NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Oli

IL BUON OLIO: DEGUSTAZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA - NOVELLA & VIGNOLO

 Olio extravergine di oliva 2021-2022

 

di Virgilio Pronzati

 

Frantoio Novella &Vignolo S.n.c.  - Via Mulinetti 34 - 16036 Recco (Ge)  - Tel 0185.74389 - www.novellaevignolo.com -                                       Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Cultivar: Leccino (di oltre dieci anni).

Metodo di raccolta: meccanico e raccolta con reti.

Molitura-estrazione: a ciclo continuo a freddo. Le olive sono frante entro 24-48 ore dalla raccolta. 

 

Lattine prodotte: 1.200. 

Confezionamento: 50 cl. 

Data scadenza: 02/11/2023 

 

 

Esame organolettico ed altre considerazioni

 

Aspetto: Limpido. Colore: giallo paglierino con lievissimi riflessi verdolini. Odore: leggero ma persistente, fine, con sentori di erbe di campo leggermente appassite, pasta di olive, mandorla fresca e, lieve, di buccia di arancia e menta selvatica. Sapore: tendente al dolce con piacevole nota piccante, sapido, di leggera ed equilibrata struttura e persistenza. Al retrogusto: umori vegetali e mandorla.  Evoluzione: pronto.

 

Impiego gastronomico: a crudo su risotto e linguine con frutti di mare, branzino al sale, al vapore e alla griglia, baccalà al verde. In cottura in zuppa di pesci e di crostacei, baccalà al forno, fegato alla veneziana e funghi alla paesana. 

 

Per acquistarlo: in azienda nel nuovo negozio al prezzo di € 6 e, in alternativa, su e-commerce www.novellaevignolo.com. In entrambi, oltre il monocultivar di Leccino, sono in vendita   buoni extravergini prodotti con cultivar Taggiasca, Favolosa e Pinola confezionati in bottiglia e lattine,  al prezzo di € 9,50 al litro; €  8,4 al litro in lattina da 5l. Tutte le confezioni disponibili e i prezzi si trovano sul proprio sito www.novellaevignolo.com.

 

Note: L’Azienda fondata nel lontano 1860 è ancor oggi a conduzione familiare. La gestisce la famiglia Novella & Vignolo che possiede numerosi ettari di uliveti, piantati a cultivar Taggiasca, Favolosa, Pinola e Leccino. Oltre all’olio extra vergine di oliva, sono prodotti e venduti  vasetti con olive in salamoia e sott’olio (anche denocciolate) e paté d’olive.

 

Valutazione: 50/60

PRUNETI 2021 HIGHLIGHTS


2021: l’ annus mirabilis di Pruneti. Dall’innovativo pop up concept store in Rinascente Duomo Milano alla partnership con Polimoda Firenze per il lancio della collezione NICE TO MEET YOU rivolta alle nuove generazioni Z di tutto il mondo. L’eccellenza dell’olio extra vergine d’oliva Pruneti e la sua Art of Healthy Living in Chianti Classico, premiati dalle più prestigiose guide internazionali e riconosciuto anche dal G20 Agricoltura.


“Già lo scorso gennaio – esordisce Paolo Pruneti - io e Gionni avevamo ben chiaro che sarebbe stato necessario un cambio di rotta nella comunicazione dell’olio extra vergine d’oliva d’eccellenza, visti i nuovi bisogni e le diverse necessità del consumatore nel new normal post pandemia”
“Per questo – prosegue Paolo Pruneti- abbiamo scelto Polimoda Firenze, per realizzare un progetto appassionante e complesso, che ha richiesto 6 mesi di tempo e coinvolto 23 studenti del 3° anno in Business of Fashion, per dar vita ad una nuovo modo di comunicare la cultura dell'Olio Extra Vergine di Oliva, specificamente dedicato alle next generation di tutto il mondo”.

“Con le designer Alessia Quilici, Federica Spinuso e Francesca Bocci – vincitrici della borsa di studio - abbiamo lanciato a Milano in Rinascente Duomo in anteprima mondiale Pruneti, Nice to Meet You, la nostra quarta collezione e la prima con al centro il concetto di “personalità” abbinato ad un Extra Vergine.
“Quella con Pruneti – spiegano le designer – è stata una collaborazione intensa e di grande crescita personale, che ci ha fatto capire quanto l’Olio sia un ingrediente super contemporaneo e divertente proprio per tutti. È stato molto bello vedere tante persone interessarsi a questa collezione e a questo nuovo modo di comunicare l’olio, tante domande e tanta curiosità che ci ha fatto capire di aver trovato la strada giusta”.

Roadshow proseguito con i due eventi alla Pruneti Extra Gallery, sabato 11 e 18 dicembre u.s e possibilità di acquistare la nuova limited edition entro fine gennaio 2022, anche on line su www.pruneti.it.

“Tanti sforzi e anche tante gratificazioni quest’anno – interviene Gionni Pruneti – talvolta anche inaspettate come quando ci hanno comunicato dal Ministero di essere stati selezionati come tappa della visita istituzionale della delegazione del G20 Agricoltura, accompagnati dal Ministro all'agricoltura del Governo Italiano Stefano Patuanelli. È stato un onore ricevere un riconoscimento così importante all'eccellenza del nostro prodotto, ma anche alla contemporaneità delle tecniche da noi adottate nei campi e nella produzione, e del nostro ruolo di “ambasciatori” del Chianti Classico come esportatori di uno stile di vita particolarmente attento alle nuove generazioni. È stata l'occasione - prosegue Gionni - per confrontarci sui grandi temi dell’agricoltura e della necessità di politiche globali per affrontare problemi complessi che non possono essere più affrontati a livello nazionale, come la gestione delle acque superficiali e piovane."
Importanti riconoscimenti anche dalle più illustri guide specialistiche e di settore, che confermano Pruneti come uno dei produttori di Olio Extra Vergine di Oliva d’eccellenza leader a livello internazionale. Dal premio come Miglior Aroma Biologico di Monocultivar Olive Oil per il Monocultivar Leccino, alle 5 Gocce - massimo riconoscimento della guida Bibenda- ottenuto dai Monocultivar Moraiolo e Frantoio. E ancora la Gemma d’Oro dal Maestro d’Olio e
l’inserimento del Fruttato Intenso nella guida agli oli di Slow Food, fino al Top Score in guida Flos Olei di 99/100, premio al “100% Pruneti”, ovvero per l’avanguardia e la precisione dell’intera filiera produttiva.

“La campagna produttiva 2021 è stata complessa, ma di eccellenza assicurata come sottolinea Gionni Pruneti: “la qualità delle nostre olive anche quest’anno è stata ottima, anche se il freddo primaverile e il periodo di fioritura ritardato hanno comportato una diminuzione della produzione. Ha giovato molto invece l’abbassamento delle temperature dei dieci giorni antecedenti all’inizio della raccolta, che hanno sicuramente aiutato ad arricchire di sapore le nostre olive, che grazie al nostro accurato e sapiente lavoro in frantoio ci ha permesso di ottenere
oli di assoluta eccellenza.”

“Dopo un anno così intenso – interviene Paolo – al Frantoio Pruneti ci prendiamo una piccola pausa per le feste invernali. Ma diamo appuntamento a tutti i nostri lovers alla Pruneti Extra Gallery, tutti i giorni dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19, ad esclusione dell’ 1 e del 2 gennaio, per venire a scoprire la collezione Nice to Meet You e le altre collezioni 2021 e per un immancabile aperitivo per degustare l’inimitabile signature cocktail list Mix-Oil-Ogy Pruneti.”

"Siamo molto grati - concludono Paolo e Gionni- a tutti i nostri rivenditori e distributori presenti in oltre 30 paesi esteri. Siamo molto soddisfatti del lavoro che svolgono a prescindere dalla distanza, sempre pronti ad intercettare nuovi consumatori portando loro non solo un prodotto eccellente, ma una vera “Cultura dell’Olio extravergine". Un interesse in continua crescita, che ci stimola - insieme a tutto il  team Pruneti -  a creare nuovi prodotti, e soprattutto nuovi contenuti, per aiutare i nostri partner a parlare di Olio e diffondere un’educazione all’assaggio. Questa e' infatti la condizione imprescindibile per scegliere un Olio Extravergine di Oliva buono e sano, capace di  arricchire qualsiasi piatto, sia legato alla tradizione che alle cucine etniche e internazionali"

AGRICOLTURA, VINCI CITTÀ DELL'OLIO CON INIZIATIVE DEDICATE ALL'OLIVICOLTURA

 

Il primo appuntamento il 5 dicembre con “A filo d'olio”: in programma sessioni di avvicinamento all'olio e degustazioni. 

Vinci, il comune che si trova all'interno dell'area metropolitana di Firenze, è città dell'olio con iniziative dedicate all'olivicoltura e al suo prodotto principe. Il primo appuntamento, “A filo d'olio”, è il 5 dicembre, nella Foresteria di Villa Pezzatini (a partire dalle ore 10), organizzato dall'associazione per la promozione e lo sviluppo del territorio del Comune di Vinci “Vinci Pro Loco” e col patrocinio della Città di Vinci. 

L'obiettivo è promuovere la cultura dell'extravergine di qualità, avvicinare i consumatori all'olio 'buono', creare interesse e curiosità: allo stesso tempo con questa iniziativa - a cui ne seguiranno due tra febbraio e marzo - si vuole far conoscere il territorio, risorsa e scenario imprescindibile del prodotto olio, e anche i lavoratori. Sono in programma due sessioni di avvicinamento all'olio, guidate da esperti del settore. All'ingresso sarà donato il bicchiere per la degustazione dell'olio. Sarà possibile anche degustare i prodotti locali. L'ingresso è riservato solo per chi è in possesso di Green Pass: informazioni al 334 1804770 o all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

“Non siamo ancora usciti dall'emergenza Covid - ha dichiarato l'assessore a attività produttive, sviluppo economico e agricoltura del Comune di Vinci Paolo Frese - ma è necessario organizzare eventi di questo tipo, soprattutto per dare un segnale concreto di sostegno alle attività olearia del nostro comune. L'olio extravergine di oliva del Montalbano è un'eccellenza del nostro territorio, è giusto valorizzarlo al meglio. La coltivazione dell'olivo  rappresenta un aspetto cruciale per il nostro territorio, anche per il contrasto al dissesto idrogeologico del nostro crinale del Montalbano. E poi è uno dei prodotti della tradizione storico-culturale di Vinci, da sempre”.

Le iniziative proseguono anche nel 2022. Il 12 febbraio è infatti in programma il convegno “L'olio, un patrimonio da difendere e valorizzare”, in collaborazione con il club Unesco di Vinci: l'evento si terrà alla Biblioteca Leonardiana e sarà rivolto a soggetti economici e rappresentanti dell'Università di Agraria della Toscana.

 

Il 18 marzo partirà poi la “Scuola dell'olio”, il corso tecnico-professionale sull'olivicoltura. Il corso terminerà a novembre 2022: l'obiettivo è formare giovani tecnici per l'olivicoltura con priorità per i residenti nel Comune di Vinci e nei Comuni del Montalbano, aree rinomate per l'olivicoltura ma che si trovano in un momento di difficoltà sia dal punto di vista economico per la scarsa remuneratività della coltura sia per la difficoltà nel trovare personale specializzato affidabile in zona. Il corso è strutturato in moduli, ciascuno pesato in base alle più immediate esigenze della filiera olivicolo-olearia del Montalbano: comprende il 55% di attività teoriche in aula e il 45% di attività pratiche. Tra i docenti Riccardo Gucci (Università di Pisa), Bruno Bagnoli (libero professionista, già ricercatore Crea-Firenze), Maurizio Servili (Università di Perugia) e Giampiero Cresti (Consorzio Igp Toscano).

 

Lisa Baracchi

L’AZIENDA AGRICOLA EMANUELA REBAUDENGO FA INCETTA DI PREMI CON IL SUO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DOP RIVIERA LIGURE “MONACI TEMPLARI”

 

È notizia di questi giorni l’affermazione dell’Azienda Agricola Emanuela Rebaudengo di Seborga in più di una classifica dei concorsi organizzati da Olea. Si tratta dell’Organizzazione Laboratorio Esperti Assaggiatori, con sede a Pesaro e una visione internazionale. Prima di tutto i risultati: premio nazionale L’Oro d’Italia, in cima alla classifica con l’olio extravergine di oliva DOP Riviera Ligure-Riviera dei Fiori “Monaci Templari” Biosia nella speciale classifica degli oli biologici fruttati leggeri che in quella degli oli monocultivar. Del resto la produzione risulta da 350 alberi di oliva Taggiasca presenti nel territorio di Seborga, luogo che evoca storie di principi-monaci e di assoluta indipendenza rispetto alle circostanti potenze regionali e poi statali.

Allo stesso modo, sempre nel contesto Olea, si poi svolto il più ampio confronto del concorso L’Oro del Mediterraneo, in cui si presentavano oli da Italia, Turchia, Grecia, Spagna, Francia, Tunisia, Croazia. Ebbene, anche in questo caso, nella categoria riservata agli oli monocultivar si è imposto, nella categoria fruttato leggero, sempre il DOP Riviera Ligure-Riviera dei Fiori “Monaci Templari” , con particolare menzione per la sua dimensione biologica.

La dinamica e moltiforme azienda condotta da una sola famiglia, Flavio Gorni ed Emanuela Rebaudengo, padre e madre della piccola Nicole, spesso al seguito dei genitori giocando in mezzo ad affascinanti alberi di olivo e reti da olive stese. Del resto, anche la scelta biologica va in direzione della salvaguardia delle giovani generazioni e della sostenibilità produttiva in rapporto alle risorse del pianeta.

I Concorsi non si fermano qui. Sono alle porte quelli del Principato di Monaco, di Londra e di Montreal. Sempre più difficile, insomma, però i Templari amano le sfide e l’olio DOP Riviera Ligure non le teme.

Flavio Gorni è categorico: “Siamo contenti, certo, era difficile vincere, sono competizioni difficili, dove solitamente si impongono le aziende del Meridione italiano o di altri stati. Abbiamo messo in primo piano un olio DOP, crediamo nella certificazione e nella garanzia per la provenienza del nostro olio, potendo così portare avanti anche il nome di Seborga”.

 

Consorzio Tutela Olio DOP Riviera Ligure

“ C’È LA LIGURIA DENTRO”

 

  Sui Social il tormentone estivo sarà a tavola. Con sette chef stellati, l’Olio DOP e le eccellenze gastronomiche della regione

 

Nel cielo estivo il Consorzio di tutela dell’olio DOP Riviera Ligure trova 7 stelle: sono gli chef che hanno deciso di diventare testimonial dell’eccellenza gastronomica della nostra regione.

 

Sette proposte gastronomiche diverse dove è protagonista la Liguria con l’Olio DOP  e gli ingredienti autentici del territorio, spesso coltivati dagli stessi ristoratori.

 

I sette chef stellati sono Giorgio Servetto, Claudio Pasquarelli, Ivan Maniago, Ivano Ricchebono, Andrea Sarri, Giuse Ricchebuono, Barbara Masieri.

 

Le loro ricette stanno per diventare il nuovo “tormentone estivo” sui Social con la campagna “ C’è la Liguria dentro”, realizzata grazie al sostegno del Programma di Sviluppo Rurale Liguria.

 

Tra panorami e location mozzafiato si potrà seguire ( e provare a riproporre a casa ) Giorgio Servetto, al Ristorante Nove collocato nell’incantevole scenario della Villa della Pergola di Alassio, che prepara la “Trombetta dell’Orto Rampante con ricotta di brigasca”. Oppure Claudio Pasquarelli, del ristorante Claudio di Bergeggi, che propone con la figlia Lara il piatto “ Condiglione di astice blu bretone. O  farsi guidare, in un ideale tour lungo la provincia di Savona,  da Giuse Ricchebuono che dal Ristorante Vescovado a Noli propone “ Triglia piccante, piselli e ricci di mare”.

 

In provincia di Imperia sono due gli chef stellati testimoni della Liguria. A Sanremo dal “Ristorante Paolo e Barbara” nelle video ricette Barbara Masieri propone Gelato all’olio DOP, salsa di mandarini di Ospedaletti e stroscia con olio DOP. A Imperia c’è Andrea Sarri del ristorante omonimo che risponde con Cappellacci ripieni di coniglio alla ligure, profumi e gamberi di Oneglia.

 

Gli altri due chef stellati sono Ivano Ricchebono che al Ristorante The Cook a Genova propone “Gelato all’olio DOP e cioccolato bianco con crumble di cacao e ciliegie”. Mentre nel Tigullio il testimonial è Ivan Maniago che a Lavagna, al Ristorante Impronta d’Acqua, presenta il suo “Testar’olio DOP” dove il classico testarolo cambia per una volta nome in onore dell’Olio DOP.

 

Da  ieri occhio alla pagina Facebook del Consorzio di tutela dell’olio DOP Riviera Ligure dove giorno dopo giorno arriveranno i 7 chef che  preparano i loro piatti. Ma video e foto sono già tutti visibili al link https://www.oliorivieraligure.it/collarinogiallo/#ricette

Prendete nota. C’è la Liguria dentro.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NEL CHIANTI L’OLIO DOP MIGLIORE AL MONDO PREMIATO AL JAPAN OLIVE OIL PRIZE DI TOKYO

 

 

E i giapponesi in Italia fanno scorte dei prodotti dell’azienda Castel Ruggero Pellegrini. 

Ad aggiudicarsi il premio come migliore olio DOP al mondo al Japan olive Oil Prize di Tokyo è stata la storica azienda biologica Castel Ruggero Pellegrini che si trova nel Chianti, tra i comuni di Bagno a Ripoli e Greve in Chianti. Il premio “Best in Class” nella categoria DOP, indica che l’olio della Castel Ruggero Pellegrini, il “Ruggente”, è stato giudicato il migliore tra le medaglie d’oro, per la qualità e la piacevolezza complessiva.

 

“Sono molto contento di questo risultato - commenta il proprietario dell’azienda, Clemente Pellegrini Paolozzi Maiorca Strozzi - perché il Joop è un concorso che ritengo sia tra i più seri al mondo, che pone sbarramenti di quantità e alti requisiti qualitativi. Ha un panel di assaggiatori internazionale e oli che arrivano da oltre 20 Paesi. Il mercato giapponese è un mercato fondamentale per l'olio extravergine di eccellenza e quanto i giapponesi siano attenti alla qualità, certificata, dei prodotti lo dimostra anche l’alto numero di richieste del nostro prodotto che ci è arrivata dai giapponesi in Italia una volta vinto il premio”. 

 

Continua Pellegrini: “Il nostro olio ha vinto grazie a una concentrazione di oltre 800 mg/kg di polifenoli (che assicura benefici sulla salute legati al consumo del prodotto) e a un sapore che è stato definito “di grandi armonie”. Sono caratteristiche frutto di un accuratissimo lavoro di “blending” che consente di avere oli dalle altissime concentrazioni di vitamine ma anche con una notevole piacevolezza di gusto”. 

 

“Il coltivatore moderno - commenta Pellegrini - non è solo quello che coltiva le olive e divide le varietà, ma è anche colui che disegna gli oli come un enologo fa con il vino. Tutte le operazioni colturali nella nostra azienda sono improntate ai principi di sostenibilità dell’agricoltura di precisione. Un lavoro certosino ripagato dalla qualità del prodotto. Un diverso modo di lavorare che ha portato un bel risultato”.

 

L’azienda Castel Ruggero Pellegrini si distingue anche per la scelta dei canali di vendita: ”E’ fondamentale selezionare chi vuole collaborare con noi  - continua Clemente - chi propone il nostro olio fa interamente parte della nostra storia e del nostro messaggio. Sappiamo che il ristoratore e l’enoteca sono gli ambasciatori del nostro prodotto, l’olio deve essere usato in cucina, deve essere raccontato al cliente finale in un certo modo, per essere valorizzato come merita”.

 

Lisa Baracchi

C’È LA LIGURIA DENTRO L’OLIO DOP RIVIERA LIGURE. CI SONO IL TERRITORIO, LE COMUNITÀ, LA FATICA DELLE IMPRESE

 

Lo racconterà una campagna promozionale, rivolta principalmente al consumatore, che coinvolgerà chef e ristoratori nella preparazione di ricette. Per far comprendere sempre meglio la versatilità di questo prodotto in cucina grazie alle sue specifiche caratteristiche e i suoi elementi di autenticità.

Lo slogan sarà appunto “C’è la Liguria dentro” per far comprendere il legame profondo di questo prodotto tutelato e garantito con la sua terra.

 

“ Vogliamo creare un rapporto sempre più diretto con il consumatore incentivandolo a conoscere sempre meglio questo olio simbolo nella nostra regione – sottolinea Carlo Siffredi, presidente del Consorzio dell’Olio DOP Riviera Ligure -.  Ma in questa campagna promozionale di tre mesi metteremo in primo piano anche i produttori, i luoghi di produzione e le diverse identità degli oli legati alle varietà come Taggiasca, Pignola, Arnasca, Colombaia, Pignola, Lavagnina Razzola – tanto per citarne alcune - che rappresentano l’anima del nostro territorio. Sono il frutto di un duro lavoro che merita di essere promosso per raccontare la garanzia che offrono in termini di origine ligure e qualità”.  

 

“La campagna – spiega Alessandro Piana, vice presidente e assessore regionale all’Agricoltura, Marketing e Promozione Territoriale – è realizzata grazie al sostegno del PSR Liguria (Programma di Sviluppo Rurale, ndr), con ampia diffusione, per traghettare sempre di più la nostra eccellenza, l’Olio DOP Riviera Ligure, sul mercato, come espressione di una terra unica da visitare e apprezzare già dalla tavola. Si tratta di valorizzare e promuovere ogni aspetto del settore, dal presidio del paesaggio rurale sino alle attività di marketing. Nello stesso tempo significa riconoscere e stimolare il continuo sforzo delle imprese olivicole nel mantenere altissimi i valori e la qualità del prodotto, come tratto distintivo del nostro territorio”.

 

“ E’ ormai evidente che la promozione del territorio e delle sue denominazioni di origine in modo coordinato – aggiunge Carlo Siffredi –reca benefici a tutto il sistema economico ligure. Ecco perché anche in questa campagna  abbiamo ritenuto fondamentale realizzare un percorso virtuoso di promozione  con immagini che evidenziano  la qualità dell’offerta complessiva in Liguria, abbinando località e prodotto”.

 

Ottavio Traverso - Ufficio Stampa Consorzio Olio DOP Riviera Ligure - 347/4656440

PH LABS DIVENTA COMPETENCE CENTRE DI TÜV SÜD PER L’OLIO DI OLIVA

 

La richiesta di olio d'oliva, uno dei prodotti alimentari più soggetto a frodi, è in continua crescita in tutto il mondo. Per tutelare quindi aziende, distributori, importatori e consumatori nasce il Competence Centre for olive oil, un progetto internazionale che coinvolge TÜV SÜD e in particolare pH Labs, i laboratori toscani del gruppo, attivi in ambito food e food contact, oltre che ambientale e nel testing dei dispositivi medici. I Laboratori pH supportano gli operatori dell’industria oleica mettendo a disposizione un panel di assaggiatori professionali per la valutazione organolettica dell’olio e tutta la propria conoscenza relativa all’acquisto e alla gestione di questo prodotto. 

L'UE produce circa il 67% dell'olio di oliva mondiale, dove Italia e Spagna sono i principali consumatori europei mentre la Grecia registra il più grande consumo pro capite dell'UE. In totale, l'UE rappresenta circa il 53% del consumo mondiale. A livello commerciale, l’Unione Europea rappresenta circa il 65% delle esportazioni mondiali di olio di oliva, destinate prevalentemente verso USA, Brasile e Giappone (fonte: Commissione Europea).

 

Del migliaio circa di cultivar presenti nel mondo, l’Italia ne conta il maggior numero, che porta a una produzione di olio importante e variegata che si colloca al secondo posto a livello mondiale subito dopo la Spagna e prima della Grecia, ma al primo per oli di qualità riconosciuti dalla UE, con 42 prodotti DOP e 6 IGP. 

Secondo la normativa di riferimento UE (Regolamento CE 2568/91 e successive modificazioni), l’olio di oliva viene classificato in base ai risultati delle analisi fisico-chimiche e della valutazione organolettica oltre che dei metodi utilizzati per la sua estrazione dalle olive (meccanici, fisico/chimici, raffinazione). Vi sono numerose e variegate tipologie: dall’olio EVO (extravergine) a quello di oliva semplice, di sansa e di oliva lampante, raffinato o grezzo. A livello extra CEE non esiste uno standard riconosciuto. Il Codex Alimentarius prevede delle specifiche in linea con quelle messe a punto dall’IOC (International Olive Oil Council, massima autorità internazionale nel campo oleicolo) ma con alcune differenze nella classificazione dei tipi di oli, nella loro definizione e nelle procedure per le analisi. In mancanza di standard internazionali si supplisce con specifiche nazionali.

 

La normativa internazionale riconosciuta così come le legislazioni nazionali, sono costantemente soggetti a variazioni e aggiornamenti per contrastare le frodi che colpiscono soprattutto gli olii più pregiati. Agli standard sovranazionali possono essere inseriti disciplinari specifici, come DOP (Denominazione di Origine Protetta) o IGP (Indicazioni Geografica Protetta) a tutela dei prodotti di qualità superiore, o quelli per il biologico. Purtroppo, le frodi in questo settore sono ampiamente diffuse anche perché attuabili in diverse modalità: dalla vendita di extra vergini che in realtà sono miscele di oli di varia qualità, alla mendace dichiarazione di provenienza dell’olio, fino ad arrivare alla vendita di olio di oliva falso. “Nella maggior parte dei casi, la qualità dell'olio d'oliva non è riconoscibile a prima vista” - afferma Filippo Venturi, Direttore Tecnico dei laboratori pH. “Una data frode può essere dimostrata solo da esperti con l'aiuto di analisi avanzate che hanno come punti di partenza le prove sulla composizione chimica, lo studio delle caratteristiche organolettiche e del profilo sensoriale. Le proprietà tipiche dell'olio extra vergine di oliva di qualità sono un'acidità molto bassa, un alto contenuto di polifenoli, un gusto privo di difetti sensoriali. La corretta conservazione del prodotto chiude il cerchio”.

Per far conoscere e promuovere i servizi e le analisi che aiutano a discriminare l’olio di alta qualità, TÜV SÜD e pH Labs hanno creato il Competence Centre for olive oil, un centro di competenza internazionale per l’olio di oliva con sede nei Laboratori pH in Toscana.

 

I servizi dei laboratori pH per le aziende della filiera oleicolo:

·       Analisi per la determinazione delle caratteristiche di qualità e di purezza degli oli di oliva (Regolamento CEE n. 2568/91 e successive modificazioni)

·       Valutazione Organolettica per la classificazione degli oli di oliva: PH al proprio interno ha un Panel di assaggiatori professionali all’accertamento delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini ed è l’unico panel privato indipendente italiano ad essere riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, oltre ad essere accreditato 17025 per questa prova.

·       Ricerca di contaminanti, come ad esempio pesticidi, plastificanti, IPA, MOSH/MOAH, metalli pesanti, diossine e PCB, 3-MCPD per olio di oliva raffinato.

Per promuovere il Competence Centre e i servizi disponibili, si terrà il prossimo 3 giungo un seminario gratuito online tenuto in lingua inglese dai nostri esperti intitolato “Olio d’oliva: soluzioni per assicurare la qualità di un prodotto naturale”. Qui il link per avere maggiori informazioni e iscriversi: https://www.tuvsud.com/it-it/eventi/olive-oil-qa-approaches-for-a-living-product

Rivolto alla GDO e agli importatori, il workshop illustra i programmi di monitoraggio chimico e sensoriale utili a realizzare un efficace controllo della qualità del prodotto.

L’evento successivo, in fase di programmazione, sarà dedicato alle aziende produttrici di olio.

 

 

Federico Maggioni 

2022 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica