NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi culturali

"Premio De Rege"

 

 

A settembre siamo stati presenti (Franco Canevesio per la precisione, noi eravamo in tempo di vendemmia!) al decennale del"Premio De Rege" svoltosi a Casagiove/Caserta. E' stata una manifestazione grandiosa, vi allego solo la foto del palco tanto per farvi un idea. A seguito della manifestazione il Comune ha deciso di dedicare una piazza di Casagiove (città natale) ai fratelli, cosa di cui siamo orgogliosi e riconoscenti.  La stagione dei festival è in corso, siamo stati selezionati a partecipare a (per maggiori informazioni vedere siti): "Genova Film Festival, martedì 4 c.m alle ore 16,00 al Palazzo della Meridiana, per aprire la rassegna dedicata alla Liguria (De Rege un pò Torinesi, un po' Genovesi, un pò Napoletani, mica male!!), nell'ambito della rassegna "Missing  Film Festival - Genova" la pellicola integrale verrà proiettata giovedì 13 c.m. al Fritz Lang in via Acquarone a Genova (orario serale, da precisare) siamo rientrati in una rosa di 18 film su 93 visionati  al prestigioso  "Bellaria Film Festival" Igea marina (RN), e verremo presentati sabato 29 dicembre. E' un Festival importante e siamo molto fieri di esserci.

 

Per i tanti amici genovesi che ci hanno sostenuto, abbiamo pensato ad un altro incontro con proiezione,  fissato il venerdì 25 gennaio al Circolo Zenzero, dove saremo accolti dalla consueta calorosa accoglienza (vi faremo avere al più presto i dettagl del programma).

Con il 2019, ci proponiamo di realizzare 2 proiezioni della pellicola precedute da un momento di avanspettacolo a Torino, e qui dovremo "dare il bianco!!!!" e ad Ovada e inizieremo la distribuzione della pellicola tramite il circuito dei cinema d'essai quantomeno su Liguria e Piemonte.  Insomma…………non ci resta che ridere!! Spero non aver dimenticato nulla e rivedervi in qualcuna di queste occasioni.

 

Cari saluti

Giovanna

AD ABBADIA SAN SALVATORE LE FIACCOLE ACCENDONO IL NATALE

 Nella città del Monte Amiata (Siena) ogni anno si celebra un rito ancestrale legato al fuoco

 

Si rinnova una delle più antiche feste del fuoco italiane.  Un intero paese prosegue la millenaria tradizione popolare delle “Fiaccole”, la cui costruzione inizia con gli inizi di dicembre e illumina la notte del 24 dicembre

 

Ad Abbadia San Salvatore (Monte Amiata - Siena) il Natale profuma ancora di tradizione, di magia, di riti ancestrali grazie alle Fiaccole, una delle più antiche feste del fuoco italiane che nasce da una singolare tradizione millenaria intimamente sentita e molto partecipata che la città del Monte Amiata rinnova ogni 24 dicembre.

 

Un appuntamento che viene a lungo preparato, già dall’autunno, quando i “fiaccolai” iniziano a cercare la materia con cui costruire le “fiaccole”, tipiche cataste di legna a forma piramidale alte fino a sette metri che, innalzate in ogni terziere del piccolo borgo medioevale, si levano al cielo in attesa della vigilia quando poi verranno incendiate. Una lavorazione impegnativa che coinvolge tutta la comunità impegnandola nella costruzione di questi monumenti rurali unici. Si intrecciano tronchi sfidando la gravità grazie a tecniche segrete che qui si tramandano di generazione in generazione, per celebrare un rito del fuoco che coinvolge tutti, sposando simbolici significati pagani e religiosi.

 

Sono “figli del fuoco” infatti gli abitanti dell’Amiata, una montagna vulcanica che nelle sue viscere nascondeva lava incandescente, una terra che da sempre offre cibo e benessere per la collettività. Si estraeva cinabro da cui si ricavava mercurio nella grande miniera che oggi è diventata Museo. Una storia complessa che qui vede legati indissolubilmente uomo e natura, in un dialogo talvolta difficile ma sempre pieno d’amore.  E’ infatti quella montagna amata e sentita come madre, come presenza sacra che i badenghi celebrano anche attraverso la tradizione delle Fiaccole.

 

E dopo tanto lavoro, arriva il giorno più atteso: il 24 dicembre con il suo rituale consolidato. Alle ore 18, in un momento intimo e spettacolare capace di radunare centinaia di persone, si dà il via alla cerimonia di accensione con la “Benedizione del Fuoco” che segna l’inizio della festa. La filarmonica suona canti natalizi e la fiaccola davanti al municipio viene accesa con il fuoco sacro. Questo è il segnale convenuto: da qui i capi fiaccola, con le loro torce divampanti, portano il fuoco che accenderà le altre decine di Fiaccole disseminate nel centro storico e in tutto il resto della cittadina del Monte Amiata. Uno spettacolo carico di magnetismo e suggestione.

 

E la comunità, che durante tutto l’anno vive e attende questa notte, celebra per un intero mese le Fiaccole con un ricco calendario di spettacoli, intrattenimenti, mercatini e moltissime altre iniziative che trasformano Abbadia in un autentico villaggio natalizio. Un Natale unico, vero, autentico, che non si trova in nessun altro luogo al mondo.

 

Per maggiori informazioni: tel 0577770361- email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

www.cittadellefiaccole.it

Facebook: abbadia città delle fiaccole

 

Sonia Corsi

 

VALENTINA LA DONNA DI UNA VITA

 

 

Valentina, la donna di una vita. Per Guido Crepax ma anche per milioni di uomini (e di donne) nel mondo. Arriva ai Musei Civici di Bassano del Grappa, affascinante protagonista di una esposizione originale quanto spettacolare, totalmente nuova rispetto alle recenti mostre che a lei e al suo creatore sono state dedicate in anni anche recenti a Roma e a Milano. A Bassano, Valentina Rosselli, in arte solo Valentina, accoglierà amici e ospiti, dal 1 dicembre al 15 aprile, da bellissima padrona di casa. Nessuno noterà i suoi molti anni, oltre 70, attraversati con l’intangibilità che appartiene al sogno e al disegno.  

 

Protagonista di una vita normale e onirica, di cui la seconda è fuga dalle difficoltà della prima. Una vita molto reale, marchiata dall’anoressia, dalle allucinazioni, dalle difficoltà. Una difficile quotidianità superata dalla realtà altra,   quella del sogno, là dove tutto è consentito e nulla è impossibile o censurabile. Donna forte e fragilissima, donna normale, quindi. E anche per questo Valentina è il ritratto di un’epoca, oltre che il frutto di un uomo di genio, il suo creatore, Guido Crepax.
 
Chiara Casarin, direttore dei Musei Civici di Bassano del Grappa, e Giovanni Cunico, Assessore alla Cultura del Comune, spiegano il perché di questa mostra bassanese: "Valentina è una delle icone femminili più affascinanti della storia del fumetto italiano. Il suo creatore, Guido Crepax, sarebbe stato il più ambito ospite nella nostra commissione per la Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea che si terrà nella primavera del 2019 che questa mostra vuole anticipare nella stessa sede (la Galleria Civica dei Musei di Bassano del Grappa) e con un omaggio, una dedica al grande autore internazionalmente ammirato.

 

Il progetto espositivo è stato concepito dai tre figli di Crepax ad hoc per questa occasione e si conferma come momento di produzione culturale rivolta al pubblico più ampio e vede il suo focus nel lavoro di un artista contemporaneo volto alla valorizzazione delle tradizioni e del genius loci a partire dalle collezioni dei Remondini, con le loro stampi popolari, per arrivare alla sesta Biennale che ormai è un appuntamento consolidato della città sul Brenta". Valentina e Crepax sono i co-protagonisti della mostra al Museo Civico che ripercorre le tappe della vita di entrambi.
 
“In questa ricerca delle origini del lavoro di una vita, che trascende l'ambito del fumetto e colloca l'Autore e il suo personaggio tra i testimoni di quarant'anni di vita italiana, la città di Venezia è un tassello fondamentale nella sua formazione”, anticipano i curatori. Infatti, vent'anni prima della nascita di Valentina (pubblicata per la prima volta sulla rivista Linus nel 1965), un Crepax appena dodicenne, aveva realizzato, proprio a Venezia (dove aveva abitato con la famiglia tra il '43 e il '45 per sfuggire alla guerra), i suoi primi albi a fumetti ispirati a film horror degli anni '30/'40 e sognava di diventare un autore di storie a fumetti. Figlio d'arte di un musicista,  primo violoncello alla Fenice di Venezia e poi alla Scala di Milano, e fratello di un'emergente manager discografico, Crepax ottenne i primi incarichi professionali in ambito musicale illustrando centinaia di cover di dischi di tutti i generi musicali.

 

Notato come illustratore adatto per la pubblicità, a cavallo tra gli anni '50 e '60, realizzò importanti campagne pubblicitarie per Shell, Dunlop, Campari e i tessuti Terital. Contemporaneamente, lavorò anche a sigle e scenografie per alcuni programmi televisivi, scenografie di spettacoli teatrali e storyboard cinematografici. Disegnò anche centinaia di illustrazioni per riviste (Novella, Tempo Medico, ecc.) e copertine di libri. Dopo una parentesi dedicata al principale passatempo dell'autore (realizzare giochi da tavolo basati sulla sua passione per la ricostruzione storica e caratterizzati dal suo incredibile gusto estetico), la mostra si focalizza sul personaggio di Valentina che, unico nel mondo dei fumetti, invecchia, vive in una realtà possibile (anche se con frequenti divagazioni oniriche) ed ha una psicologia complessa, passioni e idee che possono essere comuni a molte donne reali.

 

L'ultima tappa del percorso dedicato all'evoluzione artistica dell'autore (al piano terra), sarà dedicata alla scelta di Crepax, innovativa per il mondo tradizionale del fumetto, di fare delle donne le protagoniste delle proprie storie. Non solo per un fatto estetico o legato alla valenza erotica delle sue storie, ma per distinguersi dagli altri fumetti, uscire dal solco della tradizione, esplorare mondi psicologici e stili narrativi nuovi e, talvolta, anche per far discutere, riflettere, scandalizzare. Il primo piano sarà dedicato, invece, ai tanti contenuti video dedicati all'Autore e al personaggio di Valentina e ai possibili sviluppi futuri: la video arte e la colorazione delle pagine legate in un'installazione dove le pagine si colorano progressivamente e grandi tavole su cavalletti forniscono un saggio dell’ultimo progetto editoriale di Archivio Crepax: la nuova collana con le storie più belle a colori realizzata per la Repubblica. 

Per informazioni:
www.museibassano.it 

Apertura: lunedì – domenica
Orario: 10 – 19. Chiuso il martedì, 25 dicembre e 1 gennaio 
Ingresso: Intero: 12 €; Ridotto: 10 €, Museo + Valentina 15€

Uffici Stampa

Studio ESSECI – Sergio Campagnolo
(Referente: Stefania Bertelli email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
Tel. 049 663499

Chiara Padovan
Comune Bassano del Grappa; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Tel. 0424 519373.

IL VINO NELL'ARTE

 

 

 

 

 

VENERDÌ 7 DICEMBRE “IL VINO NELL’ARTE” CHIUDE L’OTTAVA EDIZIONE DI “ARTE E CULTURA A PALAZZO DORIA SPINOLA”

 

Un’occasione per raccontare il vino nell’arte attraverso punti di vista differenti: dalla pittura alla letteratura, dal teatro all’enogastronomia con Pino Petruzzelli, Virgilio Pronzati e Daniele Grosso Ferrando

Genova – Venerdì 7 dicembre, alle 17 al Palazzo della Prefettura, “Il vino nell’Arte” cala il sipario sull’ottava edizione di “Arte e Cultura a Palazzo Doria Spinola”. Un viaggio tra storia e vino, con Daniele Grosso Ferrando e Virgilio Pronzati a guidare il pubblico, passo dopo passo, tra le rappresentazioni a opera di artisti di ogni epoca, tra cui Caravaggio, Cézanne, Dante, Mirò, Michelangelo e, ligure di adozione, il contemporaneo Geppo Monzio Compagnoni. Chiude l’incontro il regista, autore e attore Pino Petruzzelli, con un reading di “Io sono il mio lavoro – Storie di uomini e di vini”.

 

Un’occasione per raccontare il vino nell’arte attraverso punti di vista differenti: dalla pittura alla letteratura, dal teatro all’enogastronomia. «Con “Il vino nell’Arte” spiega Pietro Bellantone, organizzatore della manifestazione e Presidente delle Associazioni EventidAmare e Liguria-Ungheria – abbiamo voluto creare una sorta di abbraccio suadente tra l’Arte e il Vino, con prestigiosi relatori a darci modo di scoprire l’affascinante connubio che esiste tra di essi». Le origini della viticoltura e del vino si perdono nel tempo, dagli Egizi ai Futuristi, passando dai Greci e dai Romani. «Da secoli – aggiunge Giuseppe Michele Giacomini, Console onorario di Ungheria per la Liguria – l'uva e il vino sono stati il soggetto, o un complemento importante, nelle opere di artisti famosi. Con “Il vino nell’Arte” chiudiamo l’attività culturale del 2018, con tre relatori di assoluta eccellenza a illustrare ogni sfumatura di questo legame». " Laura Repetto, Delegata per le Relazioni Esterne della Città Metropolitana di Genova, evidenzia come questo appuntamento culturale, eclettico e creativo, dedicato ai vini nella loro rappresentazione artistica, ci trasporta dalla pittura, all'enogastronomia, alla letteratura con maestri d'eccezione che ci guideranno alla riscoperta dei saperi e sapori più antichi e tipici della nostra terra"

 

Daniele Grosso Ferrando illustrerà opere di grandi pittori, anche magiari, che si sono succeduti nel tempo fino ai giorni nostri, svelando al pubblico molti particolari contenuti nei loro lavori; Virgilio Pronzati intratterrà i presenti in un virtuoso gioco di raffronto tra: Il Vino nell’Arte, l’Arte nel Vino, l’Arte col vino; Pino Petruzzelli, infine, leggerà alcune pagine del suo libro “Io sono il mio Lavoro”, una interessante raccolta di interviste fatte a vignaioli della Liguria. «Anche col vino – conclude il giornalista ed enogastronomo Virgilio Pronzati – si creano opere d’arte. Come i colori ad acqua danno forma a quadri e affreschi, con vini rossi di varie tonalità, geniali pittori realizzano dipinti monocromatici o policromatici, di grande effetto e suggestività».

L’iniziativa comincia alle 17, con la presentazione a cura di Pietro Bellantone, Presidente delle Associazioni Culturali EventidAmare e Liguria-Ungheria. Seguono gli interventi di Laura Repetto, Delegata per le Relazioni Esterne della Città Metropolitana di Genova e di Giuseppe M. Giacomini, Console Onorario di Ungheria per la Liguria. Seguono gli interventi di Daniele Grosso Ferrando, Virgilio Pronzati e Pino Petruzzelli.

 

Dóra Háhm, addetta consolare e Segretaria dell'Associazione Liguria-Ungheria, tradurrà gli interventi dei relatori per i cittadini               ungheresi presenti

In concomitanza de “Il vino nell’Arte” si conclude la mostra fotografica internazionale di Arte Visionaria LeoniArt Project. Prosegue invece, l’esposizione delle pregevoli e suggestive installazioni-sculture dell’artista ungherese Balázs Berzsenyi, visibili a Palazzo Doria Spinola dal 5 giugno. Un’inaugurazione, nel Loggiato Inferiore, nell'ambito del progetto "Genova, la Musica e...Paganini creato da Pietro Bellantone, che era stata animata da Cristiano Fabbri, danzando tra le opere dello scultore magiaro, mentre il violinista Eliano Calamaro eseguiva brani di Niccolò Paganini.

 

L’ingresso è libero, il catalogo Erga Edizioni della manifestazione verrà distribuito gratuitamente fino ad esaurimento delle scorte.

 

RASSEGNA POESIE D’AMORE SAN VALENTINO … 2019

EMANATO IL BANDO  RASSEGNA POESIE D’AMORE  SAN VALENTINO … INAMORATI A CAMOGLI - 2019  -  SAN VALENTINO CAMOGLI 2019

EMANATO IL BANDO

RASSEGNA POESIE D’AMORE 

SAN VALENTINO … INAMORATI A CAMOGLI

32a edizione

 È un’iniziativa promossa da l'Associazione Commercianti ed Operatori Turistici di Camogli e  Comune di Camogli con il patrocinio Regione Liguria e Camera di Commercio di Genova

in collaborazione con Pro Loco di Camogli

 

Iniziativa d’immagine e di promozione turistica, SAN VALENTINO … INNAMORATI A CAMOGLI nel corso del tempo è riuscita a coinvolgere tutti i comparti economici, commerciali e turistici della città, dando vita a molteplici iniziative d’intrattenimento. Fra queste, salite alla ribalta nazionale, si ricorda il PIATTO RICORDO di SAN VALENTINO A CAMOGLI, ogni anno dalla diversa immagine, dato in omaggio dai ristoratori durante le giornate dedicata alla festa degli innamorati (il successo è stato tale da aver innescato nel corso del tempo una vera mania da collezionismo, con scambi di quei piatti collezione ormai considerati quasi introvabili dagli appassionati di questi pezzi) e la RASSEGNA POESIE d’AMORE che da anni vede arrivare a Camogli, da tutta Italia e dall’estero, centinaia e centinaia di opere. Anche per la prossimo anno, nell’ambito della 32a edizione di “San Valentino …. Innamorati a Camogli”, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Camogli e l’Associazione Commercianti ed Operatori Turistici di Camogli ripropongono la Rassegna “Poesie d’amore” con la pubblicazione del relativo bando.

 

Questo l’estratto del BANDO DI PARTECIPAZIONE

Da sabato 9 a domenica 17 febbraio 2019 le venti migliori poesie, selezionate fra quelle pervenute in concorso, saranno stampate in artistici poster esposti sul molo del porticciolo di Camogli e nelle frazioni di Ruta e San Rocco, location che garantiscono la migliore visibilità alla rassegna valorizzandone i contenuti.  Il pubblico potrà esprimere le proprie preferenze presso l’info Point “San Valentino a Camogli” sabato 9 e domenica 10 fino alle ore 15,00; alle ore 16,00 avverranno le consegne degli attestati di “Opera selezionata” agli autori delle 20 poesie pubblicate.

Premio Speciale. Una giuria accreditata assegnerà il “Premio Speciale” ad una delle delle 20 poesie selezionate. L’ autore riceverà in premio un week end a Camogli con cena presso uno dei ristoranti di San Valentino a Camogli oltre ad una visita personalizzata guidata dal direttore nell’affascinante Abbazia di San Fruttuoso (costruita tra il X e il XIII secolo, restaurata e aperta al pubblico dal FAI – Fondo Ambiente Italiano dal 1988, un  luogo magico immerso nella natura, raggiungibile esclusivamente via mare o attraverso i sentieri del Parco di Portofino).

Si invitano quindi i poeti e appassionati a partecipare alla rassegna, inviando tramite posta o via mail ai recapiti sotto riportati, entro il 13 gennaio 2019, una sola poesia inedita della lunghezza non oltre a 12 (dodici) righe (escluso il titolo ed eventuali righe bianche di spazio se necessarie) in lingua italiana con versi composti al massimo da endecassilabi. Le poesie selezionate e pubblicate verranno firmate con le iniziali dell’autore al fine di distinguerle nel caso di titoli simili; eventuali dediche dovranno essere contenute in una sola riga, che sarà riportata in calce in carattere più piccolo.

La poesia conferita e i dati dell’autore dovranno essere riportati in due cartelle differenti. 

Per invio:         

E.MAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Indirizzo : Comune di Camogli, Assessorato alla Cultura, Via XX Settembre 1, 16032 Camogli. Rassegna Poesie d’amore a Camogli 2018 - le poesie pubblicate lungo il romantico molo di Camogli

 

Daniela Bernini

2018 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica