Approvo

Libri

“ANIMA MANDRAROSSA”: PRESENTATO LUNEDI' 9 OTTOBRE A MILANO IL VOLUME DEDICATO AL TERRITORIO DI MENFI, AL SUO VINO, ALLE SUE DONNE E ALLA SUA CUCINA

 

 

 

Un invito al viaggio e alla scoperta della cultura siciliana più autentica: i vini Mandrarossa raccontano le bellezze del proprio territorio d’origine attraverso storie di donne ed immagini di straordinaria forza evocativa, scattate dal fotografo Giò Martorana

Lo dice il genere della parola stessa: l’anima è femmina.  È il soffio di vento leggero che passa, muove lievemente i panni, si infiltra attraverso gli scuri e solleva piano le tende di garza bianca; è la sapienza ineffabile, immateriale ed incorporea, che muove le mani guidandole nella realizzazione di opere d’arte e piatti prelibati; è la traccia potente della cultura e della storia di un popolo antichissimo, millenario, che si è sviluppata nei secoli ed è giunta fino a noi attraverso i segni tangibili della tradizione gastronomica siciliana.

L’anima di Mandrarossa è l’anima di Menfi, Agrigento, Sicilia sud occidentale.  La sua natura femminile si esprime attraverso la sapienza, tramandata di generazione in generazione, da nonna a nipote, per la trasformazione di materie prime prelibate, dai profumi intensi e dai colori sgargianti, nate, coltivate e colte sui terreni sabbiosi a ridosso del mare.

La comunità di Menfi è piccola, i suoi ritmi vitali sono scanditi dalle stagioni della terra e della raccolta: la stagione dei fichi d’india, dei carciofi, delle mandorle. E, naturalmente, dell’uva. L’uva, la vendemmia e il vino appartengono alla comunità di Menfi da sempre: la vendemmia e la produzione vinicola stanno agli uomini come la sapienza culinaria e la conservazione della tradizione gastronomica stanno alle donne. Ciascuno con le proprie prerogative, ma entrambi con un obiettivo in comune: quello di mantenere viva l’anima di un territorio per regalarla alle generazioni future. 

Perché Anima Mandrarossa, perché un libro? E perché un libro d’immagini fotografiche?

La risposta è semplice: perché nulla vada perduto; perché ne rimanga traccia per sempre; perché ne arrivi la bellezza anche alle giovani generazioni, lontane nel tempo dalle Signore di Menfi, e magari lontane anche nello spazio.

Le protagoniste di Anima Mandrarossa sono proprio loro, le Signore di Menfi, custodi della tradizione più autentica, della vera anima del territorio. Le loro ricette, ma anche i loro ricordi, le loro storie, raccontate attraverso gli oggetti più vicini e più cari, custoditi gelosamente negli anni come i segreti della loro cucina.

Angelica De Gregorio e Annella Patti Signorelli sono state il volto di tutte loro; ne abbiamo colto la personalità ascoltando il racconto degli oggetti che hanno segnato la loro vita, e che tutt’ora le rappresentano: un ventaglio, leggero, traforato, refrigerio per la calura estiva; orecchini di perla e corallo, chiusi in antichi astucci di velluto scolorito; e, naturalmente, un vecchio quaderno di ricette scritto a mano, custodito gelosamente per anni nel cassetto della cucina.

Questo quaderno, Mandrarossa l’ha condiviso con Giò Martorana, che ha catturato con i suoi magnifici scatti l’anima di un luogo meraviglioso e l’essenza dei vini che qui prendono vita.

I vini Mandrarossa sono l’espressione più autentica della Sicilia del vino: una Sicilia profondamente legata alle tradizioni, ma contemporaneamente innovativa e rivolta al futuro. Una Sicilia che ha il coraggio di abbandonare i cliché in favore di una organizzazione produttiva e manageriale unica, con le radici salde nel terreno ma con una visione che guarda lontano. L’intento di questo libro, voluto da Mandrarossa, top brand delle Cantine Settesoli di Menfi, è quello di trasmettere e tramandare la bellezza e il valore di un territorio meraviglioso attraverso la descrizione e la diffusione dei suoi aspetti più importanti e significativi: quelli che lo rendono un luogo unico.

Con le parole di Vito Varvaro, presidente di Cantine Settesoli: “Dietro i vini Mandrarossa c’è la storia di un intero territorio: 2000 famiglie che hanno messo insieme un grandissimo vigneto, a partire dal quale abbiamo scelto i terreni e le uve migliori. È qui che nascono i vini Mandrarossa, figli di una cultura agricola secolare che dà vita ad una tradizione gastronomica di altissimo livello. Queste sono le Signore di Menfi, le protagoniste del libro: le custodi dell’anima del territorio menfitano. Il nostro obiettivo è quello di selezionare i nostri prodotti migliori e portarli in giro per il mondo, con l’intento di offrire alle nuove generazioni speranza ed ulteriori occasioni di lavoro. Abbiamo chiesto a Giò Martorana di realizzare scatti che siano testimonianza viva di questo territorio, di una comunità che vive nella tradizione ma ha uno sguardo limpido sul futuro, rivolto alle generazioni che verranno”.

  

“Anima Mandrarossa”:

Fotografie di Giò Martorana

Prefazione di Marisa Fumagalli

Testi di Francesca Landolina

Annalisa Chiavazza – well Com

LIBRIAMOCI. GIORNATE DI LETTURA NELLE SCUOLE (23-28 OTTOBRE 2017)

 

Scarica qui il video tutorial che spiega come inserire le iniziative nella banca dati

Dal 23 al 28 ottobre 2017 torna la quarta edizione di Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole, promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca attraverso la Direzione Generale per lo Studente e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – attraverso il Centro per il libro e la lettura. Libriamoci si rivolge alle scuole italiane dall’infanzia alla secondaria di secondo grado, comprese le scuole paritarie e gli istituti italiani all’estero, invitandole a includere nelle attività scolastiche delle sei giornate momenti di lettura ad alta voce. Il progetto, che propone tre filoni tematici (Lettura e ambiente, Lettura e solidarietà, Lettura e benessere), potrà contare anche quest'anno sull’alleanza con #ioleggoperché, organizzata dall’Associazione Italiana Editori a sostegno delle biblioteche scolastiche di tutta Italia.  

Aderire a Libriamoci è semplice: i docenti che hanno organizzato uno o più momenti di lettura nelle proprie classi devono registrarsi alla banca dati (www.libriamociascuola.it/registrazione) e inserire le informazioni relative alle attività di lettura (qui è scaricabile il video tutorial). Dettagli utili al corretto utilizzo della banca dati sono consultabili nelle FAQ (www.libriamociascuola.it/?page_id=6475) mentre per info e problemi tecnici è possibile scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando nell’oggetto l’argomento e comunicando un recapito telefonico diretto.

Sempre dalla banca dati, è possibile scaricare il kit grafico ufficiale (www.libriamociascuola.it/?page_id=6504) e, dopo il 28 ottobre, sarà possibile accedere al proprio profilo utente e scaricare l’Attestato ufficiale di partecipazione (nel numero di copie necessario), che recherà prestampati il nome della scuola e dell’evento: il docente potrà poi aggiungere il proprio nominativo e quello di eventuali altri destinatari di ulteriori copie. Una volta convalidate, le iniziative saranno visibili cliccando la cartina geografica in home page sul sito Libriamociascuola.it, fulcro digitale della campagna che offre anche notizie, informazioni utili, strumenti di approfondimento e bibliografie ragionate (www.libriamociascuola.it/?tag=bibliografia). Gli insegnanti possono realizzare iniziative in piena autonomia e, nel caso desiderino ospitare in classe un lettore volontario, possono farne richiesta alla Segreteria organizzativa (Ex Libris Comunicazione: 02 45475230; 334 1280662; 334 3416596; 334 3416594; 331 2373924) entro il 15 ottobre 2017, tramite l’apposito modulo (www.libriamociascuola.it/lettori.html).

www.libriamociascuola.itwww.cepell.it

Ufficio stampa
Ex Libris Comunicazione
Tel. +39 02 45475230 Fax +39 02 89690608
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

CHI HA RUBATO L'ANIMA DELL'ACQUA ?

 

PIOGGE FUORI POSTO - CHARLES FORT E L'ARCHIVIO DEI 25.716 FENOMENI DELL'IMPOSSIBILE

 

Venerdì 22 settembre alle 18.30 Marco Alex Pepé

nella Taberna degli Alabardieri di vico Vegetti

presenta il volume di Glauco Cartocci

 

Piogge anomale, rane, pesci, scorie di vario tipo, sostanze varie e apparizioni nel cielo, piogge di sangue, UFO, piogge di ghiaccio...

Sarà presente l’Autore

Charles Hoy Fort fu un personaggio straordinario, pur se poco noto al grande pubblico. Dal suo nome è stato anche coniato un aggettivo, “fortiano”, che indica avvenimenti naturali cui la Scienza non sa dare una risposta: tali manifestazioni anomale vengono spesso liquidate come abbagli, nonostante vi siano svariate testimonianze in merito. Etichettare un fenomeno come “fortiano” significa dunque apporvi accanto un bel punto interrogativo.

Ingresso libero

«Il mio prozio, Charles Hoy Fort, studiò a fondo il fenomeno delle piogge anomale. Ovvero precipitazioni dal cielo di “cose” davvero singolari, quali latte, fuoco, sangue, pietre, sostanze ignote all’uomo... e altra roba come uova, frutta e animali: rane, pesci, addirittura mucche.

«Mi prendi per scemo, Kyle? Esistono cose di questo tipo? E come mai noi uomini della strada non ne sappiamo un cavolo?»

«Beh, tutti i fenomeni “scomodi” da spiegare sono poco noti al grande pubblico... ma la cosa e stata riscontrata in tutto il globo terrestre, fin dal passato più remoto. Fort, caso per caso, riportò meticolosamente la fonte, la rivista scientifica dove aveva trovato la descrizione dell’accaduto. E catalogò 25.716 eventi apparentemente impossibili! Ma i Fenomeni Fortiani continuano anche ai giorni nostri, che credi?» Kyle Harness, nipote ed erede di Fort, indagando sulle teorie dello zio, vedrà la sua vita sconvolta da un orribile segreto… 

Glauco Cartocci (Roma 1951), architetto, progettista grafico, firma copertine ed illustrazioni delle collane “Futuro” ed “Orizzonti” dell’editore Fanucci, specializzato in fantascienza ed horror. Negli anni ’70 cura libri su Roma e il pittore Roesler Franz; partecipa al libro “La Machina Heroica di Massimo Birindelli, per la Facoltà di Architettura di Roma. Scrive testi per libri fotografici. Nel 2005 pubblica “il Caso del Doppio Beatle” (il dossier completo sulla “morte” di Paul McCartney, editore Robin. Si tratta di un saggio, di cui è uscita nel 2015 la settima edizione, su una delle più note leggende metropolitane della Storia. Nel 2008 pubblica il libro di racconti rock “L’Uomo dei Rockodrilli” e il Thriller “Com’era Nero il Vinile”.(Editrice Aereostella di Iaia De’Capitani e Franz Di Cioccio). Ospite oggi di numerose trasmissioni TV e radiofoniche, kermesse letterarie e musicali, collabora on line al Magazine “MAT2020” e al Sito “Io Giornalista”.

Piogge fuori posto, Erga edizioni, 216 pagine, 12,90 euro - Distribuzione nazionale CDA Bologna

Erga edizioni - 010 8328441   www.erga.it  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

EFFERVESCENZE: STORIE E INTERPRETI DI VINI VIVI

 

 

Uscito per edizioni Bietti il libro di Massimo Zanichelli dedicato ai vini frizzanti “ancestrali” 

Tutti i principali vini frizzanti prodotti con il metodo secolare della rifermentazione in bottiglia vengono per la prima volta raccontati in un libro. A scriverlo è Massimo Zanichelli, noto wine writer, degustatore e documentarista, per molti anni tra le principali firme della “Guida Vini d’Italia” l’Espresso.

Effervescenze non è però una guida, ma un libro “on the road” che racconta gli scenari naturali, i principali territori, gli interpreti più significativi e i vini più avvincenti di una tradizione rurale troppo presto dimenticata e ora al centro di un rinnovato interesse.

Ecco il Colfóndo trevigiano. Ecco il mondo dei Lambruschi emiliani che da Modena arrivano fino a Parma, passando per il Reggiano, così come la Malvasia di Candia aromatica e l’Ortrugo del Piacentino, la Spergola reggiana, il Trebbiano di Spagna modenese. Ecco il Lambrusco Mantovano. il Gutturnio piacentino, la Bonarda d’Oltrepò, il mitico Barbacarlo.

In un presente dove la produzione dei frizzanti “sur lie” si sta estendendo a macchia d’olio lungo tutta la Penisola, Effervescenze racconta i territori tradizionali – quelli storici e vocati – attraverso incontri, dialoghi, assaggi, alla ricerca dell’espressione più autentica del frizzante “con il fondo”.

Dalla terra alla tavola, i colori, i profumi e i sapori di un’antica tradizione, chiamata in molti modi ma con una sola anima: l’artigianalità.

Guardati con occhio un po’ sufficiente dalla critica come dagli enofili più snob, questi vini sono semplici o disimpegnati solo all’apparenza: eclettici come pochi altri negli abbinamenti a tavola e fortemente legati alle radici del loro territorio, di cui sono storici portavoce, rappresentano non solo la quintessenza del vino popolare ma anche l’espressione di un’enologia autoctona ed emozionante.

Massimo Zanichelli, Effervescenze. Storie e interpreti di vini vivi, Bietti

(pp. 490, € 25, con inserto fotografico)

Calendario delle prossime presentazioni:

Domenica 3 settembre ore 18

Fiume Festival, San Donà di Piave (TV)

Domenica 17 settembre ore 14.30

Bacco al Castello, Castello di Bianello (RE)

Venerdì 29 settembre ore 20

Dulcis in Fundo, ristorante in Milano (via Zuretti 55, zona Gioia/Centrale)

Mercoledì 4 ottobre ore 20.30

Al Secco - Bollicine italiane, vineria in Milano (Via Fumagalli 2, zona Navigli)

 Dicono di Effervescenze:

«Un libro imprescindibile» (Alessandro Morichetti, Intravino)

«Effervescenze per me vale come Vino al vino di Mario Soldati» (Angelo Peretti, The Internet Gourmet)

«Un libro imperdibile, una monumentale opera letteraria» (Fernando Pardini, L’AcquaBuona) 

Massimo Zanichelli

Wine writer, degustatore professionista e documentarista del vino, Massimo Zanichelli ha lavorato per il Gruppo Editoriale l’Espresso, firmando la celebre rubrica sul vino del settimanale l’Espresso dal 2003 al 2016 e la guida I Vini d’Italia fin dalla sua nascita (2002-2016). Ha curato le pubblicazioni di Go Wine, ha scritto per le riviste «Ex Vinis», «Grand Gourmet» e «Mood», redatto il Nuovo repertorio Veronelli dei vini italiani (2005) e I grandi cru del Soave (2008). Scrive sul portale L’AcquaBuona. Tra i suoi documentari: Sinfonia tra cielo e terra. Un viaggio tra i vini del Veneto (2013), F for Franciacorta (2015),Generazione Barolo – Oddero Story (2016), Il volto di Milano (2016), Nel nome del Dogliani (2017, musiche di Ludovico Einaudi). È anche docente e saggista di cinema.

  

- 10 AL MAGGIO DEI LIBRI! 23 aprile - 31 maggio 2016

 
Roma, 13 aprile 2016. È partito il conto alla rovescia! Fra dieci giorni inizia il Maggio dei Libri, la campagna nazionale giunta alla sesta edizione promossa dal Centro per il libro e la lettura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo in collaborazione con ilMinistero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio dellaCommissione Nazionale Italiana per l’UNESCOLa campagna si avvale inoltre del supporto della Presidenza del Consiglio dei Ministri,della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Anno dopo anno, il Maggio dei libri ha visto crescere la rete di sostenitori e collaboratori, a riprova di quanto sia diffusa e condivisa la consapevolezza della crucialità della lettura nella crescita e formazione, a tutte le età. Tra gli accordi di partnership e collaborazione per questa edizione: SIAE – Società Italiana degli Autori e degli EditoriFondazione per il Libro, la Musica e la CulturaPoligrafico dello Stato,Fondazione Maria e Goffredo BellonciSocietà Dante AlighieriUniCoop Tirreno, Librerie Coop, Librerie Feltrinelli, Messaggerie, British Council, Circolo dei lettori e altri in corso di definizione.

Con cinque anni di successi alle spalle, conseguiti fin dalla prima edizione nel 2011, il Maggio dei libri punta a valorizzare il contributo imprescindibile della lettura per la crescita personale di ogni singolo cittadino come anche per lo sviluppo culturale e civile di tutto il Paese. Accolto ogni anno con entusiasmo e partecipazione, il Maggio dei Libri è un appuntamento atteso, abituale e diffuso in tutta Italia, in programma dal 23 aprile, Giornata mondiale UNESCO del libro e del diritto d’autore, al 31 maggio: il claim istituzionale che accompagna questa edizione è Se son libri fioriranno, insieme agli altri messaggi e visual Se leggo vivo più di 7 vite, Liberi di leggere e Il libro porta consiglio.

I FILONI TEMATICI

La primavera dei libri quest’anno porta con sé una bella novità: prospettive nuove per declinare il valore della lettura, attraverso alcuni filonichiave che scandiscono la grande varietà di contenuti negli eventi in corso di organizzazione. Il primo è Shakespeare 400: ad aprile ricorrono i400 anni dalla morte del Bardo e, in collaborazione con il British Council, si stanno organizzando diverse iniziative nelle scuole, in sedi istituzionali e in location inedite. Il secondo riguarda la biblioterapia, per migliorare la conoscenza di se stessi. Il terzo filone è costituito dalleLittle Free Library, quelle casette in legno che custodiscono libri in libera consultazione e che spuntano come per magia nelle strade o nei parchi: quest’anno approdano anche al Maggio dei libri con il motto Prendi un libro, porta un libro! e, durante la campagna, ci sarà il primo censimento ufficiale di tutte quelle attive in Italia. Protagoniste di sempre, inoltre, sono le biblioteche (www.biblioraising.it) e le scuole, che sono all’opera per organizzare eventi coinvolgenti in nome della passione per la lettura.

ASPETTANDO IL MAGGIO DEI LIBRI

In una sorta di ideale e appassionante rincorsa verso l’inizio della campagna, alcune iniziative imperdibili entrano già nell’atmosfera del Maggio dei libri. Come Caro Alberto, mi ricordo di te (Roma, Casa Moravia, fino al 17 maggio), ciclo di appuntamenti per ricordare Moravia nei suoi spazi privati, attraverso le parole e le immagini degli amici: Flaminia Petrucci Siciliano e Lorenzo Pavolini hanno iniziato il 5 aprile, seguiranno Lorenzo Capellini e Nour Melehi (19 aprile), Antonio Debenedetti e Marco Cubeddu o Simonetta Sciandivasci (3 maggio) e a chiudere Mario Andreose e Sandra Petrignani (17 maggio). Altra grande anteprima è la festa al Circolo dei lettori a Torino, il 20 aprile:Sant Jordi. A Night in Barcelona, con gli underwater visuals, per respirare sotto il livello del mare; il rosso delle rose, nate, secondo leggenda, dal sangue del drago ucciso da Sant Jordi; il sound in perfetta modalità barceloneta con SheesmaRamon MoroSheesma e Mark Piñol. Ci si sposta in Sicilia il 22 aprile per #Storie sotto il Vulcano. Festeggia la giornata mondiale del libro in littorina (Catania e dintorni), che vede circa 150 scuole medie e superiori di 32 Comuni dell’area etnea coinvolte in un viaggio intorno al vulcano con studenti, docenti, lettori e 150 messaggeri che a bordo della littorina promuovono la lettura. Infine, il bookcrossing del progetto Libera Biblioteca PG Terzi Diffusa (Roma), che prevede la distribuzione (e il mantenimento) di cassette di libri in libero scambio, posizionate in ambulatori medici, sale d’attesa di studi professionali, negozi… A marzo ha superato quota 50 (tra I, II, V, VIII e XI Municipio di Roma) ottenendo anche il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Municipio Roma Il, della Direzione del Municipio Roma I, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma e dell’Istituzione Biblioteche di Roma.

LIBRI IN FESTA IL 23 APRILE

La fucina della creatività è in fermento, soprattutto per il 23 aprile, Giornata Mondiale del libro e del diritto d’autore, con tante iniziative per vivere a tutto tondo la passione per la lettura. A cominciare da Il Maggio dei libri a Explora! (Museo Explora, Roma): il Centro per il libro e la lettura, in collaborazione con Explora – Il museo dei bambini di Roma, presenta una doppia iniziativa di lettura, per i bambini dai 3 ai 6 anni la mattina alle 11 con le filastrocche e i libri di Gianni Rodari e il pomeriggio per i più grandi dai 6 ai 10 anni con la raccolta Fiabe Italiane di Italo Calvino. E per festeggiare i libri e chi li scrive, il Centro propone – in collaborazione con SIAE – Società Italiana degli Autori e degli Editori, il ciclo di appuntamenti Il diritto di essere autore: incontri in contemporanea nelle scuole di alcune città per riflettere insieme agli scrittori sull’importanza di tutelare i prodotti della creatività. Ci sono poi diversi appuntamenti che, seguendo il primo filone tematico, sono dedicati al Bardo inglese: ad esempio, con Shakespeare Pop (Biblioteca Salaborsa, Bologna), si indagano le origini dell’immensa popolarità del drammaturgo e della sua influenza sulla cultura popolare contemporanea; Shakespeare after Shakespeare (Circolo dei lettori, Torino) propone invece sei spettacoli teatrali immaginando il destino di altrettanti eroi shakespeariani dopo che è calato il sipario; o ancora Lungo il percorso arabo-normanno di Palermo “I leggiadri versi del Bardo” (Cassaro Alto - Percorso Arabo –Normanno, Palermo), performance di cittadini e turisti che all’interno di alcuni negozi leggono a voce alta una poesia di Shakespeare estratta a sorte. Sempre il 23 aprile, la festa dei libri prosegue con Aspettando Andrea Vitali (Piazzalunga Cultura Suzzara, Suzzara – Mantova), maratona di lettura a voce alta dal suo libro La ruga del cretino; a Liberspazio (Piano di Sorrento – Napoli) protagonisti sono i bambini delle elementari, per giocare a fare gli editori, le bancarelle di libri usati e le letture animate, accompagnate da spettacoli e performance teatrali; con la XIV Settimana della lettura “Leggere per crescere”(San Giorgio delle Pertiche – Padova) la Biblioteca comunale organizza un corteo bibliofilo nel centro storico, un flash mob e letture per bambini e ragazzi.

Quest’anno, inoltre, il Maggio dei libri incontra il Premio Scriviamoci: promosso dal Centro per il libro e la lettura in collaborazione con laFondazione Maria e Goffredo Bellonci e con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori e degli Editorinella sua seconda edizione lancia una sfida di immaginazione agli studenti delle scuole superiori di tutta Italia e di quelle italiane all’estero con la traccia 20 ANNI NEL 2020Racconta come sei, racconta come sarai. “Inventa una situazione in cui, tra qualche anno, mettendo in ordine le tue cose, troverai un oggetto della tua adolescenza: un cellulare, un diario scolastico, una foto, il biglietto di un concerto. Prendi spunto da questo episodio per riflettere su come sei ora e su come potresti diventare”. I migliori racconti e aforismi saranno selezionati dalla Fondazione Bellonci e pubblicati sull’agenda Scriviamoci 2016/2017 pubblicata da Giulio Perrone Editore e che sarà presentata il prossimo 14 maggioal Salone Internazionale del Libro di Torino, partner del Maggio dei libri. Sempre al Salone e in occasione della campagna, sono in programma il 12 maggio un incontro nazionale sul valore formativo della lettura con gli insegnanti e il 13 maggio il V incontro delle Città del libro.

Attraverso declinazioni sempre nuove della passione per la lettura e con progetti creativi, l’edizione 2016 ribadisce la propria ispirazione originaria, alla base dei suoi successi anno dopo anno: portare i libri fuori dai loro contesti tradizionali per dimostrare che sono di casa in ogni luogo. In un’ottica di lettura condivisa, che favorisca l’interazione fra tipologie di pubblico diverse e coinvolga quanti più luoghi possibili della “quotidianità”, la campagna invita a organizzare eventi non solo in librerie, biblioteche, scuole e spazi istituzionali, ma anche nei locali pubblici, nei cinema, nei negozi, sugli autobus, nelle palestre, parchi, ristoranti e ovunque detti la fantasia. Al termine della campagna, ai migliori progetti (suddivisi nelle categorie: biblioteche, scuole, associazioni culturali, strutture carcerarie, librerie) sarà assegnato il premio Il Maggio dei Libri 2016.

Il compito di coordinare le migliaia di iniziative attese spetta al sito ufficiale della campagna www.ilmaggiodeilibri.it, rinnovato con unanuova veste graficaLe adesioni sono aperte e partecipare è semplice quanto fare click: su “Inserisci la tua iniziativa” dal sito del Maggio dei libri o direttamente sulla piattaforma che raccoglie tutte le iniziative legate al Maggio dei libri 2016, all’indirizzo http://risorse.cepell.it/ilmaggiodeilibri/.

Per condividere esperienze, foto, video, eventi e suggerimenti, l’appuntamento social con il #MaggiodeiLibri è come sempre su Facebook(facebook.com/ilmaggiodeilibri) e Twitter (twitter.com/maggiodeilibri).

 

 

Le lancette corrono…

 72 ore al via della seconda edizione di 
Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole 
(26-31 ottobre 2015)

 

Leggi tutto: Le lancette corrono…
2017 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica