NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

LIVIGNO: SI CONCLUDE LA 6a EDIZIONE DI SENTIERO GOURMET


Si è conclusa ieri la sesta edizione di Sentiero Gourmet, l’evento gastronomico itinerante che ha regalato agli ospiti la possibilità di vivere una vera e propria “maratona del gusto” immersi nella natura della Valle del Vago.

Ieri, 15 Luglio, si è conclusa con successo la sesta edizione di Sentiero Gourmet, il celebre appuntamento itinerante volto a valorizzare la tradizione enogastronomica livignasca, sempre con uno sguardo rivolto verso l’innovazione, che quest’anno per la prima volta ha visto la partecipazione di cinque chef stellati legati alla Valtellina.

L’Associazione Cuochi e Pasticceri di Livigno (ACPL) ha allestito sei postazioni gourmet – ognuna diversa dall’altra – lungo un percorso di 5km immerso nello splendido scenario della Valle del Vago: i partecipanti hanno infatti vissuto un vero e proprio viaggio, non solo di gusto ma anche nella rigogliosa natura che caratterizza Livigno.

Ad ogni postazione, i visitatori hanno degustato diverse proposte di finger food gourmet e piatti della tradizione rivisitati dagli chef stellati in collaborazione con i cuochi dell’ACPL, ognuno dei quali ha reso omaggio al proprio legame con la Valtellina, abbinando l’autenticità dei prodotti all’innovazione interpretando quindi in chiave moderna gli ingredienti, le tradizioni e i piatti tipici.

Ogni portata è stata accompagnata da una selezione di ottimi vini rigorosamente locali serviti “al buio”, svelando quindi l’etichetta solamente al termine della degustazione. Accanto ai vini, è stata offerta ai commensali anche l’Acqua Frisia, storico brand Valchiavennasco di acqua oligominerale che condivide la vocazione green di Livigno: utilizza solo bottiglie in vetro a perdere, al fine di preservare le caratteristiche dell’acqua e di salvaguardare l’ambiente.

A dare il via alla “maratona del gusto” è stato lo chef Gianni Tarabini del ristorante La Preséf (1 stella Michelin) di Mantello che, insieme ai cuochi dell’Associazione Cuochi e Pasticceri, ha proposto cinque antipasti finger food abbinati al vino bianco di La Spia: cinque mini portate, ognuna arricchita dai sapori valtellinesi – come la trota e la farina saracena, il salmì e il latte di bruna alpina – che hanno confermato la qualità e la ricercatezza che tutti i commensali avrebbero gustato lungo tutto il percorso.

ACPL e lo chef Stefano Ciabarri – di MA! Officina gastronomica e Il Cantinone (1 stella Michelin) di Madesimo – hanno servito un tris di primi che hanno sapientemente abbinato la tradizione e creatività, come lo gnocco di polenta con crema d’ortica, formaggio di capra e acetosella e il tortello “Morbegno-Livigno” a base di grano saraceno, tuorlo, pancetta, pesteda e grana di Grosio. I primi sono stati abbinati al sapore deciso del vino Nettare di Scersce.

Gli ospiti hanno poi avuto la possibilità di assaporare i tre intermezzi vegetariani: lo chef Pietro Leeman del ristorante milanese Joia (1 stella Michelin) e la sua brigata di cuochi di ACPL hanno saputo rendere omaggio ai sapori e agli aromi valtellinesi in chiave vegetariana, tra cui una finta “bresaola rucola e grana” – ricreata con anguria marinata nella rapa, crema di mandorle e aneto cerfoglio levistico – e un gazpacho a base di pomodoro e fragola con una spuma di aglio orsino e un biscotto salato di saraceno. Le portate sono state abbinate al vino bianco Mezzo Vagabondo di Marcel Zanolari.

I secondi – tutti a base di carne e abbinati al vino Inferno di Pizzo Coca – sono invece stati creati dalla collaborazione tra gli chef dell’Associazione Cuochi e Pasticceri e Alessandro Negrini, chef de Il Luogo di Aimo e Nadia (2 stelle Michelin) di Milano, dove i commensali hanno potuto assaporare la tradizione grazie al borza’t – piatto tipico livignasco a base di pecora – ma anche provare il gusto deciso del capriolo abbinato alla ricotta e alle erbe aromatiche e una faraona farcita al profumo di carvì, una pianta officinale che ha valorizzato ancora di più il sapore della carne.

Infine, la postazione dedicata ai dessert, dove Maurizio Santin – maestro AMPI e direttore di Unica Food Innovation School – ha presentato, insieme alla sua brigata e agli chef di ACPL, una selezione di quattro mini dessert serviti all’interno di una scatola di legno personalizzata con la scritta “Sentiero Gourmet”, dove il vino Imperfetto di Marsetti ha saputo valorizzare ancora di più i sapori raffinati proposti.

Al termine del percorso, la postazione dei caffé ha offerto agli ospiti un’ottima degustazione grazie a Kafé, la micro roastery più alta in Europa nata nel 2018 che sceglie solo caffè artigianale che viene poi macinato localmente.

“Siamo felici che anche la sesta edizione di Sentiero Gourmet sia stato un successo, una conferma che il Piccolo Tibet non è solo una meta turistica, ma anche una destinazione food dove poter trovare iniziative culinarie che permettano ai cittadini e ai turisti di tutto il mondo di scoprire le tradizioni e i sapori livignaschi e valtellinesi” afferma Luca Moretti, Presidente e Amministratore Delegato di APT Livigno. “Ci tengo a ringraziare tutti gli chef che hanno partecipato all’iniziativa – sia quelli locali dell’Associazione Cuochi e Pasticceri che i cinque stellati – che, grazie all’unione delle proprie visioni innovative e più tradizionali, hanno saputo rendere sapientemente omaggio al territorio della Valtellina permettendo a tutti i commensali di vivere una food experience di alto livello” ha concluso.

Per maggiori informazioni: https://www.livigno.eu

 

2022 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica