NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ristoranti

Toe Drue Antica Osteria: Menu di Settembre

 

 

 

 

Il nuovo menù del mese di settembre

 

Tre portate composte da un freschissimo mosaico di pesce crudo composto da crostacei, tonno, orata e tutto quello che il mercato può offrire, un taglierino con funghi galletti e i gamberi biondi e per finire una dolcissima mousse al cioccolato Macaè 62% con lamponi e crumble di bosco.

 

Il Menù del Ritorno ( Settembre 2018 ) da Lunedì a Sabato a cena

 

Le nostre Panissette di Benvenuto

 

***

Mosaico di Crudo di Mare e agrumi

Crostacei, tonno, pesce bianco, secondo disponibilità del mercato

 

***

 

Taglierini Verdi con funghi galletti e gamberi rosa

 

***

 

Mousse al cioccolato Macaè 62% con profumi di bosco e lamponi

 

Caffè

 

Questo menù completo viene proposto  al prezzo di € 35 a persona bevande escluse

 

Con Abbinamento Vini :  Brut Rosè “ Il Ricciante “  – La Bioca € 90 a coppia

( 90% Freisa, 10% Barbera )

 

Un caro saluto da Le Toe

 

 

  Toe Drue Antica Osteria
   Via Carlo Corsi 44r
   16154 Genova
   Info: 010/6500100
   Chiuso la Domenica
   www.toedrue.it

 

LA CONTRORIVOLUZIONE DEL RISTORANTE RIVIERA A VENEZIA

 

 

GP Cremonini: “resistere, resistere, resistere, arginando il livellamento al ribasso innalzando il pregio dell’offerta”

 

“Venezia è una città bellissima, piena di arte e vita: questo è il valore fondamentale che ci dobbiamo impegnare a far conoscere. 1300 anni di storia, di umanità, di gusto non possono essere dimenticati”.

 

Così GP Cremonini, titolare del ristorante Riviera - affacciato sul Canale della Giudecca - che con alcuni osti e ristoratori dell’Associazione La Buona Accoglienza vuole ricordare che Venezia è ancora una città da visitare per chi cerca un luogo a misura d’uomo.

 

“Quella del 2018 per Venezia è un’estate di dati impietosi: mentre si registra un affollamento anche superiore alla media del periodo per le zone più popolari della città, l’ospitalità registra vistosi cali delle presenze e del fatturato”.

 

Questa la sintesi che ha spinto GP Cremonini a prendere una decisione drastica: diffondere l’idea di quanto ci sia di positivo in città nonostante tutto, e soprattutto resistere, resistere, resistere alla tentazione di rincorrere il mercato inseguendo il trend del momento che chiede servizi low cost senza alcun pregio, concentrandosi con decisione sulla qualità dell’offerta gastronomica. E non è solo in questa sfida: l’Associazione La Buona Accoglienza – un manipolo di operatori del settore che non si piegano alla logica hard discount – è compatta nel denunciare la situazione e cercare di promuovere un turismo consapevole, attento, lento, intenso.

 

“L'ospite sceglie Venezia per i suoi 1300 anni di storia e di folle bellezza – commenta GP Cremonini -. La laguna, ambiente fragile e delicato, è spazio dove purtroppo s'incontrano interessi di finanza e ignoranza dando vita a una dolorosa sistematica distruzione. Nondimeno agricoltori, pescatori, artigiani, piccoli imprenditori e residenti, veri eroi di questo tempo nel quale spada e armatura diventano il verbo e il coraggio di agire, ne preservano i suoi luoghi e prodotti. Scelte poco lungimiranti hanno portato in città una massa purtroppo non cosciente dei valori che da sempre sono sinonimo di Venezia. Così Cultura, Qualità e Eleganza, sembrano annegarsi nello scalpiccio della folla. Eppure, paradossalmente, nella foga del suo fiume in piena, questa stessa massa permette una visita di quei luoghi che la sua ignoranza gli impedisce di vedere. In questo percorso a ostacoli dell'incultura, l'ospite attento può profittare delle bellezze lasciate deserte e nelle pause godere della nostra offerta di Ospitalità, di Ristorazione. Il lusso ormai è la possibilità di un cibo ancora vero, e noi qui lo cerchiamo e lo troviamo per il nostro Ospite. Perché per noi il mangiare è un atto estremo: tu prendi un “qualcosa”, te lo metti dentro e diventa parte di te. Se non rispetti questo “qualcosa” vuol dire che non rispetti neppure te stesso e, di conseguenza, non rispetti neppure l’altro. Ciascuna delle persone che lavorano qui, ognuna a modo suo, è partecipe di questo processo”.

 

E così il ristorante Riviera opera la sua controrivoluzione silenziosa: nessuna concessione al “fast”, e come primo vincolo la qualità”. Un lavoro incessante di ricerca di materie prime pregiate, che privilegia nel menù i prodotti della Laguna e le specialità dell’immediato entroterra. Con una cucina dichiaratamente “per onnivori”, non si propongono scelte alternative se non per venire incontro a chi ha vincoli alimentari fisiologici, allergie o gravi intolleranze ma non per questo si rinuncia alla creatività di un giovane chef che lavora gli ingredienti conservandone l’integrità: “Abbiamo la fortuna di avere per le mani prodotti eccezionali – afferma non senza ironia dai suoi fornelli Samuele Silvestri – facciamo di tutto per non rovinarli”.

 

Informazioni: www.ristoranteriviera.it

 

Per contatti stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 
 

LA GRANDE CUCINA DES JEUNES RESTAURATEURS IN CAMPO CON INFRONT

 

 

 

Diciannove Chef JRE Italia impegnati per altrettante partite casalinghe di Fiorentina e Lazio

Oltre alle “performance” degli chef JRE all’Artemio Franchi per le partite casalinghe della ACF Fiorentina, che sono confermate anche per il campionato 2018/2019, gli chef JRE seguiranno la proposta gastronomica allo stadio Olimpico per SS Lazio

 

Un eccezionale risultato che vale come conferma del grande livello di professionalità offerto dall’intera associazione di chef ristoratori JRE Italia, ma anche come convalida dell’idea di portare un nuovo modo di comunicare all’interno dei campi di calcio: la squadra di casa apre idealmente la porta a uno chef della squadra ospite, che realizza un piatto del territorio, conferendo così all’evento un sapore conviviale, trasversale e comunicativo.

Questa l’idea inaugurata con grande successo lo scorso anno da Infront, con la collaborazione degli chef di JRE, all’Artemio Franchi, che vedrà dalla prossima stagione ampliarsi il progetto con il coinvolgimento dello stadio Olimpico per le partite casalinghe della SS Lazio. Diciannove Chef JRE Italia per altrettante partite casalinghe di Fiorentina e Lazio, provenienti dalle zone della squadra ospite serviranno oltre mille piatti per ogni partita nelle aree ospitalità, con particolare attenzione al valore culturale del piatto della tradizione proposto, ma rivisto alla luce della creatività e delle molteplici esperienze di ogni chef

 

“Si tratta di un grande successo per JRE Italia - afferma il presidente dell’Associazione JRE Luca Marchini - che ci onora e ci inorgoglisce sia per il valore professionale della collaborazione con Infront, sia per l’innovativo portato culturale della nostra attività che depotenzia le storiche rivalità tra i contendenti, inserendo un tratto ludico e goliardico a bordocampo. Il nostro impegno sarà quello di realizzare al meglio e per così tanti convitati una versione moderna, contemporanea di un piatto della tradizione, che non la rinneghi ma la valorizzi, capitalizzandone il tessuto storico e per certi versi antropologico”.

 

“Il progetto inaugurato lo scorso anno con JRE è stato un vero successo – dichiara Luigi De Siervo, Amministratore Delegato di Infront Italy – e ha dimostrato che l’esperienza allo stadio non vive del solo momento sportivo, ma di una serie d’iniziative trasversali, che creano socializzazione e condivisione. Abbiamo realizzato un’iniziativa che ci ha permesso di ampliare la qualità e il tempo trascorso all’interno delle aree hospitality nel pre e post partita, offendo un prodotto di alta qualità e un nuovo modo di vivere lo stadio. Siamo soddisfatti di aver ampliato il progetto con il coinvolgimento di SS Lazio e dello stadio Olimpico, portando un marchio di eccellenza della cucina italiana come JRE Italia, che rappresenta una garanzia di qualità e d’innovazione”

 

Il primo appuntamento “goloso” sul campo di calcio è fissato con SS Lazio, che il 19 agosto ospiterà il Napoli alle ore 20.30: il “giocatore” in campo per JRE sarà lo chef Giulio Coppola del ristorante La Galleria di Gragnano (NA) che preparerà una Pasta ai pomodori con maggiorana e fior di ricotta, mentre si dovrà attendere il 26 agosto per vedere all’opera lo chef Alberto Basso del ristorante Tre Quarti di Spiazzo di Grancona (VI) che affiancherà il Chievo nell’incontro con la Fiorentina con la sua Pasta e Fagioli 2.0

 

A proposito di JRE

JRE è l'associazione internazionale di giovani ristoratori che desiderano condividere il loro talento e passione per il cibo con persone con interessi affini. Nata in Francia nella metà degli anni Settanta, JRE è una realtà fondata sulla ricerca, sull'eccellenza e sullo scambio continuo quale fonte di crescita.

In Europa i ristoranti JRE associati sono 350 con 160 hotel, presenti in 15 paesi: Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Germania, Francia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Regno Unito. Gli chef JRE Italia sono 83 e combinano un talento per la gastronomia della più alta qualità con la passione per la cucina europea e per prodotti e tradizioni locali. La compagine italiana è guidata dallo chef Luca Marchini, titolare del Ristorante L'Erba del Re di Modena. La loro esperienza in cucina, insieme alla straordinaria atmosfera dei ristoranti, offre un appuntamento davvero incredibile e irrinunciabile.”

 

Infront

Infront, azienda Wanda Sports, è una delle più importanti agenzie di marketing sportivo al mondo e gestisce un portafoglio di aziende leader a livello internazionale. Guidata dal Presidente e CEO Philippe Blatter, Infront gestisce ogni aspetto di un evento sportivo di grande successo - compresi la distribuzione dei diritti media, sponsorizzazioni, produzioni media, organizzazione eventi e soluzioni digitali – e si è conquistata un’ottima reputazione per i suoi elevati standard di produzione. In qualità di primo attore negli sport invernali e con un ruolo guida nel calcio, negli sport estivi e in quelli di resistenza, Infront ha instaurato collaborazioni di lunga durata con 170 rights-holder nonché con centinaia di sponsor e di aziende nel settore dei media. Con sede a Zug, in Svizzera, Infront si avvale di un team di oltre 900 professionisti che lavorano in oltre 35sedi, situate in più di 15 paesi, erogando ogni anno 4100 giornate di eventi sportivi del massimo livello, in ogni parte del mondo. A novembre 2015, Infront è stata assorbita da Wanda Sports Holding, partecipata della società conglomerata cinese Dalian Wanda Group. 

 

Wanda Sports Group

Wanda Sports Group è l’azienda leader mondiale nel settore del business sportivo, fondata per cogliere le opportunità nell’industria sportiva globale e per fornire un contributo nel fiorente panorama sportivo internazionale. Guidata dal Presidente e Vice Chairman Philippe Blatter, Wanda Sports incorpora l’azienda internazionale di marketing sportivo Infront, l’iconico marchio di sport di resistenza IRONMAN, e Wanda Sports China. La sede centrale è a Guangzhou, in Cina.

 

 

Stefano Caffarri - 3346993767

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

SERATA DELLE DONNE DEL VINO AL RISTORANTE DA O VITTOIO

 Di Virgilio Pronzati

Foto di Mattioli, Musante e Olivieri

 

 

Paola Bisso mentre presenta la serata, con Tiziana Frescobaldi e Cinzia Tosetti

 

Da quasi un trentennio le donne sono entrate ufficialmente nel mondo del vino. In verità c’erano già: prima in modo marginale, oggi alla guida di aziende che sono tra le protagoniste dell’enologia nazionale. A riunirle in associazione ci pensò Elisabetta Tognana. In occasione del Vinitaly del 1988, Elisabetta costituì l’Associazione Nazionale Le Donne del Vino. Dalle venti socie iniziali, l’associazione è continuamente cresciuta, annoverandone oggi ben settecentocinquanta, distribuite su tutto il territorio nostrano. 

Da sin. Daniela Bernini, Paola Bisso e il papà Gianni Bisso 

 

La finalità del sodalizio è promuovere la conoscenza e la cultura del vino attraverso il contributo di esperienze e conoscenze di donne impegnate in vari settori ma complementari. Ossia produttrici, enologhe, ristoratrici, sommelier, enotecarie, giornaliste e blogger, quest’ultime sia specializzate che responsabili della comunicazione e marketing di aziende vinicole. 

Da sin Tiziana Frescobaldi, Paola Bisso e Cinzia Tosetti

 

 

Moltissime le iniziative a cui partecipano le Donne del Vino sia in Italia che all’estero: Vinitaly, Anuga, Shangai, Concorsi nazionali, internazionali di Londra e Bruxelles, ecc. A livello nostrano, molto seguite quelle di enogastronomia “A tavola con le Donne del Vino”, giunte con successo alla quinta edizione.  Dopo due anni con vini liguri, poi  piemontesi e lombardi, è la volta di quelli toscani.  Questa quinta edizione, iniziata il 29 maggio e che terminerà il 24 settembre, vede l’incontro tra la ristorazione delle Donne liguri e i vini delle Donne toscane.

 

Le Donne del Vino Paola Bisso, Daniela Bernini, Cinzia Mattioli, Tiziana Frescobaldi e Cinzia Tosetti con ristoratrici, giornaliste e sommelier 

 

Dopo il 29 maggio al Ristorante Quintilio di Altare con i vini Podere Marcampo di Volterra e martedì 26 giugno al ristorante Sottosale di Finale Ligure con i vini Azienda Terradonnà di Suvereto, il giovedì 12 luglio il tour “A Tavola con le Donne del Vino”, ha fatto tappa al ristorante Da O Vittorio di Recco per incontrare i vini dei Marchesi Frescobaldi di Firenze. 

 

Capasanta lardellata con funghi crudi e cotti abbinata al Leonia Pomino brut metodo classico 2013

 

Ideali per l’occasione, sede e vini. Il ristorante Albergo Da O Vittorio oltre a far parte dei locali storici d’Italia è una “tavola sicura”, sinonimo delmangiarbene,  ossia cucina eccellente, dove mangiano bene non solo i personaggi e gli amici ma tutti.  Se l’azienda Marchesi Frescobaldi vanta una storia di oltre settecento anni, la famiglia ha oltre tre secoli di più.  Un passato da banchieri e mecenati, e oggi tra i maggiori viticoltori del mondo. 

 

Rose di picagge al basilico di Prà con pinoli tostati accoppiate a Massovivo Toscana IGT Vermentino 2017

 

Perfetta padrona di casa Paola Bisso Donna del Vino ligure: dopo il benvenuto ai clienti e alle colleghe liguri, ha presentato l’ospite d’onore Tiziana Frescobaldi e condotto brillantemente la serata. Interessanti e piacevoli gli interventi della Donna del vino toscana Tiziana Frescobaldi, che spaziavano dai vitigni ai vini, dando nel contempo il loro giusto abbinamento con i piatti.  Ecco il ghiotto e raffinato menu:   

 

Triglie di scoglio con scaloppa di foie gras e mele al Calvados accoppiate al Chianti Classico Docg 2015 

 

 

Brindisi di benvenuto alla Donne del Vino con Leonia Pomino Brut Metodo Classico 2013 dal fine e persistente perlage, ricco al naso e di buon corpo e persistenza, che ha esaltato un’eccellente Capasanta lardellata con funghi crudi e cotti (piatto composito e di rara armonia. Da ricordare). Lo stesso con la Focaccia col formaggio di Recco IGP. Rose di picagge (fettucce) al basilico di Prà con pinoli tostati, sposate a Massovivo Toscana IGT Vermentino 2017 della Tenuta Ammiraglia.  

 

 Tiziana Frescobaldi in uno dei vari interventi

 

La sapidità e il profumo floreale e di erbe aromatiche del vino, hanno riequilibrato la paciosa morbidezza del piatto, facendone spiccare l’afrore del basilico.  Triglie di scoglio con scaloppa di foie gras e mele al Calvados. Altra leccornia da riassaggiare, abbinata al Chianti Classico Docg 2015 Tenuta Perano. Un abbinamento non facile. Inizialmente la struttura e la giusta tannicità del vino prevalevano sugli umori salsi dei pesci, poi maggiore armonia conferita dal foie gras. Dulcis in fundo con Scrigno di pesche e amaretti con crumble di mais congenialmente accompagnato al Vin Santo del Chianti Doc Quaranta Altari.  

 

 Il programma delle serate liguri promosso dall’Associazione Nazionale Le Donne del Vino

 

A far compagnia a Paola Bisso, altre tre Donne del Vino liguri: Daniela Bernini comunicatrice e conduttrice degli eventi del Consorzio Recco gastronomica, San Valentino a Camogli ed altri. Col marito Lucio dirige Dimensione Riviera Promozione, azienda che da oltre trent’anni crea e  promuove iniziative a sostegno dell’ospitalità e promozione turistica del territorio. Cinzia Mattioli sommelier professionista AIS e già Delegata provinciale di Savona. Alcuni anni fu premiata come Donna ligure dell’anno dal Gambero Rosso.  Assieme al marito gestisce il noto ristorante DOC di Borgio Verezzi.  Cinzia Tosetti giornalista, Delegata regionale delle Donne del Vino, responsabile per la Liguria della Guida del Gambero Rosso e componente della Commissione di degustazione dei vini Doc Golfo del Tigullio-Portofino e Valpolcevera. Archiviato il successo della serata del 24 luglio al Ristorante DOC di Borgio Verezzi (Sv) con i vini della Tenuta Il Corno di San Casciano Val di Pesa, il tour concluderà la corsa Lunedì 24 settembre Ristorante A Spurcacciun-a di Savona con i vini dell’Azienda Fortulla di Castiglioncello. 

 

GRANDAGOSTO 2018

 

 

 

GRANDAGOSTO al ristorante, a Recco dal 17 al 30 agosto 2018

Serate gastronomiche estive, aspettando il ritorno di quelle più famose …

 

È un’ iniziativa del Consorzio Recco Gastronomica, Ristoranti in Recco: Vitturin1860, Manuelina, da O Vittorio, Alfredo, La Baracchetta, Da Lino, Da dAngelo, con il Patrocinio Comune di Recco e Camera di Commercio di Genova e la collaborazione Pro Loco di Recco

 

Dopo dieci anni di “Scorribanda gastronomica”, a Recco si ritorna alla tradizione, di oltre quarant’anni fa …  Semplicemente serate gastronomiche, questa volta estive, con l’esperienza dei ristoratori recchesi ed il meglio che il nostro territorio possa offrire, di terra e di mare, in attesa di quelle più famose, il prossimo anno …

Dopo ferragosto sino alla fine del mese, a Recco sarà festa nei ristoranti, in ognuno un menù speciale con in abbinamento i migliori vini, per le serate conviviali più belle dell’estate 2018. Occasioni per riscoprire il piacere vero dell’uscire a cena, richiamati dalla certezza che la ristorazione recchese garantisce. A tavola quindi, nei ristoranti di Recco, capitale gastronomica della Liguria, dove tradizione e qualità, immutati nel tempo si fondono con la capacità, competenza ed il piacere di far ristorazione.

Occasioni da non perdere, perché a Recco, delle Serate gastronomiche, si è scritto la storia.

 

Venerdì 17 agosto 2018 - Ristorante Alfredo

Domenica 19 agosto 2018 - Ristorante da Angelo

Giovedì 23 agosto 2018 - Ristorante Manuelina

Domenica 26 agosto 2018 - Ristorante Vitturin 1860

Martedì 28 agosto 2018 - Ristorante da O Vittorio

Giovedì 30 agosto 2018 - Ristorante Da Lino

 

Il cliente della ristorazione recchese è fedele e affezionato, sa che a Recco mangia bene, la qualità è garantita, come l’impegno e la serietà dei suoi ristoratori, veri ambasciatori della convivialità. Alla ristorazione di Recco si deve il successo delle serate gastronomiche – poi imitate in ogni dove – con la riscoperta dei piatti più famosi della gastronomia ligure, che qui ritrova tutta la sua storia. Innumerevoli le iniziative dei ristoratori recchesi nel corso degli ultimi trent’anni, concorsi a premi (con, vent’anni fa!, una Fiat Punto in palio), gemellaggi gastronomici con la ristorazione di 14 nazioni europee e 10 regioni italiane, e poi “serate e cultura” dal Premio “Pennagolosa” dedicato ai libri di gastronomia regionale all’invito all’Opera in collaborazione con il Teatro Carlo Felice passando alla “cena con spettacolo” del Premio Cabaret Focaccia d’Oro, solo una piccola parte delle oltre 100 promozioni attuate dal Consorzio Recco Gastronomica, una realtà associativa portata ad esempio a livello nazionale nel nome di Recco capitale gastronomica della Liguria.

 

TUTTI I MENU'

Venerdì 17 agosto 2018

Ristorante Alfredo – via S. G. Battista 33, Recco (Ge) – tel. 0185 74653

“Venerdì “fritto”

Aperitivo con Focaccia di Recco col formaggio IGP e calice di Metodo classico 120 mesi La Versa

Prima portata: Raviolo ripieno al gorgonzola e pera. Praline di ricotta su salsa al basilico.

Stik di formaggio Primosale dorato.

Seconda portata: Medaglione di filetto di maialino croccante al mais; Pizzetta di melanzana. Spiedino di pollo con cipolle al curry.

Terza portata: Cono del pescatore con le nostre chips e zucchini alla julienne

Quarta portata: Graffe alla crema; Mela fritta al caramello; Latte dolce fritto.

In abbinamento Riesling Sansaluto Terre d’Oltrepò. Acqua e Caffè.

€ 25,00 tutto compreso

 

Domenica 19 agosto 2018

Ristorante da Angelo – via San Rocco 89, Recco (Ge) – tel. 0185 76719

Focaccia di Recco col formaggio IGP

Taglierino al ragù di pescato

Il nostro fritto misto del golfo

Dolci a scelta della casa

Acqua e vini in abbinamento

Caffè

€ 29,00 tutto compreso

 

Giovedì 23 agosto 2018

Ristorante Manuelina – via Roma 298, Recco (Ge) – tel. 0185 74128

“Acciughe e Ricciola”

Aperitivo con Gin Bar accompagnato da:

Cubo di alici, verdure e germogli

Carpaccio di ricciola con pepe rosa e sale affumicato

Tortino di acciughe

La Focaccia di Recco col formaggio IGP

Le acciughe del Golfo Paradiso in tre versioni

Penne all’arrabbiata, acciughe marinate e crema di melanzane arrostite

Millefoglie di ricciola e porcini

Mousse al cioccolato jivara su salsa al maracuja

Prezzo 50 € incluso gin bar di benevenuto e abbinamento vini.

 

Domenica 26 agosto 2018

Ristorante Vitturin 1860 – via dei Giustiniani 48, Recco (Ge) - tel. 0185 720225

L' Aperitivo di Portofino curato da Niasca  con panissa al basilico e cuculli tipici

La Focaccia di Recco col formaggio IGP

L' insalatina di seppie su vellutata al basilico DOP

Le crespelle alla brezza marina con cubettata di ricciola

L’antico cappon magro di Vitturin

Il paciugo de 'na votta con gelato artigianale "da Vitto"

Caffè e cioccolatini

Prezzo: € 40,00

Aperitivo e vini in abbinamento inclusi

 

Martedì 28 agosto 2018

Ristorante da O Vittorio – via Roma 160, Recco (Ge) – tel. 0185 74029

Pianobar con musica live

Sparkling Cocktail al mango con Focaccia di Recco IGP col formaggio

Sgombro affumicato in tavolozza d’autore

Zembi d’arzillo ai gamberi su vellutata di piselli

Trilogia di funghi porcini alla Vittorio

Sorbetto all’erba Luisa

Petit Fours col caffè

Vermentino di Sardegna DOC “ Costamolino” Argiolas

L’Ecrù Passito 2016 Terre Siciliane IGT

Prezzo 50 € vini inclusi

 

Giovedì 30 agosto 2018

Ristorante Lino – via Roma 70, Recco (Ge) - tel. 0185 74336

Calice di Lumassina frizzante IGT "Marì" Cascina Praie e stuzzichini

Focaccia di Recco col formaggio IGP

Fagottini gialli allo zafferano con ripieno di zucchine e gamberi su bisque di crostacei e pomodoro

Insalata di astice alla catalana

Sfogliatine con crema al mango e fragole fresche

Acqua e Caffè

35 euro

in abbinamento Rosato IGT Liguria Levante Sempiternus Federici.

 

L’iniziativa vede come partner la Pescheria F.lli Bardi di Santa Margherita Ligure che garantisce l’arrivo quotidiano del pescato più fresco del golfo e San Pellegrino – Levissima, i più famosi marchi nel panorama internazionale delle acque minerali.

 

 

Daniela Bernini

Gialle&Co 

 

 

 

Sempre aperti ad agosto, anche a ferragosto

 

Gialle&Co. sarà sempre aperto ad agosto, anche alla sera di ferragosto. Dal 7 al 12 rimarrà aperto solo alla sera, mentre per tutti gli altri giorni sarà sempre aperto pranzo e cena. Giorno di chiusura (per questo mese) il lunedì. Da settembre torna aperto 7 su 7,  pranzo e cena.
 
Gialle&Co. è il primo ristorante a Milano che trasforma e reinterpreta in chiave italiana la tipica baked potato inglese.
Si trova in zona Moscova il ristorante meneghino interamente dedicato alla patata cotta al forno e declinata in quindici ricette signature e altre stagionali. Ce n'è per tutti: dalle Fishytariane alle Veggytariane, dalle Meatariane alle Vegane.

 
Tutto nasce dall'idea di cinque amici, durante un viaggio a Londra. Cercando qualcosa di tipico e poco distante dall'albergo la compagnia approda in un pub dove la proprietaria acclama a gran voce che qui si possono trovare le migliori baked potatoes della città. Ne ordinano diverse, dalla classica burro panna acida e bacon alla variante con pollo e salse, ma il tasting non è soddisfacente: pesantezza e gusto sciapo. Uno di loro decide quindi di sfidare la proprietaria a cucinare una baked potato all'italiana, in cambio di carpire i segreti della ricetta tradizionale. Quella notte nasce la prima ricetta della baked potato di Gialle&Co., la Threecolore con stracciatella, songino e pomodorini.
 
Le proposte: Dai 7 agli 11 euro le proposte di Gialle&Co hanno nomi divertenti e ironici, come il concept del locale: si dividono in Fishytariane , per gli amanti del pesce, in Meatariane, per chi non può fare a meno della carne, in Veggytariane e Vegane per il popolo green.
Dodici proposte classiche e altre tre stagionali che arricchiscono la scelta dei menu. I signature dishes di Gialle&Co sono senza dubbio la Dr. Salmon& Mr. Butter (con salmone affumicato norvegese, burro alle erbe, crème fraîche, semi di zucca); la Mortacci yours (con guanciale croccante, salsa carbonara e pecorino); la Mamma’s (con ragout alla bolognese, besciamella, parmigiano) e  la  Semper Green (gorgonzola dolce, porri, pistacchio).

 

L’interior design del locale si ispira a luoghi rurali e genuini, attraverso l’utilizzo di materiali grezzi, ma che trattati ed accostati nel giusto modo diventano raffinati e inusuali. Un design elegante ma nude, il locale è caratterizzato dalla ricerca di pezzi vintage e dalla sperimentazione attraverso le contaminazioni di materiali antichi con altri ultramoderni. Ma la vera innovazione è la costruzione di una serra all'interno del locale: cucina e bar sono racchiusi all’interno di un artistico collage di vecchie vetrate vintage recuperate in tutta Italia, per trasmettere la sensazione di mangiare all’esterno pur essendo all’interno, in un gioco di dentro e fuori che trasporta in un mondo rurale, lontano dalla caotica Milano.

 

Camilla Rocca

A TORINO PARTE IL NUOVO MAGORABIN

 

 

 

 Marcello Trentini apre il suo ristorante completamente ridisegnato

 

Tra le novità: una bottega alimentare, un laboratorio di panificazione e un angolo per l’ascolto di dischi in vinile

 

Si dice che la vita non sia una parabola continua, ma un percorso che procede per quantità discrete: la storia del Magorabin ne è la conferma. Una storia fatta di salti quantici, dall’apertura alla ristrutturazione, all’ampliamento, così come lo è stato con i riconoscimenti: dall’ingresso nei JRE Italia al conseguimento della prestigiosa stella della Guida Rossa Michelin.

 

Tra pochi giorni – ormai poche ore - il Magorabin si appresta a compiere il salto più acrobatico: mentre il suo deux ex machina Marcello Trentini continua nel suo incessante movimento di evoluzione.

Il ristorante infatti si amplia, si rinnova, anzi, si ridisegna e si sposta di qualche metro, rimanendo nello stesso isolato, mentre al civico attuale aprirà i battenti una bottega alimentare di sfizi, prodotti di ricerca e suggestioni papillari.

 

Ma la vera rivoluzione riguarda il ristorante, che avrà una cucina progettata e costruita ex novo su misura del “Mago” che si arricchisce di un laboratorio di panificazione. La sala da pranzo, disegnata su temi di grande fascino sui toni scuri e giochi di luci ed ombre, mentre un salotto dalle forme accoglienti ed un impianto audio esoterico offrono la possibilità di un ascolto di dischi in vinile.

 

Nuovo anche lo spazio chef’s table, che oltre ad essere raccolto in un piccolo angolo dedicato sarà caratterizzato da un alto tavolo conviviale da otto posti, ricavato da una lastra unica di quercia bruciata al cannello.

 

In tutto questo Marcello Trentini avrà libero campo per la sua fumigante creatività: saranno raccolti e riproposti i signature dish, mentre nelle degustazioni avrà campo libero la ricerca dei prodotti, delle sensazioni e delle tecniche più coinvolgenti. In sala Simona potrà muoversi con il suo staff per presentare oltre alla selezione di cantina un florilegio di miscelati e bevanti preparati al momento, “sui” piatti, per completare il piacere di un viaggio senza eguali.

 

Teniamoci forte: il nuovo Magorabin è sulla rampa di lancio, e la luce si vedrà di lontano.

 

contatti stampa:

Simona Beltrami 392 9122877; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

LA CUCINA DI PHILIPPE LEVEILLE ALLA XV EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA MENTE

 

La cucina è un po’ come un’orchestra «quando si suona si interpreta lo spartito» diceva Gualtiero Marchesi

 

E come per la musica - dove note uguali nell’esecuzione possono suscitare emozioni diverse - così in cucina ingredienti simili possono dare risultati differenti.

Pentola e fornelli sono sì luogo di materia ma spesso anche di cultura: sapori, ingredienti e storie, identità e origini si fondono tra loro contaminandosi.

La convivialità che nasce intorno al piatto e alla tavola permette condivisioni impossibili altrove.

Ecco perché secondo lo chef Philippe Léveillé la cucina è comunità. Il cuoco ne parlerà domenica 2 settembre alle 14,45 al Campus I.I.S. Parentucelli-Arzelà di Sarzana durante la XV edizione del Festival della Mente, nell’intervento a due voci La cucina è convivialità con il giornalista enogastronomico e direttore editoriale di Slow Food Marco Bolasco.

 

Philippe Léveillé, originario di Nantes, legato alla cucina italo-bretone, ha compiuto diverse peregrinazioni in giro per il mondo. Ha ottenuto due stelle Michelin con il suo ristorante Miramonti l’Altro a Concesio e un’altra con l’ultima sfida a cui si è dedicato, il ristorante L’altro a Hong Kong.

 

Delos 

2021 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica