte provenienti dai luoghi della cultura inagibili.

 

Appassimenti aperti 

Domenica 10 e domenica 17 novembre 2019

Serrapetrona (Macerata)

web: www.appassimentiaperti.it

facebook: Appassimenti aperti

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

tel: 0733.908321 (Comune di Serrapetrona)

 

Letizia Larici

25 ANNI DI PRIMA DEL TORCOLATO

 

 

 

Domenica 19 gennaio 2020 torna la cerimonia di spremitura pubblica del Primo Torcolato DOC Breganze con taglio della torta in piazza. Fruttaio Tour nelle cantine. 

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la D.O.C. Breganze celebrerà nella piazza principale del paese la XXVª edizione della Prima del Torcolato. Un traguardo importante, quello dei venticinque anni, per la festa che le cantine del Consorzio dedicano al loro vino più famoso e rappresentativo fin dal 1996. Per festeggiare questo anniversario, al termine della spremitura del Torcolato, ci sarà il taglio di una torta speciale, un grande panettone al Torcolato.

 

Come vuole la tradizione, la torchiatura dei primi grappoli appassiti di uva Vespaiola, conferiti da tutte le cantine del Consorzio, si svolgerà sotto la sovrintendenza della Magnifica Fraglia del Torcolato. La cerimonia sarà anticipata dall’investitura dei nuovi confratelli della Fraglia e dalla nomina dell’Ambasciatore del Torcolato nel mondo 2020. 
Nel corso della giornata si terrà inoltre il Fruttaio tour: vedi dove e come nasce il Torcolato, grazie al quale il pubblico potrà scoprire le aziende della D.O.C Breganze con visite guidate e degustazioni, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 17:00 alle 19:00. Sarà inoltre possibile salire sul campanile della città, tra i più alti d’Italia, e visitare la mostra-mercato dei prodotti tipici della Strada del Torcolato e dei Vini di Breganze a cura dell’Associazione Pedemontana Vicentina.

 

Il Torcolato è un vino dolce che si ottiene dai grappoli di uva Vespaiola, varietà autoctona di Breganze, che vengono vendemmiati perfettamente maturi, selezionati e messi ad appassire in ambienti arieggiati. Qui vengono lasciati fino al gennaio successivo quando, raggiunta un’elevata dolcezza, vengono torchiati. Dopo un lenta fermentazione il vino riposa anche per più di due anni o almeno fino al 31 dicembre dell’anno successivo alla vendemmia prima di essere imbottigliato e immesso sul mercato.

Per info: www.breganzedoc.it 

 

PRIMA DEL TORCOLATO IN BREVE: 

Quando: domenica 19 gennaio 2020

Dove: Piazza Mazzini – Breganze (VI)

Orario Fruttaio Tour: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00

Orario Cerimonia: dalle ore 14.30

Parcheggio: gratuito  

 

Anna Sperotto 

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica