NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

FIPE

CON BOTTURA E SADLER L'AMBROGINO D'ORO 2018 DIVENTA "BUONGUSTAIO"

FIPE: " UN RICONOSCIMENTO A TUTTA LA RISTORAZIONE ITALIANA" 

Una scelta, è proprio il caso di dirlo, di ottimo gusto. Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi saluta con orgoglio l'assegnazione dell'Ambrogino D'Oro 2018, la massima onorificenza milanese e riconoscimento di fama nazionale, a due assoluti protagonisti della cucina del Belpaese, Massimo Bottura e Claudio Sadler.

"Siamo particolarmente felici per la scelta di rendere merito a Claudio Sadler, per la sua capacità di rivisitare e innovare la cucina meneghina nel rispetto della tradizione, mantenendo vivo l'esempio del maestro Gualtiero Marchesi - commenta Lino Enrico Stoppani, Presidente di Fipe -. Un importante riconoscimento a più di trent'anni di lavoro fatto di talento, passione e competenza, che partendo da Milano dà lustro a tutto il mondo della cucina italiana e costituisce un modello di ispirazione per tutti i professionisti del nostro settore". 

Fipe plaude inoltre all'assegnazione dell'Ambrogino d'Oro a Massimo Bottura: "Un ulteriore, autorevole riconoscimento che segue di pochi mesi la conferma delle tre stelle Michelin - prosegue Stoppani -, a testimonianza della sua abilità nel valorizzare, anche da un punto di vista etico e di sostenibilità, le materie prime e il territorio. Uno straordinario talento, un esempio per noi tutti e le nostre imprese, per incrementare un'attenzione sempre più condivisa sui temi dello spreco alimentare".  

Greta di Fiore  

BAR E RISTORANTI A ROMA, UN "CAPITALE" PER LA CITTÀ: I NUOVI DATI FIPE

 

 

 

In occasione dell'Assemblea annuale, Fipe Roma ha delineato l'attuale scenario delle imprese della ristorazione capitolina: sono attive più di 22mila realtà tra bar, ristoranti e stabilimenti balneari, il 7% del totale in Italia.

Oltre 100mila gli addetti, giovani e in prevalenza uomini, assunti per lo più con contratto a tempo indeterminato. Sopra la media nazionale la quota di lavoratori stranieri.

Il 60% circa del valore aggiunto della filiera agroalimentare regionale proviene dalla ristorazione: più del doppio del valore generato dall’agricoltura e quattro volte quello generato dall’industria alimentare

 

Un settore che si conferma di primaria importanza per il turismo e per l'economia della Capitale d'Italia. L'Assemblea annuale di Fipe Roma appena conclusa è stata l'occasione per fare il punto sullo stato di salute delle imprese di ristorazione e intrattenimento in città, e più in generale nel Lazio, alla presenza di Carlo Cafarotti, Assessore allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale; Enrica Onorati, Assessore Agricoltura Regione Lazio e di Nerina Di Nunzio, Direttore IED e Food Confidential Founder che ha moderato una tavola rotonda tra ospiti d’eccezione, tra cui Giancarlo Deidda, Commissario Fipe Roma.

"I numeri confermano un trend positivo - è il commento di Giancarlo Deidda, Commissario Fipe Roma - Sotto il profilo dell'occupazione il nostro settore si conferma tra i pochi in grado di creare e alimentare nuovi posti di lavoro. Un'altra importante evidenza è che, anche in riferimento al territorio laziale e in linea con i dati nazionali, restiamo la componente principale della filiera agroalimentare nella creazione di valore e di occupazione".

 

Entrando nello specifico dei dati, nel territorio di Roma Capitale si riscontra la presenza di oltre 22mila imprese tra bar, ristoranti e stabilimenti balneari (il 7% del totale in Italia), suddivise in attività di ristorazione con somministrazione (38,2%), bar e altri esercizi simili senza cucina (38,3%), ristorazione senza somministrazione (12,4%), gelaterie e pasticcerie (4,1%), ristorazione ambulante e gelaterie ambulanti (0,2%), fornitura di pasti preparati (1,6%), mense (3,0%). Per quanto concerne le attività ricreative e di divertimento si segnalano discoteche, sale da ballo, night club e simili (0,4%), gestione di stabilimenti balneari (1,1%), sale da giochi e biliardi (0,7%). Tra queste imprese la maggioranza è rappresentata da società di capitali (45,0%), seguite per numero da imprese indiv iduali (37,0%) e società di persone (17,7%).  

Anche grazie a tutte queste realtà, nella regione Lazio circa il 60% del valore aggiunto della filiera agroalimentare viene dal settore della ristorazione: più del doppio del valore generato dall’agricoltura (26,6%) e quattro volte quello generato dall’industria alimentare (15,8%).

 

Nel 92% delle imprese di pubblico esercizio della città metropolitana di Roma ci sono tra 1 e 9 addetti, questo si traduce in oltre 100mila addetti occupati nel settore. Di questi oltre 68.000 sono dipendenti: impiegati per la maggior parte in ristoranti (55,6%,) o bar (27,1%). Di questi lavoratori dipendenti la maggior parte è assunta con con contratto a tempo indeterminato (82,9%). Sono per lo più giovani di età compresa tra i 20 e i 30 anni (32,7%), seguiti da colleghi tra i 30 e i 40 anni (24,7%). La prevalenza degli addetti nel settore è di sesso maschile (59,8%) e,altro aspetto interessante dal punto di vista demografico, nella capitale la quota di lavoratori stranieri (34,6%) supera la media nazionale.

Un dato che però deve far riflettere il settore dei pubblici esercizi di Roma Capitale è quello del turnover imprenditoriale, che rispecchia la media nazionale: nel 2017 hanno avviato l'attività oltre 600 imprese tra bar e ristoranti, mentre circa 1.500 l'hanno cessata. 

 

Greta di Fiore 

GLI ITALIANI E IL CIBO, I DATI FIPE

 

 

 

 

POCO TEMPO PER CUCINARE, MA A CASA O AL RISTORANTE VINCONO PASSIONE, SALUTE E TRADIZIONE

 

La Federazione Italiana Pubblici Esercizi ha dedicato quest'anno la propria Assemblea Nazionale al mondo del food e delle sue eccellenze, parte integrante della cultura e della tradizione del nostro Paese. 

In questa occasione Fipe ha presentato una nuova ricerca che svela lo stretto rapporto tra italiani e cibo: il 53% dichiara di cucinare a cena tutti i giorni ma vorrebbe poter avere più tempo. Il 75% possiede ricette o piatti tradizionali tramandati di generazione in generazione. 

 

Si cucina e si mangia sempre più in fretta: gli italiani dedicano mediamente 37 minuti al giorno per cucinare in casa e si siedono a tavola per circa mezz’ora. 

I ristoranti sono considerati un importante strumento di salvaguardia dell'identità culturale e alimentare per l'83,5% degli intervistati. 

Sempre questa mattina Fipe ha inaugurato presso la propria sede la rassegna fotografica tra cibo e cinema "Ciak, si gusta!", aperta fino al 15 dicembre. 

 

 Deborah Moleri

 

“IL CIBO È CULTURA” STORIE DI CIBO E DI PUBBLICI ESERCIZI, L’ITALIA SI RACCONTA

Assemblea Nazionale Fipe

Giovedì 15 novembre 2018

Ore 10.30

Sala Orlando 

Piazza G.G. Belli, 2

Roma

Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi dedica quest'anno la propria Assemblea Nazionale alle eccellenze culinarie Italiane che fanno parte della cultura e della tradizione del nostro Paese e di tutti gli italiani.

 

Nel corso del dibattito a più voci che caratterizzerà la giornata saranno presentati dati inediti sul rapporto degli italiani con il cibo. Il cibo, in tutte le sue sfaccettature, sarà quindi il tema cardine dell’Assemblea che si aprirà con l’intervento di Lino Enrico Stoppani, Presidente Fipe mentre a Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche Agricole e del Turismo, saranno affidate le conclusioni. In mezzo una bella tavola rotonda con la partecipazione, tra gli altri, di Philippe Daverio e Angela Frenda.

 

La stessa giornata sarà la cornice dell’inaugurazione della mostra “Ciak si gusta! Le eccellenze italiane: spaghetti pizza, gelato ed espresso, i preferiti delle celebrità di tutto il mondo”. Una raccolta di 32 scatti fotografici che legano il mondo del cinema a quello del cibo all’italiana.

 

Un'occasione per scoprire il vero ruolo dei pubblici esercizi: molto più di semplici bar, pizzerie, locali, ma luoghi – spesso del cuore - dove gli italiani si ritrovano e dove le loro migliori abitudini trovano forma. Vere e proprie eccellenze del Belpaese fatte prima di tutto di persone; ognuno con una storia diversa da raccontare, come nei migliori cinema.

 

 Deborah Moleri 

CHIUSURA ALLE 21 PER I MARKET ETNICI

 

 

FIPE: "BENE L'IMPEGNO CONTRO I MINIMARKET CHE VENDONO ALCOL AD OGNI ORA DELLA NOTTE MA SENZA GUARDARE ALL’ETNIA DEL GESTORE"

 

"Quella contro la mala movida deve essere un'azione condotta su molteplici fronti per preservare la sicurezza e il decoro delle nostre città. Come Fipe abbiamo più volte ribadito che la deregulation degli orari di apertura dei negozi sta favorendo l’abuso nel consumo di alcol e conseguenze sul piano della sicurezza, del decoro urbano e, più in generale, della qualità della vita dei cittadini. Ben vengano quindi provvedimenti che mettano un freno alla vendita indiscriminata ad ogni ora della notte di bevande alcoliche da parte dei minimarket ma senza derive discriminatorie che, al contrario, farebbero solo il gioco degli abusivi".

Questo il commento di Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi alla notizia dell'annuncio da parte del Ministro dell'Interno Salvini relativo ad una prossima chiusura dei market etnici entro le ore 21. 

Ufficio Stampa FIPE

Deborah Moleri, 3929020133 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

2018 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica