NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Itinerari enogastronomici

AD ACQUALAGNA È TRUFFLE EXPERIENCE!

Con la 53aFiera Nazionale, dal 28 ottobre s’inaugura l’innovativo Museo del Tartufo

 

Dal 28 ottobreall’11 novembreil Grand Tour delle Marche, il circuito di eventi promosso da Tipicità ed ANCI, fa tappa ad  Acqualagna(PU), a due passi dalla suggestiva Gola del Furlo, per la  cinquantatreesima Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna.

La “Capitale del tartufo bianco” non si ferma e nell’anno del cibo rilancia con una proposta del tutto nuova: ora ad Acqualagna si entra nel mondo del tartufo con tutti i sensi! Questo suggestivo centro dell’entroterra pesarese ha infatti deciso di andare oltre la consueta e consolidata Fiera, proponendo una novità che consentirà ai gourmet di godere “l’esperienza tartufo” per tutto l’anno. 

Domenica 28 ottobre, in concomitanza con l’apertura della Fiera, verrà inaugurato il Museo del Tartufo-Truffle Experience, un debutto in grande stile per una struttura museale capace di offrire un’esperienza immersiva del tutto inconsueta

 

C’è un luogo- recita l’introduzione al Museo - dove il rapporto tra uomo e natura ruota attorno al frutto più nascosto, prezioso e misterioso di madre terra: il tartufo”. Un luogo iconico, nel quale perdersi tra suadenti effluvi, eccitanti emozioni ed esperienze sensoriali autentiche, per poi ritrovarsi in una dimensione simbiotica con madre terra.

Il museo è un susseguirsi di stimoli: percorsi esperienziali, storie di cavatori alla scoperta del tartufo, ma anche mappe olfattive, una biblioteca digitale, diorami e teatro virtuale, per terminare con un’area di food&wine tasting. La ricerca, l’iniziazione, la rarità come cifre narrative di un paesaggio culturale che si racconta in un museo senza collezione, un vero experience museum! Per informazioni su visite ed attività www.acqualagna.com.

 

Nei tre week end della Fiera, e fino all’11 novembre, la centrale Piazza Mattei sarà, come sempre, la casa dei tartufai, mentre il “Palatartufo” accoglierà anche l’artigianato e le tipicità del territorio insieme ai sapori di altre regioni italiane. Nell’Enoteca d’Autore in degustazione le DOC locali: Bianchello del Metauro, Colli Pesaresi, Pergola e Marche IGT. Ricco il programma di cooking show previsto nel “Salotto da gustare”, che vedrà protagonisti prestigiosi chef in grado di esaltare le straordinarie virtù del pregiato tubero.

Tantissime le attività per tutta la famiglia, con presentazioni di libri a tema enogastronomico, mostre, concerti, scuola di cucina per bambini, incontri di approfondimento sull’equilibrio uomo-ambiente e caccia al tesoro, ovvero… il tartufo! Tutte le curiosità, le storie e le opportunità per godere della “truffle experience” sono reperibili sulla piattaforma www.tipicitaexperience.it, con la possibilità di crearsi un proprio esclusivo e personalizzato menù di visita su misura.

 

INFO: 0734.277893, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.tipicitaexperience.it

Angelo Serri

ITALIA, NORVEGIA E PORTOGALLO INSIEME PER UN NUOVO PROGETTO CULTURALE: NASCE SKREI CONVENTION

 

 

 

Il progetto finanziato dalla Comunità Europetoria dello stoccafisso, e dall'altra il mondo dell'arte, organizzando seminari, festival e mostre sul tema. In particolare, inizierà un percorso di scambio tra artisti in residenze distribuite tra i tre Paesi fin qui coinvolti, dove potranno confrontarsi con le singole identità locali e le più moderne tecnologie, per sviluppare un nuovo ricettario innovativo. 

Skrei Convention – The Story of the Dried Cod si presenta anche come piattaforma per il successivo lancio della Via Querinissima: il progetto di nuovo Itinerario Culturale Europeo ispirato al viaggio del navigatore Pietro Querini, che nel 1431 sancì l’arrivo dello stoccafisso nella Repubblica di Venezia. Nel presentare il progetto, la dottoressa Anna Vermehrn del Museo Nord delle Isole Lofoten (Norvegia) - assistita dalla collega Kristine Moltu, dal Prof. Alvaro Garrido, docente all'Università di Coimbra (Portogallo) e da Massimo Andreoli, Presidente del CERS, il Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche di Venezia - ha dichiarato che “il Cod, il merluzzo, è certamente un tema orizzontale e multiculturale, che mette in luce le identità locali ma che allo stesso tempo tesse una trama tra i paesi coinvolti nell'opera di valorizzare le connessioni tra le varie popolazioni”. 14 i Paesi coinvolti, lungo la via Querinissima: Grecia, Spagna, Portogallo, Norvegia, Svezia, Inghilterra, Belgio, Olanda, Lussemburgo, Francia, Germania, Svizzera, Austria e Italia.

Le prossime tappe del progetto, che vede attualmente come partner operativi il CERS Italia (Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche), lo Stiftelsen Museum Nord di Melbu nelle Lofoten, il Comune portoghese di Ilhavo, il Comune di Røst, il Museo Marittimo di Ilhavo, il Museo Anseatico di Lubecca, la Glasgow School of Art e la School of Design and Innovation, prevedono entro la fine dell’anno la pubblicazione di un portale web, sul quale troveranno posto un forum di discussione aperto al pubblico internazionale, e la call per gli artisti interessati a prender parte al programma di Artist’s Residency a partire dalla primavera del 2019.



Anna Sperotto

CON #AmiatAutunno DUE FINE SETTIMANA ALL'INSEGNA DEL GUSTO

 

 

 

 

Prosegue la rassegna che riunisce i comuni del Monte Amiata in un calendario di appuntamenti dedicati ai prodotti tipici: castagne, funghi, olio e vino. Funghi e castagne protagonisti delle feste che animano i borghi amiatini nei prossimi weekend di ottobre

 

Borghi in festa pieni di gusto: prosegue #AmiatAutunno, la rassegna di appuntamenti dedicata ai prodotti tipici del Monte Amiata. Castagne, funghi ma anche vino e olio sono il fil rouge di un itinerario che – fino a novembre - attorno ai piaceri del palato riunisce ben otto comuni: Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Castiglion d’Orcia, Piancastagnaio, Roccalbegna e Santa Fiora.

 

Quattro le località in cui il bello e buono si mette in mostra nei prossimi due week end.

 

Il 12-13-14 e il 19-20-21 ottobre nel borgo medioevale di Abbadia San Salvatore si rinnova la “Festa d’Autunno”. Protagonista principale la castagna, prodotto che da sempre riempie le madie con la sua preziosa farina, con la quale spesso si è riusciti a sostituire il pane in una terra non abbondante di grano. Mentre si cuociono caldarroste degustazioni, musica, mercatini e spettacoli rendono unica l’atmosfera nel borgo medioevale.

Previste anche visite guidate alle bellezze medioevali della città e visite guidate al Museo Minerario (per informazioni Consorzio Terre di Toscana tel. 0577 778324; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), all’Abbazia del Santissimo Salvatore e al Museo di Arte Sacra (info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel: 0577 777352). Per gli appassionati di mountain bike, un’escursione naturalistica nei boschi del Monte Amiata (info: Associazione MTB Amiata, tel: 3315784886).

 

#AmiatAutunno prosegue poi con la “Sagra del Fungo e della Castagna” a Vivo d’Orcia (comune di Castiglione d’Orcia) nelle giornate del 14 e 20-21 ottobre. Qui a farla da padrone sono le pietanze a base di funghi e tra una degustazione e l’altra si snoda un fitto calendario di spettacoli che culmina nel curioso e divertente Palio del Boscaiolo (21 ottobre), un confronto curioso e divertente tra le due contrade del paese, il "Pian delle Mura" e le "Caselle”, impegnate nel tagliare in sei parti un tronco del diametro di circa 60 centimetri, per la realizzazione di sei sedie, ed un altro tronco del diametro di circa 25 centimetri, per la realizzazione di sei scodelle nelle quali dovrà essere versata la polenta che nel frattempo verrà preparata dagli altri  concorrenti.

Previste anche escursioni naturalistiche con “Le stagioni del Castagno con visita alle Sorgenti dell’Ermicciolo” (Info: Pro-Loco tel. 0577/873830 – 3381761817).

 

Il 20-21 ottobre si festeggia anche nella frazione di Cana (comune di Roccalbegna) con la “Biondina”: così è chiamata la caldarrosta, alludendo al colore che assume dopo essere stata cotta nei tipici bracieri. Ma non solo le castagne saranno protagoniste di questa due giorni durante i quali si potranno degustare i piatti della tradizione come la polenta di castagne con ricotta, la zuppa di funghi, i biscotti salati, il castagnaccio. Inoltre saranno aperte le “frasche”, ovvero le cantine del paese dove si potranno degustare vini locali.

 

“Castagna in Festa” anche ad Arcidosso dove per due fine settimana (19-20-21 e 26-27-28 ottobre) si celebra il frutto a cui si sono legate le sorti di tante donne e uomini dell’Amiata. Una festa fatta dalla gente: sono tante le associazioni di volontariato del territorio che collaborano alla buona riuscita, allestendo stand con prodotti a base di castagne e birra di castagne. Sono aperte anche le cantine nel centro storico mentre un ricco programma di spettacoli e concerti anima il paese dove si svolgono originali mercatini dell’artigianato e antiquariato.

 

Ma il calendario di #AmiatAutunno è ancora lungo e tutto da gustare.

 

Il 28 ottobre riflettori accesi su Campiglia d’Orcia (comune di Castiglione d’Orcia) per la “Festa del Marrone” che unisce gusto a folklore. Si gustano i piatti della tradizione e soprattutto, i marroni preparati in ogni modo. Intanto i tre Rioni in cui è suddiviso il paese danno vita alla festa. Le strade e le viuzze si riempiono di scenografie dove personaggi in costume raccontano di antiche leggende o cantano stornelli. La storia torna a vivere.

 

Il 20 e il 21 ottobre, #AmiatAutunno si sposta a Santa Fiora con la “Sagra del Marrone Santafiorese” dedicata ancora una volta alla pregiatissima castagna del Monte Amiata. Due giorni di degustazioni di piatti a base di castagne, visite guidate nei boschi di Santa Fiora e nei seccatoi, i luoghi tradizionali della lavorazione dei marroni.

 

Nato per celebrare la fine del raccolto della castagna e l’inizio della stagione invernale, dal 31 ottobre al 4 novembre a Piancastagnaio è tempo di Crastatone. Il termine Crastatone deriva dal verbo dialettale “crastare”, ovvero l’atto di tagliare la castagna prima di metterla sul fuoco, da qui la “crastata” (caldarrosta). I chiassi delle Contrade diventano percorsi tutto da scoprire: l’aria profuma di caldarroste e legna bruciata mentre cantine e locande offrono menù tipici conquistando i visitatori con specialità a base di castagne, monne, brodolose, vecchiarelle e suggioli. Mostre d’arte, mercatini, musica e visite guidate arricchiscono la manifestazione.

 

Sabato 3 novembre il borgo di Castell'Azzara si tuffa nella tradizione con “Zucche in festa” appuntamento che racconta un’antica usanza toscana. Organizzata dall’Associazione Pro Loco, dagli Amici dell’Orso, con il patrocinio del Comune di Castell'Azzara è questa la festa delle “morti secche” ovvero delle zucche svuotate e trasformate in teschi da illuminare con una candela. Nulla a che fare con Halloween: questa usanza accompagnava l’autunno, quando le zucche ormai mature, in compagnia delle pannocchie di granturco con cui avevano condiviso il terreno di semina, arrivavano nelle case dei contadini per essere usate come alimento per uomini e maiali. Un raccolto celebrato da queste sculture rurali che giocando a raffigurare la morte, si proponevano come oggetti portatori di luce e quindi di vita. E così, per una sera, le suggestive vie del borgo storico di Castell'Azzara vengono rischiarate da giocose lanterne mentre si delizia il palato dei visitatori con menù a base di zucca (da non perdere i tortelli di zucca al tartufo, le carni di maiale ed i dolci), tra musica e attrazioni.

 

Per informazioni: www.amiatautunno.it. Facebook Amiatautunno; Instagram: Amiatautunno

Sonia Corsi 3351979765; Elena Giovenco 3315353540 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

MSC CROCIERE AL TTG INCONTRI CON TANTISSIME NOVITÀ E STRAORDINARIE PROMOZIONI

 

 

 

Quante novità in arrivo per MSC Crociere, protagonista al TTG Incontri all’interno del PADIGLIONE A3 con un imponente stand e tante sorprese, tutte contenute nel catalogo della compagnia di crociere a capitale privato più grande al mondo. A fare gli onori di casa con il pubblico presente alla prestigiosa fiera emiliana il Country Manager Italia Leonardo Massa e il Direttore Commerciale Luca Valentini.

 

La programmazione dei prossimi anni è davvero ampia e sono molti i progetti in cantiere nella fucina di MSC, primo fra tutti l’arrivo di due nuove navi di ultima generazione. 

 

MSC Bellissima e MSC Grandiosa, le due unità di generazione “Meraviglia”, e “Meraviglia Plus” esordiranno rispettivamente nel marzo e nel novembre 2019. Con il loro arrivo si aggiungeranno all’attuale offerta ben 4 nuovi spettacoli del Cirque du Soleil at Sea, già disponibili esclusivamente per gli ospiti di MSC Meraviglia: show giornalieri in scena in aree appositamente ideate dalla Compagnia, in collaborazione con gli artisti del Cirque du Soleil.

“Il 2019 sarà per noi un anno ricco di sfide. Con l’arrivo di MSC Bellissima e MSC Grandiosa, la nostra flotta arriverà a 17 unità. Entrambe le navi saranno posizionate nel Mediterraneo occidentale, sottolineando sempre di più la centralità del mare Nostrum e dell’Italia, dove siamo presenti tutto l’anno. Riusciamo a raggiungere questo obiettivo – ha dichiarato Leonardo Massa, Country Manager Italia di MSC Crociere – grazie all’importante piano di investimenti messo a punto dalla Compagnia, all’arrivo di nuovi prodotti sul mercato, alla passione, all’advace booking, ma soprattutto grazie al rapporto fiduciario con gli agenti di viaggio, che rappresentano il nostro canale distributivo principale”.

Tra le principali novità rese note in fiera spicca la proposta relativa all’estate 2019: il Mediterraneo, area in cui la Compagnia è già da molti anni leader di mercato, vedrà un ulteriore incremento dell’offerta con il posizionamento di ben 9 navi, di cui 5 sul versante orientale e 4 in quello occidentale. 

In Nord Europa ci saranno invece 4 unità: MSC Meraviglia, MSC Poesia, MSC Preziosa e MSC Orchestra. La grande novità del Nord Europa è la crociera di 22 notti che arriverà addirittura in Groenlandia. MSC Orchestra salperà da Amburgo il 10 agosto 2019 per dirigersi verso la Scozia e l’Islanda prima di arrivare in Groenlandia dove sono previste 4 tappe: Prins Christian Sund, Nuuk, Ilulissat e Qaqortoq. Il 31 agosto si farà rientro ad Amburgo. Sempre MSC Orchestra effettuerà crociere inedite alla scoperta dell’Irlanda della Gran Bretagna con tappe a Dublino, Cork, Belfast, Glasgow e Scozia.

 

Nei Caraibi, la prima novità in ordine temporale è il posizionamento di MSC Armonia a Miami per i suoi itinerari verso Cuba, andando ad arricchire l’esperienza con la possibilità di unire al viaggio in crociera una vacanza negli Stati Uniti d’America.

 

Da novembre saranno 4 le navi MSC che avranno Miami come homeport: MSC Seaside, MSC Armonia, MSC Meraviglia e MSC Divina. Quest’ultima salperà per crociere esclusive di 10 giorni che si spingeranno fino alle Antille. Ci saranno inoltre MSC Opera con crociere settimanali da Cuba e MSC Preziosa alle Antille.

 

MSC Meraviglia, prima di raggiungere i Caraibi, a novembre del 2019 effettuerà 3 imperdibili crociere da 10 notti in partenza da New York verso la costa atlantica con tappe a Bar Harbor, Boston, Portland, Charlottetown, Corner Brook, Halifax, Quebec, St. John e Sydney (Canada), per poi posizionarsi ai Caraibi.

 

Ma il 2019 di MSC Crociere è già iniziato, con le straordinarie promozioni già in corso: recandosi in agenzia di viaggi entro il 31 ottobre si avrà la straordinaria opportunità di godere di vantaggiose promozioni pensate per i prossimi dodici mesi: Per questo inverno c’è PREZZO LEGGERO che consente alla seconda persona di pagare la metà prezzo! Ovvero una riduzione del 25% per cento di sconto sulla questa crociera per entrambi passeggeri.

 

 

 Matteo Inverno

 

Piacere Barbaresco 2018

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica