NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Itinerari enogastronomici

"TRA SOGNO E REALTA'"

Si rinnova l'appuntamento con Il Magico Paese di Natale nella suggestiva location delle colline di Langhe-Roero e Monferrato, paesaggio patrimonio mondiale UNESCO in Piemonte.

"Tra sogno e realtà" è il tema della 12ᵃ edizione dell'evento natalizio tra i più amati da grandi e piccini, che si terrà nei borghi di Govone, dal 17 novembre al 23 dicembre 2018, e di Canale, dal 1° al 23 dicembre 2018.

Il Magico Paese di Natale, che ha chiuso l'edizione del 2017 con oltre 200 mila presenze, torna con il tradizionale Mercatino di Natale, uno dei migliori d'Italia con più di 100 artigiani; inoltre, una rinnovata Casa di Babbo Natale coinvolgerà bambini e famiglie alla scoperta della vera storia di Santa Claus. Ricchissimo il programma della manifestazione, con numerosi appuntamenti collaterali di tipo culturale ed enogastronomico.

 
Federica Da Col

AGROALIMENTARE, LA QUALITÀ È IN VETTA L’11-12 AGOSTO TUTTO IL BUONO DEI “PRODOTTI DI MONTAGNA” IN VETRINA AD ALPAGO

Il gusto prende quota e si dà appuntamento sabato 11 e domenica 12 agosto a Farra d’Alpago (BL) per un weekend interamente dedicato ai prodotti agroalimentari di montagna. “Tipicità locali e qualità senza confini” è il claim della due-giorni organizzata in collaborazione con L’Informatore Agrario e Ven.Lat. nell’ambito del progetto Top-Value, un’iniziativa volta a potenziare la cooperazione transfrontaliera tra Italia e Austria per la promozione dell’agroalimentare montano anche attraverso l’utilizzo dell’indicazione “Prodotto di Montagna”, con una partnership che vede coinvolti sia attori istituzionali (Camera dell’Agricoltura della Carinzia, Ente Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli Venezia Giulia e Regione del Veneto — Direzione Agroalimentare), che tecnici (Umweltbüro GmbH, Università degli Studi di Udine e Università degli Studi di Padova).

 

Si parte sabato 11 con una conferenza dedicata al “valore aggiunto dei prodotti di qualità e di montagna per lo sport e per l’ambiente” (ore 18.00, presso la palestra comunale di Farra D’Alpago - BL). Ai saluti delle autorità seguiranno gli interventi di Ivo Bianchi, medico specializzato in omotossicologia; Enrico Sturaro, professore all’Università di Padova e Giorgio Trentin, della Direzione agroalimentare della Regione Veneto. Dalla teoria alla tavola, si proseguirà con il coking show (ore 20.00) guidato dagli chef stellati Renzo Dal Farra della Locanda San Lorenzo di Puos D’Alpago (BL), Renzo De Prà del ristorante Dolada di Pieve d’Alpago (BL) e dallo chef pasticcere Ivan Centeleghe dell’omonima pasticceria di Farra D’Alpago (BL): i visitatori potranno esplorare il Veneto – terra di confine tra l’Italia e l’Austria – attraverso i sapori delle sue montagne. 

 

I prodotti tipici saranno ancora protagonisti durante la mostra mercato di domenica 12 (dalle 9.00 alle 18.00) presso il centro di Farra D’Alpago. Un vero e proprio viaggio del palato tra degustazioni e proposte enogastronomiche tipiche dei territori coinvolti dal progetto Top-Value, cofinanziato dal Programma Interreg VA Italia Austria 20142020, ovvero Veneto, Friuli Venezia Giulia e Carinzia.

Tutte le iniziative proposte nell'ambito dell'evento sono aperte al pubblico e a libero accesso per la cittadinanza ma il convegno e il coking show prevedono un numero limitato di accessi, in ragione delle vigenti norme di sicurezza. La registrazione anticipata al convegno e al cooking show (la partecipazione al coking show è vincolata alla partecipazione al convegno) è possibile inviando una mail ai seguenti indirizzi: 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

La registrazione in loco sarà consentita fino all'esaurimento dei posti disponibili. 

 

www.informatoreagrario.it

 

Edizioni L’Informatore Agrarioè la casa editrice, con sede a Verona, che da 70 anni offre un servizio di informazione e formazione agli imprenditori agricoli. Tre le testate di riferimento: il settimanale dedicato all’agricoltura professionale L’Informatore Agrario, il mensile per l’agricoltura part-time e hobbistica Vita in Campagna e MAD – Macchine Agricole Domani, dedicato al mondo della meccanica agraria, oltre a un ampio catalogo di libri e altri supporti multimediali su temi specializzati.

 

Ufficio stampa Edizioni L’Informatore Agrario - ispropress

Marta De Carli, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 393.4554270

 

Ascoliva Festival

Ascoli Piceno e Campocavallo di Osimo protagonisti

del circuito di eventi promosso da Tipicità e ANCI Marche

Ascoliva Festival e Festa del Covo

per il Grand Tour delle Marche

Ascoliva Festival è il “Festival mondiale dell’oliva ascolana del piceno dop”, giunto alla sesta edizione, che dal 9 al 19 agosto accoglierà, nel centro storico di Ascoli Piceno, golosi e gourmet attratti dal claim: “mordi il bello della vita”.

Evento speciale, l’Oliva Day, ovvero l’istituzione della giornata celebrativa dell’oliva a livello mondiale che, d’ora in avanti, si celebrerà ogni anno il14 agostoe che in questa edizione si presenta con un evento-sorpresa in programma, appunto, nel giorno prima di ferragosto.

Degustazioni con l’oliva ripiena ascolana e tanti altri prodotti tipici locali saranno in mostra nella scenografica cornice della centralissima Piazza Arringo, dove sarà allestito un Villaggio dell’Oliva. Si potranno assaggiare le migliori olive ascolane DOP insieme ad altre specialità del territorio. Previsti anche qualificati eventi cultural-gastronomici, laboratori, musica e molte altre iniziative. 

Acquistando un ticket, i visitatori potranno scegliere tra le degustazioni a disposizione e pranzare o cenare nel Giardino dell’Oliva, all’interno del Palazzo comunale.

Anche quest’anno, dopo le presenze nelle scorse edizioni di Renzo Arbore, dell’attrice Gaia De Laurentis, del regista Giuseppe Piccioni, dell’olimpionico Juri Chechi, del campione del motomondiale Romano Fenati e dell’attrice Cecilia Capriotti, si attendono al Villaggio tanti altri vip.

Il 5 agosto, a Campocavallo di Osimo (AN), protagonista sarà “La Festa del Covo”,storica iniziativa che ogni anno riesce a sorprendendere curiosi e turisti con incredibili creazioni di monumenti, cattedrali e manufatti di enormi dimensioni, realizzati interamente in paglia. Tradizioni contadine, riti religiosi e sapienza manuale trovano la loro sublimazione in queste inconsuete opere d’arte che vengono trionfalmente esposte dinanzi agli estasiati occhi del pubblico.

Edizione 2018 dedicata a San Giovanni Paolo II, con la riproduzione della Santa Maria Assunta di Cracovia e la partecipazione di una delegazione polacca. In programma anche degustazioni gastronomiche di prodotti locali, balli, canti e giochi popolari.

Sulla piattaforma “tipicitaexperience.it” e sull’app di Tipicità, tutte le info per godere appieno le possibilità offerte dal Grand Tour delle Marche, promosso da Tipicità ed ANCI. 

Angelo Serri

INFO: 0734.277893, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.tipicitaexperience.it

Pesca & Friggi

 

 

 

Varazze, 7 Agosto: con  si pesca e poi si mangia

 

La manifestazione si svolgerà Martedì 7 Agosto dalle ore 18:30 sul Molo Marinai d’Italia.

“In una nazione come la nostra, che vanta migliaia di chilometri di costa, le associazioni del calibro dell’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica di Varazze rivestono una funzione culturale, sociale e anche scientifica, costituiscono quel sapere dei luoghi che rende unico il nostro territorio, regalando esperienze che fanno si che una vacanza sia indimenticabile ” con queste parole l’Assessore al Turismo Filippo Piacentini presenta la manifestazione, Pesca e Friggi, giunta alla terza edizione, volta alla diffusione della cultura del mare e del patrimonio di conoscenze e saperi legati ai mestieri e alle tradizioni marinare.

Organizzata dall’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Varazze e dall’Associazione Volontari di Protezione Civile Varazze, la manifestazione Pesca e Friggi ha lo scopo di valorizzare l’ambiente costiero in modo da avvicinare il pubblico al mondo della pesca al bolentino o canna da barca, facendone conoscere le tecniche. 

 

"Un modo – spiegano gli organizzatori – per far capire che si può mangiare con gusto e creatività anche con specie considerate minori. Un modo per entrare più da vicino nel meraviglioso mondo dei pesci e imparare che si può scegliere che tipo di pesce mangiare, salvaguardando allo stesso tempo ambiente e portafoglio". 

"Il pesce - sottolineano - non è tutto uguale e davanti al banco meglio optare per alcune specie piuttosto che per altre, scegliendo sempre ciò che il mare propone". 

Durante la manifestazione, che avrà come sfondo il mare e dell’ottima musica, si potranno degustare acciughe fritte, ciuffetti di calamari e pesci pescati il giorno stesso dai pescatori dell'Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Varazze. Un appello da parte degli organizzatori, quindi, al consumo di pesci a ciclo vitale breve, quelli più salutari per la nostra alimentazione.

Per informazioni e adesioni contattare Alberto Patrucco, Presidente dell’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Varazze, 3385349475

 

Bettina Bolla

#AmiatAutunno. TOSCANA DA SCOPRIRE

 

Dalla fine di settembre agli inizi di dicembre, otto comuni del Monte Amiata propongono una rassegna di appuntamenti dedicati ai prodotti tipici

 

Di paese in paese, per un’intera stagione, la montagna racconta le sue usanze e svela paesaggi ancora a misura d’uomo, all’insegna dell’enogastronomia

 

Amiata, montagna che è madre e che nutre e che racconta una Toscana ancora tutta da scoprire: nasce dalla voglia di presentare i saperi antichi e i sapori inconfondibili che rendono unica questa terra, #AmiatAutunno la rassegna di appuntamenti dedicata ai prodotti tipici del Monte Amiata che attorno ai piaceri del palato riunisce ben otto comuni: Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Castiglion d’Orcia, Piancastagnaio, Roccalbegna e Santa Fiora.

Castagne, funghi, vino, olio sono il fil rouge di #AmiatAutunno, un calendario di feste popolari che per tre mesi illuminano i borghi amiatini. Da settembre a novembre gusto e tradizione si intrecciano e, ogni fine settimana, piccoli paesi ancora a misura d’uomo aprono le loro porte e invitano a scoprire uno stile di vita che fa dell’autenticità la sola parola d’ordine. Ovunque si condividono piatti prelibati. Si celebrano così la natura e i frutti che dona questa terra vulcanica, non sempre facile da lavorare, di cui l’uomo continua a prendersi cura con rinnovato amore e sapienza antica.

 

L’olio è il primo prodotto protagonista nel fine settimana del 29-30 settembre quando Montegiovi (comune di Castel del Piano) propone la “45ma edizione della Sagra della Bruschetta e dell’olio nuovo”. Qui l’olivo ha trovato il suo ambiente ideale con una cultivar autoctona, l’Olivastra Seggianese. La visita ad uno dei frantoi tra Montegiovi e Montenero è obbligatoria così come la degustazione del “Montecucco DOCG”, vino a base di Sangiovese, il re dei vitigni di questo fazzoletto di Toscana, che qui si fa riconoscere per le caratteristiche vulcaniche dei terreni che regalano mineralità, sapidità ed eleganza.
 

Il calendario di #AmiatAutunno si sposta poi a Bagnolo (comune di Santa Fiora) dove nei fine settimana del 6-7 e del 13-14 ottobre si organizza la Sagra del fungo amiatino.

 

In festa anche il borgo medioevale di Abbadia San Salvatore dove il 12-13-14 e il 19-20-21 ottobre si rinnova la “Festa d’Autunno”. Protagonista principale la castagna, prodotto che da sempre riempie le madie con la sua preziosa farina, con la quale spesso si è riusciti a sostituire il pane in una terra non abbondante di grano. Mentre si cuociono caldarroste degustazioni, musica, mercatini e spettacoli rendono unica l’atmosfera nel borgo medioevale.

 

#AmiatAutunno prosegue poi con la “Sagra del Fungo” a Vivo d’Orcia (comune di Castiglione d’Orcia) nelle giornate del 14 e 20-21 ottobre. Qui a farla da padrone sono le pietanze a base di funghi e tra una degustazione e l’altra si snoda un fitto calendario di spettacoli che culmina nel curioso e divertente Palio del Boscaiolo (21 ottobre).

 

Il 20-21 ottobre nella frazione di Cana (comune di Roccalbegna) si festeggia la “Biondina”: così è chiamata la caldarrosta, alludendo al colore che assume dopo essere stata cotta nei tipici bracieri. Ma non solo le castagne saranno protagoniste di questa due giorni durante i quali si potranno degustare i piatti della tradizione come la polenta di castagne con ricotta, la zuppa di funghi, i biscotti salati, il castagnaccio. Inoltre saranno aperte le “frasche”, ovvero le cantine del paese dove si potranno degustare vini locali.
 

“Castagna in Festa” anche ad Arcidosso dove per due fine settimana (19-20-21 e 26-27-28 ottobre) si celebra il frutto a cui si sono legate le sorti di tante donne e uomini dell’Amiata. Una festa fatta dalla gente: sono tante le associazioni di volontariato del territorio che collaborano alla buona riuscita, allestendo stand con prodotti a base di castagne e birra di castagne. Sono aperte anche le cantine nel centro storico mentre un ricco programma di spettacoli e concerti anima il paese dove si svolgono originali mercatini dell’artigianato e antiquariato.

 

Il 28 ottobre riflettori accesi su Campiglia d’Orcia (comune di Castiglione d’Orcia) per la “Festa del Marrone” che unisce gusto a folklore. Si gustano i piatti della tradizione e soprattutto, i marroni preparati in ogni modo. Intanto i tre Rioni in cui è suddiviso il paese danno vita alla festa. Le strade e le viuzze si riempiono di scenografie dove personaggi in costume raccontano di antiche leggende o cantano stornelli. La storia torna a vivere.

 

Il 20 e il 21 ottobre, #AmiatAutunno si sposta a Santa Fiora con la “Sagra del Marrone Santafiorese” dedicata ancora una volta alla pregiatissima castagna del Monte Amiata. Due giorni di degustazioni di piatti a base di castagne, visite guidate nei boschi di Santa Fiora e nei seccatoi, i luoghi tradizionali della lavorazione dei marroni.
 

Nato per celebrare la fine del raccolto della castagna e l’inizio della stagione invernale, dal 30 ottobre al 4 novembre a Piancastagnaio è tempo di Crastatone. Il termine Crastatone deriva dal verbo dialettale “crastare”, ovvero l’atto di tagliare la castagna prima di metterla sul fuoco, da qui la “crastata” (caldarrosta). I chiassi delle Contrade diventano percorsi tutto da scoprire: l’aria profuma di caldarroste e legna bruciata mentre cantine e locande offrono menù tipici conquistando i visitatori con specialità a base di castagne, monne, brodolose, vecchiarelle e suggioli. Mostre d’arte, mercatini, musica e visite guidate arricchiscono la manifestazione.

 

Sabato 3 novembre il borgo di Castell'Azzara si tuffa nella tradizione con “Zucche in festa” appuntamento che racconta un’antica usanza toscana. Organizzata dall’Associazione Pro Loco, dagli Amici dell’Orso, con il patrocinio del Comune di Castell'Azzara è questa la festa delle “morti secche” ovvero delle zucche svuotate e trasformate in teschi da illuminare con una candela. Nulla a che fare con Halloween: questa usanza accompagnava l’autunno, quando le zucche ormai mature, in compagnia delle pannocchie di granturco con cui avevano condiviso il terreno di semina, arrivavano nelle case dei contadini per essere usate come alimento per uomini e maiali. Un raccolto celebrato da queste sculture rurali che giocando a raffigurare la morte, si proponevano come oggetti portatori di luce e quindi di vita. E così, per una sera, le suggestive vie del borgo storico di Castell'Azzara vengono rischiarate da giocose lanterne mentre si delizia il palato dei visitatori con menù a base di zucca (da non perdere i tortelli di zucca al tartufo, le carni di maiale ed i dolci), tra musica e attrazioni.

 
Per informazioni: www.amiatautunno.it. Facebook Amiatautunno; Instagram: Amiatautunno

Sonia Corsi 3351979765; Elena Giovenco 3315353540 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica