NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Ristoranti

IL RISTORANTE SAN GIORGIO HA OTTENUTO IL “BEST OF AWARD OF EXCELLENCE” DI WINE SPECTATOR

 

Questo prestigioso premio è stato assegnato al ristorante per la sua eccellente carta dei vini, la quale si distingue per l’ampiezza delle regioni vinicole abbracciate e per la significativa presenza di produttori di punta, unite a una presentazione di prim’ordine. Con la sua vasta scelta di più di 800 encomiabili etichette, il San Giorgio si presenta come un’ambita meta per i veri amanti del vino, trasmettendo un profondo impegno e una smisurata passione per il vino nella cantina e nel servizio.

Un riconoscimento tanto ambito quanto meritato dal patron Danilo Scala, che trasforma la sua passione per il vino in attenta e scrupolosa selezione delle etichette, che unisce i grandi nomi ai più piccoli produttori locali.

Da quando sono nel mondo della ristorazione, il vino mi ha da subito affascinato. Ogni vino è frutto di una storia, risultato non solo della fatica fisica nei campi durante la vendemmia, ma anche della passione di chi lo produce da generazioni. Ogni vino si distingue per il proprio sapore, è un insieme di profumi e gusti che lo rendono unico.

IL RISTORANTE SAN GIORGIO

Atmosfera familiare e raffinatezza si sposano sotto l’insegna di San Giorgio, dove l’ultima parola l’ha sempre il cliente: questo il segreto alla base del Ristorante San Giorgio, a Genova. Il locale è gestito dalla famiglia Scala, da 35 anni nel settore dell’alta ristorazione, che oggi afferma la propria presenza grazie alla guida del giovane ma già navigato, chef Graziano Caccioppoli. L’intesa è stata pressoché immediata, in quanto sia lo chef che il ‘padrone di casa’, Danilo Scala, ritengono assolutamente prioritaria la soddisfazione dei propri ospiti. Il motto del locale, non a caso, recita: “il cliente non deve chiedere mai; il giorno che non ci saranno più richieste dai clienti, significherà che si sarà raggiunta l’eccellenza”. Ed è il caso di dire che alle parole seguono i fatti: l’alta qualità della cucina è infatti sempre abbinata ad un servizio impeccabile, allo scopo di proporre ai propri ospiti un’esperienza gastronomica memorabile.

 

 

 

LA FILOSOFIA DI CUCINA

La protagonista indiscussa della filosofia del locale è l’altissima qualità della materia prima – con il pescato e le verdure di stagione a farla da padroni –, alla quale si abbina il piacere nell’accontentare in ogni modo i propri ospiti, anche a costo di andare ‘fuori carta’. Le idee alla base del progetto gastronomico di Graziano Caccioppoli si riuniscono in un mix ben bilanciato degli insegnamenti ricevuti nel corso della sua carriera, che lo hanno portato ad adottare uno stile di cucina basato sull’equilibrio di ricercatezza, creatività, misura e premura per il desiderio particolare del cliente. La storia personale dello chef ben suggerisce come ogni passaggio della sua formazione sia stato fondamentale per il suo percorso di perfezionamento gastronomico. Il racconto di Graziano rievoca con passione le lunghe ore di pratica, da giovane, quando ha assimilato i primi segreti riguardo il pescato fresco o la cottura della carne; per non parlare dell’apprendistato al Mizuki di Kyoto dove ha appreso dallo chef Miura “l’eleganza e la semplicità del piatto, come affettare un pesce trasformandolo in eccellenza assoluta”, o gli anni al rinomato Da Vittorio della famiglia Cerea, dove ha posto la pietra angolare di quella che oggi è la filosofia cui si ispira insieme al suo staff, ovvero “l’arte di coccolare il cliente a tavola”, l’idea secondo la quale non è sufficiente preparare un grande piatto se ogni altro aspetto ‘di contorno’ non è curato con la stessa maniacale precisione.

I PIATTI

L’offerta di Ristorante San Giorgio varia secondo la stagionalità degli ingredienti, allo scopo di mantenere sempre elevato lo standard di qualità della materia prima impiegata. Lo chef non si pone vincoli creativi e avanza proposte sia di terra sia di mare, rivisitazioni di piatti storici così come ricette più innovative. Per iniziare, antipasti a base di pesce fresco e d’alta qualità abbinato alla miglior verdura di stagione – come nel caso delle capesante servite con papaia, cetriolo e anacardi, o nel tradizionale capponmagro genovese. Segue la scelta di primi, con proposte di paste fresche, ripiene o secche, dove spiccano gli gnocchi al pesto: una preparazione apparentemente molto classica, ma che sorprende per la magistrale fattura del pesto, l’acuto impiego del mascarpone e le guarnizioni a base di crema di pinoli e fagiolini sbollentati, che rivela un gioco di sapori capace di andare ben oltre la tradizione. Tra i secondi – un mix di proposte di terra e di mare – la Triglia alla Rossini, rivisitazione della famosa ricetta, con protagonista la triglia invece che il filetto; sono impiegati gli stessi prodotti altamente qualitativi del piatto originale, adattando il foie gras al sapore e alla consistenza del pesce: il risultato è un’esperienza gastronomica inedita nelle aspettative quanto soddisfacente nel gusto. Il capitolo dei dolci è un richiamo alla grande passione per la pasticceria dello chef; la zuppa di pomodoro dolce, gelato alla mozzarella di Vico Equense e granita di basilico, rievoca momenti della sua infanzia, quando egli, vicano DOC, all’uscita di scuola, era solito passare per il caseificio di paese a ritirare il bocconcino di fiordilatte da 100 grammi per gustarlo a merenda. L’enciclopedica carta dei vini permette di trovare sempre il perfetto abbinamento ad ogni proposta dello chef, dall’entrèè al dessert.

 

Petra Cucci

VINIVERI ALLA BRINCA! 

 

Lunedì 28 Giugno 2021

 

Tornano le serate di degustazione alla Brinca con un grandissimo evento!

 La mitica associazione di viticoltori naturali ViniVeri, dopo lo stop forzato delle manifestazioni di Cerea e Assisi, organizza nella giornata di Lunedì 28 Giugno in contemporanea in tutta Italia e Europa, un momento di incontro con le migliori realtà del Vino naturale https://www.viniveri.net/communicati-stampa/viniveri-ristoranti-2021/ . Per la Liguria è stata scelta La Brinca! Quattro le aziende ospitate per locale, e qui saranno presenti:DARIO PRINCIC, Oslavia (Gorizia),  TRINCHERO, Agliano (Asti), CAROLINA GATTI, Ponte di Piave (Treviso), SELVADOLCE, Bordighera (Imperia)

Il programma

Dalle ore 18 alle ore 20 sul terrazzo della Brinca, riservato agli operatori e a chi ha prenotato per la cena,

banco di assaggio di tanti vini delle aziende presenti e di altri viticoltori di ViniVeri.

Dalle 20,30 chi ha prenotato si accomoda nelle sale ed inizia la cena. 

E per La Brinca ci sono i piatti nuovi del 2021…

 

Torta di Riso nell’attesa e a seguire

 

Scabeccio di acciughe Liguri e fagioli Patanin

Bolle Bandite 2019 (glera) – Carolina Gatti 

Cùniggiu Magro

Rebosso 2018 (vermentino) – Selvadolce 

Gnocchetti di castagna al pesto di mortaio, prescinseua e verdure

Bianco Trebež 2015 (chardonnay+sauvignon+tocai friulano) – Dario Princic

Cabannina sotto sale 

Vinage 2018 (merlot+freisa+nebbiolo) – Trinchero 

Capriolo alla Ligure

Vigna del Noce 2012 Barbera d’Asti Superiore – Trinchero

Gelato di ricotta dell’Aveto con frutti di bosco locali 

Caffè 

€ 65,00 a persona

Alcune informazioni.

Per la serata i posti disponibili sono davvero limitati e i tempi sono stretti, per cui prenotate appena possibile.

 

Come molti di Voi hanno potuto constatare, abbiamo ridotto fortemente i posti disponibili nelle sale, inizialmente per le disposizioni di legge, e ora per nostra scelta rimarremo così.

Vogliamo accogliervi sempre al meglio.

Per cui soprattutto nei fine settimana bisogna prenotare con larghissimo anticipo.

Alcuni servizi aggiuntivi.

Come potete vedere dal nostro sito www.labrinca.itcontinua la possibilità di asporto con ritiro diretto in Trattoria, quindi non facciamo consegne, prenotando i Vostri piatti almeno il giorno prima: il menù per l’asporto su https://www.labrinca.it/lista/110

C’è la nostra Bottega on line per ricevere a casa Vostra tramite corriere le nostre conserve

https://www.labrinca.it/brincashop/

Come sempre seguiteci in tempo reale su https://www.facebook.com/labrinca/  e https://www.instagram.com/la_brinca/

UN TERRITORIO IN TAVOLA: NEL DIANESE NASCE IL CLUB DEL VERMENTINO


Da oggi, martedì 1 giugno, è ufficialmente attivo il Club Ristoranti del Vermentino, composto da nove attività della Valle Dianese fortemente legate al territorio e alla cucina tipica ligure, vocate alla valorizzazione dei prodotti locali. Ristoranti che hanno deciso di “consorziarsi” per promuoversi in maniera unitaria e realizzare, nel corso dell’anno, una serie di iniziative congiunte.
Nei menù proposti dai rispettivi chef spiccano i Dian, corzetti artigianali con il Vermentino e l’olio evo nell’impasto (secondo una ricetta de.co. di Diano Marina), piatti a base di olive taggiasche, pesto fresco e pesce, con abbondante utilizzo di erbe aromatiche e prodotti a km0.

Nella carta dei vini, oltre a numerose etichette di Vermentino, almeno una “bollicina” ligure, sempre più di moda. E, per il dopo dessert, anche la grappa al Vermentino e uno speciale amaro alle erbe aromatiche.

 Beach, Golosamente, Il Caminetto, Poggio dei Gorleri, Tirabuscion, Vico del Rame (Diano Marina), Paolomaria (Diano San Pietro), Girasole e Osteria di Castello (Diano Castello) 

  

Il neonato Club comprende Beach, Golosamente, Il Caminetto, Poggio dei Gorleri, Tirabuscion, Vico del Rame (Diano Marina), Paolomaria (Diano San Pietro), Girasole e Osteria di Castello (Diano Castello). Facile riconoscerli anche grazie alla targa posizionata all’esterno dei locali e al loro pay off “Assapora il territorio, taste this land”. Sito: www.ristorantidelvermentino.it.

Sono già diverse le aziende agricole della Riviera Ligure con cui sono state avviate collaborazioni e, in alcuni casi, realizzati prodotti con etichetta personalizzata: Poggio dei Gorleri, Novaro Sapori, Maria Donata Bianchi, Viticoltori Ingauni, La Ginestraia, Ramoino Vini, Ravera Bio e Pastificio Fiorini. 

Il progetto ha già interessato diversi wine blogger e riviste di enogastronomia.

 

Carlo Ferraro

DALLA MESOPOTAMIA AL ROERO, ENRICO CRIPPA RACCONTA IL PIATTO DI MAGGIO, ASPARAGI AL BRUSCO

 

“Quando raccolgo gli asparagi nell’orto, con il loro profumo unico, verde e fragrante di linfa che proviene dal gambo appena tagliato, è un chiaro segnale della bella stagione” commenta Enrico Crippa, introducendo il piatto del mese di maggio, asparagi al brusco

 

L’asparago è una pianta molto antica, le cui prime tracce si trovano in Mesopotamia, e da lì velocemente diffusa in tutto il bacino Mediterraneo; il suo nome -  Asparag - di origine iraniana, significa germoglio. Teofrasto, botanico e filosofo greco antico, lo descrisse già tre secoli avanti Cristo. Gli Egizi e i Romani ne elogiavano le benefiche proprietà. Duemila anni orsono, Plinio il vecchio e Apicio, primo cuoco nella storia, descrissero la coltivazione degli asparagi e le numerose ricette. Anche Virgilio, amante della natura, apprezzava molto questo ortaggio. Infine si racconta che nel Medioevo, nei monasteri, venissero coltivate erbe spontanee, piante aromatiche, frutta e verdura di ogni tipo, tra cui anche gli asparagi.  Oggi l’Italia è tra i maggiori produttori e vanta delle vere e proprie eccellenze, come in Piemonte con l’asparago DOP di Vinchio, Valmacca, Poirino e Santena. Anche il Roero, forse pochi lo sanno, con i suoi terreni sabbiosi, è una zona particolarmente adatta alla coltivazione dell’asparago, altamente salutare. 

 

Enrico Crippa celebra questo ortaggio rendendolo protagonista di una proposta, presente in menù, solo per pochi mesi, tra marzo e giugno:  gli asparagi al brusco. Per preservare al massimo le sue  proprietà ed esaltarne il sapore, lo chef consiglia di cucinarli direttamente in padella con poca acqua, sale e un filo d’olio. Si prepara poi l’altro ingrediente alla base del piatto: la salsa brusca piemontese, qui rivisitata con note più leggere e fresche. Si utilizzano, infatti, solo i tuorli d’uovo che vengono emulsionati a caldo - come solitamente si usa per la salsa bernese -  sostituendo però l’olio al burro;  una volta montata la salsa,  si aggiunge una riduzione di aceto addolcita dallo scalogno, fino a renderla brusca. Gli asparagi cotti sono posizionati nel piatto accompagnati dalla salsa ottenuta; si completa la composizione con un bouquet di erbe - edera terrestre, menta, clayton de cuba, germogli di senape - accompagnato da fiori come primule, violette o fiori di acacia.

 

Piazza Duomo  

Dall’incontro tra la famiglia Ceretto ed Enrico Crippa, nasce nel 2005 il ristorante Piazza Duomo ad Alba, tre stelle Michelin dal 2012. Conscio fin dagli esordi della ricchezza e della varietà offerta dai prodotti locali, Crippa ha portato la sua esperienza internazionale in un territorio dalle tradizioni radicate come quello delle Langhe, proponendo sapori inusuali pur mantenendo un occhio di riguardo e di rispetto per gli ingredienti del luogo. Il filo conduttore è l'utilizzo di materie prime d'eccellenza, accuratamente selezionate nel rispetto delle stagioni e poi trasformate abilmente in opera d'arte, come solo gli chef di talento sanno fare.  

 

 

Anna Gilardi

 

ENRICO CRIPPA RACCONTA L’ARANCIA 

 

Dalla dispensa del ristorante Piazza Duomo di Alba,  suggestioni di stagione e prove di nuovi 

sapori

 

In attesa di poter tornare ad accogliere la propria clientela ai tavoli del  ristorante Piazza Duomo, Enrico Crippa apre la sua dispensa per raccontare piatti di  stagione, suggestioni di sapori che danno inizio a un dialogo tra lo chef e i suoi ospiti.  

L’arancia è la protagonista di questa proposta in cui l’ingrediente è esplorato in varie forme  - crema, brodo, gelatina e biscotto - per dar vita a una composizione dolce che esalta il  frutto in tutte le sue parti, buccia, polpa e succo in maniera variegata restituendo un  sapore armonioso unito ad un inebriante profumo.  

 

“Quando cucino ho sempre in mente i clienti, coloro a cui dedico gli sforzi di ogni mio  piatto, soddisfarli è la migliore ricompensa. E oggi mi piacerebbe stupirli con un viaggio  italiano di sapori, restituendo in un piatto quel piacere dell’esplorazione che mai come in  questo momento ci manca, ma che per fortuna la cucina con un ingrediente semplice  riesce ad evocare. Basta infatti nominare l’arancia per sentire i profumi degli agrumi, ed  eccoli combinati con sapori avvolgenti, per restituire in un piatto un momento di  suggestioni e piacere.” Dichiara Enrico Crippa, presentando la combinazione dolce che  ha provato nella sua cucina.  

 

 

 

 

Il gusto morbido delle arance bionde - le navel - le rende perfette per la preparazione della  salsa, della sfoglia e del brodo. Il sapore deciso e inconfondibile delle arance sanguigne -  le tarocco - si rivela nel succo e nel taglio vivo dell’insalata che viene ingentilita dalla  gelatina di moscato passito, una combinazione leggera e fresca.   

Caffé, mango verde e polvere di  limone bruciato accentuano le note mediterranee del dessert aprendo il palato a un vero  viaggio di sapori e atmosfere. 

 

Infine la salsa di arancia e le finte scorzette passate nel  cioccolato fondente completano l’armonia del piatto. Il brodo di arancia, preparato con le  bucce tostate, aggiunge una nota energica alla composizione.  

Intorno una impalpabile alternanza di consistenze e golosità che completano il percorso  riportandoci in Piemonte con la morbida ricotta di seirass, lavorata come una coppa  sabauda, abbinata al biscotto Cavour.  

 

Piazza Duomo  

Dall’incontro tra la famiglia Ceretto ed Enrico Crippa, nasce nel 2005 il ristorante Piazza  Duomo ad Alba, tre stelle Michelin dal 2012. Conscio fin dagli esordi della ricchezza e  della varietà offerta dai prodotti locali, Crippa ha portato la sua esperienza internazionale in un territorio dalle tradizioni radicate come quello delle Langhe proponendo sapori inusuali pur mantenendo un occhio di riguardo e di rispetto per gli ingredienti del territorio. Il filo conduttore è l'utilizzo di materie prime d'eccellenza, accuratamente selezionate nel  rispetto delle stagioni e poi trasformate abilmente in opera d'arte, come solo gli chef di  talento sanno fare.  

 

 

Anna Gilardi

ANNUNCIATI GLI ASIA’S 50 BEST RESTAURANTS: SINGAPORE CONFERMA LE SUE ECCELLENZE GASTRONOMICHE

L’elenco Asia’s 50 Best Restaurants, la prestigiosa classifica internazionale della ristorazione, è stato annunciato attraverso una premiazione virtuale in streaming su Facebook e YouTube.

 

Dopo aver ricoperto il primo posto per due anni consecutivi, il ristorante Odette si trasferisce al secondo posto della classifica, pur mantenendo il titolo di The Best Restaurant a Singapore. Singapore conta anche tre nuovi arrivati nella celebre classifica: Cloudstreet, guidato dallo chef dello Sri Lanka Rishi Naleendra, fa il suo ingresso nella lista al numero 31; mentre il ristorante dalla calda e intima atmosfera Euphoria dello chef Jason Tan si posiziona al numero 41. Lo chef LG Han's porta al debutto il ristorante Labyrinth e si posizione al numero 40 della classifica e ottenendo altresì il Flor de Caña Sustainable Restaurant Award per le sue politiche di approvvigionamento sostenibile e per il lavoro a sostegno della comunità durante la recente pandemia. Il premio è conferito da Food Made Good Global, partner ufficiale di 50 Best.

 

Gli altri ristoranti di Singapore che si sono posizionati nella classifica sono: Les Amis (n. 13), Burnt Ends (n. 14), Zén (n. 23) e Jaan di Kirk Westaway (n. 42).

 

Marialuisa Scatena

IL BOX DI PASQUA DI MANUELINA A CASA TUA

 

Il Box di Pasqua
di Manuelina a casa tua

Ci sarebbe piaciuto poter aprire finalmente le porte dei nostri locali per festeggiare la Pasqua insieme ai nostri amici e clienti, ma visto che la pandemia non ce lo permette ancora per stare vicini a voi abbiamo pensato ad un Box con tutti sapori della Pasqua di Manuelina.

 

 
 

 

SCARICA IL MENU

 

 

Il box contiene un menu per due persone con piatti preparati presso le nostre cucine e consegnati a casa tua con tutte le indicazioni del nostro Chef Marco Pernati per rigenerarli e gustarli come se fossi da noi al Ristorante.

 

Il box sarà disponibile per le consegne di tutto il week end dal 3 al 5 aprile.

 

Potrai ordinare il tuo box entro le 12 di giovedì 1 aprile

 

VISITA IL SITO

 

Per ordinare puoi:

consultare il nostro shop online

chiamare al 349/2624879

oppure scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Manuelina s.r.l.

Via Roma, 296 - 16036 Recco (GE)

PASQUA 2021 LABRINCAACASATUA

 

Dopo tanto tempo è un piacere ritornare a scrivere a Voi che ci seguite con tanto affetto tramite la nostra mailing!

 E’ un periodo davvero difficile e per chi come noi vive di ospitalità lo è in maniera particolare: le continue aperture e chiusure creano tanta insicurezza e poca possibilità di progettare il futuro. Siamo però certi che con la campagna di vaccinazione e con la buona stagione alle porte, potremo tornare ad accoglierVi con tanta passione. Già in questi spezzoni di servizio che ci sono stati permessi, la Vostra risposta è stata entusiastica e ci ripaga di tanti sacrifici. Nei momenti di chiusura, continuiamo a fare lavori di manutenzione nel locale e nelle nostre terre tutte intorno, con belle novità che potrete apprezzare prossimamente. Ci scusiamo con tutti coloro che non hanno trovato posto soprattutto nei fine settimana: la riduzione dei posti e dei servizi, allungano fortemente i tempi di prenotazione, per cui anche per il futuro Vi chiediamo di prenotare con largo anticipo.

Con la speranza di poter riaprire con servizio di Trattoria dal 6 aprile, Vi segnaliamo...

 

 

Anche quest’anno festeggeremo tutti la Santa Pasqua in Casa con le nostre Famiglie, per questo motivo abbiamo deciso di proporre un menù completo per farVi compagnia anche in quei giorni così importanti. 

Abbiamo pensato un menu #laBrincaaCasaTua per tutta la zona del Tigullio e Genova che consegneremo personalmente nel pomeriggio di venerdì 2 aprile a Genova (casello Ge Nervi), Recco e limitrofi e sabato 3 aprile in tutto il Tigullio; tutti i dettagli sul nostro sito

 

https://www.labrinca.it/lista/95

 

Per il resto dell’Italia abbiamo realizzato una box #SpeditoaCasaTua pensata per 2 persone che invieremo tramite corriere refrigerato all’inizio della settimana Santa in modo tale che arrivi entro Pasqua; tutte le info sempre sul nostro sito 

 

https://www.labrinca.it/lista/96

 

Per tutte le info e prenotazioni contattateci via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure whatsApp allo 3484059487. Prenotate per tempo i Vostri Menù Pasquali perché sono limitati 

 

Vi segnaliamo anche che quando saremo aperti con servizio di Trattoria, quindi in zona gialla, sarà sempre disponibile un menù per l’asporto diretto con ritiro qui da noi: lo troverete sempre su www.labrinca.it da prenotare entro il giorno prima e il ritiro nel pomeriggio con appuntamento. Non faremo consegne a domicilio. 

Alla pagina  

https://www.labrinca.it/brincashop/  

è sempre aggiornata la nostra bottega on line per spedirVi a casa un po' di Brinca!

Come sempre potrete seguirci in tempo reale su 

https://www.facebook.com/labrinca

e

https://www.instagram.com/la_brinca/ 

Un grande abbraccio virtuale ad ognuno di Voi e alle Vostre Famiglie!A presto!

 

Sergio Circella

La Brinca di Ne

2021 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica