NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Recensioni

TASTE 2022 IN FORTEZZA

 
TASTE 15
 
 
TASTE 15
 

Taste 2022 in Fortezza:
impossibile non esserci!

 

“Taste. In viaggio con le diversità del gusto” arriva alla Fortezza da Basso. Dal 26 al 28 marzo 2022, nei nuovi spazi espositivi presenteremo le eccellenze e le novità del food lifestyle, riunite in uno percorso che rende omaggio alla tradizione e sottolinea la costante innovazione. Protagoniste le aziende più rappresentative del settore, per offrire a un target specializzato e sempre più esigente un'esclusiva esperienza tra sapori coinvolgenti, materie prime selezionate e preziose produzioni di nicchia

Come di consueto, Taste sarà aperta anche al pubblico, ma con un'ampia fascia oraria dedicata agli operatori specializzati. 

 

Sabato 26 e domenica 27 marzo 2022
9,30-14,30 (solo operatori) e 14,30-19,30 (apertura al pubblico)

Lunedì 28 marzo 2022
9,30-16,30

 

Ecco una rapida preview degli allestimenti in Fortezza. 

Il percorso si snoderà in maniera circolare, con ingresso e uscita da Porta FaenzaSi parte dal Piano Terra del Padiglione Centrale per arrivare fino al Piano Attico. Taste prosegue poi nel Padiglione Cavaniglia, dove sarà allestito lo shop che permetterà alle aziende presenti di mettere in vendita i propri prodotti.

Due le tipologie di spazi espositivi a disposizione delle aziende. I moduli “bancone”, che a questa edizione - per garantire la tutela della salute di tutti – non potranno proporre assaggi o degustazioni. E gli stand pre-allestiti, grande novità per gli espositori di Taste, che avranno così la possibilità di far gustare i propri prodotti nel rispetto delle normative anti-Covid. 

Eventi, progetti speciali, collaborazioni e tanti contenuti editoriali contribuiranno a convogliare l'attenzione di stampa, buyer e visitatori su questi tre giorni all'insegna del gusto e della ricercatezza.

 

Anche Taste 2022 
su Pitti Connect

Anche Taste 2022 su Pitti Connect
 

A partire da questa edizione anche gli espositori di “Taste. In viaggio con le diversità del gusto” hanno a disposizione un nuovo strumento di lavoro per presentarsi e dialogare con stampa e buyer: Pitti Connect, la piattaforma digitale che già affianca gli altri saloni fisici di Pitti Immagine e che rappresenta un importante strumento di networking. 

La aziende di Taste 2022, attraverso pagine dedicate, potranno presentarsi e raccontare i propri prodotti in una sorta di vetrina virtuale che costituisce anche un'interfaccia con il mondo dei buyer, degli operatori e della stampa specializzata. I compratori, a loro volta, potranno effettuare ricerche e approfondire l'offerta del salone, contattare gli espositori, programmare gli incontri e il proprio lavoro in Fortezza. 

La lista delle aziende che hanno aderito è già online! >>

 
Anche Taste 2022 su Pitti Connect
 
 
PRESS:
ph. +39 055 3693407 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
ph. +39 02 86462919 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Facebook Instagram Linkedin Wechat
 
Sponsor Taste
Main Partner
Unicredit
Pitti Boys and Girls wear
Ecoalf
Ricevi questa email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. perché hai dato il consenso a ricevere le nostre comunicazioni. Puoi annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul collegamento disiscrizione.

 

Disiscrizione

VINO (UIV): BOOM DI RINCARI, LE AZIENDE COSTRETTE A RICONTRATTARE I LISTINI

Il vino vola in doppia cifra nelle vendite sia in Italia che in Europa, ma ha comunque poco per cui brindare. Colpa - rileva Unione italiana vini (Uiv) - del boom di rincari, anch’essi in doppia cifra, che influiscono nell’ordine del 30% sul prodotto finito.  I costi alle stelle riguardano tutto, dalle materie prime secche al prodotto, quindi dal vetro alle etichette, dai cartoni alle chiusure delle bottiglie, dai trasporti (con le tariffe per i container che sono lievitate del 400%) all’energia elettrica fino al prezzo medio del vino stesso, che complice una vendemmia a bassi volumi sale in diversi casi a +40% rispetto allo scorso anno. Un combinato disposto che, secondo il segretario generale, Paolo Castelletti “costa al settore anche più di quanto stimato solo un mese e mezzo fa: allo stato attuale la ‘bolletta’ supplementare per il settore supera ormai 1 miliardo di euro, e questo al netto delle difficoltà nelle consegne del vino, che cominciano a evidenziarsi anche se in misura molto minore che in Francia. È del tutto evidente – ha aggiunto il segretario dell’associazione che rappresenta l’85% dell’export italiano del settore – che le imprese saranno costrette entro breve a rivedere i listini precedentemente accordati con distributori e importatori. Una partita le cui conseguenze non saranno semplici da gestire, perché rischia di stritolare le aziende più deboli con il pericolo di generare una pericolosa spirale al ribasso. Chiediamo pertanto massima attenzione da parte del Governo nei prossimi provvedimenti di legge di Bilancio e delega fiscale, per assicurare misure di alleviamento dei costi fissi (tassazione sul lavoro ed energia) che possano sostenere il mondo produttivo e non mortificarne la competitività”.

 

Da Nord a Sud il quadro fornito dalle principali aziende socie Uiv è lo stesso. Per Daniele Simoni, amministratore delegato di Schenk (50 milioni di bottiglie l’anno): “Saremo costretti a ricontrattare i listini già a partire dall’inizio del prossimo anno: alcune Doc, come il Primitivo di Manduria, si sono apprezzate fino al 50%, il Prosecco del 30%, ma anche in Toscana o in Piemonte i valori sono lievitati”. A Valdobbiadene, nell’azienda Mionetto - quasi 40 milioni di bottiglie -, la situazione è la stessa: “Non possiamo pensare di assorbire tutti questi aumenti con le nostre forze – ha detto il consigliere delegato, Alessio del Savio –; cartone, vetro, capsule ed etichette presentano un conto superiore del 20% ma oltre alla spesa si sta manifestando un problema non secondario di approvvigionamento”. Da Conegliano a Erbusco con Terra Moretti, gruppo che dalla Franciacorta ha allargato il proprio raggio produttivo in 3 regioni e 6 cantine. Per l’ad, Massimo Tuzzi: “Solo con i fornitori di vetro l’aumento è segnalato in doppia cifra, ma tutte le componenti sono in rialzo. È chiaro che da gennaio saremo costretti ad aumentare i prezzi, ma il nostro obiettivo è assorbire, per quanto possibile, parte dei surplus: di fronte alle difficoltà del periodo riteniamo giusto che ognuno faccia la propria parte, sia in ambito produttivo che commerciale”.

 

 

Marta De Carli

LUIGI CAPPELLINI È IL NUOVO PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE DISTRETTO RURALE DEL CHIANTI OBIETTIVI: INVESTIMENTI E SOSTENIBILITÀ SUL TERRITORIO

 

 

 

 

Luigi Cappellini, proprietario dell’azienda Castello di Verrazzano, è stato nominato Presidente dell’Associazione di Distretto. 

L’Assemblea dell’Associazione di Distretto, tenutasi lo scorso venerdì 12 novembre, ha eletto il suo nuovo portavoce: Presidente dell’Associazione del Distretto Rurale del Chianti è stato nominato Luigi Cappellini dell’azienda Castello di Verrazzano di Greve in Chianti, che succede a Tommaso Marrocchesi Marzi dell’azienda Bibbiano di Castellina in Chianti. Rimane invece, nel ruolo di Vice Presidente, Paolo Sottani, primo cittadino di Greve in Chianti.

Fare sistema per attrarre investimenti e promuovere la qualità del territorio: su questo presupposto si fonda il Distretto Rurale del Chianti, nato nel 2017, nell’area corrispondente alla zona di produzione del vino Chianti Classico Gallo Nero. Coinvolte nel Distretto, le Amministrazioni comunali del territorio assieme al Consorzio Vino Chianti Classico, al Consorzio Olio DOP Chianti Classico e alla Fondazione per la Tutela del Territorio del Chianti Classico. L’obiettivo comune è quello di favorire l’integrazione economica e sociale, culturale e turistica, nel rispetto della conservazione e riproduzione degli equilibri naturali per arrivare a una programmazione condivisa degli interventi. 

 

Il Distretto del Chianti è già operativo da alcuni anni e ha l’obiettivo principale di porsi come punto di riferimento del territorio per le politiche di sviluppo, in grado di intercettare risorse, sia interne che esterne, e di realizzare un progetto economico territoriale pluriennale con una particolare attenzione ai temi di natura ambientale, urbanistica e paesaggistica. “Mi preme innanzitutto ringraziare i soggetti costitutivi del Distretto Rurale per la condivisione del mio nome per la carica di Presidente dell’Associazione di Distretto – dichiara Luigi Cappellini - una grande responsabilità che assumo con l’impegno di fare e fare bene. Ringrazio in particolare Tommaso Marrocchesi, il mio predecessore, per l’importante lavoro fino ad oggi svolto. L'obiettivo principale dell'Associazione è quello di andare incontro alle esigenze del territorio, realizzando un progetto economico in grado di facilitare le attività di impresa e stimolare le attività culturali e sociali, migliorando le condizioni di residenza nel nostro territorio. Per fare questo è imprescindibile tenere conto delle esigenze del comprensorio chiantigiano, in particolare la salvaguardia delle produzioni agricole di eccellenza e la costituzione delle condizioni per l’avviamento di nuove attività economiche, per il miglioramento delle reti digitale, idrica, dell’energia e della mobilità, temi molto sentiti e partecipati a cui stiamo dando e continueremo a dare risposte concrete. Il Distretto è infine il mezzo migliore per tenere vivi gli impegni di Pontignano, che costituiscono una sorta di carta costituzionale per il nostro magnifico territorio.

 

Ufficio Stampa Consorzio Vino Chianti Classico

Silvia Fiorentini

LA FRANCIA DI PRET-A-IMPORTER

                                          Fotoservizio di Claudia Paracchini

 

Lo scorso 25 novembre presso la preziosa cornice dell' NH Collection Genova Marina al Molo Ponte Calvi di Genova la casa distributrice Vini di Francia Pret-a- Importer ha presentato e offerto in degustazione ai suoi amici e clienti la sua ricca selezione dei migliori vini con qualche nuovo arrivato in famiglia. 

Imperatori su tutto gli champagnes che, amorevolmente selezionati dalla Sommelier di Vini di Francia  Delphine Chemla, hanno fatto da ouverture agli amuse-bouche del ricco buffet. Grande ed entusiasta la partecipazione che ha visto confermato il successo consolidato negli anni di Vini di Francia presente a Genova Carignano in Via Miramare 1 già dal 2003. La loro importazione di vino da tutte le zone della Francia con la costante ricerca di prodotti eccellenti e con un occhio attento al buon rapporto qualità prezzo fa si che il cliente italiano possa assaggiare qualcosa di diverso a parità di prezzo dei prodotti nazionali. Il matrimonio di Delphine Chemla francese di Parigi e di Marco Morino , piemontese di Torino,  ha creato il giusto connubio ideale da chi viene dal mondo e terroir del vino. Al loro matrimonio 30 anni fa, lo zio di Delphine regalo a tutti un po' per gioco lo Champagne -Chassenay d'Arce di cui oggi sono importatori ufficiali per tutta Italia.

Ecco i vini in degustazione della serata :

 

L’avvenente sommelier e importatrice Delphine Chemla

 

Champagne -Chassenay d'Arce: 

cuvée Sélection brut

cuvée Première brut

cuvée Rosé brut

cuvée Blanc de blancs 2010 brut 

cuvée Confidences brut 

cuvée Confidences rosé brut

 

Champagne Emile Leclère: 

cuvée Vincent Delouvin

cuvée du Bicentenaire 

cuvée Comte des Essarts

 

Loira - Maison Chéreau-Carré: 

Muscadet sur lie La Griffe 2020

Colère Folle Blanche 2020

 

Provenza - Château de Saint Martin:

L'Âme de Saint Martin Collection 2021

N.2 rosé 2020 Rose&Roll 2020

 

Côtes du Rhone: 

Blanche 2019

 

Languedoc: 

Jacques 2016

 

Alsazia - La Cave du Vieil Armand: 

Crémant brut

Crémant rosé

Sylvaner 2020

Riesling Tradition 2018 

Gewurztraminer Tradition 2019 

Gewurztraminer Grand Cru Ollwiller 2018

 

Bourgogne - Baudoin Millet: 

Chablis 2019

 

Château de Laborde-Hervé Kerlann: 

Blanc de Pinot Noir

Pinot noir 2016 

Cuvée H 2015

 

Bordeaux:

Château Les Roques rosso 2016

Château Cantegric 2017 Haut-Médoc

 

Sauternes:

Château Clos Haut-Peyraguey 2010 1er Grand cru Classé 1855

Château Fleury 2018

 

Liquoristerie de Provence: 

Bitter des Basques

Gin Poulpe Bleu 

Whisky Singlar 

Liqueur de Figue 

Liqueur de Lavande 

Liqueur de Verveine 

Liqueur de Melon et Amandes 

Liquefur d'Angélique 

Liqueur de Thym

VAL DI FASSA, AL BUFFAURE SI SCIA CON LA BREGOSTANA

L’installazione gigante, che ritrae uno dei personaggi più frequenti nelle leggende ladine, osserva il passaggio degli sciatori da bordopista, seminascosta tra due alberi. 

Tremate, tremate, le streghe sono tornate! Anzi no, in questo caso non si parla proprio di streghe ma di Bregostane, le mitiche figure delle leggende ladine, generalmente descritte come brutte, cattive e coperte di peli, pronte ad attaccare chiunque avesse la sfortuna di incontrarle.

Una di queste, in formato gigante, è apparsa da qualche giorno lungo le piste della skiarea del Buffaure, nel comune di Sen Jàn (Pozza di Fassa), in Val di Fassa, pronta ad accompagnare gli sciatori per tutta la stagione invernale e non solo.

Realizzata in materiale naturale di recupero, tra cui il legno degli alberi abbattuti dal passaggio della tempesta Vaia, e perfettamente integrata nel paesaggio circostante, è firmata dall’artista Francesco Franz Avancini e sarà solo la prima di una serie di opere dedicate ai simboli della vita in montagna e della cultura popolare di questi luoghi, che prenderanno vita a partire dalla prossima estate.

Un progetto teso alla valorizzazione di questa meravigliosa località, che offre l’opportunità di sciare con una vista magnifica sulle più belle cime dolomitiche, tra Sassolungo, Sassopiatto, Catinaccio, Gruppo del Sella e Marmolada.

A disposizione degli amanti della neve, la nuovissima pista azzurra “Salvan”, dedicata al leggendario e curioso personaggio dalla lunga barba che vive i boschi e i fiumi del Buffaure;diverse piste rosse, tra cui la apprezzatissima “Panorama”, oggi dotata anche di un nuovo “fun slope”; e la temeraria “Vulcano”, che vanta picchi di pendenza del 38% e un dislivello totale di 566 metri, per un momento di pura adrenalina.

Non solo. Il circuito è collegato a oltre 1.200 km di piste ed è la prima porta di accesso trentina al Sellaronda (e quindi a Val Gardena, Alpe di Siusi, Val Badia ed Arabba) . Dotato di un campo scuola a monte, ricco di giochi per consentire ai più piccoli di imparare divertendosi, offre una serie di corsi di diverso livello tecnico e per diversi target di età, dai 5 anni in su, con strutture coibentate per riparo e il ristoro

A disposizione degli sciatori gourmet, inoltre, ben 4 rifugi che garantiscono piacevoli pause enogastronomiche con le migliori specialità della cucina locale e momenti di relax: Al Zedron, La Bolp, Rifugio Buffaure, con 2 camere tradizionali, e Baita Cuz, dotato di 7 camere panoramiche recentemente rinnovate per un esclusivo pernottamento in quota. Scendendo con gli sci a Pozza, inoltre, meritevoli di una sosta culinaria anche il Ristorante Soldanella e il Dolomiten Geyser, perfetto anche come après ski.

La skiarea, aperta dal prossimo 4 dicembre e fino al 10 aprile 2022, è raggiungibile con la telecabina Pozza-Buffaure, che in 8 minuti accompagna gli ospiti fino a 2.000 metri di altitudine. Attraverso gli altri impianti, oltre al circuito Sellaronda, è possibile accedere al Ciampac e alla skiarea di Canazei. Il parcheggio a valle è gratuito ed è presente un pratico deposito riscaldato in cui lasciare la propria attrezzatura al termine della giornata sulla neve, per ritrovarla completamente asciutta il giorno successivo e vivere una nuova indimenticabile esperienza in tutta comodità.

 

In allegato, comunicato stampa, immagine della bregostana e delle piste da sci. Per ricevere gli scatti ad alta risoluzione, o ulteriori informazioni, contattare:


Stefania Casagranda
388 7216228 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AUTOCTONO SI NASCE…

di Virgilio Pronzati

 

Un irrinunciabile appuntamento per tutti gli appassionati di vino e non solo.  E’ l’evento nazionale più importante dedicato ai vini di vitigni autoctoni italiani, che Go Wine  promuove annualmente da più di un lustro, nelle più grandi città. Oltre cinquantacinque vitigni autoctoni presenti, estratti dal nostro patrimonio ampelografico unico al mondo.  Un’occasione che i genovesi e liguri non si sono lasciati scappare, affluendo numerosi allo StarHotel President, sede carismatica  delle iniziative genovesi firmate Go Wine. Oltre centoventi etichette tra quelle dei banchi d’assaggio e l’enoteca, provenienti da tutto l’enoico stivale. Vini blasonati, storici,  famosi e poco noti ma tutti di elevata qualità. Eccovi gli oltre cinquantacinque vitigni autoctoni da cui derivano i vini degustati.

Aglianico (Basilicata, Campania); Albarola (Liguria); Ancellotta (Lombardia); Barbera (Piemonte, Emilia); Bombino Bianco (Puglia); Cannonau (Sardegna); Catarratto (Sicilia); Chatus-Nebbiolo di Dronero (Piemonte); Coda di Volpe (Campania); Ciliegiolo (Liguria); Cornalin (Valle d’Aosta); Corvina (Veneto); Croatina (Lombardia, Emilia Romagna); Dolcetto (Piemonte); Erbaluce (Piemonte); Falanghina (Campania); Fiano (Campania); Foglia Tonda (Toscana); Friulano (Friuli); Garganega (Veneto); Glera (Veneto); Greco (Campania); Lambrusco Ruberti (Lombardia); Malvasia (Friuli); Malvasia di Candia (Emilia Romagna); Montepulciano (Abruzzo); Moretto-Lambrusca di Alessandria (Piemonte); Moscato di Castiglione (Abruzzo); Nebbiolo (Piemonte); Nero di Troia (Puglia); Nieddera (Sardegna); Ortrugo (Emilia Romagna); Pecorino (Abruzzo); Perricone (Sicilia); Petite Arvine (Valle d’Aosta); Petit Rouge (Valle d’Aosta); Piedirosso (Campania); Pignoletto (Emilia Romagna); Pollera Nera (Liguria); Primitivo (Puglia); Refosco dal Peduncolo Rosso (Friuli); Ribolla Gialla (Friuli); Ruchè (Piemonte); Sagrantino (Umbria); Sangiovese (Toscana, Umbria); Schioppettino (Friuli); Tintilia (Molise); Turbiana (Lombardia); Trebbiano (Abruzzo); Trebbiano Spoletino (Umbria); Uvalino (Piemonte); Vermentino (Liguria, Sardegna); Vermentino Nero (Liguria); Vernaccia Nera di Serrapetrona (Marche); Vite del Fantini (Emilia Romagna). Cantine e vini ai banchi d’assaggio 

 

 I produttori di Autoctono si nasce… 2021 

Cantina Sociale di Quistello – Quistello (Mn) - 1.6 Armonia Spumante metodo classico 2018, 80 Vendemmie 2020 IGP, Gran Rosso del Vicariato di Quistello IGP 2020, Lambrusco Mantovano Dop Rossissimo 2020

Domus Hortae – Orta Nova (Fg) - Ti Esti IGT  2020, Kimere IGT 2020, Kia Ros IGT 2020, Kalinero IGT 2018, ReMoto IGT 2019, 17 88 IGT 2018, D.H.E.S.  IGT 2018

Fontecuore – San Giorgio (To) - Erbaluce di Caluso Docg Pleiadi 2015, Erbaluce di Caluso Docg Andromeda 2018, Canavese Doc Nebbiolo Pegaso 2017,  Crateri vino macerato 2016

Gigante Adriano – Corno di Rosazzo (Ud) - Spumanti Prima Gialla Brut e Prima Nera Rosè, Ribolla Gialla 2020, Pinot Grigio 2020, Malvasia 2020,  Friulano 2020, Friulano Vigneto Storico 2019, Chardonnay 2019, Refosco Riserva 2016, Schioppettino Riserva 2017, Merlot Riserva 2015

La Source – Saint Pierre (Ao) - Valle d’Aosta Doc Petit Arvine 2020, Valle d’Aosta Doc Rosè 2020, Valle d’Aosta Doc Cornalin 2016, Valle d’Aosta Doc Gamay 2017,   Valle d’Aosta Doc Torrette 2016, Valle d’Aosta Doc Torrette Superiore 2015

Leone De Castris - Salice Salentino (Le) - Per Lui Rosso Salento IGT Ottavianello  2015,  Il Lemos  IGT  Sussumaniello 2020

Lunae Bosoni – Castelnuovo Magra (Sp) -  Labianca Liguria di Levante IGT 2020, Colli di Luni Doc Albarola 2020, Liguria di Levante IGT Vermentino Nero 2020, Liguria di Levante IGT Ciliegiolo 2020

Montalbino – Montespertoli (Fi) -  Toscana IGT Trebbiano 2020, Toscana IGT Rosso Montalbino 2019, Chianti Montespertoli Docg 2019, Chianti Superiore Docg 2018

Podere Riosto – Pianoro (Bo) - Colli Bolognesi Doc Barbera, Colli Bolognesi Doc Merlot, Vecchio Riosto IGT, Pignoletto frizzante Docg, Pignoletto Superiore Docg, For You Spumante Rosè. 

Poderi Gianni Gagliardo – La Morra (Cn) - Barolo Docg Lazzarito Vigna Preve 2013, Langhe Doc Fallegro 2020, 

Quila – Neive (Cn) - A.Quila Langhe Doc Favorita 2019, Mus-Quila Moscato secco 2020, MX-Quila Piemonte Rosso 2019, Piemonte Albarossa 2019, Barbaresco Docg 2017

Ricchi F.lli Stefanoni – Monzambano (Mn) - Spumanti metodo classico: Essenza 2015, Espressione 8 2015, Rosalinda 10 2019, Lugana Doc 2020, Meridiano 2019, Ribò 2019, Carpino 2016

Tenuta Sant’Antonio – Colognola ai Colli (Vr) - Vini vegani: Telos Bianco 2020, Telos Pinot Grigio 2020, Telos Rosso Valpolicella Superiore Doc 2018, Telos Amarone della Valpolicella Doc 2015

Torre Fornello – Ziano Piacentino (Pc) - Spumante Metodo Martinotti 2019, Donna Luigia Colli Piacentini Doc Malvasia 2018, UNA Colli Piacentini Doc Malvasia 2015 

 

Il presidente di Go Wine Massimo Corrado con le sommelier Fisar Anita Manichedda, Alessandra Marsano e Elisa Marzano 

 

Vini in degustazione nella sezione enoteca

 

Alessandro di Camporeale - Camporeale (Pa) - Sicilia Grillo Vigna di Mandranova 2020, Sicilia Nero d’Avola Donnatà 2019

Antonelli San Marco – Montefalco (Pg) - Trebbiano Spoletino “Trebium” 2020, Montefalco Rosso 2018, Montefalco Sagrantino 2015

Benotti Rosavica – Priocca (Cn) - Barbera d’Alba 2020, Langhe Nebbiolo 2020, Roero 2018

Cantina del Mandrolisai – Sorgono (Nu) - Mandrolisai Rosso “Kent’Annos” 2020, Mandrolisai Rosso Superiore “Kent’Annos” 2015, Cannonau di Sardegna “Kent’Annos” 2019

Cantina Ogliastra, Terra della Longevità – Tortolì (Nu) - Spumante Brut Rosè “Rocce Rosse”, Isola dei Nuraghi Igt Bianco “Kannu-naum”, Cannonau di Sardegna “Violante” 2016

Cantine Iannella – Torrecuso (Bn) - Taburno Falanghina del Sannio 2020, Taburno Aglianico 2018

Cascina Castlet – Costigliole d'Asti (At) - Barbera d’Asti Superiore “Litina” 2017, Monferrato Rosso “Uceline” 2013 

Consorzio Club del Buttafuoco Storico – Canneto Pavese (Pv)

Buttafuoco “I Vignaioli del Buttafuoco Storico” 2016 

Contini – Cabras (Or) - Vermentino di Gallura “Elibaria” 2020, Tharros Igt Rosso “I Giganti” 2017 

Marisa Cuomo - Furore (Sa) - Costa d’Amalfi Ravello Bianco 2020, Costa d’Amalfi Furore Bianco 2020, Costa d’Amalfi Furore Rosso 2020

D’Angelo – Rionero in Vulture (Pz) - Basilicata Igt Rosso “Canneto” 2017, Aglianico del Vulture “Caselle” 2015 

De Tarczal - Marano d’ Isera (Tn)Trentino Marzemino d’Isera Superiore 2018,  Vallagarina IGT Lagrein 2017  

Di Majo Norante – Campomarino (Cb) - Tintilia del Molise 2019

Fontanavecchia – Torrecuso (Bn) - Taburno Falanghina del Sannio 2020, Aglianico del Taburno Vigna Cataratte 2015

Il Feuduccio di Santa Maria D’Orni – Orsogna (Ch) - Colline Teatine Igt Pecorino Feuduccio 2020, Cerasuolo d’Abruzzo Feuduccio 2020, Montepulciano d’Abruzzo Ursonia 2016 

La Tordera – Vidor (Tv) - Rive di Guia Valdobbiadene Extra Brut zero zuccheri Otreval 2020, Treviso Prosecco Brut Rosè Tor Sé 2020

Mauro Vini – Dronero (Cn) - Nebbiolo di Dronero “Drôné” 2019 

Montalbera, Terra del Ruchè – Castagnole Monferrato (At) - Barbera d’Asti Superiore “Lequilibrio” 2018, Ruchè di Castagnole Monferrato “Laccento” 2019

Mulassano Fratelli – Alba (Cn) - Dolcetto d’Alba 2019, Barbera d’Alba 2019, Nebbiolo d’Alba 2019 

Scubla Roberto – Premariacco (Ud) - Colli Orientali del Friuli Ribolla Gialla 2020, Colli Orientali del Friuli Friulano 2019, Colli Orientali del Friuli Refosco dal Peduncolo Rosso 2018 

Stanig – Prepotto (Ud) - Colli Orientali del Friuli Friulano 2020, Colli Orientali del Friuli Malvasia 2020, Colli Orientali del Friuli Schioppettino 2018

Tenuta Cavalier Pepe – Sant’Angelo all’Esca (Av) - Irpinia Coda di Volpe Bianco di Bellona 2020, Irpinia Falanghina Santa Vara 2019, Irpinia Campi Taurasini Santo Stefano 2016

Terre di Serrapetrona – Serrapetrona (Mc) - Vernaccia di Serrapetrona Spumante “Vernaccianera”,  Serrapetrona "Collequanto" 2015, Serrapetrona Doc "Robbione" 2013 

Zaccagnini – Bolognano (Pe) - Trebbiano d’Abruzzo San Clemente 2020, Abruzzo Pecorino Chronicon 2020, Montepulciano d’Abruzzo Chronicon 2018, Colline Pescaresi Igt Plaisir bianco passito (da uve moscato)

 

Viti, Vignaioli in Terre di Irpinia  con le aziende: 

Cantina del Barone – Cesinali (Av)  - Campania Fiano “Paòne” 2019

Cantine dell’Angelo – Tufo (Av) - Greco di Tufo “Miniere” 2018

Il Cancelliere – Montemarano (Av) - Irpinia Aglianico “Gioviano” 201

ARCHITETTURA, VINO E CONVIVIALITÀ: L’ARTE TORNA IN MOSTRA ALL’ANTICA CASA VINICOLA SCARPA

 

SABATO 13 NOVEMBRE NELL’AZIENDA DI NIZZA MONFERRATO (AT) INAUGURA l’ESPOSIZIONE «CONVIVIUM» DELL’ARTISTA FRANCESCO CAMPESE. RESTERÀ APERTA FINO AL 15 GENNAIO 2022

 

Gli spazi architettonici ripensati senza la figura umana, gli oggetti che diventano protagonisti e fanno riflettere sul tema della convivialità: questi i temi attorno a cui ruoterà la nuova mostra d’arte «Convivium» che sarà inaugurata sabato 13 novembre, alle 18,30, all’Antica Casa Vinicola Scarpa di Nizza Monferrato (At). L’esposizione sarà aperta, su prenotazione, fino al 15 gennaio 2022.

«Dopo “Calici e tessuti”, allestimento estivo che ha inaugurato la fine dei lavori di restauro della cantina - dice Riikka Sukula, general manager Scarpa - rinnoviamo il nostro percorso di ricerca e commistione di arte/vino. Per il 2022 abbiamo in programma altre tre mostre d’arte: il nostro ampio salone, appena restaurato, si apre e si trasforma in una galleria artistica per dare spazio e supportare giovani artisti italiani e internazionali».

In esposizione, questa volta, le opere del giovane artista campano Francesco Campese che, nel corso della sua ricerca creativa e di riflessione dopo il lungo periodo di assenza di socialità obbligata, ha ripensato e tradotto in arte il concetto di «vuoto» e il tema degli spazi di aggregazione esenti dalla figura umana. Campese reinterpreta così le opere dei grandi maestri del passato: manifesto della mostra di Casa Scarpa è l’opera «Dopo l’ultima cena», realizzata in occasione di Expo Milano 2015, che spoglia il celebre affresco di Leonardo di uomini e vivande, lasciando il tavolo vuoto e l’architettura attorno e ponendo l’attenzione sul tema della convivialità e del tavolo come simbolo di socialità e condivisione.

«Le opere di Campese – commenta Matteo Chincarini, curatore della mostra - trasportano in una atmosfera fantasiosa fatta di architetture statiche, sospese, in attesa dei suoi protagonisti. Scenografie abbandonate di un vecchio set cinematografico o di un teatro che aspetta i suoi attori. Un vento freddo e rigido accompagna il visitatore mentre osserva i suoi lavori, precisi per tecnica e attenti ai dettagli naturalistici. Paesaggi metafisici e forme sospese creano nello spettatore curiosità e attenzione per andare aldilà del dipinto. Una tecnica studiata, velata e costante che trasmette sicurezza e una visione dell’artista netta e ben salda».

La visita alla mostra è compresa nella degustazione. Si prenota sul sito www.scarpawine.com

 

Francesco Campese: nato ad Avellino nel 1986 si è trasferito a Roma per seguire il corso di pittura tenuto da Giuseppe Modica all’Accademia di Belle Arti. Durante gli studi gli interessi si focalizzavano sempre più sull’aspetto figurativo, andando ad indagare la realtà. Nel 2011, dopo l’Accademia, ha lavorato a una lunga serie di opere che partendo da scenari urbani trascendevano la realtà dando luogo a misteriose strutture architettoniche. Nel 2015 sono nati i primi lavori sull’interpretazione di opere dei grandi maestri del passato (ad esempio l’ultima cena di Leonardo, l’annunciazione di beato angelico o lo studiolo di Antonello da Messina), svuotate da ogni elemento dall’artista ritenuto superfluo compresa la figura umana: l’architettura diventa soggetto. Oggi, dopo infinite sperimentazioni, la ricerca si è concentrata sull’aspetto intrinseco della pittura; a prescindere dal soggetto, la sua fonte di ispirazione è la realtà visibile. Il tempo, la caducità delle cose, la storia sepolta sotto sedimenti di materia, sono punti di riflessione che hanno sempre suscitato interesse nell’artista. Del tutto analogo risulta essere il suo modo di fare pittura che va a cercare un’immagine attraverso stratificazioni di colore, e allo stesso tempo a scavare in esse facendo trasparire le tracce sottostanti.

 

ANTICA CASA VINICOLA SCARPA – LA GEMMA DI NIZZA MONFERRATO

Fondata nel 1854 a Nizza Monferrato, nell’Astigiano, dal veneziano Antonio Scarpa, la storica cantina Scarpa ha da sempre messo al centro della propria attività la produzione e la vinificazione delle uve più nobili delle zone di Monferrato e Langa: in particolare la Barbera e il Nebbiolo per Barolo e Barbaresco. Grande attenzione viene riservata tradizionalmente ai vini da uve autoctone come freisa, ruché, brachetto, dolcetto.

Un’azienda che oggi prosegue lungo la via segnata da Mario Pesce, enologo nicese che dagli anni ’40 contribuì a rendere Scarpa ciò che è oggi, creatore di una delle etichette di riferimento nel mondo della Barbera, La Bogliona.

Terroir e cultura è il binomio che guida l’attività della cantina, con l’adozione di pratiche di sostenibilità nei vigneti e la scelta di lunghi tempi di affinamento in cantina. Nelle cantine Scarpa a Nizza Monferrato si possono trovare bottiglie rare e vini risalenti fino alla vendemmia del 1962.

Un’esperienza unica che comprende anche tre vermouth: ricette storiche per il Bianco e il Rosso con l’utilizzo di erbe locali e l’uso di Moscato d’Asti docg, e un nuovo prodotto assoluta novità sul mercato: un vermouth extra-dry non filtrato.

 

SCARPA IN NUMERI:

VIGNETI: 22 ettari (il corpo principale attorno al podere I Bricchi nella zona di Nizza Monferrato oltre alle recenti acquisizioni di 2 ettari a Verduno, nel cru Monvigliero e 2 ettari a Neive, cru Canova).

BOTTIGLIE PRODOTTE: 120mila ogni anno

REFERENZE:
Barbera d’Asti Docg Casa Scarpa; Barbera d’Asti Docg I Bricchi; Barbera d’Asti Superiore Docg La Bogliona

Nebbiolo d’Alba Doc Bric Du Nota; Barbaresco Docg Tettineive; Barolo Docg Tettimorra; Dolcetto d’Acqui Doc; Monferrato Doc Freisa

Monferrato Rosso Doc Rouchet; Vino Rosso Selva Di Moirano; Brachetto d’Acqui;

Vermouth di Torino Rosso; Vermouth Bianco; Vermouth Extra-Dry Non Filtrato

Moscato d’Asti Docg Tacco 12 

 

Fiammetta Mussio

LÖWENGANG UVAGGIO STORICO, DA VITI DI 140 ANNI

 

Il rosso LÖWENGANG della Tenuta Alois Lageder torna sul mercato con l'annata 2018 in una veste tutta nuova e con un nuovo nome

Pronta per il lancio anche l’edizione RARUM 2021, con il LÖWENGANG Cabernet delle annate 1996, 1998, 2003, 2005, 2007 e 2010

 

Con il lancio dell’annata 2014, il rosso LÖWENGANG ha festeggiato il 30esimo anno dall’inizio della sua produzione e anche un’importante novità, che lo ha reso ancora più unico nel panorama enologico: per la prima volta è stato vinificato partendo da uve con un DNA di oltre 140 anni.  Torna quest’anno con la 2018 e “ribattezzato” LÖWENGANG Uvaggio storico.

Le uve per questo vino sono raccolte in vigneti tra i più vecchi dell’Alto Adige, situati nell’omonimo maso a Magrè, appartenente alla famiglia Lageder dal 1934. Il loro impianto risale però agli anni intorno al 1875, quando il proprietario dell’epoca, il conte Melchiori, piantò le parcelle di Magré con Carménère, Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon. I vigneti, inoltre, si trovano in un’area particolarmente vocata alla vite, su un conoide detritico ai piedi di ripide pareti rocciose che proteggono le piante e creano condizioni climatiche miti e ottimali. 

Per mantenere e tramandare il tesoro di questo DNA unico alle future generazioni, qualche anno fa le viti, dopo una selezione massale per scegliere quelle che davano migliori caratteristiche ai vini, sono state moltiplicate, innestate e piantate negli stessi vigneti. Il LÖWENGANG Uvaggio Storico è quindi un assemblaggio di uve di viti vecchie e giovani, tutte con lo stesso DNA.

Con il LÖWENGANG Uvaggio storico coroniamo un progetto che intende preservare un patrimonio storico da un lato e alzare ulteriormente l’asticella della qualità dei nostri vini.  Abbiamo realizzato qualcosa di unico, perché rispetto alle viti giovani, che danno al vino forza e freschezza, le vecchie viti affascinano con la loro saggezza e danno al vino complessità e un'incredibile armonia", spiega Alois Clemens Lageder.

"Il successo qualitativo di questo progetto si è concretizzato con l'annata 2014 e proseguirà nei prossimi anni. Per questo abbiamo deciso di evidenziare in etichetta, a partire da quest’anno, l’Uvaggio storico che contraddistingue questo nuovo percorso", aggiunge Helena Lageder, responsabile della comunicazione e del marketing nell'azienda di famiglia.

Per la rigorosa selezione delle uve, il LÖWENGANG Uvaggio Storico 2018 è disponibile in quantità molto limitate.

 Questo vino sarà anche protagonista della collezione RARUM 2021.Ogni anno la Famiglia Lageder seleziona per l’assortimento RARUM il vino e le annate con le caratteristiche migliori, risultato delle degustazioni interne all’Azienda. Per la prestigiosa edizione 2021 sono state selezionate le annate 1996, 1998, 2003, 2005, 2007 e 2010 del LÖWENGANG Cabernet, racchiuse in un prezioso cofanetto in legno.

 

Simonetta Gerra

2022 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica