NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Formaggi

BURGER KING SCEGLIE PARMIGIANO REGGIANO DOP PER I NUOVI PANINI ITALIAN KINGS

Burger King ha scelto Parmigiano Reggiano quale ingrediente distintivo del suo nuovo The Parmigiano Reggiano Burger. Il panino, che andrà ad arricchire la serie Italian Kings dedicata alle eccellenze territoriali, sarà composto da brioche bun con una deliziosa maionese al Parmigiano Reggiano DOP, rucola, cipolle fritte fresche, fiocchi di Parmigiano Reggiano DOP e una nuova patty di carne gourmet.

Nel 2020, Burger King prevede di far gustare agli italiani 1,5 milioni dei suoi nuovi panini Italian Kings che, insieme a The Parmigiano Reggiano Burger, vedrà debuttare anche The ‘Nduja Burger con la ‘Nduja di Spilinga. Per realizzare queste quantità, la catena prevede di acquistare più di 20 tonnellate di Parmigiano Reggiano DOP, ossia circa 500 forme intere del peso di 40 chilogrammi ciascuna.

La stagionatura scelta per guarnire The Parmigiano Reggiano Burger è il 12 mesi “Delicato”, particolarmente apprezzato dai giovani. Un punto di partenza che potrà portare anche ad altre ricette in un piano di sviluppo che troverà pienamente soddisfatta la preferenza di tutte le generazioni ed i palati con il 24 mesi “Armonico”, il 30 mesi “Aromatico”, il 36 mesi “Intenso” fino alle lunghe stagionature.

Siamo orgogliosi del fatto che Burger King abbia scelto Parmigiano Reggiano – afferma Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio - Questo nuovo panino dimostra ancora una volta che la chiave del successo di Parmigiano Reggiano è proprio la sua versatilità: è utilizzato in cucina, non solo per la classica ‘spolverata’ sui primi piatti, ma anche per dare un tocco di carattere a verdure, pesce e da oggi anche ai celebri panini Burger King. The Parmigiano Reggiano Burger rappresenta la sintesi ideale tra l’eccellenza agroalimentare italiana e la tradizione gastronomica americana”.

Siamo entusiasti di presentare questa nuova proposta nel nostro menù, offrendo così ai clienti italiani una scelta sempre più ampia basata anche su prodotti di assoluta eccellenza, tipici della tradizione culinaria del nostro paese come il Parmigiano Reggiano DOP e la ‘Nduja. Con queste nuove ricette ci proponiamo di fare da veicolo a queste eccellenze, raggiungendo 1,5 milioni di italiani quest’anno, soprattutto giovani ed in tutta Italia- ha dichiarato Alessandro Lazzaroni, General Manager di Burger King Restaurants Italia – Da sempre la maggior parte della nostra materia prima è acquistata in Italia e non è la prima volta che Burger King utilizza ingredienti tipici regionali Italiani: lo abbiamo fatto in passato con successo e lo faremo anche in futuro attraverso ulteriori novità”.

Ricordiamo che Parmigiano Reggiano è fatto con tre ingredienti naturali – latte, sale e caglio –, senza additivi né conservanti. La produzione avviene esclusivamente nell’Area di Origine che comprende le province di Parma, Reggio Emilia, Modena e una parte delle province di Mantova e Bologna. Solo al termine del dodicesimo mese di stagionatura le forme vengono controllate una ad una e, in caso di esito positivo dell’esame al martelletto, marchiate a fuoco con l’ovale del Consorzio di Tutela. Solo in quel momento il formaggio diventa Parmigiano Reggiano DOP per poi continuare a stagionare fino a 24, 36, 48 mesi e oltre.

 

Fabrizio Raimondi 

CONSORZIO PARMGIANO REGGIANO E JRE-JEUNES RESTAURATEURS D'EUROPE LANCIANO IL PROGETTO “40 CHEF PER IL 40 MESI”

 

Quaranta chef affiliati a JRE da tredici paesi europei hanno usato Parmigiano Reggiano 40 mesi per sviluppare ricette uniche e inedite ma allo stesso tempo close to home, ossia strettamente legate alla propria zona di origine.

Il suo profumo deciso e speziato, il sapore sapido e intenso rendono Parmigiano Reggiano 40 mesi un prodotto dalle caratteristiche inconfondibili e sempre più richiesto sulle tavole dei consumatori. Il Consorzio Parmigiano Reggiano e JRE-Jeunes Restaurateurs d'Europe hanno scelto di esaltare queste qualità con il progetto “40 chef per il 40 mesi” nel corso del quale quaranta chef da tredici paesi europei hanno sviluppato ricette uniche e inedite ma allo stesso tempo close to home, ossia strettamente legate alla propria zona di origine.

 

Per il progetto, inquadrato in una partnership triennale tra il Consorzio e JRE, sono stati selezionati ristoranti in Austria, Belgio, Croazia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Irlanda e Regno Unito.

Così come Parmigiano Reggiano è legato indissolubilmente alla propria Area di Origine – formata dalle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e parte delle province di Mantova e Bologna - anche gli chef hanno dovuto trovare una chiave di lettura “locale” per i propri piatti, dando vita a ricette fusion e abbinamenti sorprendenti: da Parmigiano Reggiano 40 mesi, trota, burro, ginepro e ostrica del ristorante austriaco Herzig ai Maultaschen con Parmigiano Reggiano 40 mesi del ristorante Krone Lamm di Berlino, fino ai Gamberi d’acqua dolce con ananas e Parmigiano Reggiano 40 mesi del ristorante Le Relais du Coche a Eyguières, in Francia.

 

Qui sono disponibili tutte e quaranta le ricette con relative foto: https://we.tl/t-B01hWuTaQo 

 

L’iniziativa è inserita nell’ambito del Progetto Premium “40 mesi”, lanciato dal Consorzio a novembre 2019 per promuovere lo sviluppo del nuovo segmento di mercato per le lunghe stagionatura. Il Progetto Premium “40 mesi” parte dal lato dell’offerta, con un incentivo ai caseifici per trattenere sulle scalere le forme prodotte negli anni 2017, 2018 e 2019 affinché non finiscano sul mercato prima del dovuto.

“Siamo entusiasti di collaborare con JRE – ha affermato Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio – per portare Parmigiano Reggiano 40 mesi sulle tavole dei migliori ristoranti d’Europa. La chiave del successo di Parmigiano Reggiano è proprio la sua versatilità: è utilizzato in cucina, non solo per la classica ‘spolverata’ sui primi piatti, ma anche per dare un tocco di carattere a carne, pesce e persino ai dessert. Ed è proprio per questo che Parmigiano Reggiano è presente in tutti i paesi del mondo, con una quota export che cresce ogni anno e che ha superato il traguardo del 44%”.

 

“Per gli chef il Parmigiano Reggiano è, grazie ai suoi aspetti salutari, al suo gusto straordinario e alla sua versatilità, il compagno perfetto del buon cibo", afferma Daniel Lehmann, Presidente di JRE-Jeunes Restaurateurs.

Ricordiamo che la stagionatura minima per Parmigiano Reggiano è di 12 mesi, mentre non esiste una stagionatura massima imposta dal Disciplinare di produzione. Durante il processo di affinamento, grazie all’azione degli enzimi liberati dai batteri lattici, le proteine vengono scomposte in pezzi più piccoli, in peptidi e in amino-acidi liberi, mattoni base della catena proteica. Questa azione di scomposizione proteica (proteolisi) determina le proprietà della struttura e sensoriali di Parmigiano Reggiano e la sua digeribilità.

Friabile, estremamente solubile e dalla forte personalità, Parmigiano Reggiano 40 mesi è apprezzato e utilizzato in cucina come ingrediente per esaltare naturalmente i sapori e gli aromi dei piatti. Solo la degustazione in purezza, tuttavia, riesce a trasferire al naso e al palato tutta la complessità e le caratteristiche organolettiche di questo formaggio: dalle note speziate, in particolare noce moscata e pepe, a quelle di frutta secca, fino al brodo di carne.

 

Ecco la lista completa dei ristoranti selezionati per il progetto “40 chef per il 40 mesi”:

 

Austria

Italia

§   Mesnerhaus

§   Atelier

§   Lukas Restaurant

§   Dolada

§   Genießer-Kuschelhotel Bergergut

§   Feel

§   Rau Restaurant

 

§   Herzig Restaurant

PAESI BASSI

 

§   Lev by Mike

Belgio

§   Orangerie De Pol

§   L'Horizon

§   Spetters

§   L'Oh

§   Rozemarijn

§   Vous lé Vous

§   Scherp

 

Croazia

Romania

§   Badi

§   Baracca

§   Dubravkin Put

 

§   Foša

Serbia

 

§   Salon 1905

Francia

 

§   Anona

Slovenia

§   Le Saint - Lazare

§   Atelje

§   Le Senso

§   Gri

 

§   Le Relais du Coche

§   Rizibizi

§   Restaurant BK

 

Spagna

Germania

§   Azafrán

§   Berlins KroneLamm

§   Palio

§   Weisses Ross

§   Huberwirt

 

REGNO UNITO E IRLANDA

§   Hotel Blauer Engel

§   Da Terra

§   PHOENIX Restaurant & Bar

§   Chestnut

§   The Dysart

§   The Kings Arms Flegg

 

Fabrizio Raimondi

È NICO MANNION, ASTRO NASCENTE DEL BASKET NBA, IL NUOVO VOLTO DEL PARMIGIANO REGGIANO NEGLI USA

 

Il Consorzio annuncia la sponsorizzazione con l’italo-americano Mannion, giovane guardia e promessa del basket USA

 

È il cestista NBA Nico Mannion, guardia italo-americana in una delle prime franchigie della West Coast, il nuovo volto del Parmigiano Reggiano negli Stati Uniti. Dopo la partnership con la giovane promessa del tennis Jannik Sinner, il Parmigiano Reggiano riconferma l’investimento nel mondo dello sport e dei giovani per sottolineare la naturalità, la genuinità e le qualità intrinseche del prodotto che lo rendono un alimento fondamentale nella dieta di tutti, in particolare degli sportivi, che vi trovano una carica di energia totalmente naturale.

Niccolò “Nico” Mannion, nato nel 2001 a Siena, è figlio d’arte: il padre, Pace Mannion, è un ex cestista statunitense con una lunga carriera tra la NBA e la Serie A italiana, e la madre, Gaia Bianchi, è un ex pallavolista di Guidonia. Il padre giocò proprio con i Golden State Warriors e anche con Utah, New Jersey e Milwaukee prima di trasferirsi in Italia nel 1989, dove rimase 13 anni giocando per Cantù, Treviso, Reggio Emilia, Caserta e Siena. Nel 2003 la famiglia fece ritorno negli Stati Uniti stabilendosi a Scottsdale, in Arizona: qui Nico ha iniziato la sua carriera agonistica nel 2015 con la squadra della Pinnacle High School, con cui ha vinto per due anni consecutivi il titolo statale dell’Arizona. Dopo un’ottima stagione nel campionato universitario Ncaa, con la maglia degli Arizona Wildcats, chiusa in doppia cifra per media punti, Mannion è stato dichiarato eleggibile per il Draft 2020: il 18 novembre scorso, è stato ingaggiato, dalla squadra capace di vincere 3 anelli Nba dal 2015 a oggi. Il 10 febbraio è passato in G-League facendo registrare ottime prestazioni, con una media di 20 punti a partita. Forte di questi numeri, il 2 marzo Nico è tornato a calcare i parquet NBA. A San Francisco, “Red Mamba”, come è soprannominato per il colore dei capelli e per la sua pericolosità in attacco, potrà crescere sotto gli insegnamenti di coach Steve Kerr e al fianco di fuoriclasse assoluti come Stephen Curry, eletto per due volte MVP della lega americana, Draymond Green e Klay Thompson. Seppur ancora giovanissimo, Mannion è considerato la grande speranza del basket azzurro: ha esordito con la maglia dell’Italbasket nel 2018, a soli 17 anni, quarto più giovane esordiente di sempre.

Da fiero italiano, sono onorato di diventare ambassador di un brand come il Parmigiano Reggiano, vera icona del Made in Italy. Ne sono un consumatore fedele da quando sono piccolo e sono felice di aggiungere un sapore di casa alla mia routine pre e post-partita”,  ha commentato  Mannion.

“Siamo orgogliosi di avere in squadra un talento come Nico Mannion. Da sempre il Parmigiano Reggiano è a fianco degli sportivi con la sua naturale carica di energia per supportare e promuovere valori come il rispetto, lo spirito di sacrificio e la genuinità”,  ha dichiarato il presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano,  Nicola Bertinelli.

 

Fabrizio Raimondi

DEGUSTAZIONI ONLINE: IL FORMAGGIO PIAVE DOP RACCONTATO ALLA STAMPA E AI BLOGGER AUSTRIACI E TEDESCHI

 

 A casa arriva la “Piave DOP Home Experience”

 

 

Si è tenuta la prima edizione della “Piave DOP Home Experience”, la prima degustazione di Formaggio Piave DOP organizzata interamente in modalità digitale, a cura di Nice To Eat-Eu, il progetto che promuove e divulga contenuti e caratteristiche del Formaggio Piave DOP in Italia e oltreconfine.

Una nuova modalità di far conoscere il prodotto e di spiegarlo, un nuovo modo di proporre tasting e formazione. Nice To Eat EU ha individuato 40 tra giornalisti e food blogger e ha spedito ad ognuno di loro la “ Piave DOP Home Experience” box, un pacco contenente

 

- 3 referenze di Formaggio Piave DOP (Formaggio Piave DOP Mezzano, Formaggio Piave DOP Vecchio e Formaggio Piave DOP Vecchio Selezione Oro)

- 3 marmellate (salsa di fichi con senape bio, salsa di cipolle, confettura Extra Albicocche BIO)

- un Piatto Bitossi Home

- materiale informativo relativo al progetto Nice to Eat-Eu e al Consorzio per la Tutela del Formaggio Piave DOP.

 

Alle 11:30 del 26 gennaio tutti collegati per l’unboxing in diretta e la spiegazione dei prodotti, con degustazione - fatta dallo chef Mirko Bandini - allestita interno del prestigioso Cafè Altenberg di Vienna. 50 minuti dedicati al racconto del territorio in cui nasce il formaggio Piave DOP, la spiegazione della denominazione di origine protetta, il racconto delle mucche e del latte che caratterizzano questa eccellenza europea e delle referenze protagoniste dell’experience.

Interessati e genuinamente coinvolti i partecipanti di questa prima edizione. Lo testimoniano le domande poste alla fine del webinar e il gustoso dibattito in chiusura di mattinata. Tra le domande più gettonate, quella relativa alla reperibilità locale del dei prodotti Piave DOP.

 

Ecco di seguito lista dei distributori:

 

Austria:

Lamercantile Scardovi (importatore)

Baumgasse 70

A-1030 Wien

 

Contatto signora Elisabetta Sacchi

http://www.lamercantile.com/

Piave Vecchio Oro del tempo 12 mesi

 

Germania:

FEINKOST SPINA GmbH& Co. KG (grossista + punto vendita al dettaglio)

Maria Probst Str.49

D-80939 MÜNCHEN

 

Contatto: sig. Augusto Sala

http://www.spina.de/

Piave Mezzano e Piave Vecchio Oro del Tempo 12 mesi

 

AMBROSINO Supermarkt (grossista + punto vendita dettaglio)

Markgröningerstr. 55

D- 71701 SCHWIEBERDINGEN

 

Contatto: Sig. Tonino

https://www.ambrosino-

Piave Vecchio Oro del Tempo

 

FONSECA GmbH Mediterrane Spezialitäten (grossista + punto vendita dettaglio)

Pfaffenhaule 4

D-78224 SINGEN

Contatto: Sig. Pedro Correia

https://www.fonseca-gmbh.com/

Piave Vecchio oro del Tempo

 

FRISCHEPARADIES HAMBURG (punto vendita + grossista)

Grosse Elbstr. 210

D- 22767 HAMBURG 

Contatto: Sig.ra Katinka Peters

https://www.frischeparadies.

Piave Vecchio

 

RUWISCH & ZUCK (importatore)

Hägen str. 11

D-30559 HANNOVER

Contatto: sig. Tammo Ehrhardt

https://ruwischzuck.de/

Piave Vecchio oro del tempo

 

VARANO VINCENZO (mercati rionali intorno a Francoforte)

Triebstr.33/5

D-60388 FRANKFURT/Main

Contatto Sig. Varano

Tel. +49 172 6822012

Piave Vecchio Oro del tempo

 

BLOCH & BEINER (mercati rionali)

Georg-Sassertr. 24

D-22949 AMMERSBEK

Contatto: Sig. Beiner

https://www.blochundbeiner.de/

Piave Vecchio Oro del tempo

 

MÜLLER MOERS GmbH & Co. KG (importatore)

Genenderweg 6

D-47445 Moers

Contatto: sig. Mersinli/Sig. Korac

https://www.mueller-moers.eu/

 

Il Consorzio di Tutela (www.formaggiopiave.it), promuove il formaggio Piave DOP e la divulgazione di corrette informazioni sulle specificità del prodotto, oltre alla comunicazione on e offline per favorirne la conoscenza e ampliarne il consumo. È possibile seguire il Consorzio e il progetto Nice to Eat-EU su Instagram @nice_to_eateu, Facebook @NiceToEatEU (FB) e YouTube (all’omonimo canale) e con l’hashtag ufficiale #Nicetoeateu, oltre che sul sito www.nicetoeat.eu

 

Consorzio Tutela Formaggio Piave DOP

Via Nazionale, 57/A – 32030 Busche BL – Italia

Tel. 0439 391170

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.formaggiopiave.it

 

Blancdenoir Communication 

IL MERCATO PREMIA LA DOP MONTASIO, IL SAPORE DELLA TRADIZIONE CHE PIACE

 

Vendute più di 925 mila forme di formaggio per un fatturato al consumo di 56 milioni di euro

La Dop Montasio si guadagna la fiducia del mercato e dei consumatori: una conferma che arriva dagli ultimi dati del Consorzio di tutela che nel 2020 ha superato le più rosee aspettative chiudendo l’anno con un incremento di produzione e vendite del + 10,35%, per un fatturato al consumo di 56 milioni di euro. Nell’anno appena terminato le forme prodotte sono state più di 925 mila - l’obiettivo prefissato era di 900 mila - rispetto alle 838.568 dell’annata precedente. 

Numeri che incoraggiano e ci rafforzano nel prosieguo del nostro lavoro e nel percorso intrapreso - afferma il presidente del Consorzio, Valentino Pivetta. Nonostante le difficoltà legate al Covid e le limitazioni imposte al settore horeca, il consumo del Montasio Dop ha continuato a crescere, forte delle sue caratteristiche di distintività e unicità. Continueremo nell’opera di valorizzazione della marca, puntando sulla sostenibilità e il rafforzamento della tracciabilità di filiera, aspetti fondamentali per la nostra Dop la cui qualità è indissolubilmente legata al territorio di origine, un territorio che abbraccia due regioni, Veneto e Friuli Venezia Giulia”. 

Ambiente incontaminato, clima, materia prima, lavorazione, tecnologia e artigianalità sono i fattori caratterizzanti e fondamentali di questa eccellenza gastronomica che sa offrire una combinazione armoniosa di profumi, sapori e valori nutritivi - sottolinea il direttore Renato Romanzin . Il Montasio dop è un perfetto alleato per la salute e il benessere grazie al suo apporto energetico e per la sua naturale caratteristica di essere naturalmente privo di lattosio. Un formaggio autentico, dal sapore della tradizione che i consumatori amano sempre di più, soprattutto nella media stagionatura - dopo i 120 giorni - quando matura nel gusto e nell’armonia dei sapori. Continueremo nel nostro percorso di valorizzazione del prodotto sempre a tutela della salute dei consumatori - aggiunge Romanzin - ponendo attenzione alle produzioni regionali, alla valorizzazione del territorio, al benessere animale e alla sostenibilità ambientale”. 

Il programma del Consorzio proseguirà anche con un intenso piano di promozione che andrà a coinvolgere le principali insegne della distribuzione organizzata anche del Nord e Centro Italia. Particolare attenzione sarà rivolta al settore Horeca e alle Gastronomie specializzate con azioni che saranno estese anche nella vicina Austria.

 

Consorzio per la Tutela del Formaggio Montasio

Vicolo Resia 1/2 - 33033 Codroipo (UD) - tel. 0432-905317 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Marzia Zanchin

 

“ONLINE IL RICETTARIO PIAVE DOP & NICE TO EAT-EU 2021”

 Scopri anche le video ricette da seguire e riprodurre a casa tua!

 

Prosegue a gonfie vele il progetto “Nice to Eat-Eu” e con esso le iniziative volte a far conoscere e apprezzare in Italia e oltreconfine le caratteristiche e le peculiarità del Formaggio Piave DOP.

 

Dopo gli ultimi mesi, dedicati a stringere legami sempre più profondi con il territorio Austriaco attraverso degustazioni di formaggio Piave DOP e prestigiose collaborazioni con 8 selezionati ristoranti di Vienna, ecco che nasce il tanto atteso ricettario 2021 scaricabile “Piave DOP & Nice to Eat-Eu”.

 

Un utilissimo strumento ricco di idee, spunti e ricette studiate appositamente dai migliori chef di Vienna e pronte per arrivare, in modo facile e veloce, sulle tavole di tutti gli appassionati di cucina.

 

Ognuno degli 8 ristoratori ha studiato e proposto la propria personale interpretazione di questo straordinario formaggio, mostrando, anche con il supporto di semplici ed efficaci video, come riprodurre facilmente questi gustosi piatti, anche nella cucina di casa propria.

 

Il ricettario è facilmente scaricabile in 3 differenti lingue: Italiano, Tedesco e Inglese dal sito ufficiale del progetto Nice to Eat-Eu – www.nicetoeat.eu/ricette, oppure utilizzando l’apposita applicazione di realtà aumentata – “Piave DOP & Nice to Eat EU – AR”, nella sezione ricette.

 

Come dicevamo, per i meno pratici ma pur sempre volenterosi aspiranti chef, sul sito potrete trovare le ricette anche in formato video per seguire nel dettaglio preparazione e passaggi e, perché no, diventare in prima persona chef creativi con il Formaggio Piave DOP.

 

Non resta che entrare nel vivo di questa gustosa iniziativa e curiosare un po’ fra le proposte degli chef. Sapienza, creatività e fantasia interpretano le diverse stagionature e creano abbinamenti - più o meno classici – anche con altri prodotti europei a marchio di tutela.

 

Protagonista indiscusso delle ricette è sicuramente una delle più apprezzate referenze Piave DOP, la Selezione Oro, pluripremiata eccellenza internazionale, un prodotto unico e autentico che, come tutti i formaggi Piave DOP, nasce nel suggestivo territorio delle Dolomiti italiane, patrimonio dell’UNESCO.

 

Cosa troverete nel ricettario? Dal “classico” e quasi rustico, con il ristorante Altenberg- Chef Mirko Bandini e la sua polenta con formaggio Piave DOP e salsa di refosco di salsiccia con finferli, fino ad abbinamenti più insoliti come i calamari farciti di Piave DOP, cavolo nero, zucca croccante e maionese alla curcuma curati dallo chef Mario Lorenzetti della Trattoria Toscana La No’. Le proposte soddisfano le più svariate preferenze culinarie, anche le più tradizionali; come non citare il risotto al radicchio e formaggio Piave DOP, a cura de L’Osteria del Collio – Chef Michele Schiano Lo Moriello?

 

Non resta che connettersi e scegliere cosa preparare!

 

Per scoprire i ristoranti che hanno collaborato al ricettario 2021 “Piave DOP & Nice to Eat-Eu” visitate il sito del progetto > https://www.nicetoeat.eu/settimane-di-degustazione-nei-ristoranti

 

 

Il Consorzio di Tutela (www.formaggiopiave.it), promuove il formaggio Piave DOP e la divulgazione di corrette informazioni sulle specificità del prodotto, oltre alla comunicazione on e offline per favorirne la conoscenza e ampliarne il consumo. È possibile seguire il Consorzio e il progetto Nice to Eat-EU su Instagram @nice_to_eateu, Facebook @NiceToEatEU (FB) e YouTube (all’omonimo canale) e con l’hashtag ufficiale #Nicetoeateu, oltre che sul sito www.nicetoeat.eu

 

Consorzio Tutela Formaggio Piave DOP

Via Nazionale, 57/A – 32030 Busche BL – Italia

Tel. 0439 391170

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.formaggiopiave.it

 

Blancdenoir Communication

PARMIGIANO REGGIANO: NASCITA DELLA FORMA “IN DIRETTA DAL CASEIFICIO”, ANCHE IN TEMPO DI COVID

PARMIGIANO REGGIANO:  NASCITA DELLA FORMA “IN DIRETTA DAL CASEIFICIO”, ANCHE IN TEMPO DI COVID 

 

 

A partire dal 26 febbraio, sette dirette Facebook della durata di 20 minuti ciascuna consentiranno agli appassionati di scoprire come nasce il Parmigiano Reggiano ma anche di interagire con il casaro, fare domande e immergersi nell’antichissima tecnica di produzione.

 

n tutti questi mesi di pandemia il Parmigiano Reggiano non si è mai fermato. Il rigido disciplinare di produzione della DOP impone ai casari di trasformare il latte in formaggio ogni giorno e così, gli oltre cinquantamila lavoratori della filiera hanno continuato a rifornirne gli italiani anche in tempi di Covid. C’è però un’attività che è stato indispensabile sospendere per legge: le visite in caseificio. Pochi sanno che, ogni anno, oltre 168 mila visitatori prenotano una visita in caseificio, anche tramite la pagina web Visita e Degusta, per assistere alla nascita di una forma di Parmigiano Reggiano.

 

Il Consorzio, per permettere agli amici del Parmigiano Reggiano di scoprire come nasce questo straordinario formaggio, lancia il format “In Diretta dal Caseificio”. Sette dirette Facebook, a partire da venerdì 26 febbraio, per assistere dal vivo a tutti i passaggi che caratterizzano la produzione: dall’arrivo del latte alla cottura della cagliata, dalla salagione fino alla stagionatura per terminare in negozio, con l’apertura della forma.

 

Le dirette, della durata di circa 20 minuti, consentiranno agli appassionati di scoprire come nasce il Parmigiano Reggiano ma anche di interagire con il casaro e gli esperti del Consorzio, fare domande e immergersi nell’antichissima tecnica di produzione, rimasta pressoché invariata da mille anni. Un’opportunità unica per scoprire i segreti del formaggio italiano più imitato al mondo.   

 

Le dirette si terranno tra il mese di febbraio e quello di maggio. Gli appuntamenti saranno annunciati di volta in volta tramite i canali social del Consorzio e sarà possibile ricevere una notifica per non mancare gli eventi. Ogni episodio sarà poi pubblicato e rimarrà a disposizione di tutti sui social poco dopo la chiusura del collegamento.

 

Ecco in anteprima i titoli dei sette appuntamenti:

- L’inizio del viaggio e l’arrivo del latte

- La trasformazione ha inizio: dal latte alla cagliata

- L’importanza dei gesti: la spinatura e la cottura

- La nascita delle gemelle: la levata e la formatura

- L’amore per i dettagli: i marchi di riconoscimento e la salatura

- Il momento della verità: stagionatura, battitura e marchiatura

- La magia che si schiude: l’apertura di una forma

 

Fabrizio Raimondi

MONTASIO DOP, ESPRESSIONE DI NATURALITÀ, AUTENTICITÀ E SOSTENIBILITÀ

Ambiente, clima, materia prima, lavorazione, tecnologia e artigianalità : fattori caratterizzanti e fondamentali dell’eccellenza gastronomica che offre una combinazione armoniosa di profumi, sapori e valori nutritivi. 

Eccellenza del ricco panorama gastronomico italiano, il Montasio Dop è un formaggio che coniuga bontà  a virtù di autenticità , naturalità  e sostenibilità. 

Territorio, clima, materia prima, tecnologia, lavorazione e artigianalità : sono le caratteristiche che determinano l’unicità  del Montasio, un formaggio dal gusto profondo della sua terra d’origine che offre una combinazione armoniosa di profumi, sapori e valori nutritivi ben espressi nelle diverse stagionature e tipologie.

Dal Fresco (60-120 giorni) allo Stravecchio (oltre i 18 mesi di stagionatura) dal PDM il Prodotto di Montagna - al Bio, oltre a essere adatto in qualsiasi momento della giornata, è un formaggio perfetto anche per chi soffre di intolleranze per la sua peculiarità di essere naturalmente privo di lattosio. Sì, perchè con la sua stagionatura il residuo di lattosio risulta inferiore a 0,1g/100g, valore limite indicato dal Ministero della Salute. 

Il Montasio PDM - Prodotto di Montagna - proveniente dalle latterie delle Alpi Giulie, è un vero patrimonio culinario, un formaggio fatto solo con latte fresco raccolto, lavorato e stagionato per minimo 60 giorni, la cui filiera produttiva - dall’alimentazione delle vacche, alla fase della mungitura fino alle fasi di trasformazione e stagionatura - si svolge rigorosamente in territorio montano. Un alimento naturale dal gusto unico le cui proprietà nutrizionali e organolettiche sono fortemente influenzate dall’alimentazione delle bovine che nel periodo estivo sono lasciate libere di pascolare. 

Il Montasio Bio è una ulteriore garanzia del massimo rispetto del territorio, degli animali e dell’uomo. Un prodotto che proviene da agricoltura biologica che utilizza esclusivamente sostanze e fertilizzanti naturali. Disponibile nelle quattro diverse stagionature è acquistabile nelle migliori botteghe gastronomiche, nei centri di grande distribuzione ma anche direttamente attraverso il web.

Il Cofanetto Regalo

Tempo di regali e a renderli più gustosi ci pensa il Consorzio del Montasio Dop con i suoi cofanetti regalo di pura bontà  e genuinità . Una proposta articolata in più formati per soddisfare gli amanti del formaggio con diverse grammature e più stagionature. 

 

www.montasio.com

 

Marzia Zanchin

 

 

2021 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica