NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Degustazioni vini

ESTETICA DEI VINI NATURALI - INVITO DIBATTITO E DEGUSTAZIONE

 

 

Abbazia di Polirone di San Benedetto Po (Mantova).

 

Lunedì 15 ottobre - Ore 11,30-18,30 in degustazione i vini di 71 produttori, 9 aziende food e pizza di Giovanni Mandara (Pizzeria Piccola Piedigrotta)

Ore 9,30-11,30 si parla di "Estetica dei vini naturali" con:

Augusto Cappellano, vignaiolo Serralunga d’Alba (Piemonte)
Giovanna Morganti, vignaiola Castelnuovo Berardenga (Toscana)
Diego Sorba, ristoratore Tabarro di Parma
Filippo Calabresi, vignaiolo Cortona (Toscana) 
Pietro Vergano, ristoratore Consorzio di Torino
Pierpaolo Messina, vignaiolo Noto (Sicilia)
Francesco Iacono, vignaiolo Forio d’Ischia (Napoli) 
Karl Mair, titolare Pretzhof
Christian Bucci, titolare Les Caves de Pyrene

Conduce Matteo Gallello, giornalista

 

L’ingresso è su invito.

Chi è interessato può accreditarsi rispondendo a questa mail. 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Fiammetta Mussio 

 

 

PROGRAMMA GIORNALISTI PER SANGIOVESE PUROSANGUE A SIENA 2018

 

 

 

VENERDI 2 NOVEMBRE

Foyer Teatro dei Rinnovati. Palazzo Comunale. Piazza del Campo 1, Siena

- 10.30 - 18.30  Assaggi tecnici con servizio sommelier per giornalisti - Rassegna Internazionale del Sangiovese

- 13.00  Light Lunch

- 18.30  Aperitivo 

- Dalle 20.30 Cena  in cantina da Tolaini, Castelnuovo Berardenga

 

SABATO 3 NOVEMBRE

Complesso San Niccolò. Via Roma 56, Siena

- 9.00 - 13.00 Conferenza sul Sangiovese, Università di Siena

 

- 13.00 - 14.30  Pranzo Ristorante Compagnia dei Vinattieri (riservato ai giornalisti ospiti)

 

Foyer Teatro dei Rinnovati. Palazzo Comunale. Piazza del Campo 1, Siena

- 15.00 - 16.00 Verticale Brunello di Montalcino Pietroso. Sei annate: 2005-2013. Con Gianni Pignattai

 

Magazzini del Sale. Palazzo Comunale. Piazza del Campo 1, Siena

- 15.30 – 19.30 Banchi di assaggio Sangiovese Purosangue aperti al pubblico

 

Foyer Teatro dei Rinnovati. Palazzo Comunale. Piazza del Campo 1, Siena

-17.30 - 19.30 Verticale Sangiovese Poggio ai Chiari - Colle Santa Mustiola. Condotta da Andrea Gabbrielli. Con Fabio Cenni

1997-2001-2003-2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010

 

-20.30 Cena con i produttori alla Compagnia dei Vinattieri e in altri locali a Siena

 

DOMENICA 4 NOVEMBRE

 

Foyer Teatro dei Rinnovati. Palazzo Comunale. Piazza del Campo 1, Siena

- 11.00 – 13.00 - Degustazione guidata: Verticale Brunello di Montalcino Riserva Poggio al Vento – Col d’Orcia. Con Francesco Marone Cinzano

 

Magazzini del Sale, Palazzo Comunale - Piazza del Campo 1, Siena

15.00 – 19.30 Banchi di assaggio Sangiovese Purosangue aperti al pubblico

 

 

LUNEDI’ 5 NOVEMBRE

 

Foyer Teatro dei Rinnovati. Palazzo Comunale. Piazza del Campo 1, Siena

10.30 - 13.30 Conferenza tecnica con degustazione – Cru del Sangiovese in Toscana

15.00 - 16.30 Seminario tecnico

 

Lisa Tommasini

 

Davide Bonucci

ENOCLUB SIENA
328-5436775

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

  

Dacapo S.agr.r.l.- Sede operativa: Strada Asti-Mare 4 - 14041 Agliano Terme

Di Virgilio Pronzati

 

Dacapo S.agr.r.l. -  Strada Brosia 26 - 12053 Castiglione Tinella - Sede operativa - Strada Asti-Mare 4 - 14041Agliano Terme -  Tel 0141 964921- Fax 0141 964126 -  Mob. 335 709 1570  - www.dacapo.it  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Grignolino d’Asti Doc Renard 2017

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Grignolino. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 13,5%. Lotto: 4/18.  Fascetta Doc: ABBN07027868. Bottiglie Prodotte: 2.500. Prezzo medio in enoteca: € 11,00.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rossi, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 3-4 anni. Evoluzione: giovane ma già discretamente equilibrato. Servizio: servire a 14°C in calici con stelo medio.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore rubino scarico.  Profumo:  intenso, persistente e fine, con netti sentori di rosa selvatica, mora di rovo e pepe bianco. Sapore: secco, fresco, sapido, piacevolmente tannico, caldo (alcol), di buona struttura e persistenza.  Retrogusto: vena sapida e tannica, note floreali, fruttate e speziate. 

 

Considerazioni: Molto buono. Ottenuto con scelte uve Grignolino pigiadiraspate, fatte fermentare a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Seguono la svinatura, la fermentazione malolattica e la maturazione in botte d'acciaio inox.

 

Punteggio totale: 53/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  4. Colore 5. PROFUMO - Intensità 5. Persistenza 5. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  4. Pienezza  5. Sapidità 4. Acidità/tannicità/morbidezza  5. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4

 

 

Dolcetto d'Alba Doc Cà ed Balos 2017

 

 

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Dolcetto. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 13%. Lotto: 1701.  Fascetta Doc: ABFX 07087977. Bottiglie prodotte: 1.100.  Prezzo medio in enoteca: €  9,50.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rossi di leggero affinamento, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 2 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio: servire a 16°C in calici col stelo medio. Abbinamento: ravioli col sugo di coniglio, pollo ruspante in casseruola, toma di un mese.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore rubino carico con orlo violaceo.  Profumo: abbastanza intenso e persistente, sufficientemente fine, varietale, con sentori fruttati di ciliegia durona, marasca, mora di rovo e lieve vegetale. Sapore: secco, fresco e sapido, appena tannico, caldo (alcol), di buona struttura e persistenza.  Retrogusto: vena sapida e tannica, e note fruttato-vegetali

 

Considerazioni: Buono. Ottenuto con scelte uve Dolcetto pigiadiraspate, fatte fermentare a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Seguono la svinatura, la fermentazione malolattica e la maturazione in botte d'acciaio inox.

 

Punteggio totale: 49/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  4. Colore 5. PROFUMO - Intensità 4. Persistenza 4. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  4. Pienezza  4. Sapidità 4. Acidità/morbidezza  4. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.  

 

Ruchè di Castagnole Monferrato Docg Majoli 2017 

 

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Ruchè. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 14,5%. Lotto: 218. Fascetta Docg: ABAQ03594622.   Bottiglie Prodotte:  7.500. Prezzo medio in enoteca: €  12,50.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rossi di medio affinamento, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 4 anni. Evoluzione: giovane ma già gradevole. Servizio: servire a 16-17°C in ampi calici col stelo medio. Abbinamento: taglierini con ragù di frattaglie, fegato con cipolle, anatra in agrodolce, pecorino di 4 mesi.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore rubino con nuances porpora.  Profumo: intenso, persistente, fine, con netti sentori di rosa selvatica appassita, mirtillo e mora maturi, cannella e pepe nero. Sapore: secco, sapido, leggermente fresco e tannico, caldo (alcol), pieno e persistente.  Retrogusto: vena sapida e tannica, note floreali, fruttate e speziate.

 

Considerazioni: Molto buono. Ottenuto con scelte uve Ruchè pigiadiraspate, fatte fermentare a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Seguono la svinatura, la fermentazione malolattica e la maturazione in botte d'acciaio inox.

 

Punteggio totale: 54/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 5 PROFUMO - Intensità 5. Persistenza 5. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  4. Pienezza  5. Sapidità 4. Acidità/tannicità/morbidezza  5. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.  

 

 Barbera d’Asti Docg Sanbastiàn 2016

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Barbera. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 14,5%. Lotto: 4/17. Fascetta Docg ABFG09743947.  Bottiglie prodotte:  12.000. Prezzo medio in enoteca: € 10,00.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rossi da medio-lungo affinamento, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 4-6 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio: servire a 18°C in ampi calici con stelo medio. Abbinamento: ravioli col sugo d'arrosto, gallina bollita, stufato di montone, bra stagionato.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore rubino carico.  Profumo: abbastanza intenso, persistente e fine, con netti sentori fruttati di ciliegia e prugna nera mature, corbezzolo, fieno di montagna e pepe nero. Sapore: secco, poco fresco ma sapido, giustamente tannico, molto caldo (alcol), pieno ma snello,  persistente.  Retrogusto: vena sapida e tannica, note fruttate, vegetali e speziate.

 

Considerazioni: Buono. Ottenuto con scelte uve Barbera pigiadiraspate, fatte fermentare a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Seguono la svinatura, la fermentazione malolattica e la maturazione in botte d'acciaio inox.

Punteggio totale: 50/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 4. PROFUMO - Intensità 4. Persistenza 4. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  4. Pienezza  5. Sapidità 4. Acidità/tannicità/morbidezza  4. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4

 

Barbera d’Asti Docg Superiore Valrionda 2015

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Barbera. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 14,5%. Lotto: 417. Fascetta Docg: ABCK06957595. Bottiglie Prodotte:  7.000. Prezzo medio in enoteca: €  13,50.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rossi da lungo affinamento, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 5-6 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio: servire a 18°C in ampi calici col stelo medio. Abbinamento: cisrà, bollito misto, brasato al Barbera d'Asti, fontina d'alpeggio stagionata 5 mesi.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore rubino carico tendente al granato.  Profumo: intenso, persistente e fine, con sentori fruttati di mirtillo, mora di rovo e prugna nera maturi, nocciola secca, umori boschivi balsamici, bucce d'agrumi candite,   cacao amaro e lieve boisè. Sapore: secco, fresco e sapido, giustamente tannico, molto caldo (alcol), di buon corpo e persistenza.  Retrogusto: vena sapida e tannica, note fruttate, balsamiche e speziate.

 

Considerazioni: Molto buono. Ottenuto con scelte uve Barbera pigiadiraspate, fatte fermentare per circa due settimane a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Seguono la svinatura, la fermentazione malolattica e la maturazione in botti di rovere e d'acciaio inox. 

Punteggio totale: 54/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 5. PROFUMO - Intensità 5. Persistenza 4. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  5. Pienezza  5. Sapidità 5. Acidità/tannicità/morbidezza  4. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4

 

Barbera d’Asti Docg Nizza 2013

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Barbera. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 14%. Lotto: 1/16. Fascetta Docg: AAVJ01261981. Bottiglie Prodotte:  1.200. Prezzo medio in enoteca: €  21.00.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rossi di lungo affinamento, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 6-8 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio: servire a 18°C in grandi calici col stelo medio. Abbinamento: brasato di manzo al Barbera d'Asti, stufato di cinghiale, cotoletta di cervo alla griglia, castelmagno stagionato un anno.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore granato carico. Profumo: molto intenso e persistente, fine, ampio e complesso, con netti sentori di ciliegia e prugna mature, bucce d'agrumi essiccate, mandorla e noce secche, erbe montane balsamiche, liquirizia   amara e lieve boisè. Sapore: secco, fresco e sapido, piacevolmente tannico, caldo (alcol), di grande ma equilibrata struttura, di molta  persistenza.  Retrogusto: vena sapida e tannica, note fruttate, vegetali balsamiche e speziate. 

 

Considerazioni: Ottimo. Ottenuto con scelte uve Barbera pigiadiraspate, fatte fermentare per oltre due settimane a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Seguono la svinatura, la fermentazione malolattica, la lunga maturazione in botti di rovere e l'affinamento di almeno un anno in bottiglia. 

 

Punteggio totale: 56/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 5. PROFUMO - Intensità 5. Persistenza 5. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  5. Pienezza  5. Sapidità 5. Acidità/tannicità/morbidezza  5. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4

 

Dorè Vino bianco dolce 2015

 

 

 Categoria: Bianco dolce. Vitigno: Moscato bianco di Canelli. Bottiglia: 37,5 cl.  Alcol: 11,5%. Lotto: 1501. Bottiglie Prodotte:  500. Prezzo medio in enoteca: €  18,00.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini bianchi dolci, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 2-3 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio: servire a 10°C in piccoli calici a tulipano con stelo alto. Abbinamento: frittelle e charlotte di mele, strudel, bavarese alla nocciola igp piemontese, semifreddo al torroncino. 

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore giallo oro.  Profumo: intenso, persistente. fine, varietale, con netti sentori fruttati di gelatina di pesca gialla e albicocca mature, vaniglia, confetto e di panettone.  Sapore: dolce ma non stucchevole per freschezza e sapidità, quasi vellutato, di buona pienezza e persistenza aromatica.  Retrogusto: dolce con vena sapida, note fruttate e speziate. 

 

Considerazioni: Buono. Ottenuto con scelte uve Moscato bianco di Canelli fatte appassire in cassette e pigiate. Il denso mosto ha fermentato lentamente a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Seguono la filtrazione sterile e l'imbottigliamento. 

 

Punteggio totale: 51/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 4. PROFUMO - Intensità 4. Persistenza 5. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  4. Pienezza  4. Sapidità 4. Acidità/morbidezza  5. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.  

 

 

AZIENDA AGRICOLA IL CASCIN

Di Virgilio Pronzati 

 

Azienda Agricola Il Cascin -  Via Cristoforo Colombo 1 – Località Arzeno d'Oneglia 18022 Cesio (IM)  -  Tel. e Fax 0183.65.26.64  -  0183 753083 -   www.ilcascin.com  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Terrazze dell'Imperiese IGT Rosato 2017

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Categoria: Rosato secco. Vitigno: Rossese. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 13%. Lotto: 1/18. Bottiglie Prodotte:  1.226. Prezzo medio in enoteca: €  7,50.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rosati, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 2 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio: servire a 12°C in calici col stelo alto. Abbinamento: pizza marinara, spaghetti con salsa di pomodoro, parmigiana di melanzane, zuppa di pesce in rosso.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore cerasuolo con riflessi ramati.  Profumo: abbastanza intenso, persistente e fine, con netti sentori fruttati di mora di rovo, ciliegia amarena matura e ribes rosso. Sapore: secco, fresco e sapido, leggermente caldo (alcol), di buona struttura e persistenza.  Retrogusto: vena sapida e note fruttate.

 

Considerazioni: Buono. Ottenuto con scelte uve Rossese raccolte sui pendii montani di Cesio, lasciate macerare alcune ore con le bucce per estrarne il giusto colore.  Seguono, l'eliminazione delle bucce e la continuazione della fermentazione alcolica.

 

Punteggio totale: 49/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 4PROFUMO - Intensità 4. Persistenza 4. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  4. Pienezza  4. Sapidità 4. Acidità/morbidezza  4. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.

 

Riviera Ligure di Ponente DOC Vermentino 2017 

 

 

Categoria: Bianco secco. Vitigno: Vermentino. Bottiglia: 75 cl. Alcol: 13,5%. Lotto: 3/18. Bottiglie Prodotte: circa 8.000. Prezzo medio in enoteca: €  10,20.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini bianchi, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 2.3 anni.  Evoluzione: giovane ma già invitante. Servizio:             servirlo a 10-11°C in calici con stelo alto. Abbinamento: torta pasqualina, corzetti con salsa di pinoli, pansotti con salsa di noci, orata al forno con patate e finocchietto selvatico.

 

Esame organolettico  -  Aspetto: brillante, di colore paglierino molto scarico con netti riflessi verdolini. Profumo: Molto intenso e persistente, fine, varietale, con sentori floreali, fruttati e vegetali di fiori di basilico un po' essiccati, mela renetta, pesca bianca e lieve di foglie aghiformi di conifere.  Sapore: secco, molto fresco e sapido, lievemente minerale, caldo (alcol), pieno e molto persistente.  Retrogusto: vena sapida e minerale, e note floreali, fruttate e vegetali.

 

Considerazioni: Ottimo.  Ottenuto con selezionate uve Vermentino raccolte sui pendii montani di Cesio, pressate sofficemente, il cui mosto ha fermentato a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Durante la maturazione del vino, avvenuta sulle fecce sottili dei lieviti, sono fatti periodici batonnages.

   

Punteggio totale:  55/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 5PROFUMO - Intensità 5. Persistenza 5. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  5. Pienezza  4. Sapidità 5. Acidità/morbidezza  5. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.

  

 

Riviera Ligure di Ponente DOC Pigato 20217

 

 

 

Categoria: Bianco secco. Vitigno: Pigato. Bottiglia: 75 cl. Alcol: 13,5%. Lotto: 5/18. Bottiglie Prodotte: circa 6.000. Prezzo medio in enoteca: €  10,20.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti  ai  vini bianchi, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 2 anni. Evoluzione: quasi pronto.  Servizio: servirlo a 11-12°C in calici con stelo alto. Abbinamento: insalata di ovoli, gamberi al vapore con salsa allo scalogno, gnocchi e mandilli de saea col pesto, orata al forno con salvia.

 

Esame organolettico - Aspetto: brillante, di colore paglierino molto scarico con netti riflessi verdolini. Profumo: abbastanza  intenso, persistente e fine, con sentori floreali, fruttati e vegetali di fiori d'acacia, pesca bianca, melone e lieve di salvia e muschio. Sapore: secco, fresco e sapido, caldo (alcol), pieno e persistente.  Retrogusto: vena sapida e note floreali, fruttate e vegetali.

 

Considerazioni: Molto buono. Ottenuto con selezionate uve Pigato raccolte sui pendii montani di Cesio, pressate sofficemente, il cui mosto ha fermentato a temperatura controllata in botte d'acciaio inox.  Durante la maturazione del vino, avvenuta sulle fecce sottili dei lieviti, sono fatti periodici batonnages.  

 

Punteggio totale: 51/50

 

ASPETTO  - Limpidezza  5.  Colore 5.  PROFUMO - Intensità 4. Persistenza 4. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  5. Pienezza  4. Sapidità 4. Acidità/morbidezza  4. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.

 

 

Podere della Madonnetta IGT 2017

 

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Ormeasco. Bottiglia: 75 cl. Alcol: 13,5%. Lotto: 4/18. Bottiglie Prodotte: circa 1.407. Prezzo medio in enoteca: €  7,20.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti  ai  vini rossi di medio affinamernto, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C.  Tempo di consumo: 3-4 anni. Evoluzione: giovane ma già piacevole.  Servizio: servirlo a 17-18°C in ampi calici con stelo medio. Abbinamento: ravioli col sugo d'arrosto, coniglio in umido in casseruola, toma stagionata due mesi.

 

Esame organolettico -  Aspetto: limpido, di colore rubino tendente al porpora. Profumo: intenso, persistente, fine, fruttato, balsamico, con sentori di gelatina di mora di rovo, ciliegia durona, melagrana, erbe montane balsamiche (menta selvatica).  Sapore: secco, fresco e sapido, piacevolmente tannico, caldo, pieno ma snello, di buona persistenza.  Retrogusto: vena sapida e tannica, note fruttate e vegetale- balsamiche.

 

Considerazioni: Molto buono. Ottenuto con selezionate uve Ormeasco raccolte sui pendii montani di Cesio, pigiadiraspate e fatte fermentare a temperatura controllata in botte d'acciaio inox, con giusti rimontaggi. Maturazione del vino in botte d'acciaio inox.

 

Punteggio totale: 52/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 5PROFUMO - Intensità 5. Persistenza  4. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  5. Pienezza  4. Sapidità 4. Acidità/tannicità/morbidezza  4. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.

 

 

Riviera Ligure di Ponente DOC Rossese 2016 

 

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Rossese.  Bottiglia: 75 cl. Alcol: 13%. Lotto: 8/18. Bottiglie Prodotte: circa 1.626. Prezzo medio in enoteca: €  10,90. Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti ai vini rossi di medio affinamento, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C. Tempo di consumo: 3 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio:  servire a 16°C in ampi calici con stelo medio. Abbinamento: ravioli col tocco, cima, vitella con funghi, fontina stagionata due mesi.

 

Esame organolettico - Aspetto: limpido, di colore rubino un po' scarico. Profumo: intenso e persistente, sufficientemente fine, con sentori floreali, fruttati e vegetali di rosa selvatica un po' appassita,  mora di gelso matura, ciliegia e lampone, erbe montane aromatiche e pepe bianco.  Sapore: secco, fresco e sapido, lievemente tannico, caldo, pieno e persistente con tipico fondo amarognolo. Retrogusto: vena tannica e note floreali, fruttate, vegetale- balsamiche e speziate.

 

 

Considerazioni: Buono. Ottenuto con selezionate uve Rossese raccolte sui pendii montani di Cesio, pigiadiraspate e fatte fermentare a temperatura controllata in botte d'acciaio inox, con giusti rimontaggi. Maturazione del vino in botte d'acciaio inox.

 

Punteggio totale: 50/60

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 4PROFUMO - Intensità 5. Persistenza 4. Finezza  4. Armonia  3.  SAPORE  - Persistenza  5. Pienezza  4. Sapidità 4. Acidità/tannicità/morbidezza  4. Armonia  4.GRADIMENTO - Ottimo  4.

 

Riviera Ligure di Ponente DOC Granaccia 2016 

 

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Granaccia.  Bottiglia: 75 cl. Alcol: 13,5%. Lotto: 11/17. Bottiglie Prodotte: circa 2.004. Prezzo medio in enoteca: €  11,00.  Conservazione: nella cantina, in posizione coricata su ripiani adibiti  a vini rosati, ad una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C. Tempo di consumo: 3-4 anni. Evoluzione: quasi pronto. Servizio:  servire a 17-18°C in ampi calici con stelo medio. Abbinamento: pappardelle con sugo di lepre, terrina di fagiano, agnello alla griglia, pecorino di Pienza stagionato tre mesi.

 

Esame organolettico  - Aspetto: limpido, di colore rubino intenso con orlo violaceo. Profumo: intenso e persistente, abbastanza fine, ampio, con netti sentori floreali, fruttati, vegetali e speziati di peonia un po' appassita, ciliegia e marasca, mora di rovo, corbezzolo, cannella e lieve mentastro. Sapore: secco, appena fresco ma sapido, lievemente tannico, molto caldo, pieno ma snello, discretamente persistente.  Retrogusto: vena tannica e note floreali, fruttate, vegetale-balsamiche e speziate.

 

Considerazioni: Molto buono. Ottenuto con selezionate uve Granaccia raccolte sui pendii montani di Cesio, pigiadiraspate e fatte fermentare a temperatura controllata in botte d'acciaio inox, con giusti rimontaggi. Maturazione del vino in botte d'acciaio inox.

   

Punteggio totale: 53/60 

 

ASPETTO  - Limpidezza  5. Colore 5PROFUMO - Intensità 5. Persistenza 4. Finezza  4. Armonia  4.  SAPORE  - Persistenza  5. Pienezza  4. Sapidità 4. Acidità/tannicità/morbidezza  5. Armonia  4.  GRADIMENTO - Ottimo  4.

 

 

TASTING DI 10 ANNATE DEL VINO DU PRUFESSU GIOVANNI REBORA

 

 

Le dieci annate del vino du Prufessu

 

 

Di Virgilio Pronzati

 

Foto di Paolo Revello 

 

U PrufessuGiovanni Rebora è stato un grande genovese. Professore di Storia economica e di Storia agraria medievale e direttore del dipartimento di Storia moderna e contemporanea dell’Università di Genova, nel settore era considerato tra i maggiori esperti di livello internazionale. Chi ha avuto il piacere di conoscerlo, si è reso subito conto della sua straordinaria cultura, sincerità e onestà intellettuale. Fondamentali le sue opere sulla gastronomia. Essendo genovese, Rebora ha esplorato, descrivendola al meglio, la cucina genovese e ligure. Si sa che parlando di mangiare, non si può non parlare di vino. 

 

 

Federico Rebora e Franco Roero  

 

Rebora sul vino, aveva le stesse considerazioni fatte per i piatti. Ossia genuini, sapidi, profumati, di deciso sapore ma di buona armonia.  Tra i tanti vini che Rebora amava, il Barbera d’’Asti Doc di Franco Roero di Montegrosso d’Asti, comune cru dell’astigiano. A farglielo conoscere e apprezzarlo, Lorenzo Tablino, grande amico e enologo di vaglia. Ma ad arrivare al Barbera d’Asti Doc Il Professore, ci ha pensato Federico, figlio dell’indimenticato Giovanni Rebora.  

 

 Rosella e Giambattista Bruzzone, Enrico Sala, Federico Rebora e Franco Roero

 

Un gesto di grande affetto e che vuol siglare l’amicizia del padre che aveva con vecchi e nuovi amici. Con questi propositi Federico Rebora con la collaborazione del noto ed esigente gourmet Enrico Sala, organizzò diverse serate enogastronomiche nei ristoranti preferiti da suo padre, tra cui, riuscitissima, quella dal Baccicin du Caru di Mele. Un vero e proprio tempio della cucina genovese e non solo, gestito dai patron Rosella e Gianbattista Bruzzone. In degustazione (e abbinati ai piatti), ben dieci annate del Barbera d’Asti Il Professore, partendo dal 2007 (l’anno che mancò Rebora) arrivando al 2016.     

 

 Gli amici di Giovanni e Federico Rebora

 

 

Ecco nell’ordine, le annate e i vini:

2007: Molta buona. Vino: granato, dal bouquet fine e complesso, con netti sentori fruttati (ciliegia durona e prugna mature), secco e sapido, caldo, appena tannico, pieno e continuo.  Un vino che invita ancora a riberlo. Pronto.

2008: Buona. Vino: ricco al naso e in bocca. Frutti rosi boschivi maturi, caldo, pieno e persistente. Pronto ma ancora intrigante

2009: Buona. Vino: discretamente fine e composito al naso, un po’ largo e di medio corpo e persistenza in bocca.  Da bere 

2010: Ottima. Vino: composito e complesso: Fruttato e speziato, pieno ma snello e di non comune armonia. Quasi pronto.   

2011: Molta buona.  Vino: intenso, varietale e fruttato al naso, di equilibrata struttura e persistenza.  Quasi pronto. 

2012: Buona.  Vino: di buon corredo olfattivo e gustativo.  Pieno ma snello, continuo. 

Quasi pronto

2013: Buona.  Vino: ancora esuberante ma di buon livello. Giovane. Da tenere ancora qualche anno in cantina. 

2014: Media. Vino: fruttato-vegetale al naso, fresco, sapido, caldo, discretamente pieno e continuo in bocca.  Giovane ma gradevole. Può farsi più equilibrato tra alcuni anni.

2015: Buona: Fruttato e composito, di gran corpo e persistenza, Opulento ma di buona longevità. Giovane ma accattivante

2016: Molto buona.  Vino: ricco al naso e in bocca.  Buone note fruttate e speziate, pieno e molto persistente in bocca. Giovane di grande avvenire 

Presente, oltre a Federico Rebora, un scelto gruppo di amici e conoscenti de u prufesu. 

Annamaria Bertuccio, Danilo Bruzzone, Serafino Consigliere, Fiorangela Di Matteo, Giuseppe Doneto, Egle e Beppe Faravelli, Franco Fulce, Rosanna Ghinazzi, Marco Iecle, Gianna Lassa, Luca Morasso, Mauro Pes, Elena Picco, Giuseppe Polonio, Massimo Priocca, Virgilio Pronzati, Paolo Revello, Orietta Rivano, Franco Roero, Maurizio Romeo, Enrico Sala e Marco Vigo. 

 

2018 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica