NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Oli

UN ALGORITMO BASATO SULL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE RICONOSCE L’OLIO PRODOTTO DA OLIVA TAGGIASCA LIGURE

 

 

Tre stagioni di raccolta delle olive, 408 campioni di olio tutti geo referenziati, la Liguria battuta palmo a palmo con una raccolta mirata di prodotto. Il Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva Riviera Ligure DOP è stato la mano operativa degli Scienziati dell’Università Cattolica di Piacenza. Il risultato è uno studio pubblicato sulla rivista Food Chemistry, una delle riviste top mondiale del settore, coordinato da Marco Trevisan, Preside Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientalie Luigi Lucini del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari per una filiera agro-alimentareSostenibile – DiSTAS. Analizzando con l’indagine metabolomica i composti chimici che la pianta di taggiasca produce in risposta all’interazione con l’ambiente ligure in cui cresce gli scienziati hanno

lavorato su due classi di composti chimici che si sono rivelati del tutto distintivi per la Taggiasca ligure: polifenoli e steroli. In particolare, i derivati del colesterolo e alcuni antiossidanti come i polifenoli sono risultati i migliori marcatori per distinguere l’olio da oliva taggiasca ligure da qualsiasi a tro, sia oli di varietà presenti in Liguria piuttosto che oli di taggiasca o di altre varietà fuori regione.

Qui poi è entrata in campo l’intelligenza artificiale che con modelli matematico – informatici ha permesso di processare i numerosi dati di composti chimici raccolti e di definire l’impronta chimica dell’olio extravergine di oliva taggiasca ligure.

“In pratica” spiega il professor Lucini “il funzionamento del modello dell’Intelligenza Artificiale usato in questo studio, come concetto, è lo stesso del “face ID” del telefono: anche se alcuni parametri cambiano (nel face ID, ad esempio indossare o meno gli occhiali, la lunghezza della barba etc. o, nella Taggiasca, la fisiologica variabilità da una stagione all’altra), il set di informazioni contiene alcuni fattori (in questo caso contenuto e tipologia di alcuni composti fenolici o steroli), che sono caratteristici e quindi distintivi della autenticità dell’olio”.

“Complessivamente, la ricerca ha individuato oltre 1500 tra polifenoli e steroli che sono utilizzati dal modello a reti neurali, anche se circa 45-50 sono risultati quelli più caratterizzanti, i cosiddetti  marker, il cui profilo (presenza/assenza ed abbondanza) aiuta a discriminare l’extravergine ottenuto con la Taggiasca”, precisa il professor Trevisan. Tra i composti più rappresentati ci sono antiossidanti come i flavonoidi, gli antociani ed i lignani, tutti di natura polifenolica.

Si tratta di una ricerca diversa rispetto a quella sul genoma, ovvero la totalità dei geni presenti che non è influenzato dall’ambiente ed è sostanzialmente costante per varietà o insiemi di varietà.

“Questo lavoro dimostra ancora una volta che l’ambiente lascia una impronta ben distinguibile sui suoi prodotti” conclude il professor Trevisan; “in biologia si parla di interazione varietà di pianta- ambiente, in enologia si chiama “terroir”, ma in tutti i casi si intende che una specifica varietà in un  territorio definito è in grado di presentare alcuni tratti caratteristici che la distinguono. Lo studio  della composizione chimica del prodotto con la metabolomica, associato all’intelligenza artificiale, è un approccio promettente e futuribile per la tutela delle produzioni tipiche”.

“Siamo orgogliosi ed onorati di aver contribuito a questo importante risultato scientifico che apre la strada ad una sempre maggiore tutela delle nostre eccellenze grazie alla collaborazione tra le diverse istituzioni” afferma il Presidente del Consorzio per la tutela dell’olio Riviera Ligure DOP.

 

Consorzio di Tutela Olio Extravergine di Oliva DOP Riviera Ligure

LA TRATTORIA DALLA ETTA DI IMPERIA SBANCA RAI 1. SUCCESSO DELLA CUCINA LIGURE A CAMPER

 

Su Rai 1 Liguria batte Lazio. Grazie alla Trattoria dalla Etta di Imperia che ha vinto la sfida culinaria della trasmissione Camper.

La Etta (al secolo Nicoletta Lavagna), coadiuvata dal marito Fabrizio Durante si è presentata nel confronto interno a Camper “Nella Vecchia Trattoria”. In prima fila, c’era anche l’Olio Extravergine di Oliva Riviera Ligure DOP. La missione era far conoscere i legami tra cucina e territorio in Liguria: missione compiuta.

Dice la Etta: “Questo successo è stato reso possibile dal fatto che abbiamo scelto di presentare ottimi piatti liguri, con ingredienti di qualità legati al territorio in modo profondo. Si tratta peraltro di preparazioni semplici, con ricette che possono essere alla portata di tutti. Non abbiamo usato frullatori o altri strumenti complessi. Perché avere piatti di qualità con ingredienti di qualità vuol dire fare un po’ di fatica, ma poi c’è la soddisfazione, il gusto e anche il racconto. Mio marito Fabrizio ha fatto il pesto al mortaio e la salsa di noci in diretta, ha raccontato curiosità culinarie e il mondo del frantoio, pensando che fra poco inizia il nuovo raccolto. Assieme ad altre eccellenze liguri siamo stati orgogliosi di aver posto in primo piano l’Olio Extravergine di Oliva Riviera Ligure DOP. Rappresenta la Liguria, il nostro modo di lavorare, di ottenere cose buone dalla Natura non sempre facile”.

Passione, amore per il territorio, competenza, esperienza e successo: così la Liguria si è aggiudicata questo ultimo appuntamento di Camper prima del ritorno della Prova del Cuoco.

 

Consorzio Tutela Olio DOP Riviera Ligure

 

IL 18-19 GIUGNO TORNA OLIVETI APERTI, LA LIGURIA CELEBRA L';OLIVICOLTURA EROICA DA PONENTE A LEVANTE

 

 

Il comico Dario Vergassola guida d’eccezione alle esperienze inedite di 28 aziende del Consorzio di Tutela Olio DOP Riviera Ligure.

Nascono “I Cammini dell’Olio Riviera Ligure DOP” a fianco di degustazioni, concerti, visite a oliveti e frantoi, percorsi trekking e bike, laboratori didattici e eventi culturali.  Si terrà nel fine settimana del 18-19 giugno 2022 la seconda edizione di “Oliveti Aperti”, l’evento nazionale realizzato dal Consorzio di Tutela dell’Olio DOP Riviera Ligure, in collaborazione con la Fondazione Qualivita, e il supporto della Regione Liguria per coinvolgere cittadini e turisti nelle tradizioni dell’olivicoltura eroica ligure. Ospite d’eccezione il comico ligure Dario Vergassola che accompagnerà il racconto sul campo, alla scoperta dei segreti di uno dei prodotti d’eccellenza del territorio, e la visita a luoghi e simboli storici come i ‘muretti a secco’, Patrimonio dell'Umanità dall’Unesco nel 2018.

 

È con questi obiettivi che le 28 aziende socie del Consorzio di Tutela, dislocate lungo tutta la Liguria, da Ponente e Levante, offriranno ai turisti numerosi tipi di esperienza all’insegna dell’olio DOP e del suo territorio. Tra le diverse tipologie di esperienze, percorsi di trekking e bike, visita oliveti e frantoi, degustazioni olio DOP e prodotti tipici, itinerari di arte e cultura, laboratori didattici ed eventi culturali ed enogastronomici

Molte le novità dalle aziende di questa edizione: tra queste si va dall’Agriconcerto, ai laboratori di erboristeria, dall’Aperitolio fino ai Concerti Jazz passando per la lezione di bioenergetica e abbraccio degli alberi. A queste si aggiunge uno straordinario percorso di trekking nel Parco Nazionale delle Cinque Terre lungo il circuito di Manarola alla scoperta del paesaggio agricolo tradizionale. Grazie alla Regione Liguria anche Liguria Gourmet e i ristoranti aderenti daranno il proprio appoggio attraverso l’iniziativa “Pane e Olio” che animerà i dieci giorni precedenti Oliveti Aperti con assaggi di olio DOP.

 

Grazie al Consorzio di Tutela e all’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche saranno inoltre inaugurati 13 inediti “Cammini dell’olio Riviera Ligure DOP” da percorrere a piedi tra gli storici paesaggi olivetati della regione accompagnati da guide esperte, prima di degustare i prodotti tradizionali proposti dalle aziende.

A raccontare questa seconda edizione sarà un selezionato gruppo di giornalisti nazionali e internazionali impegnati in un press tour dedicato alla scoperta degli oliveti e dei frantoi delle aziende del Consorzio, ma anche dei principali elementi culturali della zona di produzione dell’olio Riviera Ligure DOP.

Per promuovere l’evento il Consorzio di Tutela ha realizzato, oltre ad una importante campagna di comunicazione digitale, tre importanti momenti: la promozione al Giro d’Italia con un punto informativo in collaborazione il Ministero delle politiche agricole e Origin Italia;  una partnership con Eataly nei punti vendita di Milano e Torino  durante le settimane dell’olio a cavallo tra maggio e giugno; ed infine a dal 1 giugno fino al 15 giugno, il bike tourAspettando Oliveti Aperti” che attraverso l’occhio attento del regista Leonardo De Mai racconterà tutte le aziende coinvolte nella manifestazione e le loro iniziative attraverso pillole video social e dirette radio direttamente dagli oliveti. Fondamentale anche la partnership con l’Agenzia “In Liguria”, che grazie ad un’azione capillare sul territorio, ha coinvolto numerosi operatori legati al settore turismo.

Durante l’iniziativa spazio anche all’approfondimento sui temi socio-economici con il contributo di Roberta Garibaldi, esperta di turismo e nuova amministratrice delegata di Enit - Agenzia nazionale del turismo. In programma infatti anche due eventi istituzionali organizzati dal Consorzio di Tutela per approfondire il tema del turismo dell’olio: un convegno sulla nuova legge sull’Oleoturismo, che si terrà a Genova il 17 giugno, e una tavola rotonda sul tema Turismo DOP insieme ad altre realtà DOP IGP italiane consolidate - Aceto Balsamico di Modena IGP (Acetaie Aperte), Asiago DOP (Made in Malga), Parmigiano Reggiano DOP (Caseifici Aperti) - per raccontare come le aziende possono valorizzare l’esperienza turistica della filiera certificata.

 

Con il patrocinio

CIA Liguria, CCIAA di Genova, CCIAA Riviere di Liguria, CNA Liguria, Coldiretti Liguria, Confagricoltura Liguria, Confartigianato Liguria, Confcooperative Liguria, Confcommercio Liguria, Confesercenti Liguria, Confindustria Liguria, Consorzio Focaccia di Recco col Formaggio, Consorzio Tutela DOP Basilico Genovese, Enoteca Regionale della Liguria, Legacoop Liguria, Origin Italia, Parco Nazionale delle Cinque Terre, UNPLI Liguria Unione Pro Loco Liguria

 

>> SCARICA CS 02_CONVEGNO OLEOTURISMO<<

 

>> SCARICA CS 03_DICHIARAZIONI<< 

 

>>LISTA EVENTI OLIVETI APERTI (IN PROGRESS)<<

 

>> BROCHURE - OLIVETI APERTI <<

 

Informazioni su www.olivetiaperti.it, canali social Consorzio di Tutela olio DOP Riviera Ligure e #olivetiaperti

 

Ufficio Stampa

Fondazione Qualivita – Area Comunicazione

Tel: +39 0577 1503049

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

E’  con questi obiettivi che le 28 aziende socie del consorzio di tutela, da ponente e levante, dislocate lungo tutta la liguria, offriranno ai turisti numerosi tipi di esperienza all segna delolio dop e del suo territorio

IL BUON OLIO: DEGUSTAZIONE OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA - NOVELLA & VIGNOLO

 Olio extravergine di oliva 2021-2022

 

di Virgilio Pronzati

 

Frantoio Novella &Vignolo S.n.c.  - Via Mulinetti 34 - 16036 Recco (Ge)  - Tel 0185.74389 - www.novellaevignolo.com -                                       Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Cultivar: Leccino (di oltre dieci anni).

Metodo di raccolta: meccanico e raccolta con reti.

Molitura-estrazione: a ciclo continuo a freddo. Le olive sono frante entro 24-48 ore dalla raccolta. 

 

Lattine prodotte: 1.200. 

Confezionamento: 50 cl. 

Data scadenza: 02/11/2023 

 

 

Esame organolettico ed altre considerazioni

 

Aspetto: Limpido. Colore: giallo paglierino con lievissimi riflessi verdolini. Odore: leggero ma persistente, fine, con sentori di erbe di campo leggermente appassite, pasta di olive, mandorla fresca e, lieve, di buccia di arancia e menta selvatica. Sapore: tendente al dolce con piacevole nota piccante, sapido, di leggera ed equilibrata struttura e persistenza. Al retrogusto: umori vegetali e mandorla.  Evoluzione: pronto.

 

Impiego gastronomico: a crudo su risotto e linguine con frutti di mare, branzino al sale, al vapore e alla griglia, baccalà al verde. In cottura in zuppa di pesci e di crostacei, baccalà al forno, fegato alla veneziana e funghi alla paesana. 

 

Per acquistarlo: in azienda nel nuovo negozio al prezzo di € 6 e, in alternativa, su e-commerce www.novellaevignolo.com. In entrambi, oltre il monocultivar di Leccino, sono in vendita   buoni extravergini prodotti con cultivar Taggiasca, Favolosa e Pinola confezionati in bottiglia e lattine,  al prezzo di € 9,50 al litro; €  8,4 al litro in lattina da 5l. Tutte le confezioni disponibili e i prezzi si trovano sul proprio sito www.novellaevignolo.com.

 

Note: L’Azienda fondata nel lontano 1860 è ancor oggi a conduzione familiare. La gestisce la famiglia Novella & Vignolo che possiede numerosi ettari di uliveti, piantati a cultivar Taggiasca, Favolosa, Pinola e Leccino. Oltre all’olio extra vergine di oliva, sono prodotti e venduti  vasetti con olive in salamoia e sott’olio (anche denocciolate) e paté d’olive.

 

Valutazione: 50/60

PRUNETI 2021 HIGHLIGHTS


2021: l’ annus mirabilis di Pruneti. Dall’innovativo pop up concept store in Rinascente Duomo Milano alla partnership con Polimoda Firenze per il lancio della collezione NICE TO MEET YOU rivolta alle nuove generazioni Z di tutto il mondo. L’eccellenza dell’olio extra vergine d’oliva Pruneti e la sua Art of Healthy Living in Chianti Classico, premiati dalle più prestigiose guide internazionali e riconosciuto anche dal G20 Agricoltura.


“Già lo scorso gennaio – esordisce Paolo Pruneti - io e Gionni avevamo ben chiaro che sarebbe stato necessario un cambio di rotta nella comunicazione dell’olio extra vergine d’oliva d’eccellenza, visti i nuovi bisogni e le diverse necessità del consumatore nel new normal post pandemia”
“Per questo – prosegue Paolo Pruneti- abbiamo scelto Polimoda Firenze, per realizzare un progetto appassionante e complesso, che ha richiesto 6 mesi di tempo e coinvolto 23 studenti del 3° anno in Business of Fashion, per dar vita ad una nuovo modo di comunicare la cultura dell&#39;Olio Extra Vergine di Oliva, specificamente dedicato alle next generation di tutto il mondo”.

“Con le designer Alessia Quilici, Federica Spinuso e Francesca Bocci – vincitrici della borsa di studio - abbiamo lanciato a Milano in Rinascente Duomo in anteprima mondiale Pruneti, Nice to Meet You, la nostra quarta collezione e la prima con al centro il concetto di “personalità” abbinato ad un Extra Vergine.
“Quella con Pruneti – spiegano le designer – è stata una collaborazione intensa e di grande crescita personale, che ci ha fatto capire quanto l’Olio sia un ingrediente super contemporaneo e divertente proprio per tutti. È stato molto bello vedere tante persone interessarsi a questa collezione e a questo nuovo modo di comunicare l’olio, tante domande e tanta curiosità che ci ha fatto capire di aver trovato la strada giusta”.

Roadshow proseguito con i due eventi alla Pruneti Extra Gallery, sabato 11 e 18 dicembre u.s e possibilità di acquistare la nuova limited edition entro fine gennaio 2022, anche on line su www.pruneti.it.

“Tanti sforzi e anche tante gratificazioni quest’anno – interviene Gionni Pruneti – talvolta anche inaspettate come quando ci hanno comunicato dal Ministero di essere stati selezionati come tappa della visita istituzionale della delegazione del G20 Agricoltura, accompagnati dal Ministro all'agricoltura del Governo Italiano Stefano Patuanelli. È stato un onore ricevere un riconoscimento così importante all'eccellenza del nostro prodotto, ma anche alla contemporaneità delle tecniche da noi adottate nei campi e nella produzione, e del nostro ruolo di “ambasciatori” del Chianti Classico come esportatori di uno stile di vita particolarmente attento alle nuove generazioni. È stata l'occasione - prosegue Gionni - per confrontarci sui grandi temi dell’agricoltura e della necessità di politiche globali per affrontare problemi complessi che non possono essere più affrontati a livello nazionale, come la gestione delle acque superficiali e piovane."
Importanti riconoscimenti anche dalle più illustri guide specialistiche e di settore, che confermano Pruneti come uno dei produttori di Olio Extra Vergine di Oliva d’eccellenza leader a livello internazionale. Dal premio come Miglior Aroma Biologico di Monocultivar Olive Oil per il Monocultivar Leccino, alle 5 Gocce - massimo riconoscimento della guida Bibenda- ottenuto dai Monocultivar Moraiolo e Frantoio. E ancora la Gemma d’Oro dal Maestro d’Olio e
l’inserimento del Fruttato Intenso nella guida agli oli di Slow Food, fino al Top Score in guida Flos Olei di 99/100, premio al “100% Pruneti”, ovvero per l’avanguardia e la precisione dell’intera filiera produttiva.

“La campagna produttiva 2021 è stata complessa, ma di eccellenza assicurata come sottolinea Gionni Pruneti: “la qualità delle nostre olive anche quest’anno è stata ottima, anche se il freddo primaverile e il periodo di fioritura ritardato hanno comportato una diminuzione della produzione. Ha giovato molto invece l’abbassamento delle temperature dei dieci giorni antecedenti all’inizio della raccolta, che hanno sicuramente aiutato ad arricchire di sapore le nostre olive, che grazie al nostro accurato e sapiente lavoro in frantoio ci ha permesso di ottenere
oli di assoluta eccellenza.”

“Dopo un anno così intenso – interviene Paolo – al Frantoio Pruneti ci prendiamo una piccola pausa per le feste invernali. Ma diamo appuntamento a tutti i nostri lovers alla Pruneti Extra Gallery, tutti i giorni dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19, ad esclusione dell’ 1 e del 2 gennaio, per venire a scoprire la collezione Nice to Meet You e le altre collezioni 2021 e per un immancabile aperitivo per degustare l’inimitabile signature cocktail list Mix-Oil-Ogy Pruneti.”

"Siamo molto grati - concludono Paolo e Gionni- a tutti i nostri rivenditori e distributori presenti in oltre 30 paesi esteri. Siamo molto soddisfatti del lavoro che svolgono a prescindere dalla distanza, sempre pronti ad intercettare nuovi consumatori portando loro non solo un prodotto eccellente, ma una vera “Cultura dell’Olio extravergine". Un interesse in continua crescita, che ci stimola - insieme a tutto il  team Pruneti -  a creare nuovi prodotti, e soprattutto nuovi contenuti, per aiutare i nostri partner a parlare di Olio e diffondere un’educazione all’assaggio. Questa e' infatti la condizione imprescindibile per scegliere un Olio Extravergine di Oliva buono e sano, capace di  arricchire qualsiasi piatto, sia legato alla tradizione che alle cucine etniche e internazionali"

AGRICOLTURA, VINCI CITTÀ DELL'OLIO CON INIZIATIVE DEDICATE ALL'OLIVICOLTURA

 

Il primo appuntamento il 5 dicembre con “A filo d'olio”: in programma sessioni di avvicinamento all'olio e degustazioni. 

Vinci, il comune che si trova all'interno dell'area metropolitana di Firenze, è città dell'olio con iniziative dedicate all'olivicoltura e al suo prodotto principe. Il primo appuntamento, “A filo d'olio”, è il 5 dicembre, nella Foresteria di Villa Pezzatini (a partire dalle ore 10), organizzato dall'associazione per la promozione e lo sviluppo del territorio del Comune di Vinci “Vinci Pro Loco” e col patrocinio della Città di Vinci. 

L'obiettivo è promuovere la cultura dell'extravergine di qualità, avvicinare i consumatori all'olio 'buono', creare interesse e curiosità: allo stesso tempo con questa iniziativa - a cui ne seguiranno due tra febbraio e marzo - si vuole far conoscere il territorio, risorsa e scenario imprescindibile del prodotto olio, e anche i lavoratori. Sono in programma due sessioni di avvicinamento all'olio, guidate da esperti del settore. All'ingresso sarà donato il bicchiere per la degustazione dell'olio. Sarà possibile anche degustare i prodotti locali. L'ingresso è riservato solo per chi è in possesso di Green Pass: informazioni al 334 1804770 o all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

“Non siamo ancora usciti dall'emergenza Covid - ha dichiarato l'assessore a attività produttive, sviluppo economico e agricoltura del Comune di Vinci Paolo Frese - ma è necessario organizzare eventi di questo tipo, soprattutto per dare un segnale concreto di sostegno alle attività olearia del nostro comune. L'olio extravergine di oliva del Montalbano è un'eccellenza del nostro territorio, è giusto valorizzarlo al meglio. La coltivazione dell'olivo  rappresenta un aspetto cruciale per il nostro territorio, anche per il contrasto al dissesto idrogeologico del nostro crinale del Montalbano. E poi è uno dei prodotti della tradizione storico-culturale di Vinci, da sempre”.

Le iniziative proseguono anche nel 2022. Il 12 febbraio è infatti in programma il convegno “L'olio, un patrimonio da difendere e valorizzare”, in collaborazione con il club Unesco di Vinci: l'evento si terrà alla Biblioteca Leonardiana e sarà rivolto a soggetti economici e rappresentanti dell'Università di Agraria della Toscana.

 

Il 18 marzo partirà poi la “Scuola dell'olio”, il corso tecnico-professionale sull'olivicoltura. Il corso terminerà a novembre 2022: l'obiettivo è formare giovani tecnici per l'olivicoltura con priorità per i residenti nel Comune di Vinci e nei Comuni del Montalbano, aree rinomate per l'olivicoltura ma che si trovano in un momento di difficoltà sia dal punto di vista economico per la scarsa remuneratività della coltura sia per la difficoltà nel trovare personale specializzato affidabile in zona. Il corso è strutturato in moduli, ciascuno pesato in base alle più immediate esigenze della filiera olivicolo-olearia del Montalbano: comprende il 55% di attività teoriche in aula e il 45% di attività pratiche. Tra i docenti Riccardo Gucci (Università di Pisa), Bruno Bagnoli (libero professionista, già ricercatore Crea-Firenze), Maurizio Servili (Università di Perugia) e Giampiero Cresti (Consorzio Igp Toscano).

 

Lisa Baracchi

2022 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica