NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Recensioni

BATTIPALO - I PIATTI DEL MENU DI PASQUA

 

Battipalo- I piatti signature per il menu di Pasqua pieds dans l’eau sul Lago Maggiore
 
Qui i piatti fotografati da Stefano Caffarri 
Qui le foto del ristorante 

La Pasqua al ristorante Battipalo sarà un vero e proprio menu con i piatti signature dell’ultimo menu della chef Simona Benetti per 50 euro a persona bevande escluse: una forte attenzione per i prodotti del territorio come i formaggi, le erbe spontanee, le verdure che vengono coltivate direttamente dal loro orto. Per i più piccoli si è pensato a un menu a loro dedicato a 16 euro.
 
Antipasto
Carciofo brasato e uovo croccante al parmigiano
oppure
Roast beef di bue, salsa all’aringa e misticanze
Primo
Riso, prosciutto, piselli e furmaggetta
oppure
Tortellini di agnellone e tarassaco nel loro brodo ristretto
Secondo
Capretto del monte Fenera
oppure
Baccalà e calamaro in olio cottura, purè di fave e cicoria
Dolce
“Colomba”
oppure
Parfait al cioccolato, rabarbaro, crumble di grano e pistacchi
Costo € 50,00 a persona bevande escluse
Per i più piccoli 
Pasta al pomodoro
Cotoletta impanata e patatine
€ 16,00

“Battipalo” prende nome da una delle invenzioni di Leonardo Da Vinci: inventò l'attrezzo per piantare dei pali in agricoltura, successivamente adattato anche per i pali del lago, predisposti sulle chiatte. Il ristorante Battipalo è così, sospeso tra le acque del Lago Maggiore, coronato da ampie vetrate che fanno spaziare lo sguardo, accanto all'attracco del battello gira il Lago e attracca a Lesa, un porto minore e tranquillo della parte piemontese del lago, fermata a richiesta. Solo 45 minuti da Milano: quasi invisibile dalla strada provinciale, ex biglietteria per i battelli, basta girare attorno all'edificio per rimanere sbalorditi dal contrasto avanti/retro: il locale è stato totalmente ristrutturato recentemente per diventare un vero ristorante gourmet per 40 coperti, tra le location più belle e romantiche del lago Maggiore a pochi chilometri dalla Rocca di Arona, da Stresa, dalle isole Borromee e da S. Caterina del Sasso, un antico eremo scavato nella roccia.
 
La storia:
Simona e Gabriele, compagni di scuola alle elementari e una grande passione per la cucina, per lei, per il buon vino, per lui. Lei venditrice di occhiali , lui responsabile commerciale spesso all'estero; si sono rincontrati, sposati, hanno mollato tutto e ora vivono per il Battipalo. Lei timida e materna, ma di saldo polso in cucina, nel suo regno, ama esprimersi attraverso i suoi piatti; lui uomo di sala fatto e finito, ha fatto dell'accoglienza la sua arte e della ricerca di vini e champagne di nicchia la sua forza. Hanno aperto il loro Battipalo nel 2009 e successivamente Simona, per rafforzare la propria conoscenza nel mondo della carne, ha lavorato presso il ristorante stellato Damini&Affini di Arzignano (VI), da Enrico Bartolini e da Ovo in Val d'Aosta sotto la guida dello chef Stefano Zonca.
 
La Cucina:
Ingredienti del territorio, che in questa ala del Piemonte abbondano: pesci di lago stagionali (agoni, anguille, lucioperca, persico e lavarello) da valorizzare in modo meno scontato e classico; i formaggi di Ossola e Valsesia; le erbe spontanee raccolte da Simona stessa, appassionata raccoglitrice (nei suoi piatti troviamo spesso tarassaco, dente di leone, piantaggine), la verdura invece è raccolta quasi interamente nell'orto di casa; il pane del maestro culinario Eugenio Pol; pasta esclusivamente fatta in casa con farine di grani antichi e lievito madre per i lievitati; carne esclusivamente piemontese da un allevatore selezionato e lumache di allevamento bio.
 
La Carta dei Vini: 
Gabriele ha tanta Francia e ovviamente Italia nella sua carta, con oltre 40 etichette di soli piccoli produttori biodinamici di champagne a ottima qualità prezzo e bottiglie dalla Borgogna, sempre piccoli e ricercati produttori, motivo per cui gli appassionati fanno chilometri per degustarli: la clientela proviene da tutta Italia oltre che dall'estero.
 
Orari:
Aperti a pranzo e cena mercoledì e dal venerdì alla domenica
Aperti a pranzo martedì e giovedì
Chiusi tutto lunedì, martedì e giovedì a cena
 
Contatti:
Battipalo
viale Vittorio Veneto 2
28040 Lesa (NO)
0322 76069
 
Per maggiori informazioni ufficio stampa:
Camilla Rocca
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
392. 0531233

Camilla Rocca
 

"STOP ALLA PIZZA DEGLI CHEF"

ANCHE LE CESARINE – LA PIU’ ANTICA RETE DI CUOCHE DOMESTICHE ITALIANE, CUSTODI DEL PATRIMONIO CULINARIO DEL TERRITORIO - SI SCHIERANO CONTRO CRACCO:  "IL PIATTO CHE IL MONDO INVIDIA ALL’ITALIA NON PUO’  ESSERE STRAVOLTO DALLA FANTASIA DEGLI CHEF STELLATI MA DEVE CONTINUARE A RENDERE OMAGGIO A TRADIZIONE E ORIGINI" 

Anche le Cesarine scendono in campo. Le 400 cuoche domestiche, che negli ultimi 14 anni hanno fatto gustare e sognare il palato di tanti turisti internazionali e di molti connazionali con il ragù come lo faceva la nonna o il vero ossobuco della tradizione si schierano compatte nel difendere tradizione e ricetta originale della pizza ma, soprattutto, la  sua“popolarità”.

Nonostante la pizza Margherita, si dice, nasca nel 1889 come omaggio all’omonima regina – sebbene altre fonti arrivino a datare le prime “pizze” quasi 1000 anni prima -  la pizza è uno dei capisaldi del ricettario di una casalinga partenopea. Dalle tecniche legate all’impasto alla scelta degli ingredienti: tutto fa parte di un corollario di consuetudini famigliari tramandate di generazione in generazione che, ancora oggi,  fanno della pizza il piatto più copiato e invidiato al mondo.  

Le Cesarine salvaguardano le tradizioni cucinarie che caratterizzano la cucina italiana, fatta di ricette vere e originali, lontane dalle interpretazioni spesso azzardate che vengono proposte” ha commentato Davide Maggi, AD di Le Cesarine. “Secondo la filosofia cesarinica, apprezzata soprattutto da quel turismo enogastronomico sempre più attento e amante dell’autentica cucina italiana, la proposta di Cracco è un prodotto ottimo…. ma la pizza è un’altra cosa”. 

Proprio la tradizione cucinaria italiana, che nella rielaborazione degli chef stellati va perdendo la sua più autentica matrice, diventa la vera discriminante in un panorama sempre più ricco di proposte ma reo di diffondere l’immagine di una cucina non autentica e soprattutto di danneggiarla.

Purtroppo siamo di fronte a una continua mancanza di rispetto nei confronti di un  patrimonio di gusto che ha scritto una parte importante della nostra storia: le cesarine sono rimaste le uniche a conservare la cucina tradizionale dallo strapotere degli chef e soprattutto da elaborazioni che sono vere e proprie snaturazioni ” conclude Maggi.

La storica rete di home cooking conferma ancora una volta il suo ruolo di primo piano nel perpetuare saperi e di sapori che, a dispetto del prolificare di offerte gastronomiche diverse, premia la vera cucina italiana e il culto della sua tradizione.

 

Festa della Donna? Fuori di… Taste!

 

 

Festa della Donna? Fuori di… Taste!

 

Una Donna Dolce&Forte: al Bernini ricco buffet in … 

salmì e gran finale in dolcezza dedicato alle donne.

 

 

 

 

Il titolo gioca sulle doppie virtù della Donna, la Dolcezza e la Forza, e si svela poi su un gusto tutto da riscoprire della nostra cucina, il “dolce&forte” appunto, che non è un modo di cottura, ma una salsa che accompagnava o veniva aggiunta a fine cottura alla cacciagione cucinata in salmì: così facendo il contrasto del dolce e del forte era accentuato al massimo.


Il tema è interpretato dallo Chef Enrico Lo Presti con una briosa e creativa cena in salmì ambientata nei suggestivi saloni del Bernini Palace Hotel, in Piazza San Firenze, spesso sede di eventi gettonatissimi.

 

Il gran finale è invece firmato da 3 Maestri Pasticceri, stelle indiscusse nel panorama toscano dell'alta pasticceria, con un Maestro Cioccolatiere, giovane talentuosa promessa nel mondo del cioccolato. Quattro grandi personaggi, per la prima volta insieme sulla scena fiorentina: Simone Bellesi, Luca Mannori, Massimo Marcellini e David Bellotti. Ognuno presenta una creazione inedita, dedicata alle donne che hanno amato e che amano. Scopriamo così: Regina Margheria, La Pralina Olga, Il Colore dei Macaron e Una Donna da 10!

 

Il Menù si apre con una ricca scelta di finger food: tartare di salmone marinato all'arancia e ribes; tempura di gamberi su passata di ceci e olio al rosmarino; piccolo flan di pecorino con caramello al miele e timo; spiedini di pollo con bacon croccante e rucola con riduzione di aceto balsamico; falafel con thaina e valeriana; angolo di salumi e formaggi toscani con schiacciata artigianale; piccolo fritto di verdure in tempura alla birra; insalatina mimosa. Poi la torta del cavolo...nero; la minestra di pane grassa... con sfumata di rosmarino e salsiccia; purea di patate mugellane, cacao amaro e tartufo nero; trofiette nel ragout dolce di zucca gialla e il forte  d'aceto balsamico con ricotta affumicata; per arrivare alla tacchinella farcita d'agrumi in salsa dolceforte con fagioli all'uccelletto nel fiasco.

 

Quattro cantine toscane partecipano alla serata con i loro vini, ovviamente anche quelli da dessert: la Fattoria di Piazzano di Empoli, Cantine Ricci dall’aretino, la Bruscola da San Casciano, il Birrificio del Forte da Pietrasanta e Sparla & Gerardi con il suo "Ronchi Pichi“, vino aromatizzato dal sapore d’altri tempi, e lo Champagne Brut Rose’ "Jean-Pierre Lamoureux”.

 

 

MENÙ
tartare di salmone marinato all'arancia e ribes
tempura di gamberi su passata di ceci e olio al rosmarino
flan di pecorino con caramello al miele e timo
spiedini di pollo con bacon croccante e rucola con riduzione di aceto balsamico
falafel con thaina e valeriana
angolo di salumi e formaggi toscani con schiacciata artigianale
fritto di verdure in tempura alla birra
insalatina mimosa
la torta del cavolo...nero
minestra di pane grassa... con sfumata di rosmarino e salsiccia
purea di patate mugellane, cacao amaro e tartufo nero
trofiette nel ragout dolce di zucca gialla e il forte  d'aceto balsamico con ricotta affumicata
tacchinella farcita d'agrumi in salsa dolceforte
fagioli all'uccelletto nel fiasco

 

VINI

CANTINE RICCI
Vino IGT Toscana Bianco "Pian del Bosco", anteprima 2017
Vino IGT Toscana Rosso "Rondinaie", annata 2014
Vino IGT Toscana Bianco Passito "Enrico VII", annata 2011
Az. Agricola Ricci Michela – Loc Case di Sopra, Bucine (AR) – 055 992376 – www.cantinericci.it

 

BRUSCOLA
Chianti Classico DOCG Bruscola 2015
Stibbio IGT 2013
Vin Santo DOC 2010 per il dessert
Azienda Agricola Agrituristica Bruscola S.S. - Via Pisignano, 16 - 50026 - San Casciano in Val di Pesa - 055 828450 - www.bruscola.it

 

BIRRIFICIO DEL FORTE DI PIETRASANTA
Birra Fior di Noppolo (American Pale Ale con luppolo fresco) - Birra La Mancina (Belgian Ale dorata) abbinabile anche per il dessert - Birra Cinturia D'Orione (Winter Ale) per il dessert

www.birrificiodelforte.it - 0584 793384 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FATTORIA DI PIAZZANO

Chianti Docg 2016 Igt Rosato Toscano "Messidoro" 2017
Bianco dell'Empolese doc "Vinsanto" 2008

Fattoria di Piazzano - Via di Piazzano, 5 - 50053 Empoli (Firenze) - 0571 994032 - www.fattoriadipiazzano.it


SPARLA & GERARDI
presenta "Ronchi Pichi“ e Champagne "Jean-Pierre Lamoureux"
Via di Stagno, 12, 50055 Lastra a Signa FI - 055 872 8192

 


Hotel Bernini Palace 
Piazza San Firenze, 29 (Piazza della Signoria) – 50122 Firenze
Tel. + 39 055 288621 – fax + 39 055 268272
Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
hotelbernini.duetorrihotels.com

 


 

AREA DOWNOLOAD

Download locandina 8 marzo

Download immagini Hotel Bernini Palace

Credito foto: AromiCreativi

 

A disposizione ulteriore materiale fotografico su richiesta.

 

 

UFFICIO STAMPA HOTEL BERNINI PALACE

Ufficio stampa: Eleonora Alverà Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., M. +39 333 2356486

Laura Di Nicolantonio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., M. +39 3466373349

 

STELLE D'ITALIA. LUIGI POMATA E FABRIZIO ALBINI PROPONGONO UNA CENA A 4 MANI

 

 

La Sardegna a The Stage per la seconda tappa del Viaggio tra le Stelle

Il tonno rosso di Carloforte e prodotti sardi d’eccellenza saranno i protagonisti del percorso gastronomico proposto dagli chef Luigi Pomata e Fabrizio Albini nella cena a quattro mani in programma venerdì 2 marzo.

Le stelle della cucina italiana continuano a brillare al ristorante The Stage: la seconda tappa del Viaggio tra le Stelle si terrà venerdì 2 marzo in una cena a quattro mani che avrà come protagonista la Sardegna, raccontata attraverso la cucina di uno dei suoi interpreti più significativi, lo chef Luigi Pomata, dell'omonimo ristorante nel centro di Cagliari.

Ma vera stella della serata sarà una delle materie prime più rappresentative e ricercate del Mediterraneo: il tonno rosso di Carloforte, sede della celebre tonnara e patria dello chef Luigi Pomata.

La sua cucina è contraddistinta da un'estrema cura della materia prima che si inserisce alla perfezione nella filosofia di ricerca del ristorante The Stage: per la seconda tappa del Viaggio Tra le Stelle i piatti dello chef Pomata dialogheranno infatti con quelli di Fabrizio Albini, executive chef di The Stage. Albini porterà in scena un altro prodotto simbolo della Sardegna con il suo Maccherone, arselle, peperoncino e bottarga e delizierà gli ospiti della cena con un dessert che ricorda i profumi degli agrumi del Mediterraneo: Pera, cioccolato bianco, vaniglia, pompelmo e zenzero.

In abbinamento ai piatti dei due chef i vini della Cantina Sella&Mosca, una delle più importanti realtà vitivinicole italiane, fondata nel 1899 dall'ingegnere Sella e dall'avvocato Mosca e oggi di proprietà di Terre Moretti. Con i suoi 541 ettari vitati è una delle tenute più vaste d'Europa e rappresenta nel mondo il proprio territorio attraverso la valorizzazione di vitigni autoctoni come Vermentino, Carignano e Cannonau.

 

Menù

Tartare di tonno rosso su spuma di mozzarella, capperi disidratati e uova di pesce – Luigi Pomata

Maccherone arselle, peperoncino e bottarga – Fabrizio Albini

Ventresca di tonno rosso in crosta di pane al prosciutto, bietole selvatiche in due consistenze: in crema aromatizzate all'wasabi e saltate in tegame – Luigi Pomata

Pera, cioccolato bianco, vaniglia, pompelmo e zenzero – Fabrizio Albini

Vini in abbinamento: Sella & Mosca

€ 70 a persona vini inclusi

Info e prenotazioni: 02 63793539 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Eleonora Alverà

A SIENA UNA SERATA GOURMET DEDICATA A RISO ACQUERELLO

 

 

 Il Ristorante Particolare di Siena ha ospitato la cena ‘stellata’ con gli chef Daniel Calosci, Katia Maccari, Augusto Valzelli, Emanuele Donalisio e Giancarlo Maistrello Le proposte creative rendono omaggio al Riso Acquerello invecchiato 7 anni in abbinamento ai vini di Barone Ricasoli  

Una cena stellata per 'gustare' tutte le sfumature del riso. È questo il nuovo appuntamento del ciclo ‘I Sogni del Particolare. Cinque sfumature di Acquerello’, che è andato in scena al Ristorante Particolare di Siena. La serata gourmet ha reso omaggio a una delle eccellenze del Made in Italy, il Riso Acquerello, attraverso le creazioni inedite proposte dallo chef del ristorante Particolare di Siena Daniel Calosci, dalla chef stellata Katia Maccari, da Augusto Valzelli, già Stella Michelin e da Emanuele Donalisio, gota dei giovani ristoratori d’Europa.

Ad accompagnare i piatti anche le proposte creative di grissini e cialde curate da Giancarlo Maistrello, Premio PanettoneDay 2017 e i vini dell’azienda vitivinicola Barone Ricasoli. Ospiti speciali della serata sono stati Piero Rondolino, patron di Riso Acquerello; Francesco Ricasoli, 32esimo Barone di Brolio e Nieva Zanco, giornalista enogastronomica che insieme a Raffaella Giglioni, Marco Gagliardi, Gianluigi Giglioni e Sonia Stante, padroni di casa del Particolare di Siena, hanno ideato la serata gustosa. 

Le proposte creative della serata. Il menù inedito è stato pensato per restituire a tavola il gusto unico della Riserva Acquerello invecchiata 7 anni. Dalla cialda di riso al nero di seppia di Emanuele Donalisio, chef ventimigliese che è uno delle sole 4 “new entry” italiane accolte nell’esclusiva associazione Jeunes Restaurateur d’Europe; al risotto proposto da Augusto Valzelli, classe 1991, diventato nel novembre del 2015 a soli 23 anni il più giovane chef stellato d’Europa, passando per il coniglio karkadè e radici dello chef del Ristorante Particolare di Siena, Daniel Calosci. Per chiudere in dolcezza la serata Katia Maccari, chef stellato e volto noto della ‘Prova del cuoco’ di Rai Uno, ha portato in scena la sua torta di riso con gelato al frutto della passione e cioccolato al latte con crema al rhum.

 

Un menù gourmet che ha sposato i sapori del territorio anche attraverso gli abbinamenti appositamente selezionati tra i calici della storica e prestigiosa cantina Barone Ricasoli. A sorprendere i commensali anche la ‘Colomba dell’Arrivederci’: dolce al gusto di caffè ideato dalla chef stellata Katia Maccari, realizzato dal maestro pasticcere Giancarlo Maistrello, protagonista anche del volume ‘Il viaggio delle colombe’ di Nieva Zanco. Il libro racconta dieci storie brevi legate alle origini storiche e leggendarie del dolce pasquale e raccoglie le ricette speciali, realizzate da tre chef stellati.

 ‘I Sogni del Particolare. Cinque sfumature di Acquerello’, è stata organizzata dal Ristorante Particolare di Siena in collaborazione con Nieva Zanco, autrice de 'La Consiglieria. Guida gastronomica non convenzionale', Riso Acquerello e cantina Barone Ricasoli. Per informazioni è possibile consultare il sito www.particolaredisiena.com, telefonare al numero 0577/1793209, scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e seguire la Pagina Facebook Particolare di Siena.

  

Marilena Zinna

FESTA DELLA DONNA AL TOE DRUE

 

 

Amici delle Toe,

Giovedì 8 Marzo è un giorno importante, non tanto per festeggiare qualcosa, ma per ringraziare e riflettere sull’importanza della Donna, che a tanti uomini e alla società può sfuggire.

Quindi….saremo onorati di applicare una riduzione del 10% sul totale di un tavolo con la presenza di una Donna, omaggiandola inoltre di un sentito pensiero floreale.

W le Donne…Sempre !!!

Per tutte le violenze consumate su di Lei,

per tutte le umiliazioni che ha subito,

per il suo corpo che avete sfruttato,

per la sua intelligenza che avete calpestato,

per l’ignoranza in cui l’avete lasciata,

per la libertà che le avete negato,

per la bocca che le avete tappato,

per le ali che le avete tagliato,

per tutto questo:

in piedi, Signori, davanti ad una Donna.

(William Shakespeare)

 

inoltre:

Chi non ama vino, donna e canzone, per tutta la vita rimane un buffone.

 (Martin Lutero )

 

Ristorante Toe Drue Antica Osteria

Via Carlo Corsi 44r

16154 Genova

Info: 010/6500100

Chiuso la Domenica

www.toedrue.it

FUORI DI TASTE 2018: LO CHEF ANDREA CAMPANI DE IL BORRO TUSCAN BISTRO DI FIRENZE CELEBRA L’AUTENTICA CUCINA ITALIANA CON OSPITI SPECIALI

 

 

 

Andrea Campani, Executive Chef dei ristoranti de Il Borro, accoglie nella sua cucina la Signora Maria del Pastificio Gentile di Gragnano e lo chef Enrico Pierri de il Sanlorenzo di Roma

Domenica 11 marzo 2018, Tuscan Bistro, Lungarno Acciaiuoli Firenze

In occasione della 13° edizione di Taste, il salone dedicato alle eccellenze del gusto e del food lifestyle organizzato da Pitti Immagine a Firenze, lo chef Andrea Campani, Executive Chef dei ristoranti de Il Borro, aderisce a Fuori di Taste, con un evento esclusivo e su invito che celebra il meglio della cucina italiana.

Nel bellissimo Tuscan Bistro di Firenze, domenica 11 marzo a partire dalle ore 19, sarà organizzata una cena a più mani: quelle dello chef Andrea Campani, della signora Maria del Pastificio Gentile di Gragnano e dello chef Enrico Pierri de il Sanlorenzo di Roma.

Aia in Tempura (Andrea Campani Executive Chef Il Borro Tuscan Bistro) Vesuvio con Patate e Totani (Maria - Pastificio Gentile di Gragnano) Tartare di Gamberi (Chef Enrico Pierri - Ristorante Il Sanlorenzo)

L’incontro armonioso dei sapori della tradizione toscana, raccontati e rivisitati da Andrea, della tradizione campana, rappresentata dai prodotti artigianali del Pastificio Gentile, e dell’iconica cucina di pesce de Il Sanlorenzo di Roma, per un menù che celebri l’italianità in cucina con i seguenti piatti:

Una cena informale e dinamica, in abbinamento ai vini de Il Borro, azienda vitivinicola nel bacino del Val d’Arno Superiore di proprietà di Ferruccio Ferragamo, fortemente vocata al rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema e biologica dal 2015, e della quale fanno parte i ristoranti Tuscan Bistro e Osteria de Il Borro.

 

NOTE STAMPA

LO CHEF ANDREA CAMPANI
Andrea Campani nasce nel 1977 a Montevarchi (nel cuore del Valdarno, in Toscana).

Dopo una breve parentesi come imprenditore con l’apertura di un’Osteria a Loro Ciuffenna, nel 2013 avviene l’incontro con Il Borro, azienda agricola e vitivinicola biologica, di proprietà di Ferruccio Ferragamo, e antico borgo medievale sito nel bacino del Valdarno di Sopra. Andrea ne sposa immediatamente il progetto e la vocazione eco-sostenibile, ritenendo Il Borro il luogo ideale per esprimere la sua identità, sperimentare ed elaborare una cucina semplice, libera dalla pesantezza del passato, ma al tempo stesso creativa e orgogliosamente toscana, nella quale la tecnica è sempre gestita con grande equilibrio.

 

Oggi Andrea è Executive Chef dei ristoranti de Il Borro, tenuta di proprietà: Osteria de Il Borro e Tuscan Bistro.

PASTIFICIO GENTILE

Il Pastificio Gentile è uno degli storici opifici artigianali della città di Gragnano, famosa in tutto il mondo per la sua pasta. Ancora oggi si avvale dei metodi artigianali di produzione, riservando grande attenzione a ogni singolo dettaglio, dalla selezione delle materie prime al controllo delle fasi legate alla produzione. L’azienda offre prodotti di altissima qualità rispettando pienamente i dettami che nel passato hanno reso la pasta di Gragnano tanto celebre: l’utilizzo di semole pregiate di provenienza rigorosamente italiana, la trafilatura al bronzo e la lenta essiccazione a bassa temperatura secondo l’antico “Metodo Cirillo”. Tra i tanti formati disponibili è possibile ritrovare i classici della tradizione come i paccheri, gli scialatielli o i fusilli lavorati a mano e nuovi prodotti molto richiesti e apprezzati come la Pasta Integrale Biologica o il celebre “SpaghettOne”.

La famiglia Zampino ha racchiuso in questi anni nei marchi Pastificio Gentile & San Nicola dei Miri (sotto la ragione sociale GUSTO srl) l’essenza del lavoro quotidiano, con un’attenzione particolare alla terra in cui tutto ciò nasce e si trasforma: la Campania. È proprio l’amore per questa terra che a Ottobre 2016 ha contribuito nascesse “Il 1650”, un edificio risalente al XVII secolo, da cui il nome, sito nella Valle dei Mulini a Gragnano, in provincia di Napoli; un prezioso edificio ristrutturato accuratamente e pronto ad accogliere la sede produttiva, gli uffici e una Bottega, dove immergersi nella più autentica tradizione campana.

 

LO CHEF ENRICO PIERRI

Lo chef Enrico Pierri è il patron, insieme a Elena Lenzini, de Il Sanlorenzo, importante realtà della ristorazione romana, sito in Via dei Chiavari 4, in una solenne struttura che si narra sia sorta sulle fondamenta dell’antico Teatro di Pompeo, vicinissimo a Campo dei Fiori. Le origini campane dello chef si rintracciano con facilità nei suoi piatti, che esaltano il pesce e la tradizione partenopea. La materia prima arriva ogni giorno da fornitori di fiducia che consegnano solo il meglio dell’offerta ittica e permettono così la preparazione di piatti semplici e allo stesso tempo unici nella loro essenza. Immancabili gli spaghetti ai ricci, diventati uno dei simboli della cucina dello Chef Pierri, memorabile il caviale selezionato in esclusiva per lui e nota di merito la ricercata selezione delle oltre mille etichette presenti in cantina, che spaziano dalle celebri bollicine ai vini biodinamici e naturali. Il Ristorante Sanlorenzo è indiscutibilmente meta ambita dagli amanti della buona cucina e dai cultori della materia prima d’eccellenza.

 

 

 

 

Ufficio stampa Italia Il Borro Ristorante

Fcomm via Pinamonte da Vimercate, 6 – 20121 Milano T. 02 36586889
Francesca Pelagotti mobile +39 366 7062302, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Sonia Gambino mobile +39 342 0686448, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Alessandro Gammaldi, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 340 9629083

 

Ufficio Stampa Il Borro

Francesca Piani - +39 366 7704851- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio Stampa Pastificio Gentile

Francesca D'Agnano - +39 346 3166448 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Qui, sin da bambino, apprende l’importanza della qualità e stagionalità del cibo e il suo valore di convivialità e condivisione oltre che fonte di benessere e piacere. Diplomato alla scuola alberghiera di Firenze, inizia il suo percorso professionale in uno storico ristorante del Chianti: una cucina di forte impronta regionale, che esalta ingredienti locali, stagionali e di massima qualità.
Da lì in avanti, Andrea svilupperà passione, curiosità, determinazione e un approccio profondamente legato alla tradizione culinaria toscana; lo chef di Montevarchi reinventa ogni giorno la gastronomia locale, declinandola in piatti semplici e al tempo stesso innovativi, contemporanei e dalla forte personalità.

 

La Sardegna a The Stage per la seconda tappa del Viaggio tra le Stelle

Luigi Pomata

 

Il tonno rosso di Carloforte e prodotti sardi d’eccellenza saranno i protagonisti del percorso gastronomico proposto dagli chef Luigi Pomata e Fabrizio Albini nella cena a quattro mani in programma venerdì 2 marzo.

Le stelle della cucina italiana continuano a brillare al ristorante The Stage: la seconda tappa del Viaggio tra le Stelle si terrà venerdì 2 marzo in una cena a quattro mani che avrà come protagonista la Sardegna, raccontata attraverso la cucina di uno dei suoi interpreti più significativi, lo chef Luigi Pomata, dell'omonimo ristorante nel centro di Cagliari.

Ma vera stella della serata sarà una delle materie prime più rappresentative e ricercate del Mediterraneo: il tonno rosso di Carloforte, sede della celebre tonnara e patria dello chef Luigi Pomata.

La sua cucina è contraddistinta da un'estrema cura della materia prima che si inserisce alla perfezione nella filosofia di ricerca del ristorante The Stage: per la seconda tappa del Viaggio Tra le Stelle i piatti dello chef Pomata dialogheranno infatti con quelli di Fabrizio Albini, executive chef di The Stage. Albini porterà in scena un altro prodotto simbolo della Sardegna con il suo Maccherone, arselle, peperoncino e bottarga e delizierà gli ospiti della cena con un dessert che ricorda i profumi degli agrumi del Mediterraneo: Pera, cioccolato bianco, vaniglia, pompelmo e zenzero.

In abbinamento ai piatti dei due chef i vini della Cantina Sella&Mosca, una delle più importanti realtà vitivinicole italiane, fondata nel 1899 dall'ingegnere Sella e dall'avvocato Mosca e oggi di proprietà di Terre Moretti. Con i suoi 541 ettari vitati è una delle tenute più vaste d'Europa e rappresenta nel mondo il proprio territorio attraverso la valorizzazione di vitigni autoctoni come Vermentino, Carignano e Cannonau.

 

Menù

Tartare di tonno rosso su spuma di mozzarella, capperi disidratati e uova di pesce – Luigi Pomata

 Maccherone arselle, peperoncino e bottarga – Fabrizio Albini

 Ventresca di tonno rosso in crosta di pane al prosciutto, bietole selvatiche in due consistenze: in crema aromatizzate all'wasabi e saltate in tegame – Luigi Pomata

Pera, cioccolato bianco, vaniglia, pompelmo e zenzero – Fabrizio Albini

Vini in abbinamento: Sella & Mosca

€ 70 a persona vini inclusi

Info e prenotazioni: 02 63793539 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.,

 

2020 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica