NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Attività AIS

ALBA VITÆ: UN VINO ESCLUSIVO PER I DIECI ANNI DEL PROGETTO SOLIDALE DI AIS VENETO

 

Disponibili sull’e-commerce di AIS Veneto 700 magnum di Lavica 2017, realizzato espressamente per l’occasione dall’azienda Dal Maso. Il ricavato andrà a Vicenza for Children.

 

L’Associazione Italiana Sommelier del Veneto ha presentato Lavica 2017, il nuovo vino creato dall’azienda Dal Maso di Montebello Vicentino (VI) per celebrare il decennale di Alba Vitæ. L’iniziativa benefica, nata nel 2011, propone ogni anno un vino d’eccellenza dell’enologia veneta in edizione limitata, che viene messo in vendita per raccogliere fondi a sostegno di progetti solidali. 

Di Lavica 2017 saranno disponibili solamente 700 bottiglie in formato magnum, acquistabili nello shop online di AIS Veneto, e il ricavato delle vendite andrà a Vicenza For Children.

“Per la prima volta in dieci anni il vino di Alba Vitæ sarà realizzato appositamente e unicamente per l’occasione – spiega Marco Aldegheri, Presidente di AIS Veneto – e ci sembrava un bel simbolo per festeggiare questo importante compleanno, che cade in un anno così difficile. Un vino nuovo, frutto di un lavoro che continua e simbolo di speranza che si rinnova, gli stessi valori che condividiamo con l’associazione Vicenza For Children, che ogni giorno garantisce supporto emotivo ed economico ai piccoli pazienti e alle loro famiglie”.

Lavica 2017 è un Veneto Rosso IGT che racchiude la potenza e la ricchezza del territorio della DOC Colli Berici, che si caratterizza per suoli argillosi, calcarei e basaltici particolarmente vocati alla coltivazione di uve a bacca rossa. Si tratta a tutti gli effetti di un vino dal “taglio berico”: la base è tai rosso, vitigno simbolo della zona, con l’aggiunta di merlot e cabernet sauvignon prima di un invecchiamento di 16 mesi in barrique di rovere francese. 

I fondi ricavati dalla vendita delle bottiglie saranno consegnati a Vicenza For Children per l’acquisto di un cisto-uretro-fibroscopio pediatrico. L’associazione, grazie alla collaborazione con la Direzione sanitaria dell’Ospedale San Bortolo e la condivisione di intenti con la Fondazione San Bortolo Onlus, ha rinnovato in poco più di un anno il Day Hospital Oncoematologico di Vicenza, realizzato a misura di bambino e in grado di permettere ai piccoli pazienti di seguire le terapie in un luogo protetto e accanto alle loro famiglie.

Le magnum in edizione limitata di Lavica 2017 sono acquistabili al costo simbolico di 55 euro all’interno dello shop online store.aisveneto.it

 

 

Carlotta Flores Faccio

ECCELLENZA DI TOSCANA, PROVA DI FIDUCIA NEL FUTURO

Il mondo dei produttori e delle associazioni plaude all’iniziativa di Ais Toscana, che mira a ricostruire con il primo evento aperto al pubblico del post Covid la strategica rete di relazioni tra imprese, sommelier, ristoratori e winelovers

 

Coraggio, strategia, tenacia, perseveranza e audacia le parole chiave che AIS Toscana ha scelto di mettere insieme per raccontare la propria fiducia nel futuro ed in particolare nella prossima edizione dell’Eccellenza di Toscana, la manifestazione in programma il 5 e 6 dicembre prossimi alla Stazione Leopolda di Firenze. Se ne è parlato ieri pomeriggio in una tavola rotonda “online” sul canale Facebook dell’associazione, insieme ai partners che saranno al fianco di AIS Toscana in questa avventura. Cinque interventi, ciascuno ispirato da uno dei cinque elementi che imprescindibilmente si concatenano affinché quella fiducia nel futuro possa trasformarsi nella concreta riuscita di un evento alla cui base c’è una grande prova di coraggio.

Quella di AIS Toscana di ritornare alle origini, riportando alla Stazione Leopolda un evento dedicato esclusivamente al mondo del vino, a cui hanno risposto positivamente tanto le Istituzioni quanto il mondo delle associazioni di rappresentanza. A condividere questo ambizioso progetto sono infatti la Regione Toscana in primis con la Direzione Agricoltura e Sviluppo Rurale e la Camera di Commercio di Firenze come partner istituzionali, mentre ci sarà Confartigianato Firenze a rappresentare il mondo delle imprese artigiane.

 

“Quello che stiamo compiendo con l’Eccellenza di Toscana – ha spiegato il Presidente di AIS Toscana Cristiano Cini – è un gesto di coraggio verso i produttori e verso chi muove il valore economico della nostra Regione. Coraggio di organizzare il primo grande evento ufficiale del mondo del vino nel centro Italia dopo l’emergenza Covid, per far tornare produttori, pubblico e la rete di partner storici dell’associazione. Vogliamo contribuire alla ricostruzione di questa comunità di relazioni, in cui AIS Toscana ha avuto da sempre un ruolo determinante. Siamo 4.100 soci, la realtà italiana di AIS tra le più numerose, quasi il 10% dei 43.000 a livello nazionale e questo conferma che abbiamo una buona struttura a sostegno di un progetto così importante. Vogliamo esserci – ha aggiunto Cini – per testimoniare l’importanza di investire sul futuro che deve tornare ad essere roseo il più velocemente possibile. I produttori hanno voglia di tornare a raccontare quello che fanno in vigna ed in cantina – ha concluso – e l’Eccellenza di Toscana sarà la prima grande occasione per tornare a parlare di vino, nel pieno rispetto delle regole anti Covid”.

L’impegno a fare della manifestazione di AIS Toscana un evento in totale sicurezza è stato ribadito anche dalla Responsabile Commerciale della Stazione Leopolda Giulia Lemme, che ispirandosi al concetto di tenacia ha assicurato che “i protocolli di sicurezza sviluppati per gli eventi in questo spazio hanno come obiettivo principale quello di evitare assembramenti ed è con la garanzia di offrire un servizio nella massima sicurezza possibile che confermiamo il nostro piacere ad ospitare nuovamente AIS e l’Eccellenza di Toscana”.

 

Il momento è delicato e in un contesto così variabile nel giro di poco tempo uno degli asset fondamentali da perseguire è l’adozione di una strategia che permetta di tenere comunque accesi i riflettori sulle grandi eccellenze gastronomiche della Toscana. “I nostri prodotti– ha spiegato il Segretario Generale della Camera di Commercio di Firenze Giuseppe Salvini – sono diventati un fenomeno economico importante: 58 denominazioni che sono uno straordinario strumento di marketing, capace di attrarre insieme al nostro patrimonio artistico milioni di turisti ogni anno. I sommelier di AIS Toscana – ha aggiunto – sono straordinari ambasciatori della toscanità nel mondo e questo è già un buon motivo per sostenerli nella coraggiosa scelta che hanno compiuto. Sono sicuro che la presenza fisica di tanti degustatori alla fine premierà questo coraggio”.

 

Insieme al coraggio, alla tenacia e ad una buona strategia, un altro ingrediente fondamentale per costruire un clima di fiducia nel futuro è senz’altro la perseveranza. “Quella del fare squadra, che oggi più che mai si rivela fondamentale – ha sottolineato il Presidente di Confartigianato Firenze Alessandro Sorani – nella nostra identità artigianato e vino viaggiano in parallelo, ci connotano come territorio e sono espressione di una bellezza rara. Saremo presenti anche noi all’Eccellenza di Toscana con una tipologia di artigianato particolare: il cibo da strada, una tradizione culinaria che persevera sulla tavola dei toscani da secoli e, contestualmente, si profila come espressione di contemporaneità”.In tutto questo, non può mancare quel pizzico d’audacia conferita dai produttori, oggi più che mai interessati a ristabilire un contatto diretto con il pubblico dopo il distanziamento forzato. “Questo tipo di manifestazioni ci aiutano – è intervenuto Maurizio Mazzantini dell’Azienda Marzocco di Poppiano - perché valorizzano le eccellenze del territorio e siamo onorati di poter dare il nostro contributo. L’annata non è stata facile ma è proprio in questi contesti che si misura l’audacia: facendo investimenti in un periodo di flessione per potersi trovare, nel momento della ripresa, più avanti degli altri. Questo significa crederci”.

 

 

Marte Comunicazione snc di Morganti e Tempestini

UN PENSIERO PER L’ITALIA DA PARTE DEI SOMMELIER GIAPPONESI

 

Club AIS Japan promuove una raccolta di fondi a favore dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma

 

LA CULTURA DEL VINO IN ORIENTE. L’Associazione Italiana Sommelier ha formato numerosi Sommelier stranieri nel corso della propria storia. Molti di questi, una volta ritornati nella loro nazione di origine, hanno proseguito con entusiasmo la divulgazione della cultura del vino. Così è avvenuto con diversi Sommelier giapponesi e oggi l’AIS può vantare nel Paese del Sol Levante ben quattro presidi didattici: Tokyo, Fukuoka, Osaka e Nagoya.

IL GIAPPONE SOLIDALE. Il coordinatore del Club AIS Japan Vincenzo Andreacchio, insieme alla sua squadra di lavoro, ha promosso un’iniziativa per esprimere la vicinanza degli italiani residenti in Giappone e dei professionisti nipponici nei confronti di in chi Italia sta soffrendo a causa dell’emergenza sanitaria che ha sconvolto il pianeta. Quest’anno la festività della Pasqua non avrà lo stesso sapore e allora i colleghi orientali hanno pensato a un condimento speciale: l’olio extravergine di oliva italiano sarà distribuito insieme a un ramoscello d’ulivo con la richiesta di un’offerta libera a favore dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

 

L’IMPEGNO DI MOLTE REALTÀ. Domenica 12 aprile a partire dalle ore 9.00 (ora locale) presso まごころ市 Magokoro-Ichi a Kyoto avrà luogo la distribuzione di bottiglie di olio extravergine di oliva italiano. L’impegno del Club AIS Japan è stato sostenuto da differenti aziende e realtà culturali: Associazione Culturale Italia-Giappone, Amanohashidate Olive, Italiana Co Ltd, Accademia dell’Olio, Accademia dei Vini, Rotella Oli, Frantoio Hermes, Olio di Nonno Adamo, Arte in Olivo. L’iniziativa ha ricevuto il Patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura di Osaka e del Ministero degli Esteri. Grazie all’impegno di molti una delle eccellenze nostrane all’estero, l’olio extravergine d’oliva, può fare il bene dell’Italia soprattutto in questo momento.

 

Ufficio Stampa Associazione Italiana Sommelier Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.aisitalia.it

CON AIS LA DEGUSTAZIONE SI FA SOCIAL

 Il distanziamento sociale non ferma l’attività dell’Associazione Italiana Sommelier:

il vino si degusta su Facebook e Youtube con campioni e relatori professionisti

 

DEGUSTARE SUI SOCIAL. Le necessarie misure che hanno stabilito l’isolamento degli italiani non impediscono agli appassionati di vino di bere un bicchiere in casa propria, meglio ancora se a trattare di Bolgheri, Etna o Barolo ci sono i campioni e i relatori della più grande associazione di sommelier del mondo. Così, con tre video-degustazioni alla settimana, pubblicate sulla propria pagina Facebook, sul canale Youtube e sul sito ufficiale, l’Associazione Italiana Sommelier ha deciso di rimanere accanto ai propri soci, e di coinvolgere tutti i wine lovers della rete, raccontando le grandi denominazioni del Paese. 

 

CAMPIONI E RELATORI. Protagonisti dei video i vincitori del concorso come ''Miglior Sommelier d’Italia'', e i relatori dell’Associazione, che si sono prontamente messi a disposizione dai propri schermi. Così, per fare qualche esempio, Nicola Bonera, già campione del 2010, tratterà di Franciacorta e Valtènesi; Valentino Tesi, campione in carica, le variegate zone del Chianti Classico; Eugenio Tropeano, presidente di AIS Basilicata, le sfumature dell’ Aglianico del Vulture. Assieme a loro, tanti altri sommelier professionisti, incluso il presidente nazionale Antonello Maietta, pronto a parlare di uno dei vini dolci più apprezzati del mondo: il ligure Sciacchetrà. 

Antonello Maietta

LA DISTANZA NON CI DIVIDE. ''Abbiamo coniato un hashtag significativo per il nostro progetto: #ladistanzanoncidivide'' – ha dichiarato il presidente nazionale Maietta – ''perché la distanza non ci divide dal sodalizio con i nostri soci e con tutti gli amanti del vino. Per un periodo non potremo vederci nelle aule e agli eventi, ma la nostra attività di formazione non si ferma: ci vedremo comunque attraverso i canali della comunicazione AIS. I migliori sommelier d’Italia, i nostri docenti, sono felicissimi di poter condividere argomenti che stanno loro particolarmente a cuore e del quale sono profondamente a conoscenza''.   

 

NON SOLO DEGUSTAZIONI. Le possibilità offerte dalla rete non si fermano alle degustazioni, e si estendono a quelle dell’ordinaria gestione associativa. Sull’apposita piattaforma didattica, AIS Educational, sono già a disposizione i questionari di autovalutazione relativi al primo e al secondo livello del corso, per tutti i soci desiderosi di ripassare e tenersi in allenamento in attesa di completare il proprio cammino per diventare sommelier. Intanto, adeguando le proprie procedure all'emergenza coronavirus, per la prima volta nella storia di AIS, i membri del Consiglio Nazionale hanno potuto riunirsi tramite videoconferenza, lavorando dallo schermo di casa propria per portare avanti i progetti in corso.

 

UfficioStampa Associazione Italiana Sommelier
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.aisitalia.it

MARTEDÌ “GRASSO” DI PREMI PER I SOMMELIER DI AIS TOSCANA

Un tris di successi a livello italiano: dopo la conferma del titolo di Master del Chianti Classico a Daniele Pallavisini, Massimo Tortora vince il 12° Gran Premio del Sagrantino e Davide D’Alterio il 17° Master del Sangiovese nella stessa giornata

 

Una settimana intensa di successi e soddisfazioni per l’AIS Toscana. Un tris di successi a livello italiano, infatti dopo aver mantenuto nel Granducato la scorsa settimana il titolo di Master del Chianti Classico con Daniele Palavisini, sono arrivate altre due importanti affermazioni per i sommelier toscani. Il fiorentino Davide D’Alterio ha vinto il Master del Sangiovese 2020, diciassettesima edizione del Trofeo Consorzio Vini di Romagna che si è tenuto a Faenza nell’ambito di Vini ad Arte. Una entusiasmante prova finale per il sommelier toscano, che ha preceduto sul podio la parmense Maura Gigatti seconda e due romagnoli – il faentino Riccardo Ravaioli ed il ravennate Marco Saiani – che si sono piazzati terzi a pari merito.

 

 

La giuria che ha incoronato D’Alterio, vincitore altresì del titolo di Miglior Sommelier della Toscana nel 2017, ha premiato il miglior professionista degustatore con prove scritte ed orali e soprattutto una performance sul vitigno per eccellenza dell’enologia italiana che si è incentrata su una degustazione alla cieca di un vino della denominazione Romagna Sangiovese con relative domande da parte del Presidente di giuria, accoglienza in lingua straniera della clientela e servizio del vino al tavolo, con decantazione, prova pratica di abbinamento cibo/vino ed una prova di comunicazione  su personaggi, etichette e sottozone.

 

 

“Un grazie ai nostri sommelier – commenta il Presidente di AIS Toscana, Cristiano Cini – che ci hanno permesso ancora una volta di gioire e condividere una immensa soddisfazioneGrande preparazione e una ferrea motivazione sono i due elementi che concorso dopo concorso ci permettono di esultare per un nostro corregionale sul podio. La Scuola Concorsi di AIS Toscana è una delle migliori in Italia ed unitamente all’impegno che ogni sommelier profonde nello studio, togliendo a volte tempo al lavoro ed alla famiglia, sono la combinazione perfetta”.Una soddisfazione dopo l’altra: quasi in contemporanea all’affermazione di D’Alterio è arrivata quella prodotta dal livornese Massimo Tortora che ha trionfato nel Gran Premio Sagrantino 2020, piazzandosi davanti al cesenate Gilles Degboe Coffi secondo ed Antonio Riontino dalla Puglia terzo. La competizione, giunta alla dodicesima edizione e dedicata al prestigioso vitigno rosso umbro, si è svolta durante l’Anteprima Sagrantino organizzata dal Consorzio Tutela Vini Montefalco e nella prova finale ha messo a confronto i concorrenti con la degustazione di tre vini alla cieca con base Sagrantino, una prova di abbinamento cibo/vino, una prova di servizio ed una di comunicazione. Al vincitore, una borsa di studio finalizzata alla conoscenza e allo sviluppo del Montefalco Sagrantino.

 

 

Marte Comunicazione snc di Morganti e Tempestini 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ph 3356130800

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ph 3398655400

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.aistoscana.it

2023 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica