NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Enoteche

ANTICA BOTTEGA DEL VINO VINCE IL GRAND AWARD DI WINE SPECTATOR PER LA SUA CARTA VINI, CONSIDERATA TRA LE PIÙ PRESTIGIOSE AL MONDO

LA SUA CARTA VINI E’ CONSIDERATA TRA LE PIÙ PRESTIGIOSE AL MONDO

 

 

Lo storico ristorante nel cuore di Verona, oggi proprietà delle Famiglie Storiche, è stato inserito tra i 97 locali di riferimento mondiali per gli amanti del vino, in cui figurano solo 6 italiani.

Antica Bottega del Vino si riconferma tra le più grandi eccellenze al mondo per la sua carta vini e conquista per il diciannovesimo anno consecutivo il Grand Award, il più alto riconoscimento assegnato da Wine Spectator. La rinomata rivista statunitense ha infatti inserito il locale tra i 97 punti di riferimento mondiali per gli amanti del vino, in cui figurano solamente 6 italiani.

 

Luca Nicolis, direttore dell’Antica Bottega del Vino, commenta “Vogliamo ringraziare Wine Spectator per averci nuovamente riconosciuto questo importante premio, siamo orgogliosi di essere riusciti a mantenere questa importante eredità per quasi un ventennio. Il merito di questo traguardo è di tutto il nostro team ma anche delle Famiglie Storiche, che hanno donato solidità a questa realtà storica legandola ancora di più alla nostra città. E infine ringraziamo i veronesi, linfa vitale del nostro ristorante fin dalla sua nascita: tra le nostre sale abbiamo visto passare tante generazioni di clienti affezionati, che ci hanno permesso di continuare ad affermare l’Antica Bottega del Vino e di renderla un luogo riconosciuto in tutto il mondo.”

 

Antica Bottega del Vino, dal 2010 proprietà delle Famiglie Storiche, è stata premiata non solo per la profondità delle annate e la ricerca della sua carta vini, che racchiude circa 4700 etichette e oltre 18 mila bottiglie, ma anche per l’impeccabile e riconosciuta professionalità di tutto il team dei Sommelier.

Sabrina Tedeschi, neopresidente dell’Antica Bottega del Vino, commenta con soddisfazione “Questo premio appartiene a tutte le persone che quotidianamente lavorano per rendere il locale il tempio del vino che è oggi, a cui vanno i nostri complimenti e ringraziamenti. In un momento in cui è così difficile per il mondo della ristorazione collaborare con personale qualificato, la nostra forza è il team: 25 persone che sono con noi da anni e che hanno reso l’Antica Bottega del Vino una famiglia, che accoglie ogni giorno clienti storici e turisti con lo stesso entusiasmo e la professionalità di sempre.”

 

Il premio si aggiunge alla lunga serie di riconoscimenti di Wine Spectator, che fin dal 1996 ha definito la carta vini dell’Antica Bottega del Vino una delle più complete e straordinarie del mondo, tanto da premiarla continuativamente dal 2004 con il Grand Award.

 

Nata nel 1500 durante la Repubblica di Venezia, Antica Bottega del Vino prende il suo attuale nome nel 1890 con i Fratelli Sterzi, che mantengono l’affascinante stile ottocentesco, caldo e caratteristico che vediamo ancora oggi. Il locale diventa così uno dei punti di riferimento per la scena culturale di fine Ottocento e per gli amanti del vino, accogliendo ai suoi tavoli poeti, musicisti, letterati e artisti come Boccioni, ma anche giornalisti che vi si rifugiavano dopo una giornata in redazione. Nel 1957 il locale venne acquistato dalla famiglia Rizzo-Grigolo e si concentrò soprattutto sull’attività di ristorazione fino al 1987 quando arrivarono sulle scene Severino Barzan, che successivamente portò il modello della Bottega a New York con Giovanni Pascucci suo socio.

Nel 2010 le Famiglie Storiche (Allegrini, Begali, Brigaldara, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Venturini, Zenato) acquisiscono l'Antica Bottega del Vino, salvaguardando la tradizione enologica del luogo simbolo di Verona. 

Oggi l’Antica Bottega del Vino continua ad essere un tempio del vino dove viene portata avanti l'eredità dei decenni precedenti e che continua ad essere un luogo da vivere, dove godere pienamente della tradizione enogastronomica veronese, veneta e internazionale.

 

Carlotta Flores Faccio

IL CONCORSO MIGLIOR ENOTECARIO D’ITALIA PRESENTA I SUOI SEI FINALISTI

Gli enotecari si sono sfidati nella semifinale del concorso ideato da AEPI (Associazione Enotecari Italiani Professionisti) lo scorso 28 aprile. In attesa di premiare il miglior enotecario durante la finalissima di Roma del prossimo giugno vi sveliamo chi sono i sei finalisti.

 

La sfida per i sei posti in finale del Concorso Miglior Enotecario d’Italia si è svolta lo scorso 28 aprile e la giuria, capitanata da Stefano Caffarri, ha scelto i migliori valutando le loro competenze teoriche e tecniche.

 

“Finalmente la figura dell’enotecario in Italia si sta sempre più definendo e durante la semifinale abbiamo avuto il piacere di vedere tutta la professionalità rappresentata dai partecipanti. Tra i venti enotecari professionisti provenienti da Nord a Sud del paese abbiamo scelto i migliori che, oltre ad accedere alla finale di giugno, prenderanno parte ad un’esperienza di formazione immersiva presso due realtà d’eccellenza, una nazionale e l’altra internazionale”. – afferma Francesco Bonfio, Presidente di AEPI. Infatti, presso le sedi e territori simbolo del Comité Champagne e del Consorzio del Brunello gli enotecari potranno sperimentare e scoprire le caratteristiche peculiari di questi vini così prestigiosi. Andranno a comprendere aspetti dello Champagne legati alla comunicazione al consumatore e approfondiranno il Brunello con un focus su zone, altitudini, esposizioni, stili con verticali per andare alle radici. Sei giorni dove i finalisti apprenderanno competenze e tecniche di alto livello da sfruttare durante la finale e nelle esperienze successive di approccio al consumatore.

“Ringraziamo profondamente il Comité Champagne e il Consorzio del Brunello per questa possibilità. Come organizzatori del concorso abbiamo fortemente voluto creare una situazione di scambio e arricchimento con la categoria, ancora meglio se questo avviene direttamente sul campo. - afferma ancora Bonfio – La finale a Roma celebrerà l’esperienza degli enotecari in concorso, la loro attitudine a relazionarsi con il consumatore, dimostrando grande attenzione e cura. Siamo pronti a scoprire cosa avranno in serbo”.

 

Ecco la lista dei finalisti, tre per la categoria bottiglierie classiche e tre per la categoria dei pubblici esercizi specializzati nella mescita di vino e distillati:

 

Bottiglierie classiche

  • Filippo Carraretto, Padova, La mia Cantina;
  • Andrea Lauducci, Ferrara, Enoteca Botrytis;
  • Mattia Manganaro, Brescia, Biessewine.

 

Enoteche con mescita

  • Luca Civerchia, Jesi AN, Enoteca Rossointenso;
  • Pietro Palma, Prato, To Wine;
  • Luca Sarais, Milano, Cantine Isola.

 

 

Anna Barbon

ENOTECA REGIONALE DELLA LIGURIA APPRODA A CORNIGLIANO

Enoteca Regionale della Liguria e Società per Cornigliano hanno siglato un accordo per promuovere il vino ligure e in particolare quello genovese proprio in casa del vino di Coronata ovvero a Cornigliano a Villa Bombrini

L’associazione dei produttori di Vino Ligure avrà a disposizione le bellissime stanze affrescate della Versailles genovese per i suoi grandi eventi ma anche di uno spazio in esclusiva che grazie alla collaborazione con il Comune di Genova e dell’istituto Alberghiero Nino Bergese di Sestri Ponente verrà trasformato in un’aula didattica per approfondimenti non solo sul vino ligure ma anche su tutte le eccellenze del nostro territorio. 

Simona Venni consigliere di Enoteca Regionale della Liguria per il Comune di Genova ha dichiarato “Sono orgogliosa di poter presentare, insieme al Presidente Marco Rezzano, uno dei progetti a cui mi sono dedicata maggiormente in questi anni, una sede prestigiosa a Genova per l'Enoteca Regionale della Liguria in grado di diventare un punto di riferimento per il vino ligure ma anche per tutte le eccellenze del nostro territorio, che oggi diventa realtà nella prestigiosa Villa Bombrini a Cornigliano terra del vino di coronata.

I nostri produttori potranno avere una casa comune, uno spazio privilegiato a loro dedicato nel capoluogo ligure per degustazioni, approfondimenti, incontri con clienti, giornalisti, appassionati e wine lovers sia italiani che stranieri, insomma una vetrina prestigiosa per promuovere il vino ligure e il suo territorio e soprattutto quello genovese.

Inoltre credo questa possa essere una grande opportunità, in sinergia con il Comune in primis, le associazioni locali, il Civ, per far cambiare vestito a Cornigliano e trasformarla in un’importante località enologica del territorio, ricca di storia e tradizioni contadine come Castelnuovo magra, Ortovero e Dolceacqua dove si trovano le altre sedi di Enoteca Regionale della Liguria”.

«Come Società per Cornigliano – spiega il presidente Paolo Fanghella – siamo orgogliosi di dare uno spazio all’Enoteca regionale per valorizzare e promuovere i prodotti di Cornigliano, a partire dalla Bianchetta di Coronata. Questo è l’inizio di quella che sarà una lunga collaborazione che comprenderà manifestazioni finalizzate alla promozione del quartiere e del territorio corniglianese».

«L’insediamento di Enoteca regionale rappresenta un valore aggiunto per Villa Bombrini e per tutto il quartiere di Cornigliano, al centro di una profonda rigenerazione attesa da tempo, per rilanciare una delegazione per troppi anni lasciata a servitù della grande industria e il tessuto economico locale – ha detto l’assessore al Commercio del Comune di Genova Paola Bordilli – l’attività di Enoteca, che abbiamo sostenuto come amministrazione, porterà visitatori e appassionati di produzioni locali, attivando un circuito virtuoso di promozione dei nostri prodotti e occasioni di rilancio di Villa Bombrini come polo di valorizzazione delle eccellenze del nostro territorio. Abbiamo condiviso l'inizio di questo percorso anche con il Civ di zona di Confcommercio con cui sono certa si potranno attivare importanti collaborazioni»

 

Simona Venni

MILANO, LA DROGHERIA RADRIZZANI COMPIE 110 ANNI DI ATTIVITÀ

110 anni all’insegna dell’eccellenza e della ricercatezza: la Drogheria Radrizzani, punto di riferimento nel panorama enogastronomico della città di Milano, raggiunge un importante traguardo, che affonda le sue radici nel 1910. 

Uno storico anniversario che Emilio Radrizzani, insieme alla moglie e al suo affiatatissimo staff, dedica a chi ha fatto la storia della drogheria, aperta da Camillo Robbiani, rilevata nel 1940 dal nonno Gaspare Radrizzani ed in seguito dal padre Gianfausto. Una festa collettiva e condivisa con la clientela più affezionata, con i produttori e i fornitori più entusiasti e tutti coloro che rendono possibile ogni giorno il percorso di ricerca di qualità e raffinatezza. 

Una celebrazione atipica, che in ragione del particolare momento storico in cui viviamo, non può passare attraverso un grande evento come preventivato, ma che acquisisce intensità e fervore in ogni azione, anche la più piccola, nonché nella passione, nella professionalità e nell’entusiasmo profusi nella proposta di un ricercato mondo di prodotti. Spesso introvabili altrove, si tratta di specialità ricche di storie da conoscere e di scoperte interessanti da fare: golosi cioccolati, marmellate e confetture artigianali, gustosi prodotti sott’olio, i pregiati tartufi d’Alba e il caviale, aceti balsamici della tradizione e oli italiani, formaggi di malga, tisane, ma anche prodotti per la cura della persona e della casa e le meraviglie enologiche provenienti dalle migliori aziende vitivinicole di tutto il mondo, tra svariate etichette di Champagne, Gin e Whisky, rari distillati, selezioni di Vermouth di nicchia e centinaia di vini, dai grandi classici pluripremiati ai nomi di piccole aziende emergenti

È così che questo importante compleanno ha acquisito un significato ancora più profondo, che si traduce in un ringraziamento e in un festeggiamento in ciascuna fase, dall’approvvigionamento fino alle Degustazioni del Sabato, durante le quali la Drogheria Radrizzani accompagna la clientela alla scoperta delle eccellenze delle nostre terre e non solo, presentando i prodotti delle cantine più storiche, così come i vini di produttori meno conosciuti e le migliori sfiziosità alimentari. 

Una riscoperta del senso di collettività e dell’importanza del tempo e della passione di ciascuno. 

Drogheria Radrizzani Viale Piave, 20
20129 Milano
tel. 02 7602 3119 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FLOR. SCEGLIE LA GENOVA DEL VINO NATURALE PER LA SUA TERZA ENOTECA

 

Dopo il successo di Milano, la Liguria accoglie la prima apertura fuori regione. Vini a minimo intervento, gastronomia del territorio e delivery espresso in 30 minuti.  Il 10 settembre 2021, a Genova, apre i battenti Flor. | Enoteca, primo locale del progetto Flor. | Born to be wine al di fuori della città di Milano.

La sede si trova all’interno dell’ottocentesca Galleria Mazzini, luogo di riferimento per le passeggiate tra boutique e negozi storici. L’enoteca offrirà la più ampia e variegata proposta di etichette in una Genova affezionata al vino naturale: oltre 600 referenze provenienti dall’Italia e dall’estero, scelte nel rispetto della visione dei due soci fondatori Giuseppe Rizzo e Federico Fiori.

Un passato nel digital marketing per Giuseppe e nella gestione dell’Azienda Agricola di famiglia per Federico, entrambi nutrono un amore per il “vino rispettoso di chi lo beve e di chi lo fa” capace di andare al di là della semplice passione e trasformarsi in disegni imprenditoriali concreti, ambiziosi e dall’impronta ben definita. Così, nelle enoteche Flor. si trovano in carta solo vini naturali: nessun tipo di trattamento, né in vigna né in cantina, precedenza ai piccoli produttori locali e attenzione particolare alla territorialità, anche nell'offerta gastronomica.

“Proponiamo una selezione di vini veri, schietti e ricercati che nascono dalle mani di piccoli produttori da scoprire e valorizzare – dichiara Giuseppe Rizzo – Il nostro desiderio è di trasmettere il loro patrimonio di storie ed esperienze a un pubblico pronto a stupirsi, lasciarsi coinvolgere ed emozionare da ciò che trova nel calice. Per farlo studiamo il territorio: il nostro è un progetto vivo, ogni enoteca si nutre del territorio in cui sorge”.

L’enoteca di Genova è la terza tappa di un percorso iniziato a Milano e destinato, a breve, ad approdare in diversi capoluoghi del nord e centro Italia, tra cui Verona, Torino, Firenze e Roma.

Flor. ha conquistato l’attenzione e il cuore del capoluogo meneghino con due enoteche: Flor. | Born to be wine in via Vigevano sui Navigli, inaugurata nell’autunno del 2019, e Flor. | Enoteca Bistrot, aperta nel giugno del 2020 nella zona monumentale di via Govone.

“Non è stato un inizio semplice, complice la pandemia – afferma Federico Fiori – L’8 marzo 2020 avremmo dovuto inaugurare l’enoteca in via Govone, invece scattò il lockdown. Così è nato Flor. | Delivery, il primo servizio sulla città di Milano con la consegna di tutte le etichette presenti in enoteca, a temperatura, entro 30 minuti dall’ordine. Un successo incredibile, che proporremo a breve anche a Genova”.

 

FLOR. | Born to be wine

Flor. è un progetto che nasce nel 2019 dalla passione di Giuseppe Rizzo e Federico Fiori per i vini naturali e dal desiderio di far conoscere a tutti questo mondo. Aprono così le enoteche Flor.: a Milano Flor. | Born to be wine in via Vigevano e Flor. | Enoteca Bistrot in via Govone e la nuova Flor. | Enoteca in Galleria Mazzini a Genova. La selezione dei vini è disponibile anche con Flor. | Delivery, il servizio di consegna in 30 minuti sulla città di Milano con il delivery di tutte le etichette di vino naturale presenti in enoteca a temperatura e in tutta Italia in 48h tramite lo shop www.florwine.com

 

Giulia Tirapelle

389 2373903

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

ANDREA BRUZZONE E LA NUOVA CANTINA

di Alessandra  Pocaterra

Andrea Bruzzone ha inaugurato in questi giorni una bellissima “cantina”  in pieno centro a Genova:  “Janua”  che è anche il nome del suo primo metodo classico- nonché primo spumante a Genova - da uve vermentino e bianchetta. 

Ci sono voluti due anni di lavoro e di burocrazia, aggiungo io, per realizzare un luogo magico dove si respirano la passione e l’amore che Andrea ha  per questo mestiere.  Una cantina piena di oggetti che riportano indietro nel tempo come le gerle che, piene  di uva, si caricavano sul dorso degli asini da soma, oppure il vecchio torchio,  fulcro centrale di questa suggestiva cantina e  ancora tanti attrezzi usati nel passato come le vecchie botti che contenevano i primi vini prodotti dalla Cantina. 

Ma non parlerò dei vini di Andrea che bene conosciamo noi bevitori di Liguria e  che Vi invito ad andare ad acquistare in Via San Donato da martedi 13 Ottobre, parlerò invece del suo: 

”Opificio Clandestino degli In-fusi”.

Ebbene si non solo vino quindi ma,anche distillati per Andrea vulcanico e coraggioso produttore nella difficile zona della Valpolcevera. 

Incominciamo con le  grappe ottenute distillando le vinacce dei vini doc della Valle. 

La grappa di ciliegiolo delicata e fruttata;  quella di bianchetta secca e delicata con un bel profumo di vinacce;  la grappa di bianchetta aromatizzata al miele biologico  e, la mia preferita “la Superba”  grappa di vermentino:  invecchiata in legno con il metodo solera * eccellente! 

E poi ancora, i “primi infusi” con nomi tipicamente e inequivocabilmente genovesi:

Lalla Luisa con foglie di erba luisa e la Morona con ciliegie, entrambe provenienti da Sant'Olcese

U Baxeico devo scriverlo? Ma si !!! Da  basilico genovese Dop 

U Pernanbucco con l'arancio di Finale Ligure

Il Ronchese infuso di caffè tostato a legna

Zena in un petalo piacevole infuso ai petali di rose di Genova

Levantello Liquore di nocciole Chiavaresi

L'autunno infuso di castagne della Val d'Aveto

U reganissu da bacche di liquirizia 

E poteva mancare U chinottu di Savonn-a? 

Concludiamo la bella e buona selezione di infusi con due eccellenti amari:  l'amaro Soarè un ottimo digestivo e l'amaretto di Santa Marta liquore di mandorle fatto con una antica ricetta. 

Una piccola parentesi sul vino:  le etichette dei vini di Andrea sono bellissime come le etichette dei liquori raffiguranti la mitica Fiat 600 multipla furgonata del 58, raffigurate da un artista contemporaneo genovese: Francesco Musante, il suo sito : www.officinadellafantasia.com vi trasporterà in un mondo magico.

L'etichetta di Equinozio, (colline del Genovesato bianco igp),  ne è una testimonianza.

Una curiosità:  il vino si chiama così perchè la vendemmia di queste uve per la prima volta è stata fatta proprio durante l'equinozio. 

Un grazie ad Adriana Ghersi per avermi accompagnata alla scoperta della cantina e ancora un grazie ad Andrea per l'invito con un augurio a tutti di poterci presto ritrovare a brindare in questo bellissimo “fundegu da vin” !  

* Il metodo solera consiste nel disporre delle botti di rovere a mo’ di piramide, riempite per il 70% di prodotto;  successivamente si iniziano a svuotare parzialmente le barriques della prima linea, del fondo (dette Solera) e,  si riempiono con il liquido contenuto nelle barrique del piano di sopra Queste, rimaste parzialmente scolme, vengono ricolmate con liquido dell’ultima barrique, una lavorazione lunga un anno e più a seconda dei prodotti.

 

CANTINE DI FRANCIACORTA: IN UN UNICO WINE STORE TUTTI I PRODUTTORI FRANCIACORTINI

1200 etichette per brindare all’estate

 

Il Franciacorta, con il suo effervescente perlage, è il vino dell’estate. Simbolo stesso di glamour e dell’Italian Style, il più pregiato fra le bollicine italiane con la sua vivacità accompagna brindisi e degustazioni, dona piacere, leggerezza e gioia di vivere. E, nelle sue varie tipologie, è l’abbinamento perfetto a tutto pasto per accompagnare piatti di mare e di terra, tradizionali o innovativi.

 

A proporre ai wine lovers il più vasto assortimento di vini della Franciacorta sono le Cantine di Franciacorta di Erbusco, dal 1994 enoteca di riferimento del territorio e luogo prediletto degli appassionati dell’eccellenza del vino. Il suo elegante open – space di oltre 500 mq mette in vetrina il più ampio e completo assortimento di vini della Franciacorta a prezzi di cantina. Una vera vetrina del territorio: vi sono infatti presenti tutti i produttori con ben 1200 etichette, in modo da poter offrire a consumatori ed enoturisti la possibilità confrontarle, sceglierle, degustarle, scoprendo comodamente in un solo luogo la straordinaria varietà, ricchezza e qualità della proposta enologica franciacortina.

A pochi minuti dal casello autostradale di Rovato, lungo la strada che porta al lago d’Iseo, con un comodo parcheggio il Wine Store dal concetto contemporaneo e dall’atmosfera informale ed accogliente, è aperto dalle 9,00 alle 19,30 con orario continuato, anche nei giorni festivi. Vi si trovano anche un’importante selezione di vini delle principali zone vitivinicole italiane e straniere, prodotti gastronomici di altissima qualità accuratamente selezionati (come marmellate, sott'oli, formaggi, salumi, oli e aceti balsamici, miele, salse, thè, biscotti, cioccolato e tanto altro) oltre linee particolari di accessori per servire e degustare il vino. In un piccolo caveau sono custodite le rarità, ad iniziare da vini introvabili e annate storiche, per venire incontro alle richieste degli intenditori più esigenti.

 

Il Wine Bar annesso all’enoteca, con l’ombreggiato portico che si affaccia su un luminoso e curato giardino, è la cornice ideale per una sosta rilassante e gustosa en plein air. Il luogo perfetto per sorseggiare un aperitivo a base di Franciacorta scelti nell’amplissima selezione del Wine Store. Oppure per pranzare con un appetitoso tagliere di salumi e formaggi, freschi e sfiziosi piatti come risotti e insalate a cui abbinare il Franciacorta preferito, che è possibile scegliere tra un’insuperabile gamma di possibilità.

 

Se non si può passare nel Wine Store, grazie al comodissimo e-commerce è sempre possibile ordinare i prodotti di Cantine di Franciacorta e riceverli direttamente casa.

 

Informazioni: Cantine di Franciacorta

Via Iseo, 98 - Erbusco (Bs)  -  Tel. +39 030 775 1116 -

 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Agorà di Marina Tagliaferri

NUOVA IMMAGINE PER SQUILLARI DI VIA MALTA

 

Torniamo a parlare di questa storica e tradizionale Enoteca nel centro cittadino che ieri ha voluto inaugurare il suo ampliamento  da 70 a 160 mq in un’ atmosfera moderna e stimolante.

Un nuovo look quindi fresco e giovanile con ampi spazi espositivi per i suoi prodotti, selezionati tra i top di gamma. 

Ieri  tra i prodotti offerti in degustazione Franciacorta Berlucchi ‘61 Saten, Franciacorta Mirabella Edea, Prosecco  Contatibi, una selezione dei migliori vini sardi vermentino e cannonau Meloni.

Una nota particolare va alla presentazione di due new entry nella grande famiglia dei prodotti selezionati Squillari: il Gin  Piero  esclusivo  per  setosita’ e con una miscela materializzata su 6 differenti botanici (ginepro, cardamomo,  arancia, maggiorana, zenzero e un elemento segreto ) distillato in Abruzzo. 

Seconda ma non meno importante la birra artigianale Taverna del Vara di Elisa Lavagnino ( socia ed ambasciatrice per la Liguria della Associazione Le Donne della Birra ) birre che rappresentano il territorio con un’ampia selezione e scelta tra Blanche , IPA , Brown Ale alle castagne, Pale Ale ai lamponi, Session  Ipa. 

 

 

Una nota culturale ha accompagnato l’inaugurazione con la presentazione del primo libro della giovane scrittrice Camilla Ricciardi di 16 anni fresca di età ma con alle spalle già una concreta carriera artistica di recitazione sia al Carlo Felice che in TV ( chi ha seguito Il Collegio  lo sa ..) 

Un ottimo successo di affluenza di persone che si sono avvicendate per i nuovi locali nel completo rispetto delle regole anti- CoVid nelle sicurezza di tutti e con la consapevolezza e la voglia di rinnovo e di distensione 

Auguriamo a tutto  lo staff di Squillari  ed alla sua titolare Elvira Ackermann un buon lavoro ! 

 

Claudia Paracchini

2022 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica