NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Siti e Pubblicazioni

RADDOPPIATE LE CONVERSAZIONI ON-LINE ALL'ESTERO

 

 

#vinitaly2018

 

Vinitaly sui social network diventa fenomeno globale

Raddoppiate le conversazioni on-line all’estero

Bene gli USA, boom in Cina


Grande successo a Verona, e non solo, per l'appuntamento del 2018 con partecipanti in tutto il mondo sui social media attraverso l’hashtag #Vinitaly2018 che impazza e afferma l’importanza dell’evento fuori dai confini nazionali: se nel 2017 il 10% delle conversazioni avveniva all’estero, nel 2018 la quota supera il 18%. È quanto emerge dall’analisi dell’Osservatorio Qualivita Wine sui dati di Waypress Media Monitoring, un numero significativo che va a braccetto con i risultati dell’export vinicolo italiano che segna il record nel 2017 con 6 miliardi di euro per una crescita del +6,4% su base annua e un trend del +142% dal 2000 (Ismea).

 

L’analisi delle conversazioni on-line con l’hashtag #Vinitaly2018 mostra un boom di interesse in Cina che copre il 7% delle citazioni totali, dato ancor più significativo se si considera che nel 2017 erano quasi inesistenti. Crescono inoltre le percentuali per USA al 5,2% (+0.5% sul 2017) e Brasile allo 0,7%, in calo Regno Unito allo 0,8% (-1,1% sul 2017), Spagna e Francia con quote poco sopra allo 0,2%. Il sentiment è positivo nel 39% dei casi e neutro nel 44%, negativo il restante 17%. Twitter si conferma il canale principale, con quasi il 90% delle conversazioni.

 

Questi dati confermano che tutto il settore ha lavorato bene sul fronte promozione – commenta Mauro Rosati, direttore della Fondazione Qualivita – realizzando azioni efficaci nei mercati stranieri più affermati (come gli USA) e in quelli in forte crescita (come Cina e Brasile) nei quali, come sappiamo, è fondamentale recuperare quote sui principali competitor europei. Un plauso a Vinitaly, dunque, – prosegue Rosati – ma anche a tutti gli operatori del settore ai quali, è giusto sottolinearlo, è fornito un importante supporto all’internazionalizzazione da parte delle istituzioni (Agenzia ICE in primis) e che riescono a beneficiare delle grandi opportunità offerte dai programmi comunitari OCM Vino, Reg. EU 1144 e i Piani di Sviluppo Rurale che offrono strumenti e risorse che, se ben gestite, riescono a fare davvero la differenza”.   

 

 

DOMANI SPECIALE DI 80 PAGINE SUL MONDO DEL VINO

 

 

SPECIALE VINITALY IN OMAGGIO CON

QN - IL RESTO DEL CARLINO - LA NAZIONE - IL GIORNO 

IL TELEGRAFO

 

 

Un inserto speciale dedicato al Vinitalye al mondo del vino uscirà in omaggio con QN Quotidiano Nazionale - il Resto del Carlino - La Nazione - Il Giorno - Il Telegrafo domani venerdì 13 aprile. Un dossier di 80 pagine che prende spunto dalla presentazione della kermesse di Verona (domenica 15 - mercoledì18 aprile) per raccontare i numeri del vino, le tendenze e i consigli degli esperti. 

 

Vinitaly 2018è lo specchio del momento felice che sta vivendo l’indotto economico legato alle imprese vinicole. Crescono, infatti, gli espositori stranieri e, nello stesso tempo, stiamo assistendo al boom dell’export, sia per quel che riguarda i grandi gruppi sia per le aziende di nicchia, a testimonianza della qualità del prodotto italiano. 

Molto interessante è anche la sezione dedicata al «Fuori salone», una galleria di eventi distribuiti tra il centro di Verona e piazze tipiche tra cui Soave, Bardolino e Valeggio.

Nello spazio a lui dedicato, il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese, spiega che oggi è più che mai importante «educare al valore del vino». Lo chef Mauro Uliassi, invece, illustra la sua filosofia nell’accostare sapientemente cibo e vino. 

Lo speciale è arricchito da tante storie di imprenditori che testimoniano la vitalità e la passione che animano questo settore economico.

 

“Stiamo seguendo da tre anni con particolare attenzione Vinitaly. Il successo del primo speciale, 24 pagine dedicate principalmente alle realtà dei nostri territori, ci ha spinto a realizzare un prodotto più completo, più ricco di contenuti e maggiormente apprezzato dagli investitori, con un conseguente aumento della foliazione a 56, per l'edizione 2017, e a 80 pagine per l'edizione in edicola domani”- ha dichiarato Sara Riffeser Monti, vice presidente SpeeD.

Il successo dello speciale è il risultato del lavoro, sempre più sinergico e continuativo, che stiamo portando avanti in un settore di importante rilevanza per l’economia e per il pil nel nostro Paese. Stiamo raccogliendo i frutti di ‘Divino Sapore’, le tre pagine dedicate al vino che pubblichiamo settimanalmente da giugno dell’anno scorso: siamo l’unico quotidiano generalista da dare così ampio spazio a tutti gli argomenti che riguardano il settore vitivinicolo, sia per quanto riguarda il B2B che il B2C. Da sempre i nostri quotidiani sono fedeli alla capillarità della cronaca e, contemporaneamente, attenti a dare il giusto spazio alle realtà economico-imprenditoriali del Paese. Questo ci ha portati ad essere premiati sia dai lettori sia dagli investitori, che ci hanno riconosciuto il ruolo di punto di riferimento per loro e per la loro visibilità. La dimostrazione è che, anche in un settore dove le aziende stanno puntando sempre di più sull’export, viene ritenuto fondamentale continuare ad investire sulla carta stampata italiana”.

 

Per ulteriori informazioni :

 

Stefania Dal Rio

Direttore Immagine e Comunicazione Monrif Group

ufficio 051 6006075 cellulare 348 7109919  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Il cibo come cura:

novità editoriale al Salone

del Libro di Torino

Leggi tutto: Il cibo come cura:

La Prima Alla Scala Secondo Marchesi

 




Quest’anno, sarà la Traviata ad inaugurare la stagione della Scala,
la storia di un amore che riconosce se stesso al di là delle apparenze,
dei ruoli, dei reciproci sbagli, delle convenienze e delle vanità
– sottolinea Gualtiero Marchesi
Violetta, eroina romantica, dannatamente viva e perduta.
Un pathos che mi stimola a fare qualcosa di semplice e grande allo stesso tempo, 
degno di una storia passionale e del più bel teatro del mondo.

Ho preparato due menu per la sera del 7 dicembre – continua Marchesi
uno di carne e uno di pesce. In ognuno, c’è sia il sentimento per le cose
come sono sia il giusto sfarzo di una prima a teatro.


Gualtiero Marchesi
Menu Carne
Del menu di carne, citerei il Riso al nero e argento,
nato in un primo momento come un doppio del Riso oro e zafferano.
Poi, al momento di fotografarlo, tagliammo il quadrato in tre,
dando forma ad una bandiera.
Numerai le foto da uno a centocinquanta e la prima della serie la regalai
al Presidente Napolitano in occasione dei 150 anni delle Repubblica.
Fu un incontro molto piacevole.

Sempre nel menu di carne, il tocco romantico e mondano lo aggiunge
un classico della cucina internazionale: Filetto di vitello “principe Orloff”, tegame di carciofi. Nobiltà e fascino slavo.
Menu Pesce
Nel menu di pesce, mi sono particolarmente cari gli Spaghetti freddi,
perlage di tartufo
, nati per aver scoperto in Giappone
quello che faceva una ditta piemontese. Ho subito adottato
il perlage di tartufo, bello e nobile come il caviale.
Con gli Scampi in salsa di scampi, verdure di stagione,
invece, è come gustare la quintessenza degli scampi e
di conseguenza la grande pulizia del mare.
via vittorio emanuele 23, Erbusco
Tel +39 0307760562
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.marchesi.it
Ufficio stampa: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. +39 3356347230

 

 

In Cantina D' Autunno


IN FIERA CON F.I.V.I.

Sabato 30 Novembre e Domenica 1° Dicembre saremo a Piacenza.

Parteciperemo alla terza edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti F.I.V.I., associazione alla quale siamo iscritti ormai da parecchi anni. Per maggiori informazioni: www.mercatodeivini.it.

Guardate anche il video!

UNO SCRIGNO D'UVA E VINO

Abbiamo ideato un regalo unico per voi e i vostri amici.

Il nostro vino più prezioso, l'Amarone - declinato nelle due espressioni, Moròpio e Ca' Coato - racchiuso in una confezione che non è solo una scatola ma anche un frammento di storia vinicola della Valpolicella.

La confezione si presenta come una cassetta di legno piena d'uva, il metodo tradizionale con il quale si faceva l'appassimento in Valpolicella prima dell'avvento dei plateau in plastica. Cosicché, quando consegnerete o riceverete il regalo, sarà come avere tra le mani non solo il vino ma anche l'uva che lo ha generato.

ILLUSIONE enOTTICA!

Un nostro cliente, che vende vino in Danimarca, ha esposto le nostre nuove scatole di Amarone all'ingresso del suo negozio.

Un successo da subito!

VENDEMMIA 2013

Venerdì 18 Ottobre abbiamo terminato la vendemmia nei nostri vigneti situati a maggiore altitudine, ovvero a Moròpio, nella valle di Marano, e a Ca' Coato, nella valle di Negrar.

Questa stagione di raccolto è stata parecchio impegnativa, perché le condizioni meteorologiche non ci hanno di certo favorito, alternando giornate soleggiate ad altre piovose. Per fortuna abbiamo concluso in bellezza, con il sole che ci sorrideva tra le foglie delle vigne.

DAL VALPOLICELLA ALL'AMARONE

Nel mese di Novembre siamo impegnati in cantina con la pigiatura e la fermentazione delle uve destinate alla produzione del Valpolicella Classico,

il nostro vino base, quello che consideriamo il primo amico da conoscere addentrandosi nel mondo della nostra vallata.

A Gennaio ci occuperemo della produzione di Amarone mentre a Febbraio di quella del Recioto: stiamo aspettando che le uve Corvina, Corvinone e Rondinella riposino a dovere nel nostro fruttaio, respirando l'aria frizzante delle giornate autunnali.

AMARONE CA' COATO 2013: NON PERVENUTO

Per l'annata 2013 abbiamo deciso di non produrre Amarone Ca' Coato, poiché una forte grandinata a fine Estate ha compromesso la qualità delle uve.

Si tratta di una scelta dolorosa per noi, causa anche di una considerevole perdita economica, però coerente con la nostra volontà di produrre sempre vini di qualità, capaci di esprimere al meglio e con sincerità i valori della nostra terra e della tradizione contadina.

LA NUOVA SALA DEGUSTAZIONE

Abbiamo completato la ristrutturazione delle vecchie cantine di nostro padre,

trasformandole in due sale degustazione che raccontano il nostro modo di interpretare il vino: un dialogo quotidiano tra tradizione e modernità.

 

Osterie d’Italia 2014

In libreria la storica guida di Slow Food

Ecco i riconoscimenti liguri

Leggi tutto: Osterie d’Italia 2014
2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica