NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
image1 image2 image3 image3

Eventi enogastronomici

“AssaporiAMO la Valtellina” sbarca a Genova

 

Dal 10 al 16 giugno, una settimana dedicata ai sapori della Valtellina per un viaggio enogastronomico nel centro storico del capoluogo ligure

 

La Valtellina, in collaborazione con CIV “il Genovino” – Consorzio che aggrega alcune aziende della zona intorno a Piazza delle Erbe e supporta iniziative per lo sviluppo commerciale del territorio – porta il progetto “AssaporiAMO la Valtellina” nel cuore di Genova per una settimana di degustazione di eccellenze enogastronomiche valtellinesi.

7 locali proporranno menù a base di prodotti del territorio, per raccontare questa splendida regione nel cuore della montagna lombarda attraverso i suoi sapori.

 

Il progetto nasce come evoluzione del Ricettario “AssaporiAMO la Valtellina”, una guida che vede protagonisti dieci chef valtellinesi che reinterpretano i sapori del territorio, insieme alle

 

 signore valtellinesi che raccontano le ricette della tradizione e alla blogger valtellinese di Tacchi e Pentole che propone dei panini gourmet.

 

Dopo il lancio del Ricettario, AssaporiAMO la Valtellina” diventa un tour enogastronomico che ha l’obiettivo di promuovere le esperienze enogastronomiche da vivere nel territorio.

 

Il progetto pilota parte da Genova: in una delle zone più belle, caratteristiche e frequentate del centro storico, bar, enoteche e ristoranti si lasceranno ispirare dalle ricette e dai prodotti presentati nel Ricettario per proporre diversi momenti di degustazione, dalla colazione, al pranzo, fino all’aperitivo e alla cena.

Protagonisti saranno alcuni prodotti bandiera della Valtellina come la Bresaola della Valtellina IGP,  i formaggi Valtellina Casera DOP e Bitto DOP, i vini come lo Sforzato di Valtellina DOCG e il Valtellina Superiore DOCG, le mele  di Valtellina IGP e altre eccellenze come i prodotti a base di farina di segale e farina di grano saraceno, i mieli, il latte, gli yogurt e i dolci della tradizione come la bisciola e la cupeta.

Tutti coloro che sceglieranno di degustare un menù valtellinese, riceveranno in omaggio il Ricettario “AssaporiAMO la Valtellina”, per mettere alla prova la propria creatività in cucina e imparare a scoprire questa ricchissima destinazione, partendo dai suoi sapori.

 

AssaporiAMO la Valtellina” aspetta i genovesi per invitarli a gustare un territorio che, se assaggiato, non si potrà che amare!

 

I locali che hanno aderito all’iniziativa: Biggie (lounge bar in Piazza delle Erbe 18R) ; Giano Bifronte (bistrot in Piazza delle Erbe  19-21R), Gradisca (bar cafè, Piazza delle Erbe,  31); Cafè Latino (ristorante in Piazza delle Erbe, 20/22R), UVA – Urban Vineyard Area (enoteca in Salita Pollaiuoli, 17R); a Rumènta (lounge bar in via dei Giustiniani, 71R); Da ROBI (paninoteca in via Via S. Donato, 24).

SOMMELIER FISAR.......ANCHE A SLOW FISH 2019

Foto di gruppo: Mattia Briganti,  Massimo Marchi, Claudia Paracchini, Vito Trentino, Federico Ivaldi,  Paolo Odino, Anna Paola Simonetti e Roberto Magnone  

 

Testo e foto di Claudia Paracchini 

  

Claudia Paracchini e Anna Paola Simonetti in servizio

 Nessuno conosce Slow Fish meglio di noi. In questa IX edizione al Porto Antico di  Genova dal 9 al 12 maggio, la carta dei vini della Enoteca della Banca del Vino  di Slow Fish era anche sugli smartphone. Una Wine List di 428 etichette perché se il mare è un bene comune anche il buon vino lo è. Sotto il tendone di piazza delle feste di sono avvicendati a turno i sommelier Fisar di 4 delegazioni, in un meraviglioso lavoro di squadra, unita e con obiettivi comuni, accontentare tutti i palati ! 

 

Federico Ivaldi,  Claudia Paracchini e  VitoTrentino 

 Tra una partenza con le bollicine, a seguito i vini bianchi e rosati per chiudere con i rossi e i passiti c’era un vero carosello di cultura mista alla passione per i sani valori alimentari. Ma Slow Fish e la sua piazza delle feste è stato anche il laboratorio didattico con La Fucina Pizza e Pane, con l’esperienza di Le 5 Stagioni, linea completa e innovativa di farine e semilavorati per le pizze e in partnership con Esmach e Agugiaro e Figna Molini ci hanno insegnato i segreti per una pizza con la bottarga e il pesce povero. 

 

Cocktail ispirato alle repubbliche marinare e realizzato  Dai Maestri del Cocktail

E questa volta accompagnato da un cocktail ispirato alle repubbliche marinare Pisa, Venezia, Amalfi, Gaeta e, ovviamente, Genova...realizzato  Dai Maestri del Cocktail. Sempre nell’occasione della piazza delle feste lo chef Davide Marchiori dell’ Osteria Plip di Mestre ci ha deliziato con una ricca serie di prelibatezze, panini farciti, tranci di pizza e mozzarelle in carrozza a base di pesce indimenticabili. in questo caso l’abbinamento con il vino era d’obbligo! 

 

 

Lezione al laboratorio della Pizza 

Ma Slow Fish e Slow Food sono anche promotori di Menu for Change, campagna internazionale che mette il cibo al centro della lotta contro il cambiamento climatico. 

Il clima cambia, il nostro pianeta si riscalda. La produzione alimentare è responsabile di 1/3 delle emissioni di gas serra. Dobbiamo imparare se già non lo facciamo a leggere le etichette a rispettare le stagioni e consumarne i cibi . Mangiare meno carne e riscoprire i legumi. Non sprecare l’acqua. Cerchiamo gruppi di acquisto e dedichiamo migliore tempo alla nostra spesa. Compriamo meno, riusiamo, ricicliamo!  Arrivederci alla prossima edizione. 

Una delle molte golosità    

 

ULTIMA SETTIMANA PER LE SERATE GASTRONOMICHE RECCHESI 2019

 

Ultima settimana per le

Serate gastronomiche recchesi 2019

in ricordo di Gianni Carbone

 

Con il patrocinio di Regione Liguria e Comune di Recco, Camera di Commercio di Genova, FIPE Liguria, Confcommercio Genova e FEPAG Genova, e la collaborazione di Food Liguria e Slow Food Genova – Giovanni rebora, Ascom delegazione di Recco, CIV Recco e Pro Loco Recco

 

Con le due cene dedicate ai Presìdi Slow Food e i Mercati della terra

Mercoledì 17 aprile Vitturin e Giovedì 18 aprile La Baracchetta.

 

Arhiviato il primo ciclo delle “Serate” dedicate alle più famose “Cucine di Strada” d’Italia (che hanno visto arrivare a Recco dall’Abruzzo gli arrosticini di pecora-spiedini di carne ovina cotti alla brace sulla “canalina” portati da Maurizio della “Bracevia” nei ristoranti Da Lino e Alfredo; dalla Puglia le bombette della Val d’Itria, deliziosi involtini di capocollo fresco di maiale ripieni di canestrato pugliese, formaggio tipico, infilzati dagli spiedi e cotti alla brace-servite con il pane tradizionale dell’Alta Murgia nei ristoranti Vitturin e Da O Vittorio; dalla Sicilia l’arancina, il pani ca’ meusa, panelle, i cazzilli e i mitici “cannoli” alla Baracchetta di Biagio con “Gusto sicilano” di Agrigento e alla storica Focacceria della Manuelina le famiglie “Alaimo & Conticello” già fondatori dell’Antica Focacceria di Palermo), proseguono  le Serate dedicate ai “Presìdi Slow Food e ai Mercati della terra” con menù che raccontano di territori, uomini, tradizioni e sapori rari di quelle micro produzioni agroalimentari che che oggi abbiamo la fortuna di poter avere nei nostri ristoranti grazie al grande lavoro di conservazione di Slow Food.

 

I Presìdi Slow Food (16 in Liguria),  sostengono le piccole produzioni tradizionali che rischiano di scomparire, valorizzano territori, recuperano antichi mestieri e tecniche di lavorazione, salvano dall’estinzione razze autoctone e varietà di ortaggi e frutta. Oggi, oltre 550 Presìdi Slow Food nel mondo che coinvolgono più di 13.000 produttori. La commercializzazione dei prodotti dei Presìdi è svolta direttamente dai produttori ed anche per le Serate recchesi, il contatto diretto con i ristoratori ha fatto nascere conoscenze ed amicizie portando questi prodotti di nicchia protagonisti dei menù. A fianco dei Presidi anche i Mercati della terra, rete internazionale di mercati, produttori e contadini coerenti con la filosofia Slow Food. Luoghi dove fare la spesa, incontrarsi e scoprire prodotti locali e di stagione presentati solo da chi produce quello che vende. Per la Liguria due i Mercati della Terra, quello Sarzana (SP) e di Cairo Montenotte (SV). In collaborazione con Slow Food Liguria e Condotta di Genova - Giovanni Rebora.

 

Dopo quelle al Ristorante Lino, Da O Vittorio, Manuelina e Alfredo, questa settimana in programma le ultime due “Serate” dedicate ai Presìdi Slow Food e i Mercati della terra.

 

Mercoledì 17 Aprile

Ristorante Vitturin 1860 – Tel 0185 720225

Prodotti del Mercato della terra di Cairo Montenotte (Sv)

Spritz con panissa

Pane di patate di Pignone (Mercato della terra)

Fagottini di prosciutto cotto alle erbette (Mercato della terra)

e robiola del Beigua (az. Agr. Cascina Giacobbe).

Bresaola di vitellone e lardo (Mercato della terra) con schiacciatina all’origano

Paglia e fieno con granella di salsiccia (Mercato della terra) e rosmarino

Entrecote di manzo di Ponteinvrea (Mercato della terra) con purea di rapa rossa

Il paciugo del Golfo Paradiso

Amaretti del Sassello

Vini in abbinamento

Caffè

€ 40,00  a persona tutto incluso

 

Giovedì 18 aprile

La Baracchetta di Biagio – Tel. 0185 720658

Focaccetta fritta al gorgonzola, torta di riso

Bruschetta di Pane Toscano quello sciocco con Lardo di Colonnata e Fagioli bianchi di Sorana

Minestra di Farro della Garfagnana con Fagiolo Antico Rosso di Sorana IGP

I Fagioli Bianchi di Sorana IGP cotti al Fiasco con salsiccia toscana

Castagnaccio con la farina di castagne e fico secco di Carmignano

Caffè

€ 30,00 incluse bevande a scelta

in collaborazione con l’Associazione dei Piccoli Produttori del Fagiolo di Sorana IGP “Il Ghiaretto” ONLUS

e il Ristorante "Da Carla" Ponte di Castelvecchio, per la preparazione dei piatti.

 

E per brindare nel nome delle Serate recchesi

Il calice da vino timbrato “Serate gastronomiche recchesi”

I clienti delle “Serate” riceveranno il bellissimo calice timbrato “Serate gastronomiche recchesi”

con inciso il bozzetto che fu l’emblema della prima edizione 1976,

per brindare anche a casa nel nome delle Serate gastronomiche recchesi.

DA NON PERDERE, è BELLISSIMO!

 

 

 

 

p. Consorzio Recco Gastronomica

Daniela Bernini

Dimensione Riviera Promozioni

Recco (GE) via XXV Aprile 14

Tel.: 0185730748 - 3357274514

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

STELLE E CALICI: VIAGGIO GOURMET TRA I SAPORI DELLA LIGURIA  

Di Virgilio Pronzati

 

La Liguria geograficamente si divide in due Riviere. Ponente e Levante. Entrambe ricche di panorami incantevoli: soffici spiagge e scogliere sul mare, castelli e borghi medievali nell’entroterra. Oltre a distinguersi per preparazioni gastronomiche, quella di Ponente vanta da sempre più ristoranti stellati.  Segno che non è solo la sua vicinanza alla Francia, ma una costante ricerca e genialità dei cuochi che operano nel Savonese e Imperiese. E parlando di cucine e chef stellati, non si può non citare la manifestazione Stelle & Calici: Viaggio Gourmet tra i sapori della liguria, creata da Vite in Riviera (gruppo di produttori di vino e olio del Ponente Ligure) col sostegno della Regione Liguria ed altri enti ed aziende.  

  

 Al centro Tommaso Arrigoni con Massimo Enrico Presidente di Vite in Riviera,  i suoi collaboratori e i sommelier

Un viaggio programmato in quattro tappe di gusto che, riscuotendo un grande successo, di ogni tappa c’è stato il bis. Quattro grandi chef di notorietà non solo nazionale, ne hanno siglato le rispettive tappe.  Congeniale e carismatica anche la sede degli incontri golosi, essendo l’Enoteca Regionale della Liguria ad Ortovero.  Ogni cena era realizzata con sceltissime basi reperite stagionalmente nell’ambito ligure e da presidi Slow Food, di cui ogni piatto era abbinato ad un vino Doc e IGT dei produttori di Vite in Riviera, scelto e servito da professionali sommelier Fisar e Ais delle Sezioni di Savona e Imperia.


 Il noto chef stellato Igles Corelli 

La prima serata, svoltasi nel mese di novembre 2018, ha visto all’opera lo chef Tommaso Arrigoni del ristorante Innocenti Evasioni di Milano (1 Stella Michelin), che ha proposto agli ospiti il seguente menù a 70 euro.

Antipasto: Trancetto di Pesce Spada, Funghi Porcini alle Erbe e Porro fritto con Riviera Ligure di Ponente Doc Vermentino 2017. Primo: Riso Carnaroli Aquerello, Mantecato con Zucca Gialla, Stoccafisso e Fave di Cacao con Riviera Ligure di Ponente Pigato Doc 2017. Secondo: Pescato dei Pescatori di Noli*, Purea di Castagne Essiccate* all’aglio di Vessalico* e Broccoli all’Olio Extra Vergine di Oliva DOP Riviera Ligure di Ponente con Riviera Ligure di Ponente Doc Pigato Superiore 2016. Dessert:  Crostata, Crema di Limone, Pera, Cioccolato e Cialda al Cappero con Ormeasco Passito (*Presidi Slow Food Liguria).   

 

Lo chef Gian Piero Vivalda due Stelle Michelin 

Seconda tappa a gennaio 2019 con il pluristellato Igles Corelli ideatore della “cucina circolare” del ristorante romano Mercerie, col seguente menu a 70 euro: Antipasto: Baccalà mantecato, Cono croccante, Crema al Basilico Genovese DOP, in abbinamento con Riviera Ligure di Ponente Vermentino Doc 2017.  Primo: Risotto Gazzani con Fagioli di Conio*, Patate e Gelato di Prescinseua , in abbinamento con Riviera Ligure di Ponente Doc Pigato 2017. Secondo: Stinco e Pancia di Cabannina a maturazione spinta© alle visciole selvatiche e morbido di Sedano rapa in abbinamento con Ormeasco Doc Superiore 2016. Dessert: Bignè fritti e caramellati con salsa Chinotto di Savona* in abbinamento con il Passito di Pigato (*Presidio Slow Food).  

 Al centro Marco Sacco con Paolo Massobrio. Ai lati Virgilio Pronzati, Massimo Enrico, Marco Rezzano, Augusto Manfredi e Luigi Filippi 

Terza tappa del viaggio gourmet a febbraio 2019 con lo chef due stelle Gian Piero Vivalda del rinomato ristorante Antica Corona Reale di Cervere col questo menu a 85 euro: Antipasto: Martini di seppie del Golfo Ligure, carciofi spina d’Albenga e gamberi rossi di Oneglia con il Riviera Ligure di Ponente Pigato Doc 2017. Primo:  Ravioli al plin di coniglio grigio, carciofi spina d’Albenga e tartufo nero della Val Pennavaire con Rossese di Dolceacqua Doc 2016. Secondo: Capretto di Roccaverano allo spiedo d’ulivo, Caponata d’inverno alle olive taggiasche e la sua finanziera con Riviera Ligure di Ponente Doc Granaccia 2016.  Dessert: Mousse di cioccolato bianco e chinotto di Savona* con Passito di Pigato (* presto Slow Food).   

 Uno dei tanti piatti d’autore presentati a Stelle & Calici 

Ultima sosta golosa a marzo 2019 con lo chef pluristellato Marco Sacco del ristorante Piccolo Lago, artista dei piatti di pesce d’acqua dolce, con il seguente menu a 85 euro: Antipasto: La zucchina trombetta cotta a freddo, gel della sua acqua e caviale di trota in abbinamento con Riviera Ligure di Ponente Doc Vermentino 2017.  Primo: Bottoni di zucchina trombetta e spuma di Bettelmatt in abbinamento con Riviera Ligure di Ponente Doc Pigato 2017.  Secondo: La trota, salsa di ribes e prato d’asparago violetto d’Albenga* con Riviera Ligure di Ponente Doc Pigato  e Vermentino. Dessert: L’asparago violetto d’Albenga*

.. diventa dolce in abbinamento con Riviera Ligure di Ponente Doc Moscatello di Taggia Passito* (*Presidio Slow Food Liguria). 

 

 

Stelle e Calici è sicuramente vincente. L’apprezzamento dei clienti delle otto serate è stato più che soddisfacente. Iniziativa lodevole che valorizza l’intero territorio della Riviera di Ponente. 

 

Due parole su Vite in Riviera: una realtà unica del panorama ligure: nata con la sottoscrizione del Contratto di Rete, vede riunite ben 25 aziende vitivinicole ed olivicole, ubicate tra le provincie di Savona ed Imperia, con la Cooperativa Viticoltori Ingauni quale capofila. 

 

Siena: Dolcezze & Motori

 I prossimi 12, 13 e 14 aprile, Piazza del Campo ospita la prima edizione di appuntamento che unisce l’arte dolciaria senese e toscana alla passione per il tuning

 

Dolci, dolcezze e motori: a Siena la primavera arriva all’insegna del gusto e della velocità

Per tre giorni una delle piazze più belle del mondo diventa un paradiso per golosi di ogni età e amanti delle ‘hot rod’

 

A Siena la primavera arriva all’insegna della dolcezza e della velocità: i prossimi venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 aprile, Piazza del Campo ospita la prima edizione di “Dolci, dolcezze e motori”, appuntamento che unisce l’arte dolciaria senese e toscana alla passione per il tuning.

 

Alle dolcezze sarà dedicata la parte centrale di Piazza del Campo dove una ricca mostra mercato proporrà il meglio della produzione artigianale.

Qui, accanto a prodotti come il panforte, i ricciarelli, i cavallucci, i cantucci, la schiacciata di Pasqua, troveranno spazio anche le più moderne interpretazioni dell’arte di far dolci che proprio dalla tradizione traggono originalità e ispirazione.

 

 

 

 

 

Mandorle e miele, spezie e canditi, cioccolato e nocciole saranno pietre miliari di un viaggio pieno di profumi e intenso di sapori, non solo da gustare ma anche tutto da scoprire.

Nella tre giorni infatti non mancheranno momenti di approfondimento e cooking show in cui pasticceri ed esperti racconteranno i segreti della loro arte o proporranno curiosità storiche sui prodotti della tradizione.

 

L’assaggio delle specialità dolciarie sarà accompagnato da vini dolci e liquorosi che offriranno al pubblico la possibilità di conoscere alcune eccellenze enologiche del territorio.

 

Oltre che per i golosi la tre giorni sarà anche un paradiso per chi ama i motori: in Piazza del Campo arriva "Uisp Tuning 4 All", il raduno nazionale di auto tuning.

Dopo due anni di grande successo al padiglione 31 del Motor Show di Bologna, l’appuntamento si rinnova a Siena dove oltre 30 mezzi provenienti da tutta Italia, daranno vita a una un’emozionante mostra all’insegna della passione.

 

 

 

 

Il tuning è una pratica che porta a modificare le caratteristiche estetiche, meccaniche e prestazionali di un veicolo adeguandolo ai propri gusti. Il fenomeno, che ha origine negli Stati Uniti nel secondo dopoguerra e che ha vissuto la sua epoca aurea tra gli anni Sessanta e Settanta quando spopolavano le cosiddette ‘hot rod’, ha poi conquistato il mondo intero.

 

"Siena accoglie l'inizio della bella stagione con questo nuovissimo appuntamento -afferma Alberto Tirelli, assessore al turismo del Comune di Siena - attraverso il quale vogliamo valorizzare l'eccellenza della produzione dolciaria della nostra città e del territorio. Una tradizione secolare fatta di grande sapienza artigianale che ha fatto Siena famosa nel mondo. Il weekend poi sarà reso speciale  da una singolare mostra di  'hot rod'. Un modo originale per sposare dolcezza a passione".

 

“Dolci, dolcezze e motori” è una manifestazione organizzata dal Comune di Siena in collaborazione con Confcommercio Siena, Confesercenti Siena, Cna Siena, Confartigianato Siena, Cia Siena, Coldiretti Siena, Unione Provinciale Agricoltori Siena, CO.RI.PANF (Comitato promotore per le Igp di ricciarelli e panforte) e Uisp Comitato di Siena. Sponsor dell’evento è Banca Monte dei Paschi di Siena.

 

“Dolci, dolcezze e motori” si svolgerà venerdì 12 dalle ore 13.00 alle ore 21.00 mentre sabato 13 e domenica 14 dalle ore 10.00 alle ore 21.00.

L’ingresso è libero.

 

Le aziende che fossero interessate a proporre i prodotti dolciari della tradizione senese e toscana possono presentare la domanda fino al prossimo 1 aprile. Il modulo è disponibile sul sito del Comune di Siena al link http://www.comune.siena.it/La-Citta/Economia/News/Dolci-Dolcezze-e-Motori-Siena-12-14-Aprile-2019, oppure sui siti delle associazioni di categoria partecipanti al progetto.

 

Sonia Corsi

2019 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica