NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Riconoscimenti

PREMI CARPENÈ A DAVANZO E BRUSATIN

AD ANDREA DAVANZO LA “MEDAGLIA D’ORO ANTONIO CARPENÈ” NEL 120° ANNIVERSARIO DALL’ISTITUZIONE

A NICOLA BRUSATIN LA BORSA DI STUDIO “ETILIA CARPENE LARIVERA” 

 

La storica Cantina Carpenè-Malvolti ha consegnato i riconoscimenti agli Studenti più virtuosi dell’Istituto Cerletti e della Fondazione ITS Academy. 

Nella stessa giornata, presentati i cinque premi istituiti ad oggi dalla Carpenè-Malvolti per sostenere oltre all’eccellenza scolastica e formativa anche l’arte e la cultura. 

La Carpenè-Malvolti celebra il 120° anniversario dell’istituzione della “Medaglia d’Oro Antonio Carpenè” con una suggestiva cerimonia nell’Aula Magna del CIRVE - Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia dell’Università di Padova presso il Campus Viticolo ed Enologico di Conegliano – svoltasi questa mattina alla presenza delle Istituzioni e dei vincitori dei due riconoscimenti attribuiti dalla stessa Carpenè-Malvolti agli Studenti più virtuosi dell’Istituto Cerletti e della Fondazione ITS Academy: la stessa “Medaglia d’Oro Antonio Carpenè” e la “Borsa di Studio Internazionale Etilia Carpenè Larivera. Due prestigiosi encomi voluti dalla Famiglia medesima per suggellare ulteriormente lo storico rapporto con il mondo dell’istruzione e della formazione del Territorio, attraverso la Scuola Enologica di Conegliano che proprio nel 1876 Antonio Carpenè aveva fondato. 

 

“Un omaggio al Fondatore e al contributo fondamentale da lui offerto al Territorio e al Prosecco, accompagnato al contempo una visione prospettica al futuro – premette Rosanna Carpenè – come egli stesso, Uomo di Scienza e Coscienza ha sempre fatto, investendo sulla cultura e sulla promozione costante dell’eccellenza formativa tra le nuove Generazioni”.  

A ricevere la Medaglia d’Oro Antonio Carpenè - istituita centoventi anni fa, nel 1902, con il duplice intento di tramandare ai posteri la “memoria e le memorie” del Fondatore nonché per promuovere l’eccellenza formativa tra le nuove Generazioni – è stato quest’anno Andrea Davanzo, Studente della Scuola di Viticoltura ed Enologia di Conegliano Cerletti, che ha conseguito in termini assoluti tutti i parametri previsti dal rigoroso Statuto. La motivazione è stata: “Impegno costante, curiosità e spiccate doti di ricercatore". 

A comporre la Commissione che ha decretato il nome del vincitore, la Dirigente Scolastica dell’Istituto Cerletti Mariagrazia Morgan, la Vice Preside Marina Di Fatta, il Docente di Viticultura ed Enologia Sabino Gallicchio, il Direttore Servizi Generali Amministrativi Antonia Scuderi, la funzionaria di Area Amministrativa Luisa Corrocher ed il Presidente della Carpenè-Malvolti Etile Carpenè. 

 

“Pur essendo stata istituita nel 1902 – spiega Rosanna Carpenè – la Medaglia d’Oro Antonio Carpenè è stata di fatto assegnata solo 64 volte, sia per la severità dei criteri di assegnazione che in alcuni anni non ha portato all’individuazione di un esempio di eccellenza assoluta, sia per la concomitanza con i due conflitti bellici mondiali del Novecento, sia a causa del cambiamento delle norme per l’effettuazione dell’esame. Molti medagliati storici sono stati e sono ancora oggi affermati professionisti, che hanno contribuito in modo determinante a valorizzare l’offerta enologica nazionale nel mondo”. 

 

Come da tradizione infatti, tra i presenti alla cerimonia di consegna della Medaglia d’Oro Antonio Carpenè – pregiatissima effige dal diametro di 32 mm che pesa circa 23 grammi di oro 750/1000, appositamente coniata - c’è stato anche un premiato storico. Si tratta di Sergio Casagrande, vincitore nel 1957 ma ancora oggi è in attività in veste di consulente di varie cantine oltre che a ricoprire diverse cariche elettive.Nel medesimo contesto, è stata attribuita la Borsa di Studio Internazionale “Etilia Carpenè Larivera” a Nicola Brusatin, riconoscimento fortemente voluto dalla quarta Generazione Etile Carpenè per rappresentare un anello di congiunzione tra passato e futuro, che al contempo intende esortare le nuove generazioni a studiare e tramandare la cultura enologica del Territorio anche in ambito internazionale. La Borsa di Studio, promuove e supporta gli Studenti più virtuosi dell’Istituto Cerletti e della Fondazione ITS Academy di Conegliano proiettandoli in una prospettiva di attività Internazionale, aiutandoli a costruirsi un profilo professionale di alto livello per affrontare il mercato del lavoro e promuovendo una positiva interazione tra scuola e aziende. Attraverso l’opportunità di compiere un viaggio di studio all’estero, presso una Università ed un’Impresa, con l’obiettivo di approfondire le dinamiche economico-finanziarie inerenti al settore agro-alimentare ed alla sostenibilità ambientale, quali fattori critici di successo sui mercati internazionali. 

 

A individuare il profilo di Nicola Brusatin, una Commissione composta la Dirigente Scolastica dell’Istituto Cerletti Mariagrazia Morgan, l’accademico ed esperto in ambito della sostenibilità e del settore viticolo enologico Vasco Boatto, l’esperto del mondo del lavoro Valerio Nadal, il Docente di Viticultura ed Enologia Sabino Gallicchio, il Delegato della Fondazione ITS Andrea Panziera ed il Presidente della Carpenè-Malvolti Etile Carpenè. La motivazione è la seguente: “Spiccata capacità ed autonomia di ricercatore. Attenzione e sensibilità per l'importanza della sostenibilità non solo ambientale, economica e sociale”. 

 

Alla cerimonia, condotta dalla giornalista RAI Camilla Nata, sono intervenuti insieme a Rosanna Carpenè che ha consegnato i riconoscimenti, Fabio Chies Sindaco di Conegliano, Alberto Villanova Consigliere Regionale Regione Veneto, il Professor Vasco Boatto, il Direttore della Fondazione ITS Damiana Tervilli, il delegato dell’Associazione per il Patrimonio delle Colline di Conegliano e Valdobbiadene Federico Capraro, il Direttore Generale di Condifesa TVB Filippo Codato, il Direttore del Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Viticoltura ed Enologia all’Università di Padova Andrea Curioni e il Presidente dell’Unione Ex-Allievi Enzo Michelet.  L’evento si è poi concluso con la presentazione dei cinque premi che nel 2022 la Carpenè-Malvolti ha istituito al fine di sostenere non solo l’eccellenza scolastica ed accademica, ma anche l’arte e la cultura. Cinque riconoscimenti simbolicamente interpretati in tale sede come i cinque cerchi olimpici, in rappresentanza degli altrettanti vincitori. Insieme ai neopremiati Andrea Davanzo e Nicola Brusatin, nell’Aula Magna del CIRVE è stato presente Andrea Barone, vincitore del Premio di Laurea “Carpenè-Malvolti” istituito in collaborazione con l’Unione Imprese Centenarie e Procida Città Italiana della Cultura 2022; sono invece intervenuti in collegamento Antony Migué vincitore della Borsa di Studio “Giorgio Lombardi” istituita in collaborazione con ITHQ Montréal e Ville Niemi, premiato per lo Script Contest Carpenè-Malvolti nell’ambito del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022. 

 

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.

VINO (CONSORZIO BRUNELLO): ASSEGNATI I CINQUE PREMI LECCIO D’ORO 2022

 

DA MILANO A NEW YORK PASSANDO PER LONDRA, ROMA E MONTEPULCIANO, BRUNELLO CAMPIONE NELLE LISTE VINI

 

Ambasciatori del Brunello in Italia e nel mondo con una carta vini altamente rappresentativa della denominazione del borgo toscano. Sono i cinque vincitori del Premio Leccio D’oro annunciati oggi nel corso della seconda giornata della 31^ edizione di Benvenuto Brunello, l’evento di punta del Consorzio in programma a Montalcino fino al 21 novembre. A salire sul podio per la sezione tricolore dedicata ai ristoranti è ‘’Varrone” a Milano. Tempio meneghino della griglia per tagli di carne provenienti da tutto il mondo, Varrone propone in lista circa 100 referenze di Brunello oltre a una quindicina di Rosso di Montalcino. Dalla città del Duomo per antonomasia a quella del Tower Bridge con il Leccio D’oro che vola oltremanica al ristorante Hide di Londra, una stella Michelin. Nel locale a tre piani in stile contemporaneo a Piccadilly Circus, sono oltre 60 le etichette di Brunello di Montalcino proposte ai food&wine lover.

 

Per la categoria ‘enoteche’, entrano nel palmares del Leccio D’Oro “Eataly New York Flatiron” il concept store enogastronomico di Oscar Farinetti sulla Fifth Avenue nel centro del distretto di Manhattan e l’”Enoteca Rocchi” di Roma. Fondata nel 1904, l’Enoteca Rocchi dislocata in 4 punti strategici di Roma, è il punto di riferimento per gli enoappassionati nella capitale. Con oltre 40 referenze di Brunello di Montalcino di diverse aziende, da gennaio a settembre lo store enologico ha venduto circa 16.000 bottiglie del principe dei vini rossi toscani.

Rimane invece in Toscana il Premio Speciale Leccio D’Oro “Rosso di Montalcino” assegnato all’enoteca “La Dolce Vita” di Montepulciano. Nata nel 2005 da un’idea di Cristian Brasini e della famiglia Barbetti, La Dolce Vita è situata all’interno di un edificio storico di rara bellezza risalente al 1200.

 

Tra le novità della 31^ edizione dell’evento di anteprima delle annate, il Brunello Day con il battesimo del millesimo 2018 e della Riserva 2017 in contemporanea a New York, Los Angeles, Toronto e Londra il 17 novembre.

 

Sara Faroni

MIGLIORE INSEGNA 2023: ASSEGNATI I RICONOSCIMENTI PER 24 CATEGORIE MERCEOLOGICHE, TRA CUI GDO E RISTORAZIONE

  • Ipermercati e Superstore: Esselunga - Supermercati: Coop
  • Discount: Aldi - Supermercato di prossimità: Incoop
  • Ristorazione Servita: Roadhouse Restaurant - Ristorazione Veloce: McDonald’s
  • Ristorazione Travel: Mychef

La grande indagine indipendente sull'esperienza di acquisto nelle maggiori insegne fisiche e digitali, condotta su un campione demoscopico attraverso oltre 7.000 interviste, ha individuato i migliori retailer per ogni settore.

Nella cornice milanese del Magna Pars sono stati assegnati i riconoscimenti della terza edizione di Migliore Insegna, la più grande indagine indipendente che ha lo scopo di misurare la connessione emotiva tra i consumatori e le insegne e permette a quest’ultime di conoscere al meglio se stesse attraverso gli occhi dei consumatori.

Migliore Insegna 2023 è un riconoscimento frutto dell’indagine promossa da Largo Consumo e realizzata da Ipsos, sostenuta dalla retail community e supportata dalle associazioni di categoria, che offre una misura della qualità dell’esperienza percepita dai clienti. Per questo studio Ipsos ha selezionato 134 insegne, le più rilevanti a livello nazionale, e realizzato 7.000 interviste condotte con metodo CAWI (Computer assisted web interviewing), che hanno fornito un’analisi profonda sugli aspetti della customer experience attraverso un campione rappresentativo della popolazione italiana per area geografica, genere ed età. 

La ricerca offre una lettura trasversale dei diversi mercati, dall’esperienza di acquisto presso il negozio fisico, tramite l’e-commerce o presso le insegne 100% digitali. Lo studio ha coinvolto oltre 50 parametri di interesse raccolti in cinque macrocategorie per monitorare nel tempo le evoluzioni delle valutazioni dei consumatori: Offerta, Punto vendita, Servizio, Personale e Sostenibilità. 

Sono stati assegnati riconoscimenti per le 24 categorie merceologiche e 6 riconoscimenti speciali: Vincitore Assoluto Migliore Insegna 2023, Migliore Human Touch 2023, Migliore Engagement & Comunicazione 2023, Migliore Sostenibilità 2023, Migliore Omnichannel Retail 2023, Migliore Online Pure Player. Oltre a questi, è stato assegnato il titolo di Best Retail Manager a 8 manager (4 donne e 4 uomini) per le categorie Beni Durevoli, Alimentari, Fashion e Cura della persona.

 

Bottega Verde, azienda italiana specializzata in prodotti cosmetici e di bellezza naturali, è stata dichiarata Vincitore Assoluto Migliore Insegna 2023, l’insegna più amata dai consumatori. Tra i tanti riconoscimenti quelli di Nespresso per Coffee Store, Esselunga per Ipermercati e Superstore, Aldi per Discount, Calzedonia per Intimo, La Feltrinelli per Librerie e MediaWorld per Elettrodomestici ed Elettronica.

 

Dall’indagine realizzata da Ipsos emerge come il legame tra clienti e insegne sembri ancora piuttosto solido anche se in futuro il perdurare di aumenti di prezzi potrà probabilmente modificare questa evidenza e rendere più difficile mantenere i clienti fedeli. Anche a livello di engagement tutte le attività svolte (promozioni personalizzate, programma fedeltà, operazioni di riconoscimento del cliente dentro o fuori il punto vendita) hanno funzionato in termini di retention, seppur in un contesto critico dal punto di vista economico. Mentre per quanto concerne temi come responsabilità sociale e attenzione all’ambiente, considerati sempre più importanti dai consumatori, vengono percepiti in leggero miglioramento rispetto all’anno scorso e due anni fa, ma ancora lontani dalla sufficienza e su livelli ancora troppo bassi.

"Migliore Insegna è un esempio unico per ricchezza dei contenuti, ampiezza delle categorie, numerosità delle insegne indagate e solidità del campione raccolto - dichiara Ipsos -. Una fonte di informazioni cruciale per comprendere la relazione tra consumatore e insegna in un’ottica omnicanale e per cogliere i cambiamenti nella percezione e nello sguardo dei consumatori in un periodo di forte incertezza e preoccupazione degli italiani”. 

Con Migliore Insegna ci sentiamo chiamati in causa in modo quasi istituzionale - spiega Armando Garosci direttore di Largo Consumo -. Si tratta di un unicum nel suo genere anche a livello internazionale, un’indagine indipendente, differente da altre iniziative, che affidiamo al nostro partner Ipsos e che ha lo scopo di misurare la connessione emotiva tra i consumatori e le insegne e quello di far conoscere meglio se stesse attraverso gli occhi degli stessi clienti. Le insegne infatti non si possono candidare e non possono influenzare il voto, per questo non si tratta di un sondaggio di opinione rivolto ai propri consumatori, ma un’indagine rappresentativa della popolazione italiana”.

 

Le Migliori Insegne 2023

Vincitore Assoluto Migliore Insegna 2023: Bottega Verde

Migliore Insegna 2023 categoria Erboristerie: Bottega Verde

Migliore Insegna 2023 categoria Librerie: La Feltrinelli

Migliore Insegna 2023 categoria Drugstore: Acqua & Sapone

Migliore Insegna 2023 categoria Ottica: Grand Vision

Migliore Insegna 2023 categoria Ipermercati e Superstore: Esselunga

Migliore Insegna 2023 categoria Coffee Store: Nespresso

Migliore Insegna 2023 categoria Prodotti per Animali: Arcaplanet

Migliore Insegna 2023 categoria Mobili e Arredo: IKEA

Migliore Insegna 2023 categoria Abbigliamento sportivo e Tempo Libero: Decathlon

Migliore Insegna 2023 categoria Abbigliamento bambino: Original Marines

Migliore Insegna 2023 categoria Intimo: Calzedonia

Migliore Insegna 2023 categoria Calzature: Bata

Migliore Insegna 2023 categoria Ristorazione Servita: Roadhouse Restaurant

Migliore Insegna 2023 categoria Articoli Casa: Bialetti Store

Migliore Insegna 2023 categoria Bricolage: Leroy Merlin

Migliore Insegna 2023 categoria Beauty e Profumerie: Kiko

Migliore Insegna 2023 categoria Elettrodomestici ed Elettronica: Media World

Migliore Insegna 2023 categoria Ristorazione Veloce: McDonald’s

Migliore Insegna 2023 categoria Discount: Aldi

Migliore Insegna 2023 categoria Supermercato di prossimità: Incoop

Migliore Insegna 2023 categoria Farmacie Organizzate: Lloyds Farmacia

Migliore Insegna 2023 categoria Abbigliamento famiglia: Kiabi

Migliore Insegna 2023 categoria Supermercati: Coop

Migliore Insegna 2023 categoria Ristorazione Travel: Mychef

 

I riconoscimenti speciali

-Vincitore assoluto Migliore Insegna 2023: Bottega Verde

-Migliore Human Touch 2023: Marionnaud

-Migliore Engagement & Comunicazione 2023: Bottega Verde

-Migliore Sostenibilità 2023: L’Erbolario

-Migliore Omnichannel Retail 2023: Nespresso

-Migliore Online Pure Player: Amazon

 

Isaac Cozzi

BRUNELLO DI MONTALCINO FATTORIA DEI BARBI SECONDO VINO AL MONDO PER WINE SPECTATOR

Brunello di Montalcino Riserva 2016 - Fattoria dei Barbi

 

BINDOCCI (CONS. BRUNELLO): PREMIATA AZIENDA MEMORIA STORICA DI MONTALCINO

 

Con la 2^ posizione del Brunello di Montalcino Riserva 2016 di Fattoria dei Barbi, annunciata oggi dalla top 100 di Wine Spectator, la speciale classifica sui migliori vini del pianeta redatta come ogni anno dalla rivista americana di settore più influente al mondo, la Docg toscana bissa la conquista del podio di due anni fa.

 

Per il presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci: “Siamo doppiamente contenti di questo riconoscimento perché va a una delle aziende fondatrici del Consorzio, Fattoria dei Barbi, che ha fatto la storia del Brunello di Montalcino. Non finiremo mai di ringraziare la famiglia Cinelli Colombini, a partire da Stefano, da sempre impegnato nel tenere viva la memoria e la tradizione di una denominazione che negli anni è diventata un simbolo dell’enologia mondiale. Benvenuto Brunello, al via domani, inizia perciò nel migliore dei modi nella consapevolezza che questo ennesimo riconoscimento sia uno stimolo anche per le nuove generazioni del Brunello”.

 

La top ten di Wine Spectator - svelata fino alla seconda posizione - vede al momento, oltre al Brunello di Fattoria dei Barbi, altri due vini toscani in quinta e ottava posizione.

 

Ufficio stampa Consorzio del Brunello di Montalcino – Ispropress:

Marina Catenacci 

 

IL PRESIDENTE MATTARELLA PREMIA CHIARA SOLDATI

 

2022 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica