NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Pietro Bellantone

E' il PR di EventidAmare, un'associazione turistica, culturale ed enogastronomica che si propone la realizzazione di eventi che concorrano alla valorizzazione e rivalutazione del patrimonio ligure, sia in contesti nazionali che internazionali

Lezione di cultura enogastronomica "Pesce D' Aprile"

 

Pietro Bellantone PR di EventidAmare

Va dove ti porta il gusto...”

“Il gusto è la capacità di giudicare correttamente ciò che ha sentimento, quindi bisogna avere un’anima, per avere gusto”

I nostri modelli e stili di vita stereotipati hanno appiattito, quindi annullato, il nostro gusto più originale. Siamo sempre più lontani - infatti - dal concetto greco che “il piacere è ciò che è conforme alla natura”.

Leggi tutto: Lezione di cultura enogastronomica "Pesce D' Aprile"

Come riavviare l’economia del mondo

EventidAmare presenta, in collaborazione con il Consolato a.h.

di Ungheria per la Liguria, CAMBI – Cafè, l’Associazione Liguria-

Ungheria, l’associazione culturale Polis di Budapest, la conversa-

zione sul tema: “Come riavviare l’economia del mondo”, ovvero

informazioni sulla 1° Conferenza Economica Internazionale che si

è tenuta a Genova – dal 10 aprile al 20 maggio 1922(Con Miklos

Banffy, già Ministro degli Esteri di Ungheria nel 1921-1922 e atten-

to turista a Genova). L’evento si terrà  mercoledì 30 maggio,

presso la Sala Vini di Cambi Caffè di Vico Falamonica 92, dalle 12:30

alle ore 13:30.

Interverranno:

  • Pietro Bellantone di EventidAmare
  • Erminio Raiteri dell’associazione ungherese Polis
  • Maria Csontos del Consolato di Ungheria per la Liguria

Seguirà un piccolo rinfresco a base di goulash, con un contributo di € 10

 

Per confermare la partecipazione:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

da "Il Gastronauta newsletter"

I dilemmi dell'alta cucina
Quali devono essere le peculiarità del top della ristorazione?


Tonino Guerra affermava che "La grande cucina

non nasconde il sapore della terra dalla quale

nasce". Come alcuni dei nostri lettori hanno com-

mentato, lui era un grande poeta contadino, che non

aveva timore di usare frasi dal significato chiaro e

diretto, senza troppi giri di parole o coloriti fronzoli.

I modi schietti e genuini erano il suo passepartout.

Viene dunque da chiedersi se un simile approccio

sia...

Continua la lettura »

 

Leggi tutto: da "Il Gastronauta newsletter"

Festa dell'enogastronomia a Firenze

Il capoluogo toscano ospiterà sabato 25 febbraio la

premiazione del Personaggio del 2011


Un’occasione per discutere sulla situazione del settore e per consegnare i premi ai vincitori

del sondaggio sul Personaggio dell’anno e 5 speciali Award alle personalità che nel 2011 si

sono distinte nella valorizzazione del made in Italy a tavola. Una grande festa nel capoluogo

 toscano per celebrare l’enogastronomia e la Cucina italiana...

Continua la lettura »

Senza Posate

Il gusto delle mani
Chef e studiosi discutono sulla possibilità di esercitare

la sensorialità mangiando senza posate


Con il recente pezzo sulla nuova moda americana di mangiare con le mani,

ho voluto lanciare un sasso nello stagno degli appassionati di cibo per capire

 in che acque si stavano cullando. La risposta (tramite Facebook e Twitter)

è stata varia: da chi non si azzarderebbe a mollare le posate, a chi si limita

ai formaggi ad altri che oserebbero di più...

Continua la lettura »



Ritorna a Firenze la 3 giorni di degustazioni, eccellenze ed eventi dedicati al gusto

Leggi tutto: Senza Posate

Il riso arborio siciliano

Un caparbio produttore di Enna ha ridato vita ad un'antica coltivazione


Quando si parla di riso italiano si pensa alla Lomellina oppure alla zona di

Vercelli. Ma esiste anche un produttore di riso siciliano, della qualità

Arborio, a Leonforte in provincia di Enna. E' Angelo Manna, giovane

agricoltore il quale negli anni passati ha portato alla ribalta una lenticchia

 nera locale che era stata dimenticata. Recentemente ha voluto ripren-

dere anche l'antica tradizione della coltivazione del riso, presente in Sicilia

 fino almeno agli anni '30 e poi andata persa.

Continua la lettura »

2019 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica