NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Recensioni

Oggi Venissa riapre,
per non chiudere più

Ogni stagione in laguna ha i suoi colori, amiamo queste isole anche nei mesi invernali quando si respira l’atmosfera autentica della Venezia Nativa

Venissa e Casa Burano aprono, per non chiudere più, saremo aperti tutto l’anno per farvi vivere la laguna in tutte la stagione e farvi scoprire tutti i sapori di queste isole, anche quelli invernali che noi amiamo molto.

 

 

Le camere di Venissa e Casa Burano saranno aperte tutto l’anno, così come l’Osteria Contemporanea Venissa. Il Ristorante Venissa, che anche quest’anno vedrà Francesco Brutto e Chiara Pavan in cucina, vi aspetta da fine Marzo a inizio Novembre.

Per festeggiare quest’apertura invernale abbiamo pensato a delle offerte speciali in occasione del Carnevale e San Valentino.

 

In laguna il Carnevale è più “isolano” e i buranelli tengono moltissimo a questa festa che con i carri mascherati porta gioia e coinvolge tutta la comunità. Per questo abbiamo pensato ad un benvenuto speciale con un ospite d’onore, una signora dell’isola che vi insegnerà come fare le frittelle veneziane. Dopo la sfilata dei carri tra le case colorate potrete gustarvi una cena all’Osteria Contemporanea prima di rientrare nelle camere di Casa Burano.

a partire da € 135 a persona

In camera doppia con upgrade Junior Suite a Casa Burano, inclusi basket breakfast, corso di frittelle, cena in Osteria Contemporanea con vini abbinati. È disponibile su prenotazione il servizio di watertaxy per gli ospiti che arrivano dalla terra ferma.

Per prenotazioni e informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0415272281

 

 

San Valentino Gourmet in laguna

Una serata romantica nella quiete della laguna a Venissa nella Venezia Nativa. Per la cena di San Valentino lo Chef dell’Osteria Contemporanea ha pensato ad un menu speciale dedicato agli innamorati. Oltre al menu incentrato sul pescato locale, abbiamo pensato ad un menu vegetariano creato sulla base dei prodotti agricoli delle isole della laguna. Al rientro in camera vi aspetta una sorpresa, candele, fiori e una bottiglia di Prosecco per un’atmosfera romantica di una notte speciale.

a partire da € 145 a persona

In camera doppia a Venissa, colazione inclusa, decorazione floreale e bottiglia di Prosecco in camera, cena in Osteria Contemporanea con vini abbinati. È disponibile su prenotazione il servizio di watertaxy per gli ospiti che arrivano dalla terra ferma

Per prenotazioni e informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0415272281

SAN VALENTINO: A CENA DA AQUA CRUA CON UN ANELLO SPECIALE

 

Nel menù proposto da Giuliano Baldessari per San Valentino un gioiello particolare a base di cavolfiore e caviale. Per gli anticonformisti a disposizione un tavolo conviviale

Al Ristorante Aqua Crua di Giuliano Baldessari la cena di San Valentino inizierà con un anello molto speciale: un monile realizzato con pasta di pane, crema di cavolfiore e caviale, servito al tavolo dentro ad un classico astuccio di velluto.

“Questo è un piatto perfetto da servire a San Valentino – racconta Baldessari - ma che in realtà è nato per celebrare la città di Vicenza, famosa per la lavorazione dell’oro, che da qualche anno ormai è diventata casa mia. Io sotto sotto sono un gran romanticone, quindi mi auguro che questo gioiello possa ispirare qualcuno, dei miei commensali a fare la proposta alla sua innamorata”.

 A San Valentino il ristorante Aqua Crua di Giuliano Baldessari propone un menu unico a 100 euro. I piatti saranno decisi a ridosso della cena, sulla base dell’estro del momento e delle materie prime reperibili sul mercato.

Un menù leggermente diverso sarà servito al tavolo conviviale, allestito per 10 persone, in cui mangiare tutti assieme. Chi è single e desidera esorcizzare San Valentino, chi viene con un amico o anche chi è in coppia, ma ha voglia di conoscere nuove persone, potrà trascorrere in questo modo una serata divertente e alternativa.

Per info e prenotazioni http://www.aquacrua.it

Davide Cocco

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

392 9286448

 

L’aperitivo a Milano si tinge di Giallo Gialle&Co.-Baked potatoes dal cuore italiano

 

L’aperitivo a Milano si tinge di giallo. La tipica baked potatoes inglese è perfetta anche (in formato mignon) per un aperitivo all’italiana: salutare, ricco e colorato, disponibile da febbraio, a un paio di mesi dall’apertura.
La proposta aperitivo da Gialle&Co è a 9 euro: una selezione di salumi, formaggi e due mini baked con a scelta una birra artigianale o un calice di vino.
Oppure una proposta aperitivo imperdibile a tutta patata: le mini baked. Patate più piccole dai 3 (per una mini baked); 7,50 euro per 3 mini baked; 6 a 14 euro e 12 baked potatoes a 26 euro. Farcite e servite come finger food, per una degustazione completa, adatta ai più curiosi, che possono scegliere le stesse proposte del menu principale in un formato mini e che saranno accompagnate da un buon vino o una birra artigianale (è Canediguerra il birrificio di Alessandria selezionato dal team di Gialle).


Il primo ristorante a Milano che trasforma e reinterpreta in chiave italiana la tipica baked potato inglese ora lo fa anche in formato aperitivo.
 
La storia:
Tutto nasce dall'idea di cinque amici, durante un viaggio a Londra. Cercando qualcosa di tipico e poco distante dall'albergo la compagnia approda in un pub dove la proprietaria acclama a gran voce che qui si possono trovare le migliori baked potatoes della città. Ne ordinano diverse, dalla classica burro panna acida e bacon alla variante con pollo e salse, ma il tasting non è soddisfacente: pesantezza e gusto sciapo. Uno di loro decide quindi di sfidare la proprietaria a cucinare una baked potato all'italiana, in cambio di carpire i segreti della ricetta tradizionale.

Quella notte nasce la prima ricetta della baked potato di Gialle&Co., la Threecolore con stracciatella, songino e pomodorini.
 
Le baked potatoes:
Dai 7 agli 11 euro le proposte di Gialle&Co hanno nomi divertenti e ironici, come il concept del locale: si dividono in Fishytariane, per gli amanti del pesce, in Meatariane, per chi non può fare a meno della carne, in Veggytariane e Vegane per il popolo green.
Dodici proposte classiche e altre tre stagionali che arricchiscono la scelta dei menu. I signature dishes di Gialle&Co sono senza dubbio la Dr. Salmon & Mr. Butter (salmone, burro alle erbe, crème fraîche e semi di zucca), la Mamma’s (ragout alla bolognese, besciamella e parmigiano) e la From Puglia with Chili (Cime di rapa in crema e al vapore, peperoncino, olio EVO pugliese).
 


 

Il design:
Per creare Gialle&Co si è riunito un vero e proprio team composto da chef, esperti di marketing, art director ed interina designer, per creare un forte concept, non solo un locale, ma anche un brand con un DNA deciso da assaporare attraverso l’esperienza di tutti i sensi.
Lo studio, curato da The Chic Fish, si è focalizzato sul prodotto, la baked potato, sulla sua genuinità, oltre che sulla capacità tutta italiana di trasformarlo in una prelibatezza, grazie alla creatività culinaria tipica del Bel Paese.
L’interior design del locale si ispira a luoghi rurali e genuini, attraverso l’utilizzo di materiali grezzi, ma che trattati ed accostati nel giusto modo diventano raffinati e inusuali. Un design elegante ma nude, il locale è caratterizzato dalla ricerca di pezzi vintage e dalla sperimentazione attraverso le contaminazioni di materiali antichi con altri ultramoderni. Ma la vera innovazione è la costruzione di una serra all'interno del locale: cucina e bar sono racchiusi all’interno di un artistico collage di vecchie vetrate vintage recuperate in tutta Italia, per trasmettere la sensazione di mangiare all’esterno pur essendo all’interno, in un gioco di dentro e fuori che trasporta in un mondo rurale, lontano dalla caotica Milano.


Nella sala principale dalla fontana liberty da giardino recuperata da un'antica villa nobiliare, l'acqua potabile naturale e frizzante disseta gli amanti delle patate. I banconi ed i tavoli mostrano i segni del tempo e della natura: sono composti da antiche pietre vicentine del Gottardo rimaste all’aperto sotto le intemperie per anni. I muri sono decorati in un voluto unfinished mood, a testimoniare che la materia prima, da Gialle & Co. è la vera protagonista del locale, ancor prima di essere lavorata. La serra si completa con la particolare vetrina, che con un sistema unico nel suo genere studiato nei minimi dettagli permette al locale di aprirsi completamente alla città nelle giornate di bel tempo e diventando contemporaneamente nuovi posti a sedere.
 
Orari:
Lunedì – Venerdì: 12-14.30 e 18.30-22.30
Sabato: 12-16.00 e 18.30-23
Domenica: 12-16.00 e 18.30-22.30
 


 

Camilla Rocca

Il romanticismo è servito tra le colline del pavese a Prime Alture

Una serata speciale dai toni romantici e complici dedicata alle coppie di innamorati, immersi tra le dolci colline del pavese per regalarsi attenzioni anche attraverso un’esperienza gourmet da ricordare.

Prime Alture si prepara a celebrare la festa più dolce dell’anno, il 14 febbraio, giocando a sedurre tra profumi, sapori e musica per scaldare il cuore. La serata si aprirà con un aperitivo in sala degustazione con vista sulla barricaia, per poi proseguire nel suggestivo ristorante panoramico ricavato da un antico fienile con vista mozzafiato sui vigneti di proprietà. 

 

 

Per l’occasione lo chef Mariglent Plaku ha creato uno speciale menù dedicato, abbinato a due etichette che sembrano fatte apposta per brindare con chi si ama: per l’aperitivo di apertura il Metodo Classico ‘Io per Te’, un blanc de noir in purezza ottenuto da uve Pinot Nero, una sintesi di eleganza e perfetto equilibrio tra note fruttate di pesca a polpa bianca e pera e sentori di frutta secca tostata e pane fresco. A seguire il Merlot ‘L’altra Metà del Cuore’ un IGP in purezza color rubino e dagli eleganti sentori di sottobosco e amarena.

Ma non é tutto, nel corso della cena gli ospiti saranno piacevolmente accompagnati dalle note del trio "La Camera", Paolo, Tommaso e Domenico; due chitarre e tre voci che si esibiranno su musiche di autori italiani e inglesi degli anni ’50 ’60 ’70.

Ecco nel dettaglio il menù che verrà servito:

al tepore del camino….

L’aperitivo con il nostro metodo classico “Io per Te”

accompagnato da pasticceria salata dello Chef

al tavolo vi serviremo…

Gambero rosso di Mazara del Vallo

Foie Gras con cipolla caramellata su crostone di pan brioche

Soffice di baccalà

………….…

Raviolone di pasta fresca con nido di spinaci allo zenzero

e tuorlo morbido

Riso Carnaroli della Riserva San Massimo

mantecato con cacio e pepe e salmone marinato

………….…

Filetto di Fassona al giusto rosa

con millefoglie di porcini e patate

Scrigno con cuore di verdure e caprino

……….… 

Sfera di cioccolato

con gelato al frutto della passione

e coulis di frutti di bosco

………….…

Il tutto accompagnato dai nostri vini

“L’Altra Metà del Cuore” e “Io per Te”

Costo della cena: € 90 a coppia inclusi vini

Per info e prenotazioni: Tel. +39 0383 83214

Restando in termini romantici, ricordiamo a tutti gli interessati la fiera Sposi programmata a Palazzo Certosa Cantù a Casteggio (Pavia) sabato 17 e domenica 18 febbraio 2018. 

Prime Alture Wine Resort

Prime Alture viene fondata nel 2006 da Roberto Lechiancole e la moglie Anna tra le colline di Casteggio nel pavese. In questo luogo che li affascina da subito realizzano il loro progetto familiare ristrutturando la vecchia Cascina Campone, dove l’uva è padrona di casa da almeno due secoli. Dall’unione di due forti passioni, il vino e l’accoglienza, nasce ciò che oggi è Prime Alture Wine Resort azienda vitivinicola di alta qualità e insieme struttura ricettiva di livello dotata di tutti i comfort, vera oasi del soggiorno agreste.      

L’azienda situata a 250mt s.l. ha oggi un’estensione di 8 ettari e produce 40.000 bottiglie. La cantina di nuova costruzione, è stata pensata per poter vinificare le uve proteggendo le qualità distintive, Pinot Nero e Merlot che con impegno si ottengono in vigneto. La raccolta manuale in cassetta, la pigiatura tempestiva e la protezione dall’ossigeno in ogni fase, dalla raccolta all’imbottigliamento, sono gli elementi più importanti del rispetto della materia prima. La bevibilità e la riconoscibilità dei vitigni che li generano sono i caratteri distintivi dei vini a marchio Prime Alture. L’attenzione per i dettagli fa la differenza anche nel confezionamento, che valorizza il prodotto rendendolo distinguibile e identificabile.

Prime Alture Wine Resort 

Strada Madonna Vicinale per Campone  

25014 Casteggio (Pavia)

Tel +39 0383 83214 – Fax +39 0383 804066

www.primealture.itQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio Stampa 

Carry On srl

Tel. +39 0438 24007 – Fax +39 0438 425444

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Web: www.carryon.it      

 

UN FEBBRAIO RICCO DI EVENTI TARGATI THE STAGE: GLI APERITIVI AL GORGONZOLA E LA PRIMA TAPPA DEL VIAGGIO TRA LE STELLE

 

 

 

 Viaggio tra le Stelle d'Italia: Luigi Tramontano porta i sapori di Positano a Milano

Dal 1 al 3 febbraio il Bar Octavius ospiterà il Consorzio Gorgonzola che abbinerà i propri prodotti alle creazioni di Francesco Cione, mentre l'8 febbraio comincia la prima cena stellata a quattro mani con Luigi Tramontano

Ristorante di fine dining, cocktail bar raffinato, caffè gourmet: The Stage, il multiexperience store in piazza Gae Aulenti a Milano, è diventato in pochi mesi un punto di riferimento per chi desidera vivere un'esperienza gastronomica a tutto tondo.

Si parte con una serie di aperitivi dedicati a una delle più deliziose eccellenze italiane – il Gorgonzola Dop – fino ad arrivare alla prima tappa di un Viaggio tra le Stelle che porterà chef stellati da tutta Italia nelle cucine di The Stage.

Aperitivo al Gorgonzola

Chi l'ha detto che il Gorgonzola non sia il perfetto accompagnamento per un cocktail raffinato? Dal 1 al 3 febbraio al Bar Octavius di The Stage sperimenteremo nuovi gusti e nuovi abbinamenti in collaborazione con il Consorzio Gorgonzola: a partire dalle 18 sarà possibile degustare lo speciale finger food di Fabrizio Albini accompagnato dalle creazioni di Francesco Cione.

Un assaggio di Gorgonzola dolce Dop racchiuso in un Krapfen alle melanzane verrà abbinato al Raffinato, una variante del Torino Milano a base di Bitter Martini Riserva Speciale, Vermouth Martini Riserva Speciale Rubino, Barolo Chinato e gocce di amaricante all’arancia e mandarino.

Per chi ama i sapori più intensi, un cremoso al Gorgonzola piccante Dop e composta di pere senapate, da assaggiare con l'Octavius Julep, realizzato con Ron Abuelo 7 años, Brancamenta, J.D. Taylor’s Velvet Falernum, gocce di amaricante al rabarbaro, succo fresco di lime e menta fresca. 

Il viaggio tra le stelle di The Stage: Luigi Tramontano e Fabrizio Albini

Ma le sorprese non sono finite. Partirà proprio a febbraio la prima tappa del viaggio tra le stelle, un percorso ideato da The Stage per portare nel cuore di Milano la cucina stellata da tutta Italia.

Il nostro viaggio comincia giovedì 8 febbraio con il contributo di Luigi Tramontano, chef stellato di Le Agavi di Positano che porterà i profumi e le suggestioni del suo Sud in una cena a quattro mani con lo chef di The Stage Fabrizio Albini

A partire dalle 20 sfileranno tra i tavoli le creazioni dei due chef in modo alternato.

Calamari e gamberi al Franciacorta (Albini)

“Mischia Francesca” in brodo di polpo, patate viola, dragoncello, frutti di mare e limone confit (Tramontano)

Toast di guancina di vitello alla brace, scampi e lattuga (Albini)

“In riva al mare…” Ciottoli con mousse al cocco e mango, alghe con spugna al pistacchio, sabbia di crumble alla nocciola e il mare blu con infuso di curacao (Tramontano)

€ 70,00 vini inclusi

 

Eleonora Alverà

 

DEGUSTAZIONI TRIPLE A DI OSTERIA DEL PORTONE

 

Con il 2018 Osteria del Portone e Enò, la cantina del ristorante che si affaccia sul castello di Melegnano, diventa sede eletta per le degustazioni di vini Triple A. Si tratta della più grande selezione di vini naturali della provincia di Milano.  

Il calendario degli appuntamenti è fittissimo: si parte dal 20 febbraio e si termina al 12 giugno, per un semestre ricco di ricercati vini di nicchia e produttori che, tra Francia, Italia e Slovenia, sposano i dettami della natura.

12 febbraio alle ore 20: degustazione di Domaine Binner dall’Alsazia

13 marzo alle ore 20: degustazione dell’azienda agricola Possa di Riomaggiore, Liguria

17 aprile alle ore 20: degustazione di Domaine de L’Ecu dalla Loira

15 maggio alle ore 20: degustazione di Chateau Du Roquefort dalla Provenza

12 giugno alle ore 20: degustazione dell’Azienda Movia dalla Slovenia

Enò: la più vasta selezione di vini naturali di Milano

Si chiama Enò, la cantina dallo spazio intimo e conviviale di Osteria del Portone, all’interno di quella che sembra essere una grotta, situata sotto il ristorante e interamente consacrata al mondo dei vini naturali. Qui, riscaldati dagli arredi in legno naturale e dall’atmosfera magica dei mattoni a vista, è possibile degustare i vini “Triple A”, dialogare a tu per tu con i maggiori produttori di questa nicchia enologica e acquistare vini, liquori, distillati e specialità gourmand da abbinare. La sfida che anima il movimento è quella di restituire al vino la dignità di essere un mito, rinunciando alla standardizzazione introdotta dalla chimica a vantaggio della riscoperta dell’impronta del vitigno, del terroir e della personalità del singolo produttore, così come della difesa di una vinificazione molto poco interventista: una sfida che Mara Zambelli, ha colto in pieno.

 Osteria del Portone, Enò e il Garden:

un solo luogo e tre emozioni

L’Osteria del Portone rappresenta un luogo unico nella realtà di Melegnano, si affaccia sulla piazza principale che guarda al Castello Mediceo: una targa appesa alle pareti ne attesta la sua storicità, presente sul cuore della cittadina dal 1722 con una locanda con stallazzo a 10 km da Milano, lungo l’antica via Emilia.

Una gestione squisitamente familiare: Luca Daniotti, lo chef e Mara Zambelli, la responsabile di sala, si sono conosciuti sui banchi di scuola dell’alberghiero ed è scoppiato l’amore, complice qualche stagione passata insieme sulla costa romagnola. Oltre a loro in sala si trova il padre dello chef, Antonio Daniotti. Dopo un paio d’anni insieme, nel 2007, hanno aperto la loro attività: il Doimoi American Bar proprio di fronte al giardino dell’Osteria del Portone.

Una realtà e tre anime: dalla cucina dell’Osteria Del Portone, a Enò, la cantina accogliente e intima con una selezione importante di vini naturali e a Il Garden, regno dell’aperitivo di qualità e dei cocktail studiati dal barman Dario Di Palma, con un ampio dehor e l’atmosfera lounge all’aperto per il periodo estivo.

Per informazioni e prenotazioni presso il ristorante

Osteria Del Portone

Via Conciliazione 27

Melegnano

tel. +39 02 9835366

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.osteriadelportone.com

Aperti a pranzo da lunedì a domenica: 12.00-14.30

A cena da lunedì a sabato: 19.45-22.30

Happy Hour da martedì a domenica: 18.00-21.00

Chiusura Ristorante: Domenica sera

MEDIAVALUE srl -

Camilla Rocca

Via Biancardi, 2 - 20149 Milano - tel. +39 3920531233 - mediavalue.it

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

I VINI DI ROCCA RONDINARIA AL RISTORANTE LES ROUGES

 

Giovanna e Lucesio Venturini

 

Durante l’atteso l’evento di Vinnatur a Genova, oltre alla grande degustazione del 21 e 22 gennaio che si tiene nel prestigioso Salone delle Grida di Palazzo della Borsa di Genova, molte aziende presenti sono abbinate a vari locali genovesi, dove un vino aziendale si sposa a un piatto realizzato dal rispettivo locale. 

Rosso Sibrà 2013     

In questa particolare occasione Giovanna e Lucesio Venturini patrons di Rocca Rondinaria, abbineranno il loro Rosso Sibrà 2013 alla Tartare di fassona con acciughe, capperi e cipollotto, proposto dal Ristorante Bar Les Rouges. 

 

 

Castello di Rocca Grimalda    

Un incontro non facile ma decisamente riuscito.  La sapidità e l’equilibrata struttura del vino mitigano la percezione “dolce” della carne, mentre l’alcol (che conferisce una nota calda e morbida) e gli aromi fruttati-speziati, riequilibrano le note salate di acciughe e capperi,  e  l’agro-dolce del cipollotto.

Lucesio Venturini

 

EXIT MILANO

Ristorante Exit di Milano

 

Piazza Erculea, in pieno centro a Milano, a pochi metri da Corso di Porta Romana e a pochi passi da Piazza Duomo, ha una nuova identità. Ha preso, infatti, vita, dopo alcune settimane dedicate ai lavori di ampliamento e restyling di un chiosco esistente, Exit, la nuova gastronomia urbana. Exit non è un modello o un format. È una filosofia che rompe gli schemi della logica della ristorazione italiana e di quella milanese in modo particolare: scommettere su un luogo da rivalutare e rendere democratico uno stile che spesso è racchiuso in spazi non accessibili a tutti.

 

Exit è un’emozione, che ciascuno può vivere a modo suo, guidata da tre punti cardine: relax, mangiare bene e bere bene. Exit vuole essere qualità, assenza di vincoli temporali, cosmopolita, ricerca e contaminazione. Un concetto non facile da spiegare, ma facile da vivere.

SEGNI PARTICOLARI

 

In cucina due ingredienti sono alla base di tutte le preparazioni: semplicità e identità. Concetti che per essere tradotti nel piatto e nel servizio hanno bisogno di grandi firme. Quelle degli chef Matias Perdomo e Simon Press insieme al maître-sommelier Thomas Piras, co-fondatori e partners del progetto.

 

Ezio Zigliani

 

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica