NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Libri

TAZZELENGHE

di Stefano Cosma e Angelo Costacurta

edito da Kellermann Editore

Dal 12 luglio in libreria e negli store online

 

Il vino friulano “taglia-lingua” nato in terra longobarda

 

Il Tazzelenghe (taglia-lingua, in friulano) è un vino appartenente alla famiglia del Refosco, che si distingue però nettamente dai più pacati consanguinei. Il vitigno a bacca nera, autoctono del Friuli-Venezia Giulia, è originario del territorio attorno a Buttrio e Cividale, in provincia di Udine, dove viene coltivato in zona collinare. Nel volume “Tazzelenghe. Il vino friulano “taglia-lingua” nato in terra longobarda”, in libreria dal 12 luglio per Kellermann Editore, gli autori Stefano Cosma e Angelo Costacurta ripercorrono la storia di questo vino dalla fortissima personalità, per lungo tempo dimenticato e oggi riscoperto grazie ad alcuni tenaci e sapienti produttori.

Il libro, con introduzione di Ian D’Agata e contributi di Enos Costantini e Francesca Costaperaria, è parte della collana Grado Babo, diretta da Angelo Costacurta e Sergio Tazzer.

 

Attestato dal tardo medioevo, il Tazzelenghe è espressione di un territorio di enorme rilevanza storica, che comprende Cividale, città patrimonio dell'umanità Unesco, prima capitale del ducato longobardo in Italia e successivamente capitale della Patria del Friuli, che per lungo tempo ha incrociato la storia della Repubblica di Venezia. Il vino, insieme con il suo territorio, è appassionatamente raccontato attraverso i capitoli del volume, che partendo dalle origini medievali ne analizza lo sviluppo e la diffusione fino ai giorni nostri, soffermandosi anche sul declino e sulla riscoperta avvenute nel secolo scorso.

Insieme a fondamentali riferimenti storici “Tazzelenghe. Il vino friulano “taglia-lingua” nato in terra longobarda”, non manca di fornire dati attuali sulla produzione, indicazioni geografiche e approfondimenti relativi all’ambiente e al paesaggio delle zone d’origine del Tazzelenghe, oltre a suggerimenti culinari.

 

Stefano Cosma, laureato in giurisprudenza, vive a Gorizia dove si occupa di comunicazione. È autore di numerosi libri su vini, gastronomia e storia locale. Direttore responsabile del trimestrale Bubble’s Italia, collabora con quotidiani, periodici, con la guida Vinibuoni d’Italia del Touring Club e con alcune guide del Gambero Rosso. Premio Collio nel 2010, “Premio Iolanda” per la letteratura sul vino nel 2021. 

Angelo Costacurta è uno dei più accreditati studiosi di viticoltura a livello internazionale. Ricercatore del Ministero dell’Agricoltura, ha diretto il Centro per la ricerca in viticoltura del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura. Ha insegnato nelle Università di Udine e Padova. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche e storiche, è vicepresidente dell’Accademia italiana della Vite e del Vino.

 

 

Scheda tecnica

Titolo: Tazzelenghe. Il vino friulano “taglia-lingua” nato in terra longobarda

Editore: Kellermann Editore

Autori: Stefano Cosma, Angelo Costacurta

Prima edizione: luglio 2023

Formato: cm 15 x 21

Pagine: 144

Confezione: brossura ali, filo refe

Collana: GRADO BABO (NIC 13)

Codice ISBN: 9788867671267

Prezzo: € 16,00

 

Alessandra de Antonellis

BOOK PRIDE 2023

PASTA, STRAORDINARIO QUOTIDIANO: DA UNIONE ITALIANA FOOD

IL RICETTARIO SALVAGUSTO E SALVASPESA (MOLTI PIATTI A MENO DI 5 EURO PER 4 PERSONE

 

 

L'inflazione che taglia il potere d'acquisto ha messo anche la pasta a confronto con i grandi temi globali.I pastai di Unione Italiana Food lanciano "Pasta, straordinario quotidiano”, una guida al servizio delle famiglie italiane alle prese con i disagi del carovita: una raccolta di 54 ricette, una per ogni settimana dell'anno. Idee di gusto per 4 persone dal costo contenuto, tutte sempre entro un massimo di 10 euro

Ha un costo contenuto, fa bene, sazia e basta qualche minuto per portarla in tavola: oggi più che mai, con l'inflazione che taglia il potere d'acquisto delle famiglie italiane, la pasta risponde perfettamente alle esigenze attuali, confermandosi un alimento accessibile anche in un momento difficile per tutti. Protagonista di infinite ricette dal gusto e varietà straordinarie, alimento antispreco amato nel mondo, rappresenta la soluzione gastronomica al tempo stesso più gustosa ed economica: in Italia con mezzo chilo di pasta e pochi altri ingredienti (come olio, pomodoro, legumi e aromi) si riesce a preparare un pasto sano, nutriente e bilanciato per una famiglia di 4 persone spendendo nell'insieme poco più di 2 euro (50 centesimi a persona). Parliamo di uno dei prodotti più amati al mondo, ma anche di un alimento completo, senza controindicazioni culturali o religiose e facile da conservare.  Ai contraccolpi di pandemia, geopolitica, caro prezzi ed energia di questi ultimi anni, che hanno messo anche la pasta a confronto con i grandi temi globali, arriva la risposta dei pastai di Unione Italiana Food con "Pasta, straordinario quotidiano, una guida ideata e realizzata in collaborazione con Giunti Editore al servizio delle famiglie italiane alle prese con il carovita: una raccolta di 54 ricette - una per ogni settimana dell'anno - per 4 persone, con un costo che si attesta spesso sotto i 5 euro, senza mai superare nelle proposte più elaborate un budget complessivo di 10 euro. Praticamente un range tra euro 1,25 e 2,50 a persona per un gustoso piatto di pasta. Un prontuario di gusto e convenienza, che coniuga portafoglio e palato nel segno della straordinaria varietà delle ricette italiane.

 

Il libro è suddiviso in 5 categorie (stagionali, regionali, grandi classici, vegetariane e ricorrenze) a cui si aggiungono 7 ricette d'autore ideate dalla Chef Sarah Cicolini (Santo Palato, Roma) che si contraddistinguono per essere antispreco, sostenibili e stagionali. Ad ogni ricetta è affiancato un commento e l'indicazione calorica e nutrizionale della dott.ssa Valeria Del Balzo, biologa nutrizionista, con una scheda dei valori nutrizionali e un approfondimento.

"Di tutte le evoluzioni che potremmo raccontare sulla pasta – afferma Margherita Mastromauro, Presidentessa dei pastai di Unione Italiana Food - oggi quella che ha più senso ricordare è sicuramente il potere aggregante, a livello sia sociale che culturale. La pasta, questa straordinaria tradizione che accompagna da secoli il nostro quotidiano, appunto. Parliamo di un prodotto che possiamo considerare economicamente accessibile per tutti, che riesce a soddisfare le necessità tanto del singolo individuo, quanto della famiglia più numerosa e che può tranquillamente accomunare necessità culturali e religiose molto distanti. L'obiettivo di questo volume è dimostrare che con una spesa molto contenuta – parliamo di massimo 10 euro – la pasta ci garantisce un pasto completo, nutriente e squisito. Perché la pasta è questo: un "lusso”, ma alla portata di tutti. In questo senso la pasta rappresenta certamente la soluzione all'attuale fase di incertezza economica”.

 

DALLE RICETTE STAGIONALI AI GRANDI CLASSICI

 

 5 CATEGORIE CON UN SOLO DENOMINATORE, LA PASTA

L'Italia è il primo Paese produttore (con 3,5 milioni di tonnellate precediamo USA e Turchia) e il mondo riconosce questo primato abbracciando la pasta prodotta nel nostro Paese. Ne siamo i più grandi consumatori, con circa 23 chili annui pro-capite: la mangiamo tutti e la portiamo in tavola almeno 5 giorni a settimana, anche due volte al giorno. Per 1 italiano su 2 è il piatto preferito (fonte: Doxa "La qualità della pasta” 2017). Ma siamo anche quelli che più di tutti la fanno conoscere al resto del mondo: ben oltre la metà della produzione nazionale di pasta è destinata all'estero (circa il 61%). È un alimento che unisce l'Italia, seppure con le sue mille interpretazioni regionali che ne arricchiscono la portata culturale e ci racconta all'estero, in tutto il mondo vive di riflessi culturali che sanno restituirci storie nuove. È per questo che il ricettario è suddiviso in 5 categorie:

-          Le ricette stagionali. La categoria più contemporanea per il suo essere sostenibile e locale Parliamo di piatti di pasta non necessariamente tradizionali o storici, ma che abbiano elementi caratteristici delle quattro stagioni (come le "Farfalle alla vignarola”, i "Maccheroncini tonno fresco e zucchine” per l'estate, i "Sedanini al sugo di peperoni friggitelli” per l'autunno e le "Penne con radicchio” per l'inverno).

-          Le ricette regionali. Qui entrano in gioco tradizioni, storia, evoluzioni più o meno radicali, passando per l' universo di ricette nelle nostre regioni: dalle pugliesi "Orecchiette con le cime di rapa” ai romani "Spaghettoni cacio e pepe”, dall'immortale e imitatissima pasta con il ragù alla bolognese alle "Pennette alla valdostana” o alla "Pasta e fagioli alla veneta”

-          I Grandi Classici che potremmo definire vintage. Si tratta di ricette nate negli anni ottanta o novanta, che recentemente vivono nuova gloria, come le "Pennette alla vodka”, gli "Spaghetti aglio e olio”, i "Tortiglioni alla boscaiola” e le "Linguine con la colatura di alici”.

-          Le ricette vegetariane. L'Italia è piena di ottime preparazioni con l'utilizzo di soli ingredienti vegetali, per un pubblico sempre più vasto di persone che scelgono una dieta vegetariana e, in molti casi, vegana: "Strangolapreti agli spinaci”, "Minestrone estivo al pesto (con conchigliette)”, ma anche preparazioni più sfiziose come le "Penne al profumo di limone” o gli "Spaghetti alla carbonara vegetale”.

-          Le ricette per le ricorrenze: i "Cestini di spaghetti ai frutti di mare” o le "Casarecce al sugo di agnello” ci riportano subito a cenoni natalizi o pranzi pasquali.

LE RICETTE DELLA CHEF SARAH CICOLINI DI SANTO PALATO
Capitolo a parte per le sette ricette della Chef Sarah Cicolini di Santo Palato a Roma: classe 1988, abruzzese e appassionata di pasta. Proprio perché la storia della pasta ci ha insegnato quanto l'evoluzione sia essenziale, la cucina della Chef racchiude in sé questi aspetti: la freschezza, l'energia e una conoscenza approfondita della tradizione italiana. Le sue ricette, all'insegna dell'antispreco e della stagionalità, racchiudono tutte le categorie: "Mezze maniche alla Carbonara”, "Fusilli al ragù di pecora”, "Spaghettoni burro, alici e finocchietto”, "Spaghetti, vongole e peperone verde”, "Sedanini al ragù di gallinella”, "Ruote piselli e caprino”, "Ziti con pesto di melanzane e datterini”.


LA NUTRIZIONISTA: "MAI SOTTOVALUTARE IL RUOLO DEI CARBOIDRATI NELLA NOSTRA DIETA”

La sua semplicità non deve farci dimenticare che è il perno centrale dell'alimentazione, senza tralasciare l'importanza della "dieta mediterranea”. "I carboidrati complessi sono la principale fonte di energia per mente e corpo – afferma la nutrizionista Valeria Del Balzo - la benzina che ci spinge a compiere qualsiasi azione. La pasta riesce anche a conciliare un buon riposo notturno, se consumata nelle giuste quantità e con il condimento adeguato, perché ci restituisce le energie perse durante la giornata, consentendo di rilassarci senza cercare fonti energetiche altrove, stressando corpo e mente”. Ci sono poi delle motivazioni scientifiche: la pasta ci fornisce la quota di carboidrati complessi dei quali abbiamo bisogno. Basti pensare che in una dieta equilibrata il 55-60% di ciò che mangiamo deve essere composto da carboidrati. "Le variazioni che possono attualizzare la dieta in questione possono riguardare le quantità, oggi 80 grammi di pasta sono la media sufficiente per un piatto, e i metodi di cottura che accompagnano gli elementi che andranno ad arricchirla – conclude la Dottoressa - ma la pasta rimane centrale”. E arriva dagli Stati Uniti, patria delle diete iperproteiche, un altro segnale positivo: per la sesta volta consecutiva, la dieta mediterranea, di cui la pasta è elemento imprescindibile, è stata eletta la migliore al mondo classificandosi prima nel ranking di diete stilato da U.S. News & World Report. Il che fa ben sperare per il futuro di questo alimento anche in un momento particolarmente complesso per la crisi dei prezzi delle materie prime alimentari.

 
Ivana Calò  

CON BELL'ITALIA DI APRILE L'ULTIMO DEI TRE VOLUMI DE ILGOLOSARIO

 

Con il numero in uscita del mensile di Cairo Editore il terzo e ultimo volume de ilGolosario dedicato alle eccellenze di Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna

 

Dopo l'allegato al numero di febbraio dedicato a Piemonte, Lombardia, Liguria e Valle d'Aosta, e a quello di marzo, dedicato a Veneto, Trentino, Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana e Marche, con il numero di aprile del mensile diretto da Emanuela Rosa Clot uscirà l'ultimo volume di un’edizione speciale de ilGolosario, la guida di Paolo Massobrio alle cose buone d’Italia che questa volta accompagnerà i lettori in un viaggio alla scoperta delle botteghe e degli artigiani dei sapori di Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. 

 

Tre, quindi, i volumi che, a soli 3 euro in più, sono allegati al mensile di riferimento per i viaggiatori golosi con 840 pagine complessive e oltre 2.400 consigli d’autore che segnalano, regione per regione, i posti giusti in cui acquistare salumi, formaggi, pane, dolci, frutta, verdura, birre e liquori ma anche dove è possibile fermarsi per una sosta seduti comodamente a tavola. Non solo cibo, ma anche vino, con la segnalazione di oltre 300 cantine che a loro volta si dedicano all’enoturismo. 

 

Questa iniziativa - dichiara Paolo Massobrio - intercetta una tendenza sempre più diffusa, che è quella di un momento di gusto più informale. Questa formula, è a metà strada fra lo street food e l’osteria e molto spesso si focalizza su singole specialità da assaggiare dove il vino diventa un contorno importante”. 

 

Il lavoro di Bell’Italia, rappresenta dunque una preview alla prossima edizione de IlGolosario che festeggerà la 25^ edizione, mentre a fine maggio è in arrivo IlGolosario Wine Tour con oltre 1.300 cantine che offrono un’esperienza.

 

Hilary Buzi

MUSEO DELLA COMUNITÀ DI MONTALCINO E DEL BRUNELLO

nuova veste e nuovi eventi

Loc. Podernovi 170 | Montalcino (SI)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | t. 0577 841111

 

INVITO

 

29 marzo 2023 | ore 18:30

presentazione del libro

TERRADIVINA

dI Riccardo Corazza

Vice Curatore Guida Espresso Vini

 

dialoga con l'autore 

Stefano Cinelli Colombini, Fattoria dei Barbi

 

modera

Stefano Tesi, giornalista

 

Mercoledì 29 marzo (ore 18:30), al Museo Della Comunità Di Montalcino E Del Brunello della Fattoria dei Barbi (loc. Podernovi 170, Montalcino) la presentazione di TERRADIVINA, la storia del ritorno di un critico enogastronomico alla dimensione della vigna e della cantina attraverso viaggi e incontri da nord a sud d’Italia. Nato dalla penna di Riccardo Corazza, vice-curatore della Guida Vini de l’Espresso  ed edito da Les Flâneurs Edizioni, il volume trasporta il lettore in una sorta di tour “on the road” del mondo enoico e interiore, tra calici e vigneti, itinerari letterari e musicali.

 

L’appuntamento con l’autore – in dialogo con Stefano Cinelli Colombini, proprietario della Fattoria dei Barbi con la complicità del giornalista Stefano Tesi – inaugura la stagione primaverile del Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello, che riapre con nuove storie, documenti e un percorso rinnovato tra i personaggi e i landmark del più celebre Sangiovese al mondo.

 

“Inauguriamo la nuova veste del Museo con la presentazione di un libro, perché un museo non è un archivio, bensì un luogo di incontro da vivere e in cui rivivere la storia – afferma Stefano Cinelli Colombini, alla guida della Fattoria dei Barbi – Al di là di ogni retorica e leggenda del vino, la storia ci fornisce uno sguardo d’insieme che si rinnova a ogni scoperta. Qui raccolta, ci racconta i trionfi, le realtà e la magia di tutto il Brunello”.

 

Info e prenotazioni

La partecipazione alla presentazione è gratuita, ma è gradita la prenotazione (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., t. 0577 841111).

 

Nell’occasione sarà possibile visitare – liberamente o con la guida di Stefano Cinelli Colombini – il Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello.

 

 

 

UN MESE A IL MAGGIO DEI LIBRI: APRE OGGI LA BANCA DATI DELLA TREDICESIMA EDIZIONE

 

Spalancare il proprio orizzonte conoscitivo, acquisire nuove consapevolezze, accrescere la fiducia in sé stessi, sentirsi al sicuro e molto, molto di più. Imprevedibile e magico, il potere dei libri, inesauribile come la lista dei vantaggi che produce per l’essere umano. In quattro parole: Se leggi sei forte!, che – come per Libriamoci lo scorso novembre e in un’ottica di piena continuità tra le due iniziative – è il tema a cui si ispira la tredicesima edizione de Il Maggio dei Libri, la campagna del Centro per il libro e la lettura che torna dal 23 aprile al 31 maggio. Un irrinunciabile appuntamento con la lettura celebrato, con tutta la sua potenza, dall’immagine coordinata realizzata dall’illustratrice Cristina Sosio in collaborazione con Romics, in cui la figura femminile in armatura, deposti spada e scudo, si immerge in lettura, divenendo così simbolo di vera forza.

Un microcosmo incantato fatto di meraviglie chiamate storie, cui accedere organizzando iniziative in presenza e in digitale da svolgere tra il 23 aprile – Giornata mondale UNESCO del libro e del diritto d’autore – e il 31 maggio, liberamente ispirati oppure prendendo spunto dai tre filoni tematici suggeriti: La forza delle parole, dedicato all’uso delle parole per spiegare e plasmare il mondo e quindi alle letture sui temi di attualità, ambientali, politici e sociali; I libri, quelli forti…, dove troviamo le grandi opere che lasciano il segno, quelle in cui ci riconosciamo e al tempo stesso scopriamo qualcosa di nuovo su noi stessi; Forti con le rime, per dar voce alla poesia, classica e contemporanea, quale strumento potentissimo di espressione e seduzione. Tre differenti approcci e altrettante bibliografie, presto disponibili e ricche di suggestioni, ciascuna divisa per genere e fascia d’età.

L’adesione a Il Maggio dei Libri è semplicissima: per partecipare basta collegarsi all’indirizzo https://www.ilmaggiodeilibri.cepell.it/registrazione e inserire la propria iniziativa completando la procedura con descrizioni accattivanti e sintetiche corredate, se disponibile, da un’immagine o locandina. Si può iniziare già oggi, 22 marzo, giorno di apertura ufficiale della banca dati, cuore pulsante della campagna. Inoltre, la “vita digitale” de Il Maggio dei Libri continua anche sui social ufficiali (@ilmaggiodeilibri su Facebook e Instagram, @maggiodeilibri su Twitter), attraverso il Social Feed sull’homepage del sito, aggiornato in tempo reale, e tramite l’hashtag #ilMaggioDeiLibri, da utilizzare al momento di condividere su social network, blog e siti la propria iniziativa grazie al link diretto generato al momento della convalida dell’attività. Inoltre, sono disponibili per tutti i soggetti coinvolti i materiali grafici da scaricare e personalizzare per promuovere il proprio programma di eventi.

Il Maggio dei Libri è un’iniziativa del Centro per il libro e la lettura (Ministero della Cultura) in collaborazione con l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Numerose collaborazioni sono in corso di definizione.

 

 Ex Libris Comunicazione

 Carmen Novella, Tel. 335 6792295

 Alessandra Donadoni, Tel. 340 5914581

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PRESENTAZIONE DI TAVOLEDOC LIGURIA - QUARTA EDIZIONE

I “VENERDI A PÂXO” DA COMPAGNA - LIBRI

VENERDI’  24  FEBBRAIO  2023  ALLE  ORE  17,00  A  PALAZZO  DUCALE  SALA BORLANDI – SOCIETA' LIGURE DI STORIA PATRIA

(da piazza De Ferrari, atrio primo loggiato, seconda porta a sinistra piano terra)

  

A COMPAGNA PRESENTA IL LIBRO DI

 

 Enrica Melossi e Alessandra Rotta

 

Francis Carl Fuerst

(1894-1977)

 

 Erga Edizioni

 

La società ligure del Novecento vista attraverso l’obiettivo e la sensibilità di un grande artista della macchina fotografica

 

La presentazione sarà tenuta dalle Autrici  con la collaborazione di Francesco Pittaluga, responsabile de "I Venerdì da Compagna", e Isabella Descalzo.

 

 

I prossimi “Venerdì”

 

- venerdì 10 marzo, Giorgio Oddone, “Eneide di Nicolò Bacigalupo” (Erga Edizioni): traduzione e considerazioni varie su di un testo classico della nostra letteratura vernacolare con illustrazioni di Mauro Moretti

 

- venerdì 24 marzo, Silvia Bottaro, “Vite di Farfa. Lettere, incontri, amicizie, successi” appassionante biografia di Vittorio Osvaldo Tommasini, artista poliedrico naturalizzato ligure e pietra miliare della nostra cultura

2024 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica