NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Vini

ROCCHE DEL GATTO RIVIERA LIGURE DI PONENTE DOC VERMENTINO 2016

 

Di Virgilio Pronzati

 

 

Le Rocche del Gatto - Az. Agr. di De Andreis FaustoRegione Ruato 4 - 17031 Albenga (SV)  - Tel 348.26.27.094  - Fax 018.22.18.77  -  www.lerocchedelgatto.it  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Riviera Ligure di Ponente Doc Vermentino 2016

 

 

Categoria: Bianco secco. Vitigno: Vermentino. Bottiglia: 75 cl.  Alcol: 12%.  Lotto: 02 2016.  Bottiglie prodotte: 6.500. Prezzo medio in enoteca € 15,00. Conservazione: nella cantina in posizione coricata, su ripiani adibiti a vini bianchi, a una temperatura compresa tra i 12 e i 14°C. Tempo di consumo:  ancora 1-2 anni.  Evoluzione: giovane ma già di piacevole equilibrio.  Servizio: mescere a 12°c in ampi calici con stelo alto. Abbinamento: linguine con frutti di mare, zimino di seppie, orata al sale, frittura di pesce.

 

Caratteristiche organolettiche

 

Limpidezza: limpido.  Colore: paglierino con lievi riflessi dorati. Profumo: abbastanza intenso e persistente, fine, con sentori di fiori di campo, mela selvatica, erbe aromatiche un po’ appassite, lieve di pompelmo e umori boschivi balsamici. Sapore: secco, fresco e molto sapido, un po’ minerale, leggermente caldo, di equilibrata struttura, di buona persistenza. Retrogusto: vena sapida e minerale, con nota floreale, fruttata e vegetale-balsamica.

 

Considerazioni: Buono.  Ottenuto da scelte uve Vermentino di un vigneto dell’età media di 16 anni, pigiadiraspate e, dopo una macerazione pellicolare, fatte fermentare a lungo in botti inox a temperatura controllata. La maturazione: il vino matura per un po’ di mesi in botte di acciaio inox. Segue un affinamento di qualche mese in bottiglia. 

 

Punteggio:51/60

 

ASPETTO -  Limpidezza 5.  Colore:  5.  PROFUMO  - Intensità  4.  Persistenza  5.   Finezza  4.  Armonia  3.   SAPORE  - Persistenza 4.   - Pienezza   4.   Sapidità  5.  Acidità/morbidezza  4.  Armonia   4. 

 GRADIMENTO:  Ottimo 4.

 

 

 

LA PENISOLA SI COLORA DI ROSA: IL 22 GIUGNO È #OGGIROSÉ

 

 

Dal Veneto alla Puglia una giornata dedicata al vino rosato. Appuntamenti in tutta Italia per brindare all'estate con i rosé

Il primo venerdì dell’estate è rosa. I Consorzi di tutela del Chiaretto di Bardolino, Valtènesi, Cerasuolo d'Abruzzo, Castel del Monte e Salice Salentino, freschi della firma del Patto d'Intenti per la valorizzazione del vino rosato autoctono italiano, presentano #oggirosé. Venerdì 22 giugno 2018 l'Italia si colorerà di rosa con una serie di aperitivi, cene e degustazioni che vedranno coinvolte cantine, enoteche, wine bar e ristoranti di tutta la penisola. 

“Con #oggirosé – spiega Franco Cristoforetti, presidente del Consorzio di Tutela Chiaretto e Bardolino e capofila del Patto – vogliamo dimostrare che la firma del Patto d’Intenti non rimarrà solo sulla carta. L’evento del 22 giugno è il primo passo concreto per dimostrare che i cinque Consorzi si stanno già impegnando in una promozione unitaria dei rosati italiani”.
L’evento cade in concomitanza con l’International Rosè Day, in programma lo stesso giorno, ma l’obiettivo dei cinque territori è quello di trasformare #oggirosé in un evento tutto italiano. Grazie alla versatilità di questo vino e al suo carattere informale, i Consorzi hanno scelto di legarlo a degli appuntamenti che coinvolgeranno un pubblico trasversale, dagli appassionati ai più esperti.

Molto variegata la gamma di proposte della giornata, quando saranno previsti aperitivi aperti al pubblico in oltre un centinaio di cantine che vinificano in rosato, in una trentina di bar ed enoteche e in vari esercizi commerciali. In programma anche alcune cene dove i protagonisti saranno sempre i rosé ottenuti da uve autoctone italiane del territorio di competenza. I cinque Consorzi organizzeranno inoltre delle degustazioni guidate per permettere a pubblico ed intenditori di approfondire la propria conoscenza sul mondo dei vini rosati. 
Il via ufficiale a #oggirosé verrà dato alla mezzanotte del 21 giugno alla Tenuta San Martino di Legnago (Verona) al termine della manifestazione Rosé in Tenuta, che vedrà protagonisti i rosati autoctoni italiani.
Info: www.oggirose.it

 
Michele Bertuzzo 
347 9698760

 

PUNTOZERO ALLA PRIMA EDIZIONE DI VINOVIP AL FORTE

 

 

Lunedì 18 giugno la cantina dei Colli Berici all’evento zero di Civiltà del Bere a Forte dei Marmi. 
Quattro i vini in degustazione, acquistabili anche nello shop online

 

Un po’ di Colli Berici a Forte dei Marmi. Lunedì 18 giugno 2018 PuntoZero sarà tra i protagonisti della prima edizione di VinoVip al Forte organizzato da Civiltà del Bere e parteciperà al Grand Tasting che si terrà dalle 18 alle 22 alla Capannina di Franceschi. La cantina farà parte della selezione Challenger, dedicata alle “nuove sfide” del mondo del vino italiano, che durante l’evento affiancheranno i grandi nomi dell’enologia di tutta la Penisola.
Quattro i vini in degustazione in questa serata, tutti monovitigno. Trasparenza 2017prodotto con uve Pinot Bianco, Tai 2016 con uve Tocai Rosso, Carménère 2016 prodotto con uve Carménère e Virgola 2013 con uve Syrah.
Per PuntoZero è l’occasione di raccontare alla città del lungomare toscano il territorio dei Colli Berici e per portare la propria interpretazione di alcuni vitigni che in questa zona hanno trovato un’ottima espressione. “Partecipare a VinoVip al Forte tra le proposte Challenger – spiega Marcella Toffano, titolare dell’azienda assieme al marito Andrea de' Besi e alla figlie Anna Paola e Carolina - è un ottimo modo per parlare della nostra cantina.

 

Anche se il progetto di PuntoZero è nato più di vent’anni fa, siamo sul mercato da poco: possiamo ritenerci una “nuova sfida” perché non siamo viticoltori da generazioni. In questo territorio, ad esempio, siamo i primi a utilizzare la tecnica dell'appassimento delle uve dopo la raccolta manuale. Questo per produrre vini di carattere, ma anche eleganti e raffinati, che raccontano perfettamente l’ossatura calcarea delle colline in cui nascono.”
Le etichette in degustazione a VinoVip al Forte sono disponibili anche nello shop online di PuntoZero (shop.puntozerowine.it), inaugurato da pochi giorni, dove è possibile acquistare direttamente i vini dell’azienda.
Quella del 2018 è l’edizione zero della rassegna curata da Civiltà del Bere, che ogni due anni riunisce a Cortina i nomi più importanti del vino e che approda quest’anno anche a Forte dei Marmi con 52 aziende protagoniste, un convegno dedicato alle sfide, economiche e non, dell’Italia enoica, una degustazione che si concentrerà sulla riscoperta dei raspi e, per finire, il banco d’assaggio Grand Tasting aperto a professionisti e appassionati.

 

Azienda Agricola PuntoZero
L'azienda ricopre attualmente una superficie vitata di circa 11 ettari. Le varietà coltivate sono: Cabernet Sauvignon (3,00 ha), Merlot (3,00 ha) Syrah (2,50 ha), Carmenere (0,50 ha), Tai Rosso (0,20 ha), Pinot Bianco (0,40 ha), Incrocio Manzoni (0,40 ha), Cabernet Franc (0,50 ha) e altre varietà a bacca rossa (0,70 ha). Le Pratiche vinicole sono di selezione dei germogli, defoliazione, diradamento e selezione in pianta dei grappoli migliori. Le vigne hanno un'età che varia dai 50 ai 5 anni. La resa per ettaro è di 65/70 quintali. La quantità di uva prodotta nel 2016 è stata pari a 630 quintali. La vendemmia è effettuata in plateaux e in casse da 15 kg. Le uve di Merlot e di Syrah vengono messe in appassimento per 20/30 giorni. Le bottiglie prodotte sono attualmente 16.000.

 

Press info:
Anna Sperotto
349 8434778
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FONTANACOTA ORMEASCO DI PORNASSIO DOP SUPERIORE 2015

Di Virgilio Pronzati

 

Azienda Agricola Fontanacota - Via Provinciale 131 - 18024 Ponti di Pornassio (IM)  -  Tel 333/9807442 – Fax 0183/789013 -  www.fontanacota.it  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Ormeasco di Pornassio DOP Superiore 2015

 

Categoria: Rosso secco. Vitigno: Ormeasco.Bottiglia: 75 cl. Alcol: 14,5%.  Lotto: 01/77.  Bottiglie prodotte (rimaste): 730.  Prezzo medio in enoteca:  € 17,00. Conservazione: in cantina, in posizione coricata sui ripiani adibiti ai vini rossi di medio affinamento, a una temperatura tra i 12 e i 14°C. Tempo di consumo: ancora 3 - 4 anni.  Evoluzione: quasi pronto . Servizio: mescere a 118°C in calici leggermente panciuti e con stelo medio. Abbinamento: Agnolotti con sugo d’arrosto, coniglio all’imperiese in casseruola, toma stagionata.

Esame organolettico

Limpidezza: limpido. Colore: rubino carico e vivo. Profumo:intenso, persistente, fine, ampio con sentori fruttati e speziati di ciliegia durona, marasca, mora di rovo e corbezzolo maturi, e pepe bianco macinato. Sapore:secco, sapido, caldo, giustamente tannico, pieno ma snello, di buona persistenza, con gradevole fondo amarognolo.  Retrogustovena sapida e tannica, e note fruttate e speziate.

Considerazioni: Ottimo. Ottenuto da scelte uve Ormeasco da un vigneto di trent’anni in località Villa e San Luigi di Pornassio, diraspate e pigiate, fatte fermentare e macerare per 12 giorni a 28-30°c, in tini d’acciaio inox con frequenti rimontaggi. Dopo la fermentazione malolattica il vino è maturato per circa un anno in botti di acciaio inox . Segue un affinamento di 7-8 mesi in bottiglia.

Punteggio: 56/60

ASPETTO: Limpidezza  5.  Colore 5.  PROFUMO: Intensità 5. Persistenza 5. Finezza 4.  Armonia 4.  SAPORE: Persistenza 5.  Pienezza 5.  Sapidità 4. Acidità/morbidezza 5. Armonia 4.  GRADIMENTO: 5.  

 

LA NUOVA ERA DI BISOL

Image
 

Dal 1542 al futuro 

del Prosecco Superiore

È dalle ripide colline di Valdobbiadene che prende vita il sogno di Bisol: creare la più pura interpretazione

del Prosecco Superiore.

 

Una vocazione all’eccellenza oggi condivisa dall’audacia e dalla lungimiranza di due grandi famiglie del vino: Lunelli e Bisol, testimoni di una passione secolare

per il mondo delle bollicine.

 

Con l’ingresso nel Gruppo Lunelli è iniziata una nuova era per Bisol, una cantina con una lunga tradizione che guarda al futuro per essere sempre più di riferimento nel mondo del Prosecco Superiore di Valdobbiadene. 

Image

Da un’unica passione nascono due collezioni: BISOL e JEIO , due anime che convivono in un’unica realtà.

 

Se Bisol è il cognome, Jeio è il soprannome.  

Mentre Bisol è l’anima più autorevole, vocata alla lunga tradizione del saper fare, Jeio è quella più fresca e gioviale.

 

Image

Bisol è una collezione fatta di eccellenza senza compromessi che racconta il faticoso lavoro della terra. Rappresenta la storica scelta di differenziare i vini in base alla tipologia di terroir che li origina, raccontando le diverse sfumature del Prosecco Superiore

Scopri Bisol

 
Image
 
Image

Jeio è il volto contemporaneo di una cantina di lunga tradizione che guarda al futuro, esprimendo quella gioia di vivere e convivialità tipicamente italiana, che solo il prosecco sa evocare.

 

 Scopri Jeio

VINO. SCHENK ITALIAN WINERIES IN CONTINUA CRESCITA: NEL 2017 SFIORA 110 MILIONI DI EURO (+1,41%). EXPORT IN CORSA, ARRIVA A 91 MILIONI (+14,5%)

Simoni, AD Schenk: “Questi numeri illustrano un'azienda florida, consolidata, che fa tesoro dei suoi successi per crescere in termini di investimenti ed espansione

"Positivo, in crescita e ricco di novità. Per Schenk Italian Wineries il 2017 è stato un anno davvero significativo che ha registrato un ricavo consolidato pari a 109,82 milioni di euro, 55,6 milioni di bottiglie vendute, 8 nuove figure professionali assunte e un export che cresce a doppia cifra, con un incremento del 14,5%. Questi numeri illustrano un'azienda florida, consolidata, che fa tesoro dei suoi successi per crescere in termini di investimenti ed espansione, con prodotti competitivi che stanno conquistando sempre più consensi nel mercato interno ed estero".

Con queste parole Daniele Simoni, AD di Schenk Italian Wineries commenta i numeri che emergono dal bilancio 2017 dell'azienda di Ora (BZ), una delle più importanti realtà vitivinicole italiane, come certificato dall'indagine sul settore vitivinicolo di MedioBanca che la colloca al 15° posto nella sua classifica annuale.  

Le voci di bilancio registrano il segno "più" in quasi tutti i campi, a partire dai ricavo consolidato pari a 109,82 milioni di euro, con un incremento del 1,41% rispetto ai 108,29 milioni registrati nell'esercizio precedente. Ottimi i dati di crescita dell'export (+14,50), pari a 90,8 milioni di euro rispetto ai 80,1 milioni del 2016. L'export, che rappresenta l’80,6% del fatturato totale, risulta trainato dalle ottime performance del mercato europeo, con un'espansione sempre maggiore nei Paesi del Nord Europa, di quello nordamericano (Stati Uniti e Canada) e di un buon andamento del mercato asiatico.

Grande novità di quest’anno, che ha riscosso successo fin dal primo lancio a Prowein, la nuova linea piemontese di Casali del Barone, nata in collaborazione con la Cooperativa Agricola Vallebelbo, che va ad accrescere il successo dei marchi del territorio già consolidati come: Kellerei Auer, Lunadoro, Bacio della Luna e Gergenti.

L'azienda sta investendo molto anche sul biologico, mercato fortemente in crescita che vede l'Italia detenere il primato mondiale per incidenza di superficie vitata biologica (11,9% della vite coltivata). Espressione dell'attenzione di Schenk Italian Wineries a questo settore il nuovo Prosecco Bio firmato Bacio della Luna e la linea biologica di Masso Antico, che hanno ottenuto un notevole riscontro da parte di operatori del settore, buyer e distributor nell'ambito delle recenti prestigiose vetrine mondiali Prowein e Vinitaly.

 

Altro dato significativo per Schenk Italian Winerie, è la crescente presenza nel canale Horeca, passato dal 14% del 2016 al 21% del primo trimestre 2018. Decisivo, in questo senso, l'accordo stilato lo scorso anno di partnership strategica con CDA (Consorzio Distributori Alimentari), riferimento italiano nel comparto del beverage di primaria importanza focalizzato sul mercato Horeca, che conta 100 aziende associate, una rete di oltre 83 mila esercizi distribuiti su 104 provincie, circa 6000 brand gestiti e oltre 9,5 milioni di ettolitri distribuiti all'anno.

 

Alessia Marsigalia
Journalist
 
2022 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica