NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Itinerari enogastronomici

VACANZA SOSTENIBILE AL MASO

 

 

 

Gallo Rosso in linea con l’Organizzazione Mondiale del Turismo

 

 

La sostenibilità in ogni ambito è un tema molto sentito negli ultimi decenni. Con la nascita dell’Organizzazione Mondiale del Turismo nel 1999 la promozione di un turismo responsabile, duraturo e accessibile a tutti è diventata sempre più importante e Gallo Rosso si trova completamente allineato con queste linee guida.  

 

 

Gallo Rossoinfatti ha l’obiettivo di far conoscere lo stile di vita contadinoalle persone nel territorio in cui opera, l’Alto Adige, di metterle in contatto diretto con la cultura contadina, perché ne possano condividere i vari aspetti, vivendo immersi nella natura e recuperando ritmi più rilassati e consoni alla quotidianità. Il motto di Gallo Rosso infatti è “Arrivare come ospite e partire come amico”

 

Parallelamente, un altro obiettivo di Gallo Rossoè quello dimantenere vivi i masi altoatesini, favorendo i contadini attraverso varie iniziative, in modo che questi non siano obbligati ad abbandonare la vita agricola faticosa e poco redditizia per cercare un altro lavoro.

 

 

 

Per incrementare l’esigua rendita derivante dalla vendita dei prodotti agricoli, Gallo Rosso sostiene i propri associatinella trasformazione di parte del maso in agriturismo, favorendo quindi il servizio di ospitalità come attività aggiuntiva.Gallo Rosso, inoltre, per preparare i contadini all’accoglienza degli ospiti, propone loro diverse ore di formazione. La possibilità di affiancare il lavoro agricolo a quello di accoglienza turistica risulta molto interessante soprattutto per i giovani, che sono così stimolati, anche dopo aver portato a termine i loro studi, a proseguire l’attività di famiglia, esercitando le lingue, gestendo le prenotazioni e le richieste degli ospiti.

 

La cultura contadina in questo modo viene preservata, così come, di conseguenza,prodottidei masi, per i quali Gallo Rosso invita a creare all’interno del maso, una bottega in cui venderlisia agli ospiti sia agli avventori. Un altro modo, questo, per avere un’ulteriore entrata nella rendita totale.

 

Oltre a ciò, Gallo Rosso stimola le osterie contadine associatea proporre menu strettamente legati alla cucina tipica sudtirolese. I piatti, inoltre, devono essere rigorosamente fatti a manoe con ingredienti stagionali provenienti dai propri campiSono vietatii cibi precotti e le bibite industriali in favore dei succhi di frutta e del vino locale.

 

Per la promozione dei prodotti a chilometro zero dei masi Gallo Rosso esiste una rete di partnerin Alto Adige presso cui acquistare i prodotti con questo marchio. 

 

Anche l’Artigianato contadino rientra tra gli aspetti della vita rurale da preservare; questa forma di arte popolare si tramanda da secoli di padre in figlio, con tecniche e materiali diversi in cui esprimere la personale creatività, oltre che soddisfare le proprie necessità attraverso la costruzione di utensili.

 

La sostenibilità è una strategia di sviluppoche Gallo Rosso applica per diffondere lo stile di vita contadino altoatesino come forte identità ed eccellenza attraverso l’esperienza diretta e parallelamente per creare occupazione e innovazione

 

Tutti i cataloghi Gallo Rosso(“Agriturismo- le vacanze diverse”,“Masi con gusto”,“Artigianato contadino”,“I Sapori del maso”) sono disponibili gratuitamentefacendone richiesta telefonica a Gallo Rosso (0471/999308), inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure compilando una semplice scheda sul sito www.gallorosso.it, cercando “Servizio di invio catalogo”.

 

 Nadia Scioni

“L’Apericiccia”

 

 

 

 

La 6/a edizione il 9 agosto alle 19 al parco dei Macchini

 

L’aperitivo rende omaggio alla carne di maiale alla brace: torna “L’Apericiccia” a Chiusi della Verna (Arezzo) 

 

Tutto pronto per l’evento che è ormai un appuntamento cult dell’estate casentinese: torna l’Apericiccia al parco dei Macchini a Chiusi della Verna giovedì 9 agosto dalle 19. La formula, vincente, è sempre la stessa: 10 euro per mettersi a sedere con una birra fresca o del vino, pronti per una scorpacciata di carne scelta cotta rigorosamente alla brace. Il tutto accompagnata da un unico contorno, i fagioli. 

La festa della carne è anche la festa della squadra di calcio Chiusi Verna 2005, che organizza da sei anni la serata che richiama in Casentino circa 2 mila visitatori ogni anno.

L’aperitivo qui rende omaggio alla carne di maiale toscana (fino a esaurimento scorte), ma la festa inizia prima di cena e va avanti dopo con cocktail e musica fino a tarda notte: i dj si alterneranno sul palco fino alle 3 di notte. Al parco dei Macchini in vendita anche i gadget ufficiale e le maglie dell’originale apericena di Chiusi della Verna. 

 

 

 

“L’appuntamento è diventato ormai una tradizione a Chiusi – spiegano gli organizzatori – un modo divertente per richiamare in Casentino tanti toscani e tanti turisti uniti dalla voglia di far festa. Un evento che lega generazioni ed esperienze diverse e che si riconosce nell’amicizia che anima il Chiusi Verna 2005”. 

 

Gli hashtag della festa legati alla vita e alle emozioni della squadra di calcio del paese sono: #nontisottovalutare, #bisontimpazziti, #promessamantenuta. 

L’evento è su Facebook e Instagram

 

Lisa Baracchi

 

"TRA SOGNO E REALTA'"

Si rinnova l'appuntamento con Il Magico Paese di Natale nella suggestiva location delle colline di Langhe-Roero e Monferrato, paesaggio patrimonio mondiale UNESCO in Piemonte.

"Tra sogno e realtà" è il tema della 12ᵃ edizione dell'evento natalizio tra i più amati da grandi e piccini, che si terrà nei borghi di Govone, dal 17 novembre al 23 dicembre 2018, e di Canale, dal 1° al 23 dicembre 2018.

Il Magico Paese di Natale, che ha chiuso l'edizione del 2017 con oltre 200 mila presenze, torna con il tradizionale Mercatino di Natale, uno dei migliori d'Italia con più di 100 artigiani; inoltre, una rinnovata Casa di Babbo Natale coinvolgerà bambini e famiglie alla scoperta della vera storia di Santa Claus. Ricchissimo il programma della manifestazione, con numerosi appuntamenti collaterali di tipo culturale ed enogastronomico.

 
Federica Da Col

Mandrarossa Vineyard Tour 2018

Mandrarossa Vineyard Tour 2018:
tramonti, aperitivi e musica live

 

Sabato 1 e domenica 2 settembre la vendemmia più grande d’Europa ospiterà i concerti live delle band palermitane

“Ai Fil Gud” e “Tre Terzi”

 

Image

 

Mandrarossa Vineyard Tour 2018: 
tramonti, aperitivi e musica live

 

Sabato 1 e domenica 2 settembre la vendemmia più grande d’Europa ospiterà i concerti live delle band palermitane 

“Ai Fil Gud” e “Tre Terzi”

Sorseggiare un calice di vino ammirando il tramonto sulla spiaggia delle Giache Bianche, un aperitivo con gli amici a Casa Mandrarossa, scatenarsi durante un concerto live: il Mandrarossa Vineyard Tour è anche questo. Come ogni anno non potranno mancare aperitivi, musica e spettacoli. Ad animare le serate di questa sesta edizione del Mandrarossa Vineyard Tour ci saranno infatti  due eccezionali band Made in Sicily! 

 

IL MANDRAROSSA VINEYARD TOUR PER GLI AMANTI DELLA BUONA MUSICA

AI FIL GUD

Pineta Molinari

Sabato 1 settembre
ore 21.00

 

 

Sabato 1 settembre l’appuntamento è alle 21 alla Pineta Molinari con gli “Ai Fil Gud”. La band, fondata da Silvio Lo Verde è composta da 9 musicisti e 4 voci soliste. Il nome si ispira al brano di James Brown “I Feel Good” ed è volutamente scritto così come si legge, ad indicare che la musica non ha bisogno di traduzione, ma deve essere diretta e trasmettere emozioni libere e non filtrate. Questo gruppo di artisti palermitani è noto per la sua capacità di coinvolgere il pubblico reinterpretando magistralmente i miti della musica anni 60 e 70 come Ray Charles, Areta Franklin, Tina Turner, Etta James, Earth Wind and Fire e Stevie Wonder.

 
 
 
 
 
 
Image
 

Mandrarossa Vineyard Tour 2018: la vendemmia sul mare vi aspetta!

 

 

www.vineyardtour.it

www.mandrarossa.it

 

Annalisa Chiavazza

AGROALIMENTARE, LA QUALITÀ È IN VETTA L’11-12 AGOSTO TUTTO IL BUONO DEI “PRODOTTI DI MONTAGNA” IN VETRINA AD ALPAGO

Il gusto prende quota e si dà appuntamento sabato 11 e domenica 12 agosto a Farra d’Alpago (BL) per un weekend interamente dedicato ai prodotti agroalimentari di montagna. “Tipicità locali e qualità senza confini” è il claim della due-giorni organizzata in collaborazione con L’Informatore Agrario e Ven.Lat. nell’ambito del progetto Top-Value, un’iniziativa volta a potenziare la cooperazione transfrontaliera tra Italia e Austria per la promozione dell’agroalimentare montano anche attraverso l’utilizzo dell’indicazione “Prodotto di Montagna”, con una partnership che vede coinvolti sia attori istituzionali (Camera dell’Agricoltura della Carinzia, Ente Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli Venezia Giulia e Regione del Veneto — Direzione Agroalimentare), che tecnici (Umweltbüro GmbH, Università degli Studi di Udine e Università degli Studi di Padova).

 

Si parte sabato 11 con una conferenza dedicata al “valore aggiunto dei prodotti di qualità e di montagna per lo sport e per l’ambiente” (ore 18.00, presso la palestra comunale di Farra D’Alpago - BL). Ai saluti delle autorità seguiranno gli interventi di Ivo Bianchi, medico specializzato in omotossicologia; Enrico Sturaro, professore all’Università di Padova e Giorgio Trentin, della Direzione agroalimentare della Regione Veneto. Dalla teoria alla tavola, si proseguirà con il coking show (ore 20.00) guidato dagli chef stellati Renzo Dal Farra della Locanda San Lorenzo di Puos D’Alpago (BL), Renzo De Prà del ristorante Dolada di Pieve d’Alpago (BL) e dallo chef pasticcere Ivan Centeleghe dell’omonima pasticceria di Farra D’Alpago (BL): i visitatori potranno esplorare il Veneto – terra di confine tra l’Italia e l’Austria – attraverso i sapori delle sue montagne. 

 

I prodotti tipici saranno ancora protagonisti durante la mostra mercato di domenica 12 (dalle 9.00 alle 18.00) presso il centro di Farra D’Alpago. Un vero e proprio viaggio del palato tra degustazioni e proposte enogastronomiche tipiche dei territori coinvolti dal progetto Top-Value, cofinanziato dal Programma Interreg VA Italia Austria 20142020, ovvero Veneto, Friuli Venezia Giulia e Carinzia.

Tutte le iniziative proposte nell'ambito dell'evento sono aperte al pubblico e a libero accesso per la cittadinanza ma il convegno e il coking show prevedono un numero limitato di accessi, in ragione delle vigenti norme di sicurezza. La registrazione anticipata al convegno e al cooking show (la partecipazione al coking show è vincolata alla partecipazione al convegno) è possibile inviando una mail ai seguenti indirizzi: 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

La registrazione in loco sarà consentita fino all'esaurimento dei posti disponibili. 

 

www.informatoreagrario.it

 

Edizioni L’Informatore Agrarioè la casa editrice, con sede a Verona, che da 70 anni offre un servizio di informazione e formazione agli imprenditori agricoli. Tre le testate di riferimento: il settimanale dedicato all’agricoltura professionale L’Informatore Agrario, il mensile per l’agricoltura part-time e hobbistica Vita in Campagna e MAD – Macchine Agricole Domani, dedicato al mondo della meccanica agraria, oltre a un ampio catalogo di libri e altri supporti multimediali su temi specializzati.

 

Ufficio stampa Edizioni L’Informatore Agrario - ispropress

Marta De Carli, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 393.4554270

 

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica