NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi Go Wine

GO WINE, NOVITA' E PROGETTI VERSO IL 2021

L’Associazione Go Wine diventa Impresa Sociale Ets

La community dei Soci, la Guida Cantine d’Italia, gli eventi nelle grandi città italiane e sul territorio, i progetti culturali

 

Nonostante le continue restrizioni imposte dal Governo e un “blocco” che riguarda gli eventi di degustazione che dura ormai da fine ottobre, l’associazione Go Wine non ha mai fermato la sua attività, continuando anche con forme diverse ad essere presente nel rapporto con i soci e con iniziative sul territorio nazionale.

Negli scorsi giorni, con i soci riuniti in Assemblea in streaming, Go Wine ha modificato in parte il proprio Statuto acquisendo la qualifica di “Impresa Sociale” e recependo così le novità legislative introdotte dalla riforma del Terzo Settore.

“Un passaggio importante che va nel segno della crescita e dell’aggiornamento del profilo della nostra attività – dichiara il presidente Massimo Corrado-. Si è voluto dare un segnale per essere in linea con le novità legislative ed al contempo identificare sempre meglio il carattere dell’associazione.

Ovvero una organizzazione privata che opera senza scopo di lucro, svolgendo attività anche d’impresa di interesse generale e di utilità sociale, con modalità di gestione responsabili e favorendo il più ampio coinvolgimento di tutti i soggetti interessati alle sue attività”.

Con questo atto Go Wine chiederà ora l’inserimento nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore.

***

 

L’associazione Go Wine (d’ora innanzi “anche” Impresa Sociale) svolge una complessa attività che si articola su più temi e che si riconducono ad una visione di fondo: promuovere la cultura del vino e valorizzare in particolare il tema dell’enoturismo. Dando voce ad una figura di consumatore attento e consapevole che, non solo, apprezza la degustazione di un vino, ma unisce a tale piacere il desiderio di conoscere dove quel determinato vino nasce, facendosi idealmente “viaggiatore”.

 

Associando al vino innanzitutto le persone che lo esprimono e poi tutto il contesto che sta attorno. Ovvero guardando ad un vino “di territorio”, che richiama una precisa identità: paesaggio, luoghi, tradizione, realtà sociale ed economica.

E’ nella visione di Go Wine il vino che fa viaggiare le persone. “E che speriamo sia un ottimo motivo per farci tornare a viaggiare non appena sarà possibile – prosegue Corrado-. E’ un ideale viaggio che ci conduce in molti luoghi del nostro Paese, valorizza il tema della vacanza verde, nella natura, promuove l’incontro con uomini e donne del vino nel contesto del paesaggio in cui operano, conferisce al vino un valore aggiunto e speciale. A cui si aggiunge la scoperta dei tanti vitigni autoctoni che firmano la viticoltura italiana, una vera e propria “ricchezza delle diversità” che affascina e coinvolge sempre più i consumatori”.

***

 

Sul fronte delle iniziative l’associazione sta gestendo questa particolare fase di blocco, tenendo innanzitutto un costante contatto con i propri soci, nelle varie aree in cui sono presenti in Italia.

E’ in distribuzione dallo scorso Natale la Guida Cantine d’Italia 2021, con 790 cantine selezionate: sarà presentata con un evento ufficiale a Bologna lunedì 24 maggio.

E’ in svolgimento il Bando della ventesima edizione del Concorso letterario nazionale “Bere il territorio”.

Proseguono, per i soci, le attività di comunicazione e degustazione a casa del progetto “Buono…non lo conoscevo!” volto a promuovere i vini autoctoni, con particolare riferimento a quelli rari o non di particolare notorietà per i soci.

 

Guardando a maggio, e confidando in una graduale riapertura, l’associazione ha programmato il calendario di degustazioni nelle cinque grandi città italiane in cui opera stabilmente: sono Milano, Roma, Torino, Genova e Bologna. Una serie di appuntamenti che andranno a recuperare in parte gli eventi differiti nel corso dell’inverno, tra cui spicca il Tour di Autoctono si nasce, il Tour di Barolo, Barbaresco e Roero, il grande evento di Bologna Super Wines e l’altro evento di presentazione della Guida Cantine d’Italia a Roma il 10 giugno.

A questo intenso programma si aggiungono alcuni appuntamenti nell’area attorno ad Alba, con il primo evento “I grandi terroir del Barolo a metà maggio, la Festa dei Vini autoctoni del Piemonte sabato 10 luglio e la Festa del Vino del 19 e 26 settembre ad Alba in cui saranno festeggiati anche i 20 anni di Go Wine.

 

A fianco di tutti questi appuntamenti si muove l’attività delle delegazioni di soci nei territori, con i programmi annuali già varati e pronti ad essere vissuti, fra escursioni in cantina, degustazioni tematiche nelle varie sedi, sempre con il piacere dell’incontro e dello scambio di esperienze.

 

“E’ questo un tema strategico che ci sta sempre più caratterizzando – dicono da Go Wine – ovvero l’associazione come una grande community! che unisce persone con una comune visione del vino e dei suoi valori. Ovvero da una parte gli uomini e le donne del vino, viticoltori che curano e raccontano il vino dalla vigna al calice; e da altra parte gli enoappassionati che quel tipo di vino cercano, non limitandosi ad una semplice e distratta degustazione. Una 

community che unisce e che è aperta a quanti condividono l’idea di fondo che anima Go Wine.

Il vino che fa viaggiare è una sorta di sentimento; un qualcosa che spinge le persone a farsi enoturisti e viaggiatori, legando in modo forte il vino degustato con il territorio che lo esprime.

 

Ci piace il vino che racconta la terra.

Perché ha radici e perché sa rinnovarsi mantenendo intatti i suoi valori, basati sulla sostanza più che sull’apparenza.

Così vogliamo che cresca Go Wine, con sempre più il piacere dell’amicizia e dello stare insieme.

Dopo un anno di Covid, le ragioni di tutto questo sono più forti!

 

Per ulteriori informazioni: 

Go Wine - Alba tel. 0173 364631 fax 0173 361147 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.gowinet.it

 

Associazione Go Wine

Via Vida, 6 - 12051 Alba (Cn)

Tel 0173 364631

Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

BERE IL TERRITORIO XX EDIZIONE

 

Testo alternativo
 

Al via in tutta Italia la ventesima edizione del 
concorso letterario nazionale promosso da

“BERE IL TERRITORIO”
Raccontare il vino attraverso un viaggio

 

L’associazione Go Wine lancia oggi martedì 16 febbraio 2021 la ventesima edizione del Concorso letterario nazionale Bere il Territorio. 

E’ un progetto culturale che ha sempre accompagnato la vita dell’associazione fin dalla sua costituzione e che giunge nel 2021 ad un traguardo importante.

Riportiamo a seguire il Bando di Concorso che illustra le modalità di partecipazione e le informazioni legate alla sezione generale ed alle sezioni speciali.

Il Bando viene divulgato più avanti rispetto ai tempi abituali delle scorse edizioni, la scadenza è fissata al prossimo 30 aprile. La cerimonia di premiazione si svolgerà in estate e sarà fissata compatibilmente con la situazione pandemica purtroppo ancora in corso.

Vi invitiamo a partecipare e a diffondere l’iniziativa.

Il Concorso conferma gli obiettivi di sempre che si rinnovano ogni anno e si misurano sempre con nuovi protagonisti: far crescere la cultura del consumo dei vini di qualità e contribuire, mediante il tema della narrazione, a valorizzare storia, tradizioni, paesaggio, vicende socio-culturali dei territori del vino.

 

 

BANDO DI CONCORSO

1. La ventesima edizione del concorso letterario “Bere il Territorio” è promossa dalla Associazione Go Wine.

I partecipanti dovranno redigere un testo-racconto in forma libera che abbia per tema un viaggio in un territorio del vino italiano, raccontando esperienze, evidenziando il rapporto con i valori cari all’enoturista: paesaggio, ambiente, cultura, tradizioni e vicende locali.

 

Sono previste due categorie, in base a distinte fasce di età:

giovani dai 16 ai 24 anni;

per tutti i soggetti di età superiore ai 24 anni.

 

2. Ogni concorrente o gruppo potrà partecipare con un solo elaborato inedito, in lingua italiana, della lunghezza minima di due cartelle (3600 battute) e massima di 5 cartelle (9000 battute), redatto anche su supporto magnetico.

 

3. E’ inoltre istituita, a latere del concorso generale, una sezione speciale riservata agli studenti degli Istituti agrari italiani (di età compresa fra i 14 ed i 20 anni).

Verranno selezionati elaborati che trattino il tema dei vitigni autoctoni. Con l’invito agli studenti a svolgere un approfondito e originale lavoro di ricerca su vitigni autoctoni della propria zona di provenienza o di altre aree. Nell’elaborato essi potranno tenere conto delle conoscenze acquisite durante il corso di studio e trattare l’argomento attraverso uno specifico elaborato.

La partecipazione al Concorso è consentita a singoli studenti oppure a piccoli gruppi non inferiori a 5 persone. Gli elaborati dovranno avere la medesima lunghezza di cui all’art. 2, salvo eccezioni dettate dal lavoro di ricerca a cui sono chiamati.

 

4. Ogni testo dovrà contenere, in calce, le generalità del concorrente: nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono ed eventualmente il riferimento dell'Istituto agrario di appartenenza (per la sezione speciale dell’art. 3).

 

5. Gli elaborati dovranno pervenire, in tre copie dattiloscritte e su supporto magnetico, entro il 30 aprile 2021, tramite posta, al seguente indirizzo:

 

Concorso “Bere il territorio” - Go Wine

Via Vida, 6 - 12051 Alba (Cn).

 

6. Gli elaborati saranno sottoposti al vaglio della giuria composta da Gianluigi Beccaria e Valter Boggione (Università di Torino), Margherita Oggero (scrittrice), Bruno Quaranta (La Stampa), Massimo Corrado (Associazione Go Wine).

 

7. Saranno selezionati dalla sezione generale I DUE MIGLIORI TESTI, uno per ciascuna categoria: i vincitori riceveranno ciascuno un premio di euro 500,00.

 

7a). Sarà selezionato dalla sezione speciale riservata agli Istituti agrari IL MIGLIORE LAVORO DI RICERCA: il vincitore (o il gruppo) della sezione speciale riceverà un premio di euro 500,00.

 

8. È inoltre istituito un premio speciale a favore di un libro edito durante l’anno 2020 che abbia come tema il vino o che, comunque, riservi al vino una speciale attenzione.

L’autore riceverà un premio in denaro di euro 500,00.

 

9. I testi rimarranno a disposizione dell'organizzazione del concorso e non verranno restituiti. I concorrenti, accettando senza condizione il presente regolamento, concedono, sin d'ora e senza nulla pretendere, i diritti di pubblicazione a Go Wine.

 

10. I vincitori, che saranno avvertiti tramite raccomandata, saranno premiati durante la cerimonia che si terrà ad Alba nel corso della estate 2021.

 

11. I giudizi della giuria, che selezionerà le opere, sono insindacabili.

 

12. Per quanto non previsto dal presente regolamento, le decisioni spettano autonomamente alla segreteria del concorso.

 

L'iniziativa si svolge con il sostegno della

e delle cantine italiane che sostengono i progetti culturali di Go Wine

 

Abbona Anna Maria, Alario, Ar.Pe.Pe., Ascheri, Astoria, Barone di Villagrande, Biovio, Enzo Boglietti, Borgo San Daniele, Bric Castelvej, Bric Cenciurio, Bricco Maiolica, Ca' ed Curen, Ca’ Lojera, Ca’ Lustra, Cantine Monfort, Capezzana, Casa Cecchin, Cascina Alberta, Cascina Castlèt, Cascina del Monastero, Cecchetto Giorgio, Centovigne, Chiarlo Michele, Collis, Conte Collalto, Contucci, Cooperativa del Nebbiolo di Carema, Cordero di Montezemolo, Correggia, Marisa Cuomo, D'Alfonso del Sordo, Dezzani, Donnafugata, Emo Capodilista - La Montecchia, Endrizzi, Eucaliptus - Dario di Vaira, Cantina Fasoglio, Fattoria di Magliano, Fattoria di Montechiari, Fattoria Palazzo Vecchio, Fattoria Villa Ligi, Felline, Felsina, Forteto della Luja, Francone, Frecciarossa, Gigante Adriano, Guerrieri Rizzardi, Gulfi, I Pastini, Il Palagione, La Canonica, La Costa, La Masera, La Parrina, La Source, La Spina, La Tordera, La Tosa, La Viarte, Le Bertille, Leone De Castris, Les Crêtes, Librandi, Lis Neris, Lunae Bosoni, Maciot, Maculan, Maeli, Malvirà, Manara, Manzone Giovanni, Manzone Paolo, Marchesi Alfieri, Marchesi di Barolo, Marello, Marengoni, Marotti Campi, Martilde, Moccagatta, Montecappone, Montenidoli, MonteRosola, Montetondo, Mormoraia, Negro Angelo & Figli, Negro Maria Luigina, Pakravan-Papi, Palladino, Paltrinieri, Pileum, Podere Riosto, Podere Riparbella, Podere Selva Capuzza, Poderi Luigi Einaudi, Poderi Moretti, Poggio La Luna, Poggio Ridente, Porro Guido, Diego Pressenda, Rebollini, Ricci Curbastro, Rinaldi Francesco & Figli, Sarotto Roberto, Scubla, Serio & Battista Borgogno, Sobrero Giorgio, Sordo Giovanni, Stanig, Tenuta Bossi - Marchesi Gondi, Tenuta Il Falchetto, Tenuta Iuzzolini, Tenuta Monteti, Tenuta Roveglia, Tenuta Sant’Antonio, Terre Bianche, Torraccia del Piantavigna, Torre Varano, Travaglini Giancarlo, Travignoli, Umani Ronchi, Vagnoni Fratelli, Venica & Venica, Ventolaio, Verdi Bruno, Vietti, Vigna Petrussa, Villa Forano, Villa Matilde, Villa Sparina, Vivallis, Zenato, Zeni Fratelli, Zorzettig, Zymè.

Associazione Go Wine

Via Vida, 6 - 12051 Alba (Cn) - Tel 0173 364631 - Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



“BAROLO,BARBARESCO, ROERO” …E ALTRI VOLTI DEL NEBBIOLO IN PIEMONTE

 

 

MERCOLEDI' 21 OTTOBRE 2020

StarHotel President**** Corte Lambruschini, 4 – Genova

 

“BAROLO,BARBARESCO, ROERO”

…e altri volti del Nebbiolo in Piemonte

 

 RICORDIAMO CHE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DEGUSTAZIONE E' VIVAMENTE CONSIGLIATA LA PRENOTAZIONE

 

Dopo alcuni appuntamenti in città Go Wine riprende l’attività in hotel a Genova, dopo la lunga pausa dettata dall’emergenza Covid.

Promuoviamo una degustazione tutta dedicata al vitigno Nebbiolo, “recuperando” l’appuntamento programmato in marzo e appunto rinviato per le note ragioni.

Vi proponiamo un evento nel segno della ripresa: si svolgerà in sicurezza e con il rispetto delle disposizioni in corso: su prenotazione in tre diverse fasce orarie e con numeri contingentati; distanziamento, evitando assembramenti in sala, presenza di igienizzanti per le mani, utilizzo di mascherine... 

Vi chiediamo attenzione su questo punto: è necessario prenotare per un corretto svolgimento dell’evento e utilizzo degli spazi a disposizione!

 

Ecco un primo elenco di cantine protagoniste al banco d’assaggio

Abrigo Giovanni - Diano d’Alba (Cn); Alario Claudio – Diano d’Alba (Cn); 

Enzo Boglietti - La Morra (Cn); Bolmida Silvano - Monforte d’Alba (Cn); 

Brezza – Barolo (Cn); Bric Castelvej – Canale (Cn); 

Bricco Maiolica - Diano d’Alba (Cn); Cantina del Nebbiolo - Vezza d’Alba (Cn); 

Cantina Oriolo – Montelupo Albese (Cn); Cantina Produttori Nebbiolo di Carema (To); 

Cantine Luzi Donadei – Clavesana (Cn); Cascina Chicco – Canale (Cn); 

F.lli Serio & Battista Borgogno – Barolo (Cn); Francesco Rinaldi e Figli – Barolo (Cn); 

Francone - Neive; Grasso Fratelli – Treiso (Cn); 

L’Astemia Pentita – Barolo; Malvirà – Canale (Cn); 

Manzone Paolo - Serralunga d’Alba (Cn); Manzone Giovanni - Monforte d’Alba (Cn); 

Marsaglia – Castellinaldo (Cn); Mauro Vini – Dronero (Cn); 

Palladino – Serralunga d’Alba (Cn); Poderi Moretti - Monteu Roero (Cn); 

Rocche di Costamagna - La Morra (Cn); Roggero – Albugnano (At); 

Sobrero Giorgio - Montelupo Albese (Cn); Sordo Giovanni - Castiglion Falletto (Cn); 

Tenuta Carretta – Piobesi d’Alba (Cn); Tenuta San Mauro - Castagnole delle Lanze; 

Valdinera - Corneliano d’Alba (Cn).

Programma, orari e modalità di prenotazione:

Come detto per garantire la sicurezza dei partecipanti gli ingressi saranno contingentati e su prenotazione.

 

Per permettere a un numero maggiore di persone di accedere al banco di assaggio, la degustazione verrà divisa in 3 turni a cui sarà obbligatorio attenersi.

 

Orari e turni di degustazione

Ore 16,00 -18,00: Anteprima: degustazione riservata esclusivamente ad operatori professionali qualificati (giornalisti del settore enogastronomico, soggetti riconosciuti che operano in enoteche, ristoranti, wine bar: una persona per locale, salvo motivate eccezioni) 

L’accredito avviene tramite mail e prenotazione e conferma scritta da parte di Go Wine della stessa. 

Si potranno accreditare professionisti. 

Ore 18,00-20,00: primo turno di apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati

Ore 20,00 – 22,00: secondo turno di apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati

 

Il costo della degustazione per il pubblico è di € 20,00 (€ 13,00 Soci Go Wine, rid. soci associazioni di settore € 16,00). L’ingresso sarà gratuito per coloro che decidono di associarsi a Go Wine (benefit non valido per i soci familiari).

PER COLORO CHE INTENDONO ESSERE SOCI DI GO WINE OVVERO…

RINNOVARE - ISCRIVERSI PER LA PRIMA VOLTA - AVERE INFORMAZIONI

 

Informiamo che dall’evento di mercoledì 21 ottobre è possibile associarsi a Go Wine o rinnovare l’iscrizione con scadenza 31.12.2021.

Sono confermati i benefit riservati a ciascun socio ordinario o sostenitore, ovvero:

• la degustazione in Hotel del 21 ottobre in omaggio;

• voucher di 10 € da utilizzare a scelta:

a) evento di degustazione a Genova in serate promosse dal Club in ristoranti ed enoteche della città

b) Go Wine Week (week-end di enoturismo sul territorio italiano) a scelta nel calendario che comunicheremo ai soci

...oltre all’omaggio di una bottiglia di vino, lo sconto riservato ai soci su tutte le iniziative Go Wine, la Guida Cantine d’Italia, l’abbonamento alla Rivista di Go Wine.

 

Chi è interessato fin da ora a diventare socio, 

può compilare il modulo scaricabile al presente link e pagare la quota associativa indicando il turno in cui desidera partecipare all’evento. La degustazione vi verrà dunque omaggiata e non dovrete sostenere ulteriori costi. Precisiamo che i benefit non sono valevoli per i soci familiari.

 

Per info scrivi a:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per partecipare alla degustazione è obbligatoria la prenotazione contattando Go Wine alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e verrà richiesto il pagamento anticipato. Le prenotazioni verranno accettate e fino a esaurimento dei posti in piedi disponibili.

 

Al presente link è possibile scaricare il modulo per la prenotazione

I GRANDI TERROIR DEL BAROLO

 

Le cantine partecipanti al banco d'assaggio de 
I Grandi Terroir del Barolo

BANCO D’ASSAGGIO 

“I grandi terroir del Barolo”, evento ideato da Go Wine, torna a Monforte d'Alba sabato 24 e domenica 25 ottobre, dopo i rinvii della scorsa primavera, dettati dall’emergenza Covid. 
Sede dell’evento le eleganti sale del Moda Venue (Via Cavour, 10), nel centro storico del paese. Il programma prevede banchi d'assaggio alla presenza delle cantine, esclusive masterclass e visite cantina: una formula che consentirà in un week-end di approfondire "sul campo" la conoscenza della nuova annata di uno dei più grandi vini del mondo. 
L’evento si svolge in sicurezza e nel rispetto delle normative in corso per il contenimento del Covid-19.
Pertanto, al fine di contingentare gli ingressi, il banco d’assaggio si svolge su 3 turni, con prenotazione obbligatoria scaricando il modulo al presente link.

E inoltre...: come nelle ultime due edizioni in degustazione una selezione di grandi vini italiani legati a cru o terroir particolari affiancherà i dialoghi con il Barolo.

LE MASTERCLASS

Il programma prevede oltre alle degustazioni al banco d’assaggio tre appuntamenti di approfondimento condotti dal giornalista Gianni Fabrizio (curatore della guida ai vini del Gambero Rosso), articolate a loro volta in due turni. 

Sabato 24 ottobre
ore 15.30 e 16.30 (su due turni): 

“I percorsi nei terroir del Barolo: da Verduno a Barolo”.

Domenica 25 ottobre
ore 11.00 e 12.00 (su due turni): 

“I percorsi nei terroir del Barolo: da Barolo a Serralunga”.
ore 15.30 e 16.30 (su due turni): “Barolo e Pinot Noir di Borgogna” vini e terroir a confronto. 

E’ obbligatoria la prenotazione inviando il coupon scaricabile al presente link. 

ECCO UN PRIMO ELENCO 
DELLE CANTINE CHE PARTECIPANO 
AL BANCO D’ASSAGGIO

ANNA MARIA ABBONA - Farigliano
BATASIOLO 
– La Morra
BOASSO 
– Serralunga d’Alba
BOGLIETTI ENZO 
– La Morra
BOLMIDA SILVANO 
– Monforte d’Alba
BRICCO MAIOLICA 
– Diano d’Alba
DOSIO VIGNETI 
– La Morra
MANZONE GIAN PAOLO 
– Serralunga d’Alba
MONCHIERO F.LLI 
– Castiglione Falletto
MORRA DIEGO 
- Verduno
SAN BIAGIO 
– La Morra
SORDO 
– Castiglione Falletto
PIAZZO COMMM. ARMANDO 
- Alba
PIO CESARE 
- Alba
PORRO GUIDO 
- Serralunga d’Alba


IL PROGRAMMA

Dove:
Ristorante MODA VENUE di Palazzo Martinengo - MONFORTE D'ALBA,Via Cavour, 10

Quando:

SABATO 24 ottobre 2020
- Orario dalle 11 alle 18.30:
banco d’assaggio, articolato su 3 turni, info a seguire.  

- Masterclass come da programma indicato a lato


DOMENICA 25 ottobre 2020

- Orario dalle 11 alle 18.30: 
banco d’assaggio, articolato su 3 turni, info a seguire.

- Masterclass come da programma indicato a lato 

 

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE 

Per garantire la sicurezza dell’evento e un ordinato afflusso,
LA DEGUSTAZIONE AL BANCO D’ASSAGGIO SI ARTICOLERÀ SU DUE TURNI, CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA:
-primo turno: ore 11.00-13.30
-secondo turno: ore 13.30-16.00
-terzo turno: ore 16.00-18.30

Per prenotare la degustazione al banco d’assaggio scaricare il modulo al presente link


Il costo della degustazione euro 20 (riduzioni euro 18 per Soci Associazioni di settore e euro 15 per i soci Go Wine) e comprende la degustazione illimitata dei Barolo al banco d’assaggio e tre buoni degustazione nella selezione dei vini dei terroir italiani.

Le Masterclass

Le masterclass si svolgono su prenotazione: costo della degustazione euro 25/30 - riduzioni euro 20/25 (Soci Go Wine)

Per prenotare le masterclass scaricare il modulo al presente link

Vuoi trascorrere un week-end in Langa in occasione de "I grandi Terroir del Barolo"?

***
Contattaci per avere informazioni sulle strutture ricettive ed i ristoranti!


Per Informazioni 


Via Vida, 6 - Alba CN
Tel. 0173 364631 
Fax 0173 361147
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.gowinet.it


seguiteci su 

e sul sito

www.gowinet.it

MAURIZIO MOLINARI È “IL MAESTRO” DELLA XIX EDIZIONE DEL CONCORSO LETTERARIO “BERE IL TERRITORIO”

Si conclude in settembre il percorso del progetto culturale promosso dall’associazione Go Wine e rinviato nella scorsa primavera a causa del Covid
La premiazione ad Alba giovedì 10 settembre, Sala Fenoglio

 

 

Maurizio Molinari, direttore di Repubblica e direttore del Gruppo Editoriale Gedi (La Stampa, il Secolo XIX, Repubblica, 13 testate locali…) è “Il Maestro” del Concorso letterario Bere il territorio, promosso dall’associazione Go Wine e giunto nel 2020 alla XIX° edizione.
Il riconoscimento verrà assegnato giovedì 10 settembre p.v. alle ore 18 presso la nuova Sala Beppe Fenoglio di Alba.
Inizialmente prevista a inizio aprile (quando Molinari era ancora direttore de La Stampa ndr) la cerimonia finale di premiazione si svolgerà in settembre in due parti: “Il Maestro” giovedì 10 settembre, gli altri premiati domenica 27 settembre nel corso della Festa del Vino di Alba, promossa da Go Wine.

Molinari, giornalista e saggista, ha lavorato per La Stampa dal 1997 al novembre 2015 allorquando è stato nominato direttore del quotidiano torinese. In questo lungo periodo è stato per oltre un decennio corrispondente da New York. Dal 23 aprile scorso ha assunto la direzione di Repubblica, oltre ad essere direttore editoriale del gruppo editoriale Gedi (presidente John Elkann, amministratore delegato Maurizio Scanavino).

Il riconoscimento non va solo alla figura di un direttore di grandi quotidiani italiani, ma alla sua parallela e copiosa attività di saggista e scrittore. “Assedio all’Occidente. Leader, strategie e pericoli della seconda guerra fredda” è l’ultima pubblicazione uscita per i tipi de La nave di Teseo nel 2019.

Giunge così al termine l’iniziativa che Go Wine ogni anno propone allo scopo di diffondere una cultura positiva del consumo del vino di qualità.
Il riconoscimento al “Maestro” è stato istituito a partire dalla terza edizione e si propone di premiare importanti figure della cultura italiana, che possano essere di riferimento per i più giovani o testimoni di un particolare rapporto con l’identità dei luoghi e della civiltà materiale che li caratterizza.

Il riconoscimento de “Il Maestro” è stato nelle precedenti edizioni attribuito a Luigi Meneghello, Niccolò Ammaniti, Claudio Magris, Lorenzo Mondo e Gianmaria Testa, Sebastiano Vassalli, Dacia Maraini, Alberto Arbasino, Enzo Bettiza, Franco Loi, Francesco Guccini, Pupi Avati, Raffaele La Capria, Gustavo Zagrebelsky, Maurizio Maggiani, Luciano Canfora, Marcello Fois.

La Giuria del concorso Bere il territorio si compone della cortese presenza di: Gianluigi Beccaria (Università di Torino), Valter Boggione (Università di Torino), Margherita Oggero (scrittrice), Bruno Quaranta (La Stampa) e Massimo Corrado (Associazione Go Wine).
Sostengono questa iniziativa la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e una selezione di aziende vinicole italiane che sostengono i progetti culturali Go Wine.

2021 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica