NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Itinerari enogastronomici

Il nostro percorso ci ha portati a conoscere molti altri appassionati, che come noi, lavorano per tenere vivo il valore di questa antica attività e per trasmetterlo nei migliore dei modi. Con entusiasmo abbiamo sviluppato il progetto del ristorante Antico Genovese ottenendo ampi riconoscimenti di critica e pubblico. Oggi continuiamo il nostro percorso alla ricerca della  qualità scoprendo e offrendo quanto di meglio offre il mercato dell'enogastronomia.

GLI INFUSI DEI CONTADINI DI GALLO ROSSO

 

Miscele con erbe di qualità dell’Alto Adige

 

I masi Gallo Rosso si trovano in posizioni idilliache, lontano dai centri abitati, dal traffico e dal caos, incastonati tra le meravigliose montagne dell’Alto Adige. Quando la stagione inizia a diventare più calda, la natura, complici le giornate di sole più lunghe, si risveglia addobbando il paesaggio con fiori profumati e colorati, prati e boschi di verde brillante e tantissime erbe selvatiche che crescono spontaneamente.

 

Molte di queste erbe selvatiche, insieme alle erbe aromatiche che i contadini dei masi Gallo Rosso coltivano nel proprio orto, vengono utilizzate per creare miscele per tisane ed infusi. Spesso, diversi masi Gallo Rosso organizzano per i propri ospiti, ma anche per esterni interessati, escursioni per imparare a distinguere nella raccolta le erbe selvatiche e ad utilizzarle per infusi o medicamenti o anche in cucina.

 

La conoscenza dei contadini altoatesini riguardo alle erbe selvatiche spesso deriva da informazioni tramandate di generazione in generazione, soprattutto da parte delle donne che, nella gestione del maso, da sempre si occupano della cucina e della raccolta delle erbe e delle bacche nei boschi Maggioranamelissaarnicarosmarino sono solo alcune delle innumerevoli erbe aromatiche che si trovano al maso e che possono essere trasformate in sali aromatizzati, molto utili in cucina per dare sapore alle pietanze o in infusi e tisane da bere per semplice piacere o per prevenire o attenuare alcuni disturbi. 

 

Inoltre, le erbe aromatiche coltivate nei masi Gallo Rosso utilizzate per le miscele di infusi e tisane devono rispondere alle direttive della coltivazione biologica e alle linee guida per le piante officinali e aromatiche, ma soprattutto devono essere raccolte nel momento giusto. Appena raccolte le erbe fresche vengono sottoposte ad un delicato processo di essiccazione a temperature non superiori ai 40°, per conservare l’aroma intenso tipico dei prodotti di qualità di Gallo Rosso.

 

I contadini mettono molta attenzione nel rispettare queste regole ed è per questo che i prodotti Gallo Rosso hanno sempre un sapore intenso e genuino. I produttori Gallo Rosso selezionati di erbe aromatiche sono presenti sul sito www.gallorosso.it.La fase di essiccazione è molto importante anche per conservare i principi attivi benefici delle erbe. L’ortica, ad esempio, è un toccasana per la stanchezza primaverile se bevuta sotto forma di tisana ogni mattina, prima di fare colazione, e abbinata a delle vitamine; la salvia ha un effetto antibatterico: una tisana di salvia con il miele aiuta in caso di tosse e raffreddore; una tisana con foglie di melissa è molto efficace per chi ha difficoltà nella fase di addormentamento.

 

Per informazioni e curiosità circa questi e altri prodotti di qualità del marchio Gallo Rossowww.gallorosso.it/it/prodotti-di-qualita/squisiti-prodotti/A proposito di Gallo Rosso

 

Gallo Rosso è il nome del marchio che dal 1999 promuove e favorisce l’attività di oltre1.600 agriturismi in Alto Adige e che appartiene all’Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Sudtirolesi (Südtiroler Bauernbund). La classificazione dei masi che offrono alloggio (Agriturismo in Alto Adige) è organizzata in fiori, da 1 a 5; più alto è il numero dei fiori, più numerosi sono i criteri soddisfatti dalla struttura. Inoltre, l’Associazione sostiene il lavoro di oltre 100 masi che si dedicano alla ristorazione contadina (Masi con Gusto), all’artigianato autentico (Artigianato contadino) e alla produzione di prodotti gastronomici genuini (Sapori del maso). Sin dalle origini lo scopo principale di Gallo Rosso è sostenere i contadini dei masi nello sviluppo di attività da affiancare all’agricoltura. La filosofia dell’Associazione Gallo Rosso è “Avvicinare le persone allo stile di vita degli agricoltori altoatesini”.

 

Nadia Scioni

PATTO DI GUSTO TRA TOSCANA E LANGHE MONFERRATO ROERO

TARTUFO BIANCO E ROSSI NOBILI: PATTO DI GUSTO TRA TOSCANA e LANGHE MONFERRATO ROERO

 

Nascono gli itinerari Gourmet che uniscono Toscana e Piemonte. L’accordo siglato tra Toscana Promozione Turistica ed Ente Turismo Langhe Monferrato Roero mira a promuovere itinerari enogastronomici che uniscano i due territori
Due grandi terre che si uniscono all’insegna del buon gusto per promuovere il bello e il buono dei loro territori. Questo è l'obiettivo della convenzione siglata tra Toscana Promozione Turistica (www.toscanapromozione.it) ed Ente Turismo Langhe Monferrato Roero che ha dato vita ad itinerari all'insegna dell'enogastronomia che spaziano tra l’area della Val d’Orcia (www.terredisienalab.it) e Valdichiana (www.valdichianaliving.it) e Langhe Monferrato Roero (www.langheroero.it - www.astiturismo.it).

 

Paesaggi unici, tanto da essere riconosciuti Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, che danno vita a prodotti 'irreplicabili' come i nobili rossi e il tartufo bianco che nasce spontaneamente in questi territori vocati per quello che Greci e Romani consideravano: il “cibo divino”.

 

Il fungo più pregiato al mondo, il Tuber Magnatum Pico, è “un miracolo della terra, che cresce senza radici e che non si può seminare” come già sottolineava Plinio, nella Naturalis Historia, prezioso ed esclusivo come l'habitat da cui nasce. Perfetta sintesi dell'“unicum” che questi territori esprimono fatto di arte, cultura, storia e tradizione enogastronomica.

 

Terre di grandi vini che hanno fatto la storia dell'enologia: Brunello di Montalcino, Nobile di Montepulciano e l''antico' Moscadello conosciuto fin dal Rinascimento, Barolo, Barbaresco e Barbera d’Asti, per citarne solo alcuni.

 

Due cucine povere, quella toscana e quella piemontese, dalle radici contadine, che hanno saputo dar vita a grandi piatti: dai pici agli agnolotti al plin, dal peposo al brasato e a prodotti straordinari: dai salumi di cinta senese Dop alla salsiccia di Bra, dal 'cacio' di Pienza alla Robiola di Roccaverano Dop, per chiudere con le carni pregiate regine della tavola: la chianina (vitellone dell'Italia centrale Igp) e la fassona.

 

L'accordo ha innescato un circolo virtuoso che ha reso possibili interessanti sinergie e scambi tra la Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato e la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

 

Il progetto denominato: ‘Discover the Differences’ ha fatto la sua prima apparizione lo scorso 30 ottobre all’Italian Luxury Workshop di New York, ed è stato presentato oggi al mercato italiano, durante la Borsa Internazionale del Turismo.

 

Con la convenzione, sono stati individuati 7 operatori toscani e 3 dell’area Langhe Monferrato Roero, specializzati in incoming, per proporre al mercato tour congiunti di alto livello, incentrati su enogastronomia, arte e outdoor.

 

I pacchetti realizzati vanno da un minimo di 5 giorni ad un massimo di 2 settimane e si concentrano su un’offerta di lusso dalle diverse declinazioni: arte e cultura, appunto, enogastronomia, outdoor (bike e trekking) e voli in elicottero per gli spostamenti.

 

Un virtuoso esempio di collaborazione e networking tra due agenzie di promozione turistica (di natura pubblica) e operatori privati, per presentarsi come un prodotto unico e completo con alti standard di qualità sui mercati internazionali.

 

Per il direttore di Toscana Promozione Turistica, Francesco Palumbo: «E' l'Italia del patrimonio agroalimentare e paesaggistico quella che con questo accordo vogliamo celebrare aprendo prospettive ad un turismo di qualità che può trovare, in questo crocevia di eccellenze, una opportunità unica ed irripetibile come quella di scoprire due territori che per affinità enogastronomiche sono famosi in tutto il mondo; questa è anche la direzione del nostro percorso di promozione turistica della Toscana e dei suoi territori, integrando sinergie e nuovi metodi per raccontarci al turista internazionale, attraverso un'offerta, che si traduce in prodotto, competitiva ed innovativa e proiettata verso il mercato estero»

 

Due destinazioni con eccellenze territoriali diversificate che si propongono sui mercati internazionali costituiscono un’esperienza di marketing innovativa e intelligente” – dichiara Luigi Barbero, presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero – “Esperienza che grazie al coinvolgimento degli operatori si concretizza in un’offerta di livello come quella del lusso. Uno degli obiettivi che ci preme raggiungere è la competitività di un prodotto integrato made in Italy caratterizzato da qualità ed esclusività”.

 

La Toscana – afferma l’assessore regionale toscano Stefano Ciuoffo – è l’archetipo del buon vivere, fatto di tradizione enogastronomica e tutela e valorizzazione dell’ambiente. Azioni e sinergie nuove come questa hanno lo scopo di esaltare determinate caratteristiche o territori e siamo molto fiduciosi sulla ricaduta proficua che potrà esserci”

 

E' intervenuto anche il sottosegretario di Stato del Ministero per i beni e le attività culturali con delega al turismo Lorenza Bonaccorsi che ha dichiarato: “Questa occasione rappresenta benissimo la filosofia su cui pensiamo si debbano muovere le politiche del turismo del nostro Paese. Il turismo è una delle grandi industrie del Paese, abbiamo una grande competizione globale. Dobbiamo saper mettere a sistema tutte le bellezze e le eccellenze nel nostro territorio. E la partnership tra Langhe e Toscana rappresenta  questo elemento che sarà sempre più essenziale nel futuro del nostro settore. Un turismo esperienziale e sostenibile che crea ricchezza e la lascia nel territorio dove la crea. Il nostro è un turismo che deve puntare sulla qualità, sempre più su quello e dobbiamo avere la capacità di alzare il livello di tutta l’offerta. È lì la sfida dei prossimi anni”.

 

 

Daniela Mugnai

Diano Marina: Aromatica 2020

Dal 30 aprile al 3 maggio, torna il palcoscenico dedicato alla presentazione dei prodotti agroalimentari Aromatica, iniziato il conto alla rovescia

Già confermata la presenza del Professor Andrea Pieroni, Rettore dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN)

 

 

E’ iniziato il conto alla rovescia per Aromatica 2020. Dal 30 aprile al 3 maggio, il cuore pedonale di Diano Marina si trasformerà infatti - per il terzo anno consecutivo - in palcoscenico dedicato alla presentazione dei prodotti agroalimentari del luminosissimo e produttivo Golfo dianese e della Riviera ligure: stand di produttori (degustazione e vendita), tavole rotonde e conferenze, convegni e cooking show, presentazione di libri a tema, interventi di giornalisti ed esperti, food blogger, vip e influencer. E poi: laboratori, presentazioni di nuovi prodotti del territorio, Dop, Doc, Igp e De.Co., cene stellate a 4 mani, menù a tema nei ristoranti e cocktail aromatici nei locali. E ancora: area street food con proposte a tema, concorso cocktail, visite guidate ed escursioni nell’entroterra, trenino del Golfo e molto altro.

 

La macchina organizzativa di Aromatica è già in moto e il programma sta cominciando a prendere forma. Nel 2020, oltre a consolidare le numerosissime eccellenze realizzate nei due anni precedenti (Aromatica è stata riproposta dall'Amministrazione comunale di Diano Marina nel 2018 e nel 2019 dopo sette anni di abbandono), ci saranno anche numerose novità e partecipazioni di assoluto spessore. L’obiettivo è quello di dare ai partecipanti un palcoscenico dalle dimensioni sempre più ampie, non più solamente locali, grazie ad una esposizione sempre più qualificata, alle tante e significative iniziative collaterali, all’inserimento di eventi nell’evento. Ma ciò che contribuisce all’unicità di Aromatica è la vera, genuina e diffusa partecipazione collettiva, in particolare degli operatori turistici e commerciali dell’intero Golfo dianese: tutto ciò ha determinato negli ultimi due anni quel salto di qualità che ha reso Aromatica la manifestazione a cui bisogna assolutamente partecipare.

 

E' già confermata la prestigiosa presenza del Rettore dell'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN), Professor Andrea Pieroni, che sarà uno dei relatori del convegno principale della manifestazione, dedicato al legame tra le erbe aromatiche e il ponente ligure, e ovviamente uno degli ospiti di prestigio di Aromatica 2020. Professore Ordinario di Etnobotanica ed Etnobiologia, Andrea Pieroni si è formato come botanico farmaceutico all’Università di Pisa (Italia), Università di Anversa (Belgio) e all’Università di Bonn (Germania), è stato Ricercatore all’Università di Londra dal 2000 e Lecturer (e, successivamente, Senior Lecturer) alla School of Life Sciences dell’Università di Bradford in Inghilterra dal 2003 al 2009. Il Professor Pieroni è stato Vice-Presidente e Presidente della International Society of Ethnobiology (2008-2010) ed è stato il fondatore ed è tuttora Editor-in-Chief del Journal of Ethnobiology and Ethnomedicine. E’ membro del board di diverse associazioni etnoscientifiche e riviste internazionali.

 

A valorizzare ulteriormente l’evento anche il Premio Aromatica, assegnato per la prima volta nel 2019, destinato a persone che abbiano contribuito a promuovere a livello internazionale le eccellenze del ponente ligure. Primo premiato lo Chef Giuliano Sperandio, originario del dianese, protagonista nella cucina del Restaurant Le Clarence (** Michelin) di Parigi. Nei prossimi giorni verrà svelato il nome del premiato per il 2020.

 

Sito Internet: www.aromaticadianese.it

Informazioni per il pubblico:
UFFICIO IAT
Piazza Dante, Diano Marina IM
Telefono: +39 327 629 2339

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per ulteriori informazioni stampa:
FEDERICO CRESPI & ASSOCIATI
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

“Girogustando” 2019

Nelle Terre di Siena proseguono i “gemellaggi” tra cuochi

A Siena nuova tappa di “Girogustando”: i sapori toscani sposano quelli valdostani

Mercoledì 6 novembre la Trattoria della Berardenga a Castelnuovo Berardenga (SI) ospita lo staff del Restaurant Alpage di Cervinia (AO)

  

 

Nelle terre di Siena, nuovo appuntamento con “Girogustando” il calendario che nasce da veri e propri “gemellaggi gastronomici” e che mercoledì 6 novembre propone un inedito incontro tra sapori senesi e valdostani.

 

La Trattoria della Berardenga a Castelnuovo Berardenga (SI) ospita lo staff del Restaurant Alpage di Cervinia (AO) per costruire uno speciale menù a quattro mani che vuole essere occasione di scambio e di scoperta.

Francesca Nannetti, cuoca della Taverna, una delle eccellenze nel senese, proporrà una tartare di Vitellone bianco delle crete senesi, pappardelle al ragu di lepre e altri piatti della tradizione toscana. Francesca collaborerà per la prima volta con Gianmarco Cerrito, chef dell’Alpage di Cervinia, che arriverà nel Chianti con ravioli di bouden e bleu d’Aoste al burro e salvia, spaziando fino al french rack di cervo con panure alle erbe aromatiche cotto “sous vide” (termine francese che indica la cottura del prodotto sotto vuoto).

In abbinamento, i sommelier Fisar serviranno vini Chianti Classico e Petit Arvine – Azienda vinicola Les Cretes.

 

“Girogustando 2019” proseguirà poi venerdì 15 novembre al ristorante l’Angolo di Acquaviva di Montepulciano (SI) che ospiterà Bocon Divino di Camposampiero (PD).

Nuova tappa nel cuore di Siena mercoledì 20 novembre con il ristorante Gallo Nero di Siena che accoglierà il ristorante San Giorgio di Genova. Il calendario si concluderà quindi giovedì 28 novembre a Pienza (SI) dove il ristorante Dal Falco proporrà un menù ideato con il Konnubio di Arenzano (GE).

 

Partners della manifestazione, sono consorzi vinicoli e organismi di tutela e valorizzazione delle produzioni tipiche che impreziosiscono l’offerta agroalimentare della Toscana. È questo un ulteriore passo avanti per l’applicazione del modello “Vetrina Toscana”, ovvero il progetto condiviso tra Regione e Unioncamere Toscana che da tempo valorizza la filiera enogastronomica regionale e i suoi soggetti attivi.

Nata 18 anni fa la manifestazione “Girogustando – I cuochi d’Italia s’incontrano”, è ideata da Confesercenti nella volontà di stimolare l’incrocio di culture e competenze, come modello per l’ulteriore crescita di un settore che è strategico per l’identità territoriale.

 

Tutti i dettagli sull’edizione 2019 di Girogustando sono reperibili sul sito www.girogustando.tv, e sui relativi social networks.

 

Sonia Corsi 3351979765; Elena Giovenco 3315353540 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

TavoleDoc Veneto

Via al progetto TavoleDoc Veneto, un percorso gastronomico tra diverse eccellenze del territorio. A Padova si è tenuta la prima Assemblea di TavoleDoc Veneto che nei prossimi mesi vedrà la sua pubblicazione. Grande l’entusiasmo da parte dei ristoranti aderenti

 

 

 

Lunedì 2 Dicembre, il Ristorante Valbruna di Limena, in provincia di Padova, è stato culla dell’Assemblea di inaugurazione del progetto TavoleDoc Veneto, al quale hanno già aderito 51 ristoranti della regione, la cui partecipazione attiva all’incontro da parte di 21 di loro ha riscosso grande coinvolgimento e partecipazione da parte degli stessi.

Diversi i temi affrontati nel corso della giornata, presentati da Mario Cucci in quanto editore della guida, Elio Ghisalberti come direttore editoriale e Marco Colognese, autore e curatore del volume.

Ognuno di loro ha esposto e approfondito i concetti più rilevanti per la realizzazione del progetto, sottolineandone l’obiettivo della valorizzazione dell’alta cucina della ragione veneta, per diffonderne la conoscenza e la propria identità gastronomica.

Mario Cucci ha sottolineato che TavoleDoc Veneto si inserisce in un più ampio progetto che a livello nazionale vede al suo attivo la Guida TavoleDoc Liguria di cui ha ampiamente descritto il grande successo ottenuto e che a breve vedrà la presentazione della sua seconda edizione. Elio Ghisalberti ha raccontato la sua esperienza attiva sul territorio lombardo, che ha permesso la formazione di una solida rete di relazioni tra i vari ristoranti. Una sfida che coinvolge nella sua interezza il Veneto, il quale, come ha sottolineato Marco Colognese, è caratterizzato da diverse specificità del territorio, ognuna contraddistinta dalle proprie eccellenze e peculiarità: dal territorio montano e dolomitico per eccellenza, all’aria marina di Venezia, apprezzata e nota in tutto il mondo.

TavoleDoc Veneto diventa così un vero e proprio racconto enogastronomico volto a promuovere la cucina dei diversi ristoranti aderenti, nonché le singolarità sottese tipiche di questa regione. Ad ogni realtà culinaria verranno dedicate quattro pagine, contenenti la presentazione del ristorante, un servizio fotografico ad hoc e una ricetta rappresentativa appositamente scelta.

 

Tutti i partecipanti si sono trovati d’accordo sui due periodi di promozione (15 marzo /15 aprile – 15 ottobre / 15 novembre), durante i quali i ristoranti proporranno i loro menu TavoleDoc ad un prezzo concordato e fisso, con l’obiettivo di proporre un’offerta gastronomica di rilievo ad un importo accessibile e molto interessante.

 

Ufficio stampa & Comunicazione

Mediavalue

Via Tolstoi, 24/7

20149 Milano

tel. +39 02 89459724

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

mediavalue.it

Aruba, Eat Local ai Caraibi

I sapori caraibici incontrano quelli olandesi, trovandosi a metà strada con influenze Sud Americane ed Europee

 

 

Ad Aruba, perla dei Caraibi del Sud dove splende sempre il sole, si sono appena concluse le Eat Local Restaurant Weeks, due settimane dedicate ai sapori e alle tradizioni locali. Dall’1 al 14 ottobre infatti, i visitatori hanno potuto assaporare il vero gusto arubano grazie a menù dedicati presso numerosi ristoranti dell’isola. Da ricette locali a base di pesce agli stufati a base di carne: una varietà di saporiti piatti creati dai migliori chef di Aruba con l’obiettivo di far scoprire il patrimonio culinario di Aruba.

 

Un soggiorno sull’isola di Aruba non può prescindere da un viaggio alla scoperta dei suoi sapori: Aruba è un paradiso per i buongustai e casa di oltre 90 nazionalità, come dimostrato dalla diversità della sua cucina. Ad Aruba, il termine “cucina locale” significa tutto e niente: scoprite come il melting pot di culture abbia contribuito a creare una cucina che è un mix di influenze olandesi, sud americane, caraibiche e nord americane, dall’alta cucina degli chef pluri-premiati ai piatti più semplici della tradizione arubana.

 

La cucina tradizionale di Aruba infatti è stata influenzata dagli amerindi, dai mercanti, dai pirati, dalle potenze coloniali olandesi e spagnole, dagli schiavi africani e dagli immigrati provenienti dall’Asia. Gli abitanti di Aruba hanno saputo amalgamare il tutto con i sapori caraibici e la cucina locale oggi offre piatti a base di pesce, stufati, specialità creole, frutta e verdure tipiche dell’area caraibica.

 

Provate le deliziose zuppe di frutti di mare oppure il pesce appena pescato: wahoo, dentice, lampuga e barracuda vengono serviti in una varietà di preparazioni tra cui fritti in padella, grigliati e alla mugnaia. Il tutto accompagnato dalla tipica salsa piccante di origine creola a base di pomodori, peperoni e cipolle chiamata pica, un vero must per un arubano!

 

E ancora, provate uno stufato di carne di manzo, di pollo o della più dolce carne di capra servita con riso e fagioli (arroz moro). Ma il più famoso degli stufati è la Keshi Yena (letteralmente stufato di formaggio), ricetta tradizionale che si ottiene riempiendo una forma di formaggio Edam o Gouda con carne speziata, cipolla, pomodoro, peperone verde, olive, capperi, uvetta e piccalilli; coprendo la forma con il suo cappello originale e poi cuocendo la forma farcita in forno fino a quando non sarà calda.

 

Infine, lo snack nazionale: il pastechi, l’irresistibile mezzaluna di pasta frolla ripiena. Il pastechi classico si ottiene farcendo con il formaggio una tasca di pasta leggermente dolce e poi friggendola ma ne esistono molte altre varietà a base di prosciutto, manzo, pollo e pesce.

 

Per chi volesse iniziare ad assaporare il gusto caraibico lontano dai Caraibi, ecco alcune ricette da preparare e provare a casa: non sarà come gustarle su una bianca e soffice spiaggia, ma aiuterà a sentirsi un po’ più vicini al mar dei Caraibi!

 

Funchi

Funchi è, la versione arubana della polenta, è una spessa polenta di mais, tradizionalmente servita come accompagnamento a ricchi stufati e piatti di pesce.  La polenta di Funchi può anche essere raffreddata, tagliata a fette piatte e fritta per una variante croccante.

 

INGREDIENTI:

300 gr di acqua fredda

350 gr di farina di granturco

5 gr di sale

350 gr di acqua bollente

5 gr di burro

 

Mescolare in una casseruola: i 300 gr di acqua fredda, i 350 gr di farina di granturco e i 5 gr di sale. Mescolare l'acqua bollente e il burro. Portare a ebollizione a fuoco vivace e cuocere per tre minuti. Continuare la cottura per altri 3 minuti, mescolando energicamente il funchi con un cucchiaio di legno. Quando la miscela è pronta si stacca dai lati della pentola, togliere dal fuoco. Versare in una ciotola profonda e ben imburrata e coprire con un piatto. Successivamente friggere i funchi nel burro e servire con pancetta croccante e uova strapazzate.

 

Pastechi 

Il pastechi è la famosa e irresistibile mezzaluna di pasta frolla ripiena.

 

INGREDIENTI DEL RIPIENO:

500 gr di tritata di manzo

1 cucchiaio di margarina

1 cipolla media tagliata fine

2 cucchiai di uvetta

1 peperoncino verde tagliato fine

1 gambo di sedano tagliato fine

½ peperoncino Scott Bonnet tagliato fine

Salsa di soia e pepe nero a piacere

 

PREPAZIONE DEL RIPIENO:

Scogliere il burro in un tegame e aggiungere tutti gli ingredienti, senza la carne. Mescolare bene e con regolarità fino a quando la cipolla e il sedano non si sono ammorbiditi. Dopo di che, aggiungere la carne e friggere fino a quando il tutto non è ben mescolato.

 

INGREDIENTI DELL’IMPASTO:

500 gr di farina di granturco

15 gr di lievito in polvere

½ cucchiaio di sale

2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di olio

1 uovo sbattuto

200 gr di acqua

 

PREPARAZIONE DELL’IMPASTO:

Mettere tutti gli ingredienti, ad eccezione dell’acqua, in un recipiente e mescolare il tutto con un cucchiaio. Aggiungere l’acqua a poco a poco per ammorbidire l’impasto. In seguito, lavorare l’impasto per circa 5 minuti, fino a quando non diventa del tutto morbido. Stendere l’impasto rendendolo spesso circa 3 mm. Poi, con un bicchiere largo o una piccola terrina, creare dei cerchi di impasto e riempirli con un cucchiaino di ripieno. Spennellare le estremità dei cerchi con dell’acqua e ripiegare l’impasto su se stesso. Poi premere sulle estremità con una forchetta. Friggere i pastechi in olio a circa 175 gradi fino a quando non diventano dorati.

 

L’Isola di Aruba, perla dei Caraibi del Sud, è situata fuori dalla rotta degli uragani e gode di una temperatura media di 28 gradi tutto l’anno. Circondata dal mare turchese e costantemente baciata dal sole, Aruba ospita ampie spiagge di sabbia bianca e panorami mozzafiato. Le numerose attività praticabili sull’Isola, la sicurezza di cui gode, le sue meraviglie naturali e l’alta qualità dell’offerta turistica la rendono una destinazione perfetta per i viaggi di nozze e non solo. Grazie al suo clima ideale e al sorriso della sua gente, Aruba è considerata la One Happy Island dei Caraibi: venite voi stessi a scoprire perché. www.aruba.com

 

Per maggiori informazioni su Aruba:

Global Tourist - Ufficio del Turismo di ARUBA in Italia

Tel: 011 – 4546557

 

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

‘SIP TRIP WITH JEFF PORTER’: DALLA CULTURA GASTRONOMICA ITALIANA AGLI AMANTI DEL VINO AMERICANI IN UN FORMAT INEDITO E INNOVATIVO

 

 

page1image3814080page1image1783680

 

Il nuovo programma apre sul web con un’incursione nel Chianti Classico 

NEW YORK – I co-produttori Jeff Porter, Vinepair (www.vinepair.com), I.E.E.M. (www.ieemusa.com) e Colangelo & Partners (www.colangelopr.com) annunciano oggi l’episodio numero 1 di ‘Sip Trip with Jeff Porter,’ (www.siptripitaly.com), viaggio culinario sulle strade d’Italia con uno dei più amati esperti di vino italiano degli Stati Uniti, il sommelier Jeff Porter. Sip Trip, che verrà lanciato sui canali social di Vinepair, tra cui Youtube, Facebook e Instagram, è stato realizzato interamente in loco e si sviluppa attraverso 14 episodi già nel primo anno, girati in oltre 40 tra le più quotate cantine italiane e zone vinicole di prestigio. 

“Ho sempre sognato di condividere con amici e familiari americani le mie incredibili esperienze alla scoperta delle principali cantine, gli incontri con famiglie di produttori meravigliose e la scoperta della cultura e della storia di queste magnifiche terre”, rivela Jeff Porter. “Per me, Sip Trip è un sogno diventato realtà”. Jeff ha viaggiato per oltre 16.000 chilometri dalle Dolomiti, fra Trentodoc e ciaspolate, fino ai vigneti sui pendii dell’Etna. 

“Sip Trip rappresenta un modo nuovo per sperimentare vino e cultura. E Jeff è il conduttore ideale”, spiega Adam Teeter, co-fondatore e CEO di Vinepair. “Il format è divertente, dinamico ed esperienziale. Il nostro pubblico potrà sperimentare in modo diretto e ‘viscerale’ la bellezza e la cultura italiane, insieme con l’enogastronomia del bel paese, dalla prima all’ultima puntata”. Vinepair è il sito internet di vini, birre e distillati più frequentato al mondo, con 5 milioni di nuovi visitatori ogni mese e la capacità di attrarre mensilmente 32,4 milioni di utenti Millennial e della Generazione X sui suoi canali web e social. 

Jeff è stato in Italia ben quattro volte in un anno per le riprese di Sip Trip, accompagnato da due amici sommelier diversi ogni volta, il regista Rob Martinez, un giornalista di Vinepair e la troupe locale. “Il concept di Sip Trip è semplice: con i miei amici vado a visitare le più grandi cantine e zone viticole d’Italia, intervisto persone interessanti ed esploro la cultura e la storia del paese. Che c’è di meglio?”, spiega Jeff. Il tono di Sip Trip è divertente e, al tempo stesso, informativo. Jeff e compagni raccontano storie avvincenti di grandi vini, vigneti e denominazioni, collocandoli nel loro contesto storico e culturale ed evitando il gergo tecnico da enologi e il moltiplicarsi di immagini di bicchieri roteanti.  

“Gli americani sono innamorati dell’Italia e del vino italiano, ma non hanno necessariamente la possibilità di esplorare i luoghi che Jeff ha visitato e di fare la conoscenza delle persone che ha incontrato”, commenta Marina Nedic, socia fondatrice di I.E.E.M. “Sip Trip consentirà agli spettatori di vivere per interposta persona la bellezza di questi angoli d’Italia e il carisma delle figure leader del vino italiano”. 

L’esperienza “on the road” avrà il suo epilogo in un viaggio da un capo all’altro degli Stati Uniti, nel quale Jeff e i suoi amici sommelier degusteranno i grandi vini assaggiati in Italia con altri sommelier americani. “Ci piace l’idea di condividere il nostro amore per l’Italia e per il vino italiano con quanti più professionisti del settore e appassionati riusciremo a raggiungere, bicchiere in mano o digitalmente”, spiega Gino Colangelo, titolare di Colangelo & Partners. “Jeff è perfetto in questo ruolo. Conosce bene l’argomento sul piano tecnico, ma è in grado di comunicare con ogni enofilo, qualunque sia il suo livello di competenza”. 

Aziende e consorzi coinvolti 

Allegrini, Argiano, Argiolas, Brancaia, Cà del Bosco, Cantina Santadi, Castello di Monsanto, Ciù Ciù, Col d'Orcia, Col Vetoraz, Colpetrone, Consorzio Vino Chianti Classico, Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, Consorzio Tutela Lugana D.O.C., Consorzio dell'Asti D.O.C.G., Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, Famiglia Cotarella, Fontanafredda, Gagliole, Giovanni Rosso, Graci, Jermann, Masi, Mastroberardino, Michele Chiarlo, Mionetto, Pertinace, Pieropan, Pio Cesare, Planeta, Primosic, Produttori di Manduria, Renato Ratti, Rocca di Frassinello, Roeno, Sella e Mosca, Tasca d'Almerita, Tenuta Sant'Antonio, Tommasi, Tornatore, Torre a Cona, Trento D.O.C., Umani Ronchi, Zenato. 

Jeff Porter 

Originario del Texas, Jeff coltiva la sua passione per il vino sin dai tempi in cui frequentava la University of Texas ad Austin, città nella quale ha iniziato la sua carriera al Central Market. Dopo la laurea, Jeff si è trasferito in California, dove ha lavorato come commerciale per un grossista della Baia di San Francisco. Avviatosi alla sommellerie nella Napa Valley, alle dipendenze di Tra Vigne Ristorante a St. Helena, è passato al Bastianich Hospitality Group nel 2009 con l’Osteria Mozza. Nel 2011, si è trasferito a New York per diventare Wine Director per Del Posto e, nel 2014, ha assunto la carica di Beverage Operations Director del B&B Hospitality Group, sovrintendendo la gestione e la promozione delle bevande per Babbo, Del Posto, Esca, Lupa, Otto, Babbo Pizzeria & Enoteca a Boston. Recentemente, Jeff ha collaborato con il gran maestro del barbecue Billy Durney per introdurre vini naturali al 100% nelle carte dei ristoranti Hometown BBQ di Brooklyn e Miami, nonché nel ristorante del New York Times, il Red Hook Tavern, fresco di stella Michelin. 

 

Vinepair 

VinePair è la più grande azienda di digital media con un focus su contenuti accessibili, divertenti e appassionanti sulle bevande e sulle esperienze che si possono fare con un bicchiere in mano. 

I.E.E.M. 

I.E.E.M.: (International Event & Exhibition Management) è la filiale di Miami di I.E.M. (International Exhibition Management), agenzia a 360°, specializzata in marketing, realizzazione di eventi e pubbliche relazioni per il settore vitivinicolo. Animati da un profondo interesse per il comparto fieristico e dal gusto per l’organizzazione impeccabile, Giancarlo Voglino e Marina Nedic, due veterani del settore, hanno fondato I.E.M. nel 1999, guadagnandosi presto la reputazione di realizzatori affidabili di eventi di elevata qualità. Oggi, la vasta rete di contatti tra i professionisti del vino e i media internazionali colloca IEEM/IEM tra i più rispettati organizzatori di eventi sul vino italiano al mondo. Per ulteriori informazioni: www.ieemusa.com

Colangelo & Partners 

Colangelo & Partners (www.colangelopr.com) è specializzata in prodotti alimentari, vini e liquori di alta gamma e intrattiene rapporti storici con le più autorevoli testate che si occupano di tali categorie e contribuiscono a determinare le leadership nel settore. I titolari dell’agenzia contano anni di esperienza sia nella commercializzazione e distribuzione che nella comunicazione, una rara e preziosa combinazione che consente a Colangelo & Partners di tracciare con competenza i comportamenti d’acquisto dei consumatori. L’agenzia punta a “chiudere il cerchio” tra comunicazione creativa, distribuzione, promozione, pubblicità e consumatori per massimizzare l’efficacia dei programmi di comunicazione e offrire risultati misurabili. Fondata nel 2006, Colangelo & Partners è stata premiata fra le società di comunicazione più integrate dell’anno nell’edizione 2013 degli Agency Elite Awards e per una delle migliori campagne marketing digitali ai Digital PR Awards del 2014. 


Giulia Bonavita Tel. 045  8303264 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

I.E.M. International Exhibition Management s.r.l. 

Via Saval,21/C - 37124 Verona (VR) – Italy – Tel. +39 045 8303264 – Fax +39 045 8303296 – e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.iem.it P.IVA E C.F. 02938360233 – REA- Verona 296500 – Cap. Soc. € 10.400,00 i.v.a 

UN ASSAGGIO D'IRLANDA IN AUTUNNO

L’isola d'Irlanda celebra in grande stile la sua gastronomia fino al 30 novembre 2019. Innovativi produttori artigianali e chef di fama mondiale, si ritroveranno infatti nelle cucine (e non solo) di tutta l’isola per creare uno degli eventi gastronomici più entusiasmanti al mondo.
  

“Taste the Island” è un’iniziativa che si tiene in tutta l’isola e che accrescerà significativamente la reputazione dell’Irlanda in fatto di esperienze gastronomiche. Si tratta di un programma di tre anni che prevede un lavoro di squadra coinvolgendo moltissimi attori della filiera turistica che lavorano con grande entusiasmo, favorendo una sicura   ricaduta economica sul settore della accoglienza in Irlanda.  
  

Questo è l’anno inaugurale della campagna e l’impegno si è concentrato sulla collaborazione con l’industria gastronomica per sviluppare un numero maggiore di eventi ed esperienze rispetto a quelli già esistenti, dando vita ad un eccezionale e variegato programma di eventi.
  

Nei prossimi tre anni il programma mostrerà in quanti modi unici ed esaltanti, i visitatori potranno godere della famosa ospitalità e degli eccellenti prodotti irlandesi. L’obiettivo é anche quello di estendere la stagione turistica irlandese   servono da stimolo anche per l’obiettivo di destagionalizzare la stagione turistica irlandese; l’anno scorso in questo periodo c’erano 16 eventi gastronomici in calendario, questo autunno invece in ogni angolo dell'isola ci sono oltre 700 eventi e festival dedicati, accompagnati da offerte di soggiorno davvero eccezionali e per la seconda edizione saranno un numero maggiore.
  

Chiunque verrà in Irlanda si renderà conto che non c'è mai stato periodo migliore di questo per scoprire il panorama gastronomico dell’isola. Tra le molteplici esperienze a disposizione ci sono percorsi gastronomici e tour lungo le coste spazzate dal vento della Wild Atlantic Way e della Causeway Coastal Route; visite a distillerie e birrifici che prevedono workshop pratici; entusiasmanti festival gastronomici e mercati contadini e centinaia di opportunità di incontrare i produttori e coloro che utilizzano i freschissimi ingredienti locali per trasformarli in sapori incredibili.
 
Unendo questa campagna a ciò per cui l’Irlanda è già famosa – la fantastica accoglienza, i meravigliosi paesaggi di terra e di mare   – Taste the Island offrirà un ulteriore buon motivo per visitare l’Irlanda alla scoperta di ciò che di eccellente ha da offrire. 
  

Turismo Irlandese sta lavorando con i Tour Operator locali, per favorire lo sviluppo di pacchetti turistici dedicati.
 
Alcuni dei prossimi eventi:

The Taste of Titanic, fino al 30 novembre, Belfast, Irlanda del Nord
The Copper Coast Plate: Meet the Makers, 7-28 novembre, Waterford City
The Howth Seafood Shuffle, fino al 30 novembre, Howth, Dublino
Athlone Whiskey Tours, fino al 26 ottobre, Athlone, Roscommon

www.irlanda.com
  

Relax di lusso in Irlanda 

Scegli l’Irlanda per il tuo prossimo break all’insegna del lusso. Non avrai che l’imbarazzo della scelta.

Se cerchi esperienze extralusso in Irlanda, ci sono diversi tour operator e guide che possono prendersi cura di ogni dettaglio, desiderio e richiesta personalizzata di viaggio.  

Sia che tu decida di lasciare a qualcun altro il compito di occuparsi del tuo viaggio da sogno o di farlo da te, troverai sicuramente ciò che desideri tra la vasta gamma di sontuose spa, eleganti castelli, dimore signorili, alberghi superlusso e persino un treno deluxe in stile Orient Express che aspetta solo di portarti verso una destinazione speciale. 

Se cerchi una spa davvero speciale, punta su una delle location più esclusive del paese – il Galgorm Spa and Golf Resort a cinque stelle in Irlanda del Nord, posizionato in un luogo idilliaco sulle sponde del fiume Maine nella Contea di Antrim. Molti vengono qui espressamente per il Villaggio Termale, il primo del suo genere in Irlanda. Gli ospiti possono godere della tranquillità della natura e sperimentare relax allo stato puro grazie ad un’ampia scelta di vasche riscaldate lungo il fiume, piscine coperte e scoperte riscaldate, bagni turchi e saune. Gli ampi spazi e i servizi eccellenti vanno a braccetto con cibo e bevande eccezionali.   

Le dimore signorili e i castelli trasformati in alberghi in Irlanda vantano interni sontuosi, uno stile improntato al lusso e cibo raffinato, e l’apoteosi di tutto questo è il favoloso Adare Manor. Considerato una delle destinazioni più importanti d’Irlanda, questo perfetto connubio tra grandeur e squisitezza dei dettagli è richiestissimo dagli amanti del lusso. Accanto allo scenario mozzafiato, Adare Manor offre accoglienza opulenta, un campo da golf che ospiterà la Ryder Cup 2026 e oltre 340 ettari di meraviglioso parco, giardini cinti da mura e sentieri dove passeggiare.  

Dromoland Castle nella Contea di Clare sulla costa ovest dell’Irlanda è ai vertici della graduatoria degli castelli-albergo d’Irlanda. Con la sua perfetta miscela di eleganza vecchio stampo e lusso contemporaneo, Dromoland vanta una tradizione di lusso sfrontato e impeccabile e servizio attento ma discreto. Tra le caratteristiche più apprezzate figurano un centro benessere, una cucina raffinata e un campo da golf professionale. 

Se invece preferisci affittare solo il castello senza il personale, il 5 stelle Crom Castle nella Contea di Fermanagh fa al caso tuo. La sua Ala Ovest è il nonplusultra tra le strutture che è possibile noleggaire - nello specifico direttamente dai proprietari, la famiglia Crichton, Conti di Erne.

Con sole 20 stanze da letto, Ballyfin è un altro luogo ideale per circondarsi dal lusso e approfittare di stratosferici livelli di ospitalità. Kim Kardashian e Kanye West hanno scelto questo luogo per la loro luna di miele, anche grazie al rigorosissimo rispetto della privacy che vige in questa struttura. Molte tenute offrono anche attività complementari quali degustazione di vini e whiskey, spettacoli musicali, tiro con l’arco, tiro al piattello, sentieri pedonali e ciclabili, gite in barca, pesca d’acqua dolce, tennis e croquet.   

Scopri un’esperienza lussuosa un po’ diversa dal solito a bordo del Belmond Grand Hibernian, che offre eleganti gite in treno per tutta l’Irlanda. Le splendide cabine passeggeri sono un mix di lusso moderno e tradizionale eleganza georgiana. Una avventura di due notti targata Taste of Ireland ti porterà lungo la spettacolare costa orientale fino a Belfast per poi scendere attraverso paesaggi verdi fino a Kilkenny, nell’Ireland’s Ancient East. La cucina è eccezionale e l'atmosfera è animata da musicisti e cantastorie. 

Per un soggiorno lussuoso in albergo senza muoversi dalla città, The Merchant garantisce un’esperienza a cinque stelle nel cuore del vibrante Cathedral Quarter di Belfast, mentre The Shelbourne rimane il simbolo del lusso nella città di Dublino.  

Ornella Gamacchio

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica