NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Concorsi gastronomici

CAMPIONATO MONDIALE PANETTONE A ROMA

Nuova vita a giovani e maestri  pasticceri con il CAMPIONATO MONDIALE PANETTONE,  per eleggere “Il miglior panettone al mondo”

CineCittà World  - Roma 24/25 ottobre 2020

 

La Federazione internazionale pasticceria gelateria cioccolateria è stata accreditata dal Ministero dell’Istruzione (con decreto n. 657 del 9 giugno 2020)  a realizzare iniziative per  promuovere  le nostre eccellenze  come competizioni e concorsi, nell’ambito della formazione ed istruzione culinaria della pasticceria nelle scuole alberghiere.  La certificazione istituzionale di questo ruolo chiave,  amplifica l’importanza dell’imminente competizione che si terrà a Roma.

Il Campionato Mondiale del Panettone che eleggerà “il Miglior Panettone al Mondo”

A Roma quest’anno presso CineCittà World  dal  24 al 25 ottobre 2020 si terrà il  Campionato Mondiale Panettone che vedrà la presenza di numerosi partecipanti provenienti da tutto il  mondo  che  interverranno in ottemperanza delle norme di distanziamento richieste dall’emergenza Covid e  che si esibiranno nelle tre categorie  ( Classico - Innovativo -  Decorato).

La giuria sarà composta da 4 campioni del mondo di Pasticceria:

Roberto Lestani, Presidente di giuria insieme a Matteo Cutolo, Paolo Molinari, ed Enrico Casarano, a completare la giuria, Claudia Mosca, Maurizio Santilli e Gianni Pina.

E’ un evento con un   respiro internazionale, nonostante il momento,   che vuole trasmettere la cultura della pasticceria con un messaggio di positività. La partecipazione dei concorrenti, che arrivano da tutto il mondo seguirà le norme vigenti anti-covid, stabilite nei territori di ciascuno.

L’arte dell’ alta pasticceria ha visto una notevole espansione negli ultimi anni attirando l’attenzione di tutti, soprattutto delle nuove generazioni, e la Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria Cioccolateria,  nasce nel 2014 da questa  esigenza conoscitiva e quindi con scopo divulgativo e di informazione di un mondo che stava coinvolgendo sempre più. 

FIPGC  è l’organo italiano per eccellenza che contribuisce a diffondere e a valorizzare in maniera globale, la cultura del mondo dei dolci, che comprende  la  pasticceria, la  gelateria la cioccolateria ed il cake design. 

Altro scopo  fondamentale della Federazione è quello di  unire le diverse realtà (aziende, scuole, grossisti, associazioni, artigiani) esistenti sul territorio internazionale, al fine di rafforzarne la collaborazione e la crescita del comparto artigianale dei diversi professionisti presenti nel mondo;  Questa sinergia tra i vari professionisti si rafforza anche con i principali tre  eventi Internazionali che la Federazione organizza: 

- “The World Trophy of Pastry Gelato Chocolate”

- “Cake Designers World Championship”

- “ The World Trophy of Professional Tiramisù”

Competizioni internazionali che mettono alla prova le capacità interpretative nella  pasticceria e gelateria, comprese le vocazioni estetiche nel cake-design, di ogni concorrente.

Attraverso un team unico in Italia, che rappresenta uno dei comparti della Federazione  (Equipe Eccellenze Italiane Pasticceria Gelateria Cioccolateria,) formato da campioni mondiali di professionisti per ogni categoria,  FIGPC promuove inoltre  gare e  concorsi,  dove partecipano concorrenti  provenienti da tutto il mondo  e dove vengono premiate eccellenze di ogni settore.        Il vincitore riceve così, un riconoscimento che certifica il proprio valore professionale.

Lo scopo dell’Equipe Eccellenza insieme alla Federazione  è quello di continuare a promuovere ed elevare il livello professionale dell’alta pasticceria, gelateria cioccolateria mediante dimostrazioni, fiere, corsi di formazione di alto livello, eventi, allenamenti di squadre o singoli che si vogliono approcciare al mondo dei concorsi di pasticceria.

Le sfide mettono alla prova competenze, coordinamento, tecnica e fantasia dei pasticceri, sotto l’osservazione della  giuria che emette la propria valutazione,  in funzione di tutto il flusso della lavorazione, dall’elaborazione al termine del proprio lavoro.

Federazione è quindi un passaggio imprescindibile per chiunque voglia cimentarsi sia per passione che per formazione, quest’ultima sostenuta dal Ministero dell’ Istruzione come nel caso dei campionati alberghieri.

Il Campionato Mondiale del Panettone si potrà seguire in diretta su:  https://www.facebook.com/fipfederazionepasticceria/

 

Press office: Terenzi Communications partner of Mediaticanetwork 

Tel 02 66719268  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

IL CONCORSO CHEF BALFEGÓ, GIUNTO ALLA SUA QUARTA EDIZIONE, DIVENTA INTERNAZIONALE. L’ITALIA È IL PRIMO PAESE INVITATO

 

Comincia la selezione degli chef spagnoli ed italiani per il premio 2020.   I candidati, chef che lavorano in Italia o in Spagna, hanno fino al 2 Ottobre per iscriversi al concorso ed inviare le proprie ricette 

 

La finale del concorso gastronomico per professionisti del settore si svolgerà, se la situazione sanitaria lo permette, il 5 novembre di quest’anno.

Balfegó, azienda leader in pesca, mantenimento, studio e commercializzazione del Tonno Rosso del Mediterraneo e maggior esportatore del mondo per la qualità e l’eccellenza del suo prodotto, ha deciso con l’appoggio del distributore italiano Longino&Cardenal di ampliare gli orizzonti del suo concorso gastronomico di cucina professionale #ChefBalfegó2020 giunto alla sua IV edizione. Il concorso riconosce e premia gli chef che lavorano e preparano il tonno rosso nella maniera migliore e quest’anno l’Italia sarà il Paese invitato.

Infatti, alla IV edizione del Concorso di Cucina Professionale Chef Balfegó possono presentarsi tutti i cuochi professionali che lavorano in ristoranti situati in territorio spagnolo e, per la prima volta, italiano che si sfideranno con ricette originali e di propria creazione che abbiano come protagonista il tonno rosso, ingrediente obbligatorio. Il concorso si centra sull’originalità, la presentazione e le tecniche di cucina realizzate per i piatti.

Il periodo d’iscrizione termina il 2 Ottobre, data che darà inizio alla prima fase del concorso gastronomico dato che comincerà il lavoro degli esperti per valutare e scegliere le creazioni più originali, attrattive e squisite tra tutti i piatti presentati che avranno in comune un ingrediente obbligatorio: il tonno rosso Balfegó. Da questo primo filtro si sceglieranno gli 8 chef finalisti che concorreranno faccia a faccia il 5 di Novembre a Madrid, se la situazione sanitaria lo permette. Balfegó si farà carico del viaggio del finalista che rappresenterà l’Italia.

Durante la finale i cuochi dovranno presentare due ricette: la prima sarà realizzata con il filetto di tonno mentre la seconda può essere elaborata con una parte del tonno di libera scelta.

Giudici stellati e un montepremi che ammonta a piú di 20.000€

La giuria, capitanata da Martin Berasategui, sará composta da professionali di prestigio del mondo gastronomico: giudici che sommano un totale di 14 stelle Michelin e due critici gastronomici spagnoli di altissimo livello. Loro saranno i responsabili di decretare i tre vincitori del IV Concorso di Cucina Professionale `Chef Balfegó´ durante la finale.

Si valuteranno, in ordine di importanza: il sapore, l’aroma e la consistenza di ogni piatto (40 punti), l’equilibrio degli ingredienti (15 punti) e l’elaborazione ed il corretto trattamento del prodotto (15 punti). Gli chef finalisti potranno contare sull’appoggio di un’aiutante che lavori nello stesso ristorante da cui provengono.

Lo chef vincitore riceverà, oltre al trofeo e ad un set di coltelli giapponesi speciali per il taglio del pesce, 6.000€ in contanti e un viaggio in Giappone per due persone. Un’intera settimana per scoprire la richezza gastronomica e culturale di questo grande Paese.

Inoltre, il secondo classificato riceverá 3.000€ e il terzo 1.000€. Tutti e tre vinceranno anche la partecipazione come chef espositori nel congresso internazionale Madrid Fusión 2021.

  

Mª Luisa Atarés

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.bdicomunicacion.com

1° Contest My Selection Chef

 

L’istituto alberghiero Giovanni Falcone di Gallarate vince il primo Contest My Selection Chef .  Olio DOP Riviera Ligure nel panino vincitore

 

Il primo Contest My Selection Chef, organizzato da Qualivita in collaborazione con OriGIn Italia e McDonald’s Italia, ha visto a Milano due squadre di giovani chef degli istituti alberghieri Carlo Porta di Milano e Giovanni Falcone di Gallarate confrontarsi con il mondo della qualità agroalimentare italiana, in occasione della presentazione della nuova Linea “My Selection” di Mcdonald’s firmata da Joe Bastianich.

Il Contest, nato con l’obiettivo di valorizzare le produzioni made in Italy a Indicazione Geografica all’interno della ristorazione veloce, ha visto le due squadre sfidarsi in un doppio impegno: un quiz sulla conoscenza dei prodotti agroalimentari certificati e, soprattutto, la creazione del miglior panino con ingredienti DOP IGP. La gara ha coinvolto 60 studenti.

L’istituto Giovanni Falcone di Gallarate ha vinto il Contest My Selection Chef , realizzando il panino “Inside Cheeseburger” e utilizzando come ingredienti: Gorgonzola DOP, Asiago DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP, Pistacchio Verde di Bronte DOP, Provolone Valpadana DOP, Olio Riviera Ligure DOP, Aceto Balsamico di Modena IGP, Pecorino Toscano DOP, ottenuti dopo aver superato domande a quiz sulla conoscenza dei disciplinari di produzione delle materie prime DOP IGP.

Va detto che la preparazione dell’ IPSEOA Carlo Porta di Milano appare pure di notevole qualità. Il panino è stato denominato “Artusi 1891”. Si ricorda che nel 2020 ricorrono i duecento danni dalla nascita di Pellegrino Artusi, padre della moderna gastrnomomia italiana. Nel panino del Porta troviamo: Grana Padano DOP, Pomodoro di Pachino IGP, Basilico Genovese DOP, Arancia Rossa di Sicilia IGP, Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP, Speck Alto Adige IGP, Fontina DOP. Fa piacere la presenza del Basilico Genovese DOP.

In questi anni entrambi gli Istituti sono stati coinvolti nei programmi didattici del Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva DOP Riviera Ligure.

 

Durante lo svolgimento del Contest, Alice Venturi, Guglielmo Scilla, Annie Mazzola e Andrea Pinna, quattro influencer fra i più amati e seguiti dai giovani, hanno commentato la sfida in diretta sui social, con foto e video.

I FINALISTI DEL CAMPIONATO ITALIANO DEL SALAME

 

Alla festa del Salame a Cremona si è svolta oggi la semifinale del campionato italiano del salame organizzato dall’accademia delle 5T premiato Ivano Pigazzi grazie al suo salame affinato nel fieno

 

Si è conclusa oggi la semifinale del campionato italiano del salame organizzato dall’Accademia delle 5T (Territorio, Tradizione, Tipicità, Trasparenza, Tracciabilità) che ha decretato i finalisti del Nord Ovest. Al cospetto di una giuria di “consumatori evoluti” tra cui cuochi, sommelier, gastronomi e una giuria popolare consultiva composta da studenti universitari e istituti alberghieri, un modo per confrontarsi, fare formazione e cultura. Il vincitore della semifinale riguardante Lombardia e Piemonte di quest'anno è stato Ivano Pigazzi di Pasturo (Lecco), grazie al suo salame affinato nel fieno. “Questo primo posto è una gradita conferma – afferma Guido Stecchi presidente dell’Accademia delle 5T - un salume caratteristico, affinato nel fieno che nasce nella provincia di Lecco. Ivano Pigazzi, piccolo produttore cresciuto negli anni, ha creato un prodotto emozionante, difficile da riprodurre e soprattutto di carattere.” 

L’obiettivo della kermesse è stato, ancora una volta, quello di tutelare, valorizzare e far conoscere uno dei più classici alimenti delle tavole di origini contadine. Diventato non a caso, nell’immaginario collettivo, il prodotto conviviale per eccellenza che unisce tutti da nord a sud. La finalissima del "Campionato del Salame" si terrà probabilmente il prossimo gennaio. Intanto si attende la quinta semifinale, quella riguardante l'Emilia Romagna e la Toscana. 

 

 

 

Le sfide non finiscono qui, si prosegue oggi pomeriggio alle ore 15.00 con la Champions League dei Salami Lombardi all’interno del Palasalame ai giardini di Piazza Roma. La Casina Caremma di Besate e la Pecora nera di Morbegno. La Torre di Ripalta Cremasca e la Balocchetta di Brignano Gera d’Adda, la Cella di Montalto di Montalto Pavese, la Corte Valle San Martino, di Valle San Martino, la Quintalina di Anzano del Parco e Le Garzide di Crema. Sono otto gli agriturismi della Lombardia che si sfideranno al PalaSalame di Cremona per conquistare il titolo di miglior salame artigianale dell’edizione 2019. La gara gastronomica di quest’anno si presenta completamente rinnovata nella forma. Ai giardini di Piazza Roma, gli agriturismi si sfideranno uno contro l’altro in una gara ad eliminazione diretta. I salami artigianali prodotti dai vari contendenti sfileranno sul tavolo della giuria composta da giornalisti, esperti di food e ristoratori, per sfidarsi a due a due, fino a quando, i due migliori si confronteranno nella finale, che decreterà il miglior salame artigianale dell’edizione 2019. I criteri per giudicare i salami saranno ovviamente la vista, il profumo, la consistenza e il sapore. A presentare e moderare l’incontro sarà Giorgio Cannì, storica penna de Il Corriere della Sera, giornalista esperto di food e tempo libero.

 

Non solo sfide ma anche cultura, alle ore 18.,30 l’appuntamento è con Claudio Rinaldi direttore della Gazzetta di Parma e scrittore che accompagnerà il pubblico in un viaggio nella vita di Gianni Brera a 100 anni dalla nascita, il grande giornalista ma anche appassionato di buona tavola. Un talk show originale, pensato proprio in funzione del personaggio al quale si ispira. Spirito da osteria, chiacchiere in libertà, ma con la profondità e l’intensità dello stato di grazia dei momenti speciali. L’omaggio a Gianni Brera vuole anche essere un omaggio allo stare insieme, alla convivialità, alla frequentazione tra persone: quattro chiacchiere, 2 fette di salame e un buon bicchiere di vino per ricordare insieme l’uomo, il grande giornalista ma soprattutto il gourmet, l’amante della buona cucina e dello star insieme.

  

Alessia Testori

PANETTONE WORLD CHAMPIONSHIP: PARLA NAPOLETANO IL MIGLIOR PANETTONE AL MONDO

 

È di Alessandro Slama – Ischia Pane, Ischia (NA) il miglior panettone artigianale tradizionale al mondo. La giuria tecnica composta dai massimi esperti internazionali ha decretato oggi ad Host Milano il vincitore del contest internazionale organizzato dai Maestri del Lievito Madre

A un altro campano, Salvatore Gabbiano – Pasticceria Gabbiano, Pompei (NA) il premio della critica

Arriva dalla Campania il miglior panettone artigianale tradizionale al mondo, ed è quello di Alessandro Slama, – Ischia Pane, Ischia (NA). La giuria di tecnici composta dai maggiori pasticcieri, chef nazionali e internazionali ha decretato il miglior panettone tradizionale artigianale tra 32 finalisti in gara. Mentre una giuria composta da esperti giornalisti, gourmet e accademici della cucina italiana ha scelto quale panettone incoronare con il premio della critica, conferito a un altro campano: Salvatore Gabbiano – Pasticceria Gabbiano, Pompei (NA).

 

E’ una gioia indescrivibile per me aver vinto – dichiara emozionato Alessandro Slama, il vincitoreQuesta vittoria è il premio all’impegno, alla passione e ai sacrifici miei e della mia famiglia”.Altrettanto emozionato Salvatore Gabbiano che dichiara: “Vincere il premio della giuria critica, composta da giornalisti e critici enogastronomici esperti e preparati, è un vero onore”.

 

Nel pieno centro di Pompei, la Pasticceria Gabbiano offre tutti i dolci della tradizione napoletana. Ma non solo. Salvatore Gabbiano, membro della prestigiosa Accademia dei Maestri Pasticcieri, produce anche ottimi panettoni fatti con burro, lievito naturale e tanto lavoro. E dal suo quartier generale all’ombra del Vesuvio i suoi panettoni hanno conquistato tutta Italia. La tradizione dolciaria partenopea fatta di meraviglie golose e imperdibili incontra, con Salvatore, la grande tecnica dei lievitati. Ne nascono panettoni creativi e unici.

 La giuria tecnica era composta dai Maestri del Lievito Madre Rolando Morandin, Achille Zoia e Claudio Gatti, lo spagnolo Paco Torreblanca, tra i pasticceri più famosi al mondo, Leonardo di Carlo, pasticcere e formatore Internazionale, Matteo Cunsolo, presidente dell’Associazione Panificatori di Confcommercio Milano e Province e segretario Richemont club Italia, chef Davide Oldani del ristorante D’O (Milano), Eduardo Ore, docente, consulente e coordinatore di attività legate ai lievitati all’estero, Giambattista Montanari, pasticcere tecnico e dimostratore per Corman, chef Giancarlo Perbellini due stelle Michelin di Casa Perbellini (Verona), chef Roberto Carcangiu, presidente APCI (Associazione Professionale Cuochi Italiani) e Direttore didattico di Congusto Gourmet Institute.

 

 

 

La giuria della critica presieduta dal giornalista Luigi Cremona, uno dei più importanti giornalisti e critici gastronomici, Eleonora Cozzella, giornalista e critico gastronomico, scrive per La Repubblica e Repubblica Sapori collabora con riviste internazionali, Margo Schachter, giornalista de La Cucina Italiana, Vanity Fair e Fine Dining Lovers, insegna alla Food Genius Academy Marisa Fumagalli, giornalista al “Corriere della Sera” dal 1985, Annalisa Cavaleri, giornalista e antropologa del cibo, senior editor di Fine Dining Lovers e responsabile degli Chef a Giallozafferano, Monica Guzzi, vice caposervizio e vice responsabile della redazione di Monza de Il Giorno, Nadia Afragola, giornalista freelance di varie testate di food e copywriter, Rocco Moliterni, giornalista de La Stampa e delle Guida ai Ristoranti dell’Espresso, Francesco Briglia, giornalista e direttore di Italian Gourmet, Federico Lorefice, CEO Congusto Gourmet Institute e Contributor per Italian Gourmet, Daniele Gaudioso, medico oculista, Accademico italiano della Cucina, collaboratore di importanti guide gastronomiche, Ideatore di Panetthon.

 

Soddisfatti dell’andamento del Panettone World Championship ad Host Milano anche i Maestri del Lievito Madre: “Abbiamo organizzato questo contest, non come momento di competizione, ma per avviare un dialogo continuo e costruttivo tra i Maestri del Lievito Madre e i produttori di materie prime, chef, imprenditori, giornalisti, professori universitari ed esperti di marketing e internalizzazione delle imprese sul tema della tutela del panettone nel mondo. Per noi questo è soltanto l‘inizio per avviare un concreto progetto attraverso il quale tutelare il tipico dolce natalizio conosciuto e amato in tutto il mondo”.

 

 

Ecco i nomi di tutti i finalisti della prima edizione del Panettone World Championship:

Hiroki Sato – Donq – Tokyo

Yahei Suzuki – Piatto Suziki – Tokyo

Paolo Gatto – PaRi Pasticceria – Sydney

Biagio Settepani - Bruno’s Bakery Family – New York 

Francesco Elmi – Regina di Quadri – Bologna

Stefano Lorenzoni – Arte Dolce – Monte San Savino (AR) 

Roberto Cosmo – Pasticceria Cosmo – Giussano (MB) 

Giorgia Grillo – Nero Vaniglia – Roma

Alessandro Slama – Ischia Pane – Ischia (NA) 

Massimo Vitali – Pasticceria Vitali – Cesenatico (FC) 

Marco Avidano – Pasticceria Avidano – Chieri (TO)  

Mario Bacilieri – Pasticceria Bacilieri – Marchirolo (VA) 

Maurizio Bonanomi – Pasticceria Merlo – Pioltello (MI) 

Renato Bosco – Saporè – San Martino Buon Albergo (VR)

Roberto Cantolacqua Ripani – Pasticceria Mimosa – Tolentino (SA) 

Emanuele Comi – Pasticceria Comi – Missaglia (LC)

Salvato De Riso – Sal De Riso – Tramonti (SA)

Dennis Dianin – D&G Patisserie -  Selvazzano (PD)

Francesco Favorito – Gluten-free buono per tutti - Terni 

Salvatore Gabbiano – Pasticceria Gabbiano – Pompei (NA) 

Fabrizio Galla – Pasticceria Fabrizio Galla – San Sebastiano da Po (TO) 

Emanuele Lenti – Pregiata Forneria Lenti – Grottaglie (TA)

Daniele Lorenzetti – Pasticceria Lorenzetti – San Giovanni Lupatoto (VR) 

Grazia Mazzali – Pasticceria Mazzali – Governolo (MN)

Luca Montersino – Pasticceria Montersino – Treiso (CN)

Alfonso Pepe – Pasticceria Pepe - Sant'Egidio del Monte Albino (SA)

Paolo Sacchetti - Sacchetti Paolo - Prato (PO) 

Vincenzo Santoro – Pasticceria Martesana - Milano 

Anna Sartori - Pasticceria Sartori - Erba (CO)

Valter Tagliazzucchi – Pasticceria Gianberlano – Pavullo nel Frignano (MO)

Vincenzo Tiri – Tiri 1957 – Acerenza (PZ)

Carmen Vecchione – Dolciarte – Avellino (AV)

 

Hanno reso possibile il Panettone World Championship:

Agugiaro & Figna, 

Le Sinfonie, Valrhona, ausbrandt, CesarinSpa, Polin, ALMA La Scuola Internazionale di Cucina Italiana, media partner Italian Gourmet, HostMilano, Goeldlin. Con la collaborazione ad Host Milano di: Associazione Panificatori di Confcommercio Milano e Province, Associazione Professionale Cuochi Italiani.

  

Micaela Scapin - Venezia

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica