NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

TOP 100 WINES OF 2021

Il Brunello 2016 di Poggio Landi al numero 12 della classifica “Top 100 Wines of 2021” di Wine Spectator
 

Il Brunello Docg 2016 Poggio Landi si è aggiudicato il dodicesimo posto della classifica enoica più influente al mondo, quella di Wine Spectator. Terzo posto sul podio per i vini italiani
 
Ogni anno, nel mese di novembre, la prestigiosa rivista americana Wine Spectator pubblica la classifica dei Migliori 100 Vini al Mondo, “Top 100 Wines of 2021”. Il Brunello Docg 2016 Poggio Landi si è aggiudicato il dodicesimo posto della classifica enoica più influente al mondo, dove trovano posto i migliori vini assaggiati dalla redazione durante l’anno, tenendo in considerazione la qualità assoluta del vino ma anche il valore e la disponibilità. Terzo posto sul podio se guardiamo alle posizioni riservate all’Italia.
 
Il Brunello 2016 Poggio Landi si era guadagnato i 97 punti della nota rivista proprio al momento della sua release, con grande apprezzamento di Bruce Sanderson, che ne aveva sottolineato la complessità, il bellissimo equilibrio e la lunghezza del sorso.
 
“L’annata 2016 – che possiamo definire in maniera sintetica quasi perfetta – ha messo in luce le peculiarità di un grande territorio, con un mosaico ricco di identità che si fondono tra loro dando vita ad un Brunello dalla forte personalità e tipicità”, commenta il Direttore Generale del Gruppo Abfv Italia Stefano Capurso. “Il progetto di Poggio Landi, così come quello di tutto il gruppo e delle altre aziende che ne fanno parte, è quello di valorizzare le peculiarità di territori estremamente vocati, con tecniche di gestione del suolo e del vigneto sempre più maniacali. Oggi più che mai il lavoro di questi ultimi anni sta portando i suoi frutti e ricevere un simile riconoscimento di portata internazionale è per noi un onore immenso, che dobbiamo a tutti coloro che fanno parte della squadra, che credono in noi e nel nostro lavoro ogni giorno”.
 

top100.wine spectator.com
www.poggiolandi.it

 
POGGIO LANDI IN BREVE
 
Tre le colline di Montalcino, in uno dei più importanti territori del mondo, Poggio Landi produce vini ampi, armoniosi e complessi. Le uve provengono da 60 ettari di vigne dislocate fra i 175 e i 500 metri sul livello del mare, con tre zone e una biodiversità che è il tesoro e insieme la magia di questa terra.
 
ZONA MONTOSOLI: altitudine a 200 m s.l.m. con età media dei vigneti 25 anni, si divide in parte bassa con terreni argillosi con marne e calcari del Cretaceo inferiore e parte alta con terreni argillosi con argilliti, marne e calcari del Cretaceo inferiore.
ZONA TORRENIERI (VILLA BELVEDERE E CASTELVERDELLI): altitudine a 350 m s.l.m. e vigneti con età media di 20 anni, ha terreni argillosi di origine pliocenica con presenza di marne.
ZONA LA CROCIONA (comprende la Vigna del Lupo): altitudine a 500 m s.l.m. ed età media dei vigneti di 20 anni, ha terreni molto antichi caratterizzati da argilliti con presenza di marne e calcari.
 
Brunello di Montalcino 2016 Poggio Landi
Di colore rosso rubino. Al naso presenta sentori intensi di frutta rossa matura e di spezie, distinte le note di liquirizia e cacao amaro. Al palato è forte, persistente ed intenso, dal corpo pieno e dai tannini vellutati. Finale caldo e molto persistente.
“Broad and mouthfilling, exuding floral, black cherry, blackberry, graphite and stony mineral flavors. Powerful, yet reined in by the vivid acidity, with tannins that are refined and well-integrated. Shows terrific balance and length. Best from 2025 through 2048.” (Bruce Sanderson, Wine Spectator)
 
Note sull’annata 2016
L’inverno è stato generalmente mite e mediamente piovoso. La primavera non ha dato problemi e le piante hanno risposto bene. L’estate è stata la chiave di volta di quest’annata: le temperature non hanno mai raggiunto picchi elevati e le precipitazioni sono state perfettamente distribuite. Nel periodo vendemmiale a partire dalla fine di settembre il clima è stato mite e le forti escursioni termiche tra il giorno e la notte hanno contribuito a garantire uve perfette.
scarica qua il materiale



per informazioni:

Giuseppe Ceccarelli | Direttore Creativo  | Allumeuse Communication s.r.l.
Cristina Torres | PR & Press Officer | Allumeuse Communication s.r.l.
Firenze | P.zza Madonna degli Aldobrandini, 8 | 50123 Italy
Milano | Via Solferino,11 | 20121 Italy                
Mob. +39 3270387877

www.allumeuse.it 
2021 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica