NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Fiere agroalimentari

GIANPIETRO SARTORI E' L'ARTISTA DEL PANINO 2018

 

 

 

L'Artista del panino 2018 è...

il barista veneto Gianpietro Sartori 

di Marostica !

 

La premiazione si è svolta al Sigep di Rimini. L'iniziativa si deve ad Agritech, storico marchio oggi di proprietà del gruppo belga Vandemoortele. La ricetta vincitrice utilizza il Black&White Gourmy Burger  e  si ispira alla tipica colazione dei contadini veneti di un tempo, a base di pane, frutta secca e salumi, 

rivisitata in chiave gourmet.

 

www.vandemoortele.com

 

E' Gianpietro Sartori l' Artista del Panino 2018 #farciscilotu il concorso promosso da Agritech, marchio del Gruppo belga Vandemoortele leader del frozen bakery,  in collaborazione con la rivista Bargiornale.

Nel mondo della ristorazione da quando aveva 18 anni, Gianpietro che oggi ne ha 48, è titolare del bar di famiglia “Caffè Roma” a Marostica, in provincia di Vicenza (Veneto), comune di quasi 13.976 abitanti noto in tutto il mondo per la celeberrima partita a scacchi con personaggi viventi che si svolge da quasi un secolo nella storica Piazza Castello.

La proclamazione, avvenuta martedì 24 Gennaio allo stand Vandemoortele Italia durante il Sigep di Rimini, ha visto sul podio anche due finalisti toscani: Elisa Varvarito della Caffetteria del Museo del Palazzo Vecchio a Firenze, classificata al secondo posto con una ricetta vegana, e Andrea Mainolfi della gastronomia “Morso-Dispensa Alimentare” di Campi Bisenzio (FI), con un panino a base di marlin affumicato.

I 10 finalisti si sono sfidati nel preparare il proprio panino in un tempo massimo di 15 minuti su un tema a scelta tra 'tradizionale regionale', 'dal mondo' e 'veg'; dopodichè una giuria  composta da Chef Rubio, Moreno Cedroni, 2 stelle Michelin,Sonia Peronaci, fondatrice del sito di cucina Giallozafferano e, la  special guest Alice Balossi (idolcidialice.com),ha selezionato  i migliori in merito a gusto, originalità e presentazione.

Ha presentato la sfida  Valentina Scarnecchia , food blogger nota per aver partecipato ai programmi tv record di ascolti "La terra dei cuochi" e  "Cuochi e fiamme"

 

In omaggio ai sapori della sua terra, Sartori ha proposto per la categoria' tradizionale regionale' una ricetta ispirata alla tipica colazione dei contadini veneti di un tempo a base di pane, frutta secca e salumi, rivisitata in chiave gourmet: il risultato è stato un sapiente connubio fra folclore e originalità in un riuscita armonia di ingredienti che ha conquistato la giuria e sbaragliato la concorrenza.

Un risultato che dimostra la qualità dei prodotti Vandemoortele, impegnata nel continuo affinamento delle referenze ai gusti locali, alle tradizioni  e alle abitudini dei consumatori italiani.

 “Ho realizzato il sandwich con  il Black&White Gourmy Burger di Vandemoortele, pane di segale dall’impasto soffice e briosciato adatto alle preparazioni agrodolci”- spiega il nuovo Artista del panino-. “Per la farcitura ho accostato alla Sopressa vicentina dop un gustoso salume fatto con le parti nobili del maiale, una frittata a base di fichi secchi, crema di robiola e qualche goccia di grappa delle nostre parti,  bevanda con cui i contadini erano soliti accompagnare il pasto”.

Sartori ha presentato il suo panino alla giuria su un particolarissimo vassoio a forma di paletta: un monito a non sprecare mai il cibo poiché anche con gli ingredienti più semplici si possono creare piatti buoni e genuini.

“Sono molto soddisfatto di questo traguardo e davvero orgoglioso di  aver tenuto alta la bandiera della mia Regione in una gara così importante - conclude il barista vicentino -. Chissà che, grazie a questa vittoria, non riesca a realizzare il mio sogno: aprire un ristorante italiano in una delle città che amo di più al mondo: la capitale di Cuba L'Avana” .

Per il momento fra le sue mete c’è sicuramente l’Africa: Gianpietro Sartori si è aggiudicato quale primo premio un viaggio in Kenya dal valore di €3000 per 2 persone.

 

www.vandemoortele.com

Vandemoortele Italia è la società italiana del gruppo belga operante in Europa nel settore frozen bakery, margarine, olii e grassi da cucina.  presente in 17 Paesi europei,  con 5.200 dipendenti e un catalogo prodotti ricco di oltre 4.500 referenze. Fanno capo alla filiale italiana gli storici marchi Lanterna e Agritech, per i prodotti di panificazione, e Banquet d’Or e The Originals per la croissanteria e i prodotti americani (donuts e muffin).Settori di destinazione delle referenze grande distribuzione, dove Vandemoortele è tra i leader di mercato, e Food Service (il fuori casa), dove si concentrano le maggiori potenzialità di crescita. La sede centrale di Vandemoortele Italia è a Genova, l’ufficio commerciale delle margarine a Milano e una sede produttiva è a Ravenna. Nel capoluogo ligure è attivo anche lo stabilimento delle storiche focacce marchiate Lanterna. Per supportare il consolidamento in Italia, dal 2016 Vandemoortele ha rafforzato l’ufficio marketing, in termini di risorse umane e servizi forniti, mentre la ricerca e sviluppo è sempre di più funzione fondamentale per consentire all’azienda di guidare il mercato del frozen bakery, dando le indicazioni per il progressivo puntuale adeguamento delle referenze ai gusti, alle tradizioni locali e ai trend dei consumatori italiani.Innovazione e ricerca sono nel DNA della compagnia che nacque in Belgio ben oltre un secolo fa contribuendo a creare il mercato, e che è entrato in Italia assorbendo marchi come Agritech, prima azienda a produrre il pane surgelato in questo Paese.  

 

 

Lucilla Denti

SIRHA 2019

 

Il Brasile assapora il successo al SIRHA 2019

In soli cinque giorni gli espositori brasiliani di SIRHA si sono assicurati ordini
per un valore di circa 4,5 milioni di dollari USA per i prossimi 12 mesi


Apex-Brasil, l’Agenzia Governativa Brasiliana per la Promozione del Commercio e degli Investimenti, sta oggi gustando il successo della sua prima partecipazione a SIRHA. La delegazione brasiliana al SIRHA ritorna nel Paese dopo cinque giorni di grandi successi, in cui ha riscosso ordini anticipati per circa 4,5 milioni di dollari per i prossimi 12 mesi. 

Mentre il team brasiliano era impegnato a competere al Bocuse d'Or, le dieci aziende presenti nel padiglione brasiliano di 72m² (100% Amazzonia; Da Terrinha; Engenho São Miguel; Frutamil; Millen Internacional; Newco Functional Products; Petruz Açaí; Sakura; Soulbrasil Cuisine, e Vapza Alimentos SA) hanno presentato a centinaia di ospiti prodotti e ingredienti brasiliani unici e innovativi, coinvolgendo un pubblico internazionale di clienti e potenziali dei settori catering, hôtellerie e ristorazione.

Di grande impatto è stato il supporto del team degli chef, le cui esibizioni giornaliere di showcooking hanno contribuito a rendere il padiglione brasiliano il più attraente e popolare dell'intera fiera. Gli chef – tra i quali Thomas Troisgros, Giovanna Grossi e Luciana Berry – si sono cimentati in deliziosi piatti e cocktail innovativi, basati sui sapori e sulle tradizioni brasiliane, dimostrando al pubblico internazionale in che modo possono essere utilizzati gli ingredienti e i prodotti presentati e commercializzati nel padiglione.  

Commentando il successo del Brasile, Camila Torres Meyer, analista del  commercio internazionale di Apex-Brasil, ha affermato:“Siamo molto soddisfatti dei risultati conseguiti con la nostra prima partecipazione a SIRHA. Ci siamo assicurati, in soli cinque giorni della fiera, un anticipo di ordini per il valore di 4,5 milioni di dollari USA per i prossimi 12 mesi, un risultato decisamente sorprendente, sui cui faremo leva per portare i nostri prodotti così unici e le nostre offerte alla prossima fiera Biofach in Germania e in altre sedi internazionali. A SIRHA abbiamo presentato al pubblico internazionale i prodotti della nostra terra e, come dimostrano i dati, non appena il pubblico li conosce, vuole comprarli e utilizzarli”.

Apex-Brasil sarà presente al Biofach, la prima fiera a livello internazionale per i prodotti biologici, che si terrà dal 13 al 16 febbraio a Norimberga, in Germania.

 

 

 

Giulia Uberti - +39 02 83105.102 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MERCATO CONTADINO: LA POLENTA VA AL CINEMA

LA POLENTA VA AL CINEMA

EVENTO - DOMENICA 20 GENNAIO

 

MERCATO CONTADINO EUR TORRINO - A grande richiesta, continua il TOUR della POLENTA! Dopo il successo al Mercato Contadino Roma Capannelle e al Mercato Contadino di Ariccia, domenica 20 gennaio la Polenta Contadina farà tappa a Roma Eur Torrino allo Stardust Village sarà possibile seguire in diretta la preparazione della polenta a km0, girata con lo spino (un robusto ramo d’albero), come si faceva una volta, in un paiolo di rame...

 

MERCATO CONTADINO DI MARINO

EVENTO - SABATO 19 GENNAIO

 

MERCATO CONTADINO MARINO - A Marino, il Mercato Contadino da poco inaugurato si svolgerà, come ogni sabato, dalle 8,30 alle 13,30, nel piazzale esterno al Palaghiaccio, al km 19,900 della via Appia. Vin brulè offerto gratuitamente a tutti gli appassionati del buon cibo.

 

What's wrong with what we eat?

 

VIDEO

 

In questo discorso fiammeggiante e divertente, lo scrittore di cibo del New York Times Mark Bittman si sofferma su cosa c'è di sbagliato nel modo in cui mangiamo (troppa carne, troppe poche piante, troppo "fast food", troppo poca cucina a base di prodotti giusti e di cui conosciamo l'origine), e perché sta mettendo l'intero pianeta a rischio..

IL VIDEO E' IN INGLESE MA PUOI METTERE I SOTTOTIOLI IN ITALIANO

 

Tutti invitati a portare sempre con sé la sporta per ridurre i rifiuti!

Visita il nostro sito: www.mercatocontadino.org

 

SIGEP 2019

 
INVITO: domani 19 gennaio presentazione della quinta edizione della Notte Maestri del Lievito Madre al Sigep alle ore 11 presso la Hall Sud allo stand 002 ospiti di Italian Gourmet


Saranno presenti l'ideatore della Notte dei Maestri del Lievito Madre Claudio Gatti e i pastry chefMarco Avidano, Luigi Biasetto, Francesco Favorito, Stefano Gatti, Mauro Morandin.

Alla fine della presentazione vi faremo assaggiare il meglio dei lievitati dei Maestri. 

In allegato trovate anche tutti gli interventi dei Maestri in questi giorni di Sigep allo stand Agugiaro & Figna  PAD B5 STAND 030

Contatti ufficio stampa:
Camilla Rocca
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
3920531233

FORNO D'ASOLO AL SIGEP 2019: UNA GRANDE GALLERIA DI ECCELLENZE

 

Nuovo e grande  Stand  per un'offerta mai così ampia e diversificata: sono le carte vincenti dell'azienda di Maser protagonista al 40° Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria, Panificazione artigianali e Caffè, a Rimini

 

Forno d’Asolo - l’azienda, con sede a Maser (Tv), leader nella produzione e distribuzione di prodotti da forno e pasticceria surgelati, sia dolci che salati - si presenta in grande stile al prossimo Sigep, il 40° Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria, Panificazione artigianali e Caffè in programma alla Fiera di Rimini dal 19 al 23 gennaio 2019. 

Forno d'Asolo sarà infatti protagonista in un maxi-stand espressione perfetta per grandezza e composizione di una continua crescita aziendale che ha trovato importanti conferme anche nel 2018.

Anticipa l'AD di Forno d'AsoloAlessandro Angelon: «Al Sigep ci presentiamo in una veste completamente nuova, lanciando la nostra Galleria del Gusto». L'area avrà infatti proprio le sembianze di una galleria, che sarà dedicata alle eccellenze italiane, declinate secondo i dettami Forno d’Asolo: un vasto padiglione con passaggio centrale e stand a destra e a sinistra, dove l'azienda trevigiana proporrà la migliore espressione del bakery dolce e salato e della pasticceria tricolore. Perché questo è Forno d'Asolo: il meglio del meglio del settore, ma in versione surgelata, dunque accessibile a qualsiasi esercente.

 

Perché Forno d'Asolo va oltre la produzione e distribuzione di prodotti d'eccellenza: infatti al Sigep presenta varie proposte di format ristorativo a tutto tondo, soluzioni chiavi in mano che s'avvalgono del know how di FdA, a disposizione di partner-esercenti che siano interessati a rinnovare i propri locali.

È questo l’obiettivo di un padiglione così articolato.

Ci sarà spazio, dunque, per il bakery a tutto tondo di FdA, con l'infinito assortimento di dolci, snack e torte da forno; poi un'area La Donatella Premium, ossia il nuovo marchio (che ha da pochi mesi all'attivo un locale a Venezia), con il quale il gruppo ha lanciato la propria proposta di pasticceria d'altissima qualità. 

E ancora: la formula "classica" di La Donatella, studiata appositamente per ristoranti e hotel, con tante specialità della nostra storia, a iniziare dalle immancabili torte: in questo caso Forno d'Asolo propone un rilancio del tradizionale carrello dei dolci, «ci piacerebbe venisse ripreso, come modello d'offerta che dal passato si proietta nel futuro», spiega Angelon.

Continuiamo la visita: un'area sarà dedicata al nuovo concept Forno & Caffè, vale a dire l'abbraccio tra bakery e caffetteria all'italiana; che vedrà impegnati i ragazzi di Professione Barista di FdA Academy, il master gratuito con il quale l'azienda di Maser si propone dallo scorso anno di formare i migliori futuri professionisti del settore. L'Academy stessa si presenterà agli stand: i suoi allievi ne racconteranno le opportunità a tutti coloro che lo desidereranno, e in particolare agli studenti degli Istituti Alberghieri invitati per l'occasione, e che saranno dunque ospiti del padiglione. Ci saranno Ipad per potersi iscrivere «e in generale una ventata d'aria nuova, con la presenza di tanti giovani che vogliono intraprendere la carriera nell'Horeca».

 

Last but not least, Forno d'Asolo al Sigep presenterà due ulteriori format sotto l’insegna Forno&CO molto interessanti e innovativi, che peraltro dialogheranno in modo fitto tra di loro: Bakery italiano Focaccia italiana. Sono declinazioni diverse di un tema affine. Bakery italiano sarà il regno della coppia perfetta pane&salumi: da un lato le grandi tipologie di pani d'Italia, presentati da FdA; dall'altro gli insaccati tricolori secondo la proposta di Levoni, per l'occasione partner di Forno d'Asolo. Una combinazione d'eccellenza, insomma. Focaccia italiana dal canto suo si muoverà secondo le stesse logiche: «Avremo tutto il mondo delle focacce regionali italiani, con particolare attenzione a quella ligure (ossia la focaccia di Recco e la genovese), a quella romana e a tante altre».

Quindi, in sintesi: il buono della Penisola tra pani e focacce, con prodotti tipici, grani speciali, tanta qualità e altrettanta varietà; e in tutto il padiglione, l'antologia del meglio di Forno d'Asolo La Donatella, che diventa un percorso alla (ri)scoperta dell'eccellenza italiana, tra dolce e salato.

 

 

Paola Pontarollo

 

2019 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica