NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

Recensioni

AL VIA UNA NUOVA STAGIONE PER IL B&B E L’OSTERIA DI CASTELLO DI FONTERUTOLI

 

Da fine maggio porte aperte per accogliere turisti e “wine lover” in una delle location più suggestive del Chianti Classico, nel cuore della Toscana.

 

Si riparte dall’enoturismo che, quest’anno più che mai, si attesta come un fenomeno destinato a crescere per gli italiani proprio nel nostro Bel Paese. Il B&B Castello di Fonterutoli – di proprietà della famiglia Mazzei – è la scelta giusta per una vacanza indimenticabile in un borgo medioevale dove trascorrere momenti tra natura, grandi vini e una cucina territoriale d’autore.

Con i suoi 5 appartamenti e le sue 17 camere incastonate nelle diverse zone del piccolo borgo e totalmente ispirate ai colori del Chianti consente di fare un break lontano dai ritmi frenetici della città. All’interno un arredamento accogliente e di charme con pavimenti in cotto antico, le travi a vista, gli antichi mobili della famiglia, tutt’intorno la splendida campagna collinare del Chianti. Fonterutoli si trova nel cuore della Toscana, nelle vicinanze dei maggiori luoghi di interesse, come Firenze, a soli quarantacinque minuti di distanza, Siena a quindici minuti, e altre località come Volterra, San Gimignano e Pienza. Tante le attività a cui ci si può dedicare a partire dalle degustazioni nella spettacolare Cantina che si sviluppa su tre livelli di profondità e custodisce un’ampia barricaia dove dimorano oltre 3000 fusti di rovere. La Cantina, realizzata da Agnese Mazzei, fa parte del progetto Toscana Wine Architecture, un circuito di 14 cantine d’autore e di design, firmate dai grandi maestri dell’architettura contemporanea. Ma si può optare anche per lezioni di cucina fino alle visite ai borghi circostanti Gaiole, Castellina, Radda e Greve e alle loro botteghe artigiane. Le Strade Bianche che si ramificano nell’area sono lo scenario ideale per passeggiate a piedi, a cavallo o in bicicletta in mezzo alla natura incontaminata. Qui gli appassionati delle due ruote si riuniscono ogni anno in autunno per l’Eroica, uno degli eventi sportivi più affascinanti e romantici del mondo.

All’ Osteria di Fonterutoli, tra gli ulivi e i vigneti, si può assaporare un’imperdibile esperienza gourmet, magari abbinata a una verticale dei vini di Castello di Fonterutoli, proposta dallo Chef Lorenzo Baldacci che utilizza solo prodotti locali, stagionali e selvaggina di zona. Si possono prenotare i gazebo dedicati oppure si può approfittare del dehors e dell’ampia terrazza in mezzo alla natura, in totale relax e sicurezza. Per un pranzo veloce o per un aperitivo a base di un'attenta selezione di prodotti toscani, si può invece optare per la Società Orchestrale di Fonterutoli.

 

Marchesi Mazzei, 600 anni di passione per il vino.

Un connubio indissolubile con la Toscana ed il Chianti Classico. Uno stretto legame unisce la famiglia Mazzei al vino. Tradizione e continua ricerca si incontrano nelle tenute di proprietà della famiglia: due in Toscana (Castello di Fonterutoli nel Chianti Classico e Belguardo in Maremma) e una a Zisola, in Val di Noto, Sicilia.

 

Simonetta Gerra 

QUANDO IL CIELO SI FA TRICOLORE CON GRITZ IL BRINDISI È PER TUTTI GLI ITALIANI (ANCHE I CELIACI)

 

In occasione della Festa della Repubblica, il Birrificio Gritz vuole omaggiare tutti gli italiani che in questi mesi hanno tenuto duro con una promozione speciale: sull’e-commerce https://www.gritz.it/shop/ il 10% di sconto dal 2 giugno 2020 per una settimana su tutte le referenze.

Con lo sguardo rivolto verso l’alto, in attesa di vedere il cielo tinto del tricolore, quest’anno gli italiani vivranno con uno spirito diverso la Festa della Repubblica del 2 giugno. Le difficoltà causate dall’emergenza ci hanno messo a dura prova, ci hanno fatto tentennare, ma ci hanno anche rafforzati. Abbiamo imparato a riconoscerci come una comunità sola, al di là delle diversità del singolo.

 

Convinto di questa diversità e del suo valore è Claudio Gritti con il suo Birrificio Gritz, che dalla Franciacorta in tutta Italia, attraverso le sue birre, racconta una storia di passione e di made in Italy, e che, come tantissime realtà sparse nel territorio, ha affrontato il lockdown nell’unico modo possibile: resistendo.

 

In occasione della Festa della Repubblica Gritz ha pensato di rivolgersi a tutti gli italiani, nessuno escluso: Gritz è infatti  l’unico birrificio in Italia, nonché uno dei pochissimi al mondo, specializzato nella produzione totalmente senza glutine da processo gluten removed. Dà così la possibilità a tutti, anche ai celiaci, di gustare una birra senza dover rinunciare a gusto e qualità.

 

Per festeggiare questa ripartenza, Gritz ha ideato una promozione speciale dal 2 giugno per una settimana intera: con il codice #RepubblicaGritz, tutte le referenze del birrificio saranno disponibili sull’e-commerce https://www.gritz.it/shop/ al 10% in meno.

 

Tutte le birre Gritz sono certificate AIC e disponibili nel formato da  33 cl e 50 cl. C’è solo da scegliere quella più adatta al proprio palato!

 

Si parte con La Graziella, una Bohemian Pilsner (5,3%) a bassa fermentazione, dal gusto maltato, con una morbida amaricatura. Dal colore oro pallido e la schiuma densa e duratura, presenta profumi floreali dati dai luppoli cechi, tipici di questo stile. Si abbina a piatti leggeri, come pesce, carni bianche o insalate. Si adatta perfettamente al clima primaverile, stimolando il gusto.

 

Per gli amanti del buon bere, la Camilla può rivelarsi l’ideale: è una birra decisa e seducente (6% vol.), dall’ aroma floreale che prima inebria il naso e poi avvolge la bocca, con un sapore di luppolato delicato e piacevole al suo passaggio. È una Indian Pale Ale dal colore ambrato e schiuma persistente e si abbina a piatti di verdure, carne alla griglia e piatti speziati.

 

La Barbara è invece una Weiss ad alta fermentazione (5,5% vol.), dal sapore delicato che ricorda la banana. E’ di color giallo paglierino, torbida alla vista e dalla schiuma voluminosa, tipica di questo stile. Si abbina perfettamente a piatti salati, ad esempio specialità di mare o insaccati, ma si lascia bere anche da sola, conquistando assaggio dopo assaggio. Presenta una particolare e piacevole acidità, resa ancora più speciale al palato grazie ai sentori fruttati e alle note di chiodi di garofano.

 

All’appello manca la Danda, birra artigianale ad alta fermentazione di tipo belgian strong ale. Al naso si presenta fruttata, con leggere note alcoliche. Il sapore è liquoroso, con un morbido carattere maltato. Dal colore ambrato, con schiuma fine e compatta, si adatta particolarmente agli abbinamenti di carne, meglio se speziati.

 

« La Festa della Repubblica, quest’anno, ha per noi come per tutti gli italiani un sapore diverso, racconta Claudio Gritti, fondatore e birraio del Birrificio Gritz. Sono stati mesi impegnativi, ma noi italiani siamo capaci di rialzarci, sempre. E proprio perché in Gritz sono di casa i valori di inclusività e unione, abbiamo pensato di omaggiare questa ricorrenza con una promozione ad hoc, per brindare tutti insieme a questa ripartenza».

Cheers! Non ci resta che brindare!

 

 

BIRRIFICIO GRITZ – Nato nel 2015 dalla passione di Claudio Gritti, il birrificio Gritz è l’unico in Italia e uno dei pochissimi birrifici artigianali al mondo specializzato nella produzione totalmente senza glutine da processo gluten removed. Ha sede a Erbusco (BS), nel cuore della Franciacorta. Le sue referenze sono: la Belga della Danda, la Pils della Graziella, la Weiss della Barbara, la IPA della Camilla e la speciale Birra di Natale, tutte rigorosamente senza glutine e certificate AIC.

 

 

https://www.gritz.it/

 

Emanuela Capitanio

Cantina Bolzano

La vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% - Norvegia, nuovo mercato 

 

 

“Molte strade possono portare alla stessa destinazione” e questo è particolarmente vero nell’attuale crisi pandemica in corso che ha colpito in pieno anche il settore vitivinicolo. Ad ogni modo, non tutti sono stati colpiti nella stessa misura. Cantina Bolzano, ad esempio, già prima dello scoppio della emergenza aveva sviluppato i suoi anticorpi, grazie alla diversificazione in termini di canali di vendita e mercati. L’ultima mossa di Cantina Bolzano è l’ingresso nel mercato monopolistico della Norvegia.    

Crisi o non crisi, anche ai tempi del Coronavirus gli amanti del vino non hanno voluto fare a meno di gustare un buon calice, ciò che è cambiato per molti è stato il modo in cui è stato possibile consumarlo. “Nel corso della pandemia, infatti, il commercio al dettaglio di generi alimentari è diventata la fonte di approvvigionamento più importante, oltre al commercio online, anche per i vini di qualità”, spiega Klaus Sparer, Amministratore Delegato di Cantina Bolzano.   

Vendita al dettaglio come “àncora stabilizzatrice”  

“Il commercio nella vendita al dettaglio ci ha aiutato molto in questo contesto. Il 45% del nostro fatturato deriva infatti dalle vendite al dettaglio, pari circa a 1,5 milioni di bottiglie all’anno”, sottolinea Sparer. Durante la fase del lockdown, la vendita al dettaglio di prodotti alimentari si è rivelato uno dei pochissimi settori che non ha subito danni. “Per noi è stata un'ancora stabilizzatrice nella vendita dei nostri vini di qualità. Questo ci ha permesso di evitare un possibile crollo totale”, rimarca Sparer. Cantina Bolzano distribuisce i suoi vini nel commercio al dettaglio orientato alla qualità in tre paesi: Italia, Austria e Germania. “Nei Paesi di lingua tedesca il nostro focus è sui vini rossi, in Italia sui bianchi”, conclude l’Amministratore Delegato di Cantina Bolzano.  

“Ambasciatore” altoatesino in Norvegia   

Oltre alla diversificazione per canale (commercio vinicolo specializzato, alimentare, gastronomia/industria alberghiera), Cantina Bolzano punta sulla diversificazione dei mercati come ricetta contro la crisi. "Vendiamo i nostri vini in 21 Paesi in tutto il mondo. Questa diversificazione ci aiuta a ridurre la dipendenza dai singoli mercati. Sebbene la pandemia sia un fenomeno globale, ci sono ancora mercati che sono molto più colpiti di altri, con conseguenze evidenti per le catene di fornitura e quindi per i consumi. La Norvegia è l'ultimo mercato arrivato nel nostro portafoglio: un mercato investito in modo modesto dalla crisi pandemica.   

D’ora in poi l’azienda vinicola di Bolzano rifornirà il Paese scandinavo attraverso i quasi 300 negozi statali che portano il nome “Vinmonopolet”. Infatti, i vini e tutte le altre bevande alcoliche con una gradazione alcolica superiore al 4,75% possono essere venduti solo in questi punti vendita. “Entrare in questo mercato è una grande opportunità non solo per noi come azienda vinicola, ma per tutto l'Alto Adige. Perché, grazie alla presenza dei nostri vini, il nome Alto Adige sarà portato all’attenzione di un nuovo e interessante target turistico. In questo senso, i nostri vini possono essere visti come ambasciatori del territorio”, conclude Sparer.   

 

 

www.daviso.com        

SPRAY AL PEPE PER CONSERVARE ALIMENTI

Spray al pepe per conservare la carne e pellicole agli oli essenziali per frutta e verdura

Al via il progetto Fedkito coordinato dall’Università di Pisa per proteggere i cibi con formulazioni di chitosano addizionate di oli essenziali. L’obiettivo è garantire sicurezza alimentare integrata nell’ottica dell’economia circolare e della sostenibilità

 

Uno spray all’aroma di pepe per conservare più a lungo la carne oppure una pellicola alla cannella per proteggere le mele da insetti e funghi, tutto a base di chitosano una sostanza del tutto naturale e biodegradabile ricavata in questo caso dagli insetti.
E’ questo lo scenario di un futuro non troppo lontano al quale stanno lavorando gli scienziati di Fedkito, un progetto triennale appena finanziato nell’ambito di PRIMA (Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area) attualmente il più importante programma di ricerca dell’area euro-mediterranea.

La professoressa Barbara Conti dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’Università di Pisa è la coordinatrice del progetto che coinvolge Italia, Francia, Grecia, Tunisia e Marocco con la partecipazione di atenei, istituti di ricerca e aziende.

Nell’ambito di Fedkito i ricercatori svilupperemo diversi packaging a base di chitosano arricchiti di oli essenziali in base alle caratteristiche di cibi che dovranno essere conservati, quindi film per proteggere frutta fresca e vegetali, spray per la carne, e liquido per i prodotti caseari

 

 

“Per potenziare gli effetti protettivi del chitosano - spiega Barbara Conti – abbiamo avuto l’idea è di aggiungere degli oli essenziali che sceglieremo sulla base di abbinamenti un’analisi sensoriale che tengano conto del gusto e degli aromi in modo da dare ai consumatori un ulteriore valore aggiunto”.
Ma l’impegno del progetto nei confronti della sicurezza alimentare non finisce qui. I ricercatori infatti vogliono sperimentare anche una speciale “etichetta intelligente” dotata di biosensori per misurare l’eventuale presenza di micotossine e, residui di pesticidi e residui che possono compromettere la qualità e la salubrità dei cibi anche durante le fasi di trasporto, e stoccaggio e vendita al dettaglio.

“Lavoriamo secondo una prospettiva di protezione integrata che sia anche sostenibile per l’ambiente – conclude Barbara Conti – il progetto si basa infatti anche sul principio dell’economia circolare e così ricaveremo la chitina per il chitosano dagli stessi insetti utilizzati per degradare ed eliminare i rifiuti e gli scarti della filiera agroalimentare”.

Insieme all’Università di Pisa partecipano al progetto le università di Bologna, Hassan II di Casablanca in Marocco, Tessaglia in Grecia, la Sorbona e il Centre Technique Industrial de la Plasturgie et des Composites per la Francia, il Centro di Biotecnologia di Borj Cedria in Tunisia e come partner aziendali due italiane, Gusto parmigiano e Azienda Agricola Salvadori Furio.

 

Dott.ssa Marina Caterina Magnani

Giornalista

Università di Pisa

mob. 3381438405

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Marco Simonit: “Italiani, volete lavorare in vigna?

Marco Simonit: “Italiani, volete lavorare in vigna? Preparatevi, c’è lavoro per tutti!”

 

 

“Italiani, volete lavorare in vigna? Preparatevi, imparate, c’è lavoro per tutti!” L’appello viene da Marco Simonit, CEO di Simonit&Sirch Vine Master Pruners, che interviene nel dibattito suscitato dalla notizia che Martin Foradori Hofstätter, famoso vignaiolo di Termeno, ha addirittura dovuto noleggiare un aereo per far arrivare dalla Romania un gruppo di lavoratrici specializzate nel lavoro in vigna, non trovando personale altrettanto competente in Italia.

 

“Il problema sta emergendo in modo drammatico in questo momento di pandemia, che ha bloccato le frontiere - dice Marco Simonit- La natura non si ferma, le aziende hanno bisogno di manodopera preparata e specializzata nelle vigne e non la trovano in Italia, perché gli italiani snobbano questi lavori, nonostante si parli tanto di ritorno all’agricoltura, di lavoro green eccetera.”

 

“Dal 2009 abbiamo aperto la Scuola Italiana di Potatura della Vite ed ora i corsi sono anche on line - specifica – Per chi vuole imparare un lavoro qualificato, e quindi anche ben retribuito, ci sono tutti gli strumenti per poterlo fare. Da anni stiamo formando squadre di manodopera specializzata per le principali aziende vinicole del mondo, che ricorrono alla nostra consulenza perché sono ben consapevoli che il lavoro nei vigneti (che sono il loro grande patrimonio) non può essere affidato a personale impreparato. ”

 

“Si sostiene che dopo questa pandemia bisognerà ripartire dalla terra e dall’agricoltura, che torneranno centrali, e io sono pienamente d’accordo – continua-  Ma gli italiani sono assenti. Bisogna ricreare un “saper fare in vigna” che stanno perdendo e che viene quindi necessariamente affidato a stranieri. Cosa che ad esempio non succede in Francia, dove le capacità in vigna sono altrettanto importanti di quelle in cantina, e il personale addetto ai lavori agricoli è locale, ha una grande esperienza e preparazione ed è un valore aggiunto di un’azienda. “

 

“Voglio essere chiaro - conclude deciso -  Non è solo una questione di emergenza post Covid 19, ma un discorso più generale e molto serio, che va affrontato una volta per tutte.  Per creare un vero Made in Italy del vino, bisogna ripartire da qui, riprendendo a lavorare fra i filari. Un lavoro sostenibile, local, senza impatto ambientale, sano perché fatto all’aria aperta e, in questi tempi, anche sicuro perché è facile mantenere il distanziamento. Non posso che ribadire: preparatevi, imparate. Nelle aziende vinicole c’è lavoro fin che ne volete!”

 

Marina Tagliaferri

Barbaresco Marcarini 2017 Pertinace

La vendemmia precoce di un vino senza tempo

  

Il Barbaresco Marcarini è una delle più alte espressioni dello stile produttivo della cantina Pertinace. Uno stile classico ed elegante frutto di una grande attenzione ai vigneti, che per la MGA Marcarini vengono curati personalmente da un'unica famiglia di soci conferitori, e di processi di vinificazione e invecchiamento rispettosi del frutto e dei tempi del vino, secondo la più autentica tradizione piemontese.

Le uve destinate alla produzione del Barbaresco Marcarini provengono dall’omonima MGA, situata nel comune di Treiso, dove la cantina cooperativa Pertinace può contare su una superficie vitata di 3,60 ettari. I terreni che caratterizzano questa MGA alternano marne a strati sabbiosi, che permettono alle radici di svilupparsi in profondità e che contribuiscono a donare al Barbaresco profumi intensi e complessi.  Le viti qui crescono su alte e vertiginose pendenze, che garantiscono un’ottima esposizione ma generano serie difficoltà nella lavorazione del vigneto, che richiede tutta l’esperienza di chi tra quei filari è nato e cresciuto.La vendemmia 2017

 

L’annata 2017 è stata molto calda e ciò ha comportato una vendemmia anticipata.

Fin dai mesi invernali le temperature sono state miti. Nella stagione primaverile lo sviluppo vegetativo ha subito un’accelerazione a causa delle temperature sopra la media stagionale e alle abbondanti piogge. A partire dal mese di maggio si sono susseguite numerose giornate terse e calde, che hanno in buona misura bloccato l’insorgenza di problematiche fitosanitarie. Le temperature massime registrate durante i mesi estivi sono state sopra la media, e solo verso la fine del mese di agosto si sono presentate le tanto attese precipitazioni che hanno riequilibrato la dotazione idrica degli acini, in anticipo sui tempi dell’invaiatura.

Il mese di settembre invece ha portato temperature più fresche e significative escursioni termiche particolarmente favorevoli per lo sviluppo dei profili polifenolici nelle uve a bacca nera a ciclo vegetativo medio - lungo, come il nebbiolo. Nonostante la 2017 sia stata un’annata precoce, l’andamento climatico delle settimane precedenti alla vendemmia, con giornate calde e nottate fresche, ha permesso di ottenere un Barbaresco complesso e strutturato ma allo stesso tempo equilibrato ed armonico.

 

Barbaresco Marcarini 2017

 

 

Prodotto in sole 18.000 bottiglie, il Barbaresco Marcarini 2017 è un vino elegante, morbido e di grande piacevolezza.

La fermentazione del mosto, a contatto delle bucce, si prolunga per 12-15 giorni con frequenti rimontaggi ed energiche follature.

Dopo  40 giorni di  cappello sommerso viene effettuata la fermentazione malolattica, che precede i 18 mesi di affinamento in botti grandi di Rovere di Slavonia.

 

Il Barbaresco Marcarini si presenta di un intenso rosso rubino con sfumature sui toni del granato. Al naso i profumi sono intensi e richiamano note floreali di rose essiccate e di frutta rossa matura con sentori speziati di liquirizia, pepe e cioccolato. Al palato è strutturato, pieno e avvolgente con un’acidità perfettamente bilanciata dalla morbidezza di questo Barbaresco. Il finale è lungo e sapido e richiama gli 

aromi frutto floreali percepibili al naso.

 

Scarica la scheda tecnica

 

 

WELL COM srl

Annalisa Chiavazza 

Il Palio Dell’Agnolotto 2020

Il Palio dell’Agnolotto si trasforma in Delivery di solidarietà 

Oltrepò Pavese, 18 maggio - I ristoratori del Palio dell’Agnolotto si riuniscono per un progetto solidale sul territorio 

Un’iniziativa che coinvolge menti, mani e cuore: “Il Palio dell’Agnolotto” avrebbe dovuto tenersi il 26 aprile scorso presso la “Villa Castello Torrazzetta” (Borgo Priolo – PV), dopo il successo e i numeri delle prime due edizioni. Nato nel 2018 sotto la guida e la passione degli chef Fabrizio Ferrari e Silvano Vanzulli, sostenuto dall’entusiasmo e dalla creatività di un ampio e valido gruppo, l’evento consiste in un concorso culinario che ha come protagonista la tipica pasta fresca ripiena. Il fine è la raccolta fondi destinati allo sviluppo rurale promosso, in Etiopia, dall’associazione “Chicco per Emdibir”; la forma dell’evento consente di dare visibilità al territorio dell’Oltrepò Pavese. Per due anni, una ventina di ristoranti hanno gareggiato per cucinare il miglior agnolotto dell’Oltrepò, sottoponendosi ad una giuria composta da chef di rilievo, giornalisti e personalità di spicco del panorama enogastronomico italiano. In entrambe le occasioni, la bellissima location “Tenuta di Calcababbio” è stata visitata da 200 ospiti. 

 

E nel 2020? Il virus ha impedito la terza edizione ma non ha fermato l’inventiva e la coesione! Il gruppo ha inventato la formula speciale “Delivery”, con l’intento di regalare un momento di felicità, mediante la buona cucina, a chi in questo momento di difficoltà sta subendo maggiormente le conseguenze della pandemia. Anziani, lavoratori in stato di disoccupazione temporanea, famiglie numerose e mense caritatevoli sono tutti i soggetti che l’iniziativa vuole raggiungere. Insieme ai Comuni di Pietra De’ Giorgi, Zavattarello e Romagnese è stato organizzato un calendario di consegne a partire da lunedì 18 maggio 2020. In tempi rapidi, i volontari comunali distribuiranno 8kg di agnolotti preparati dai quattro locali partner dell’evento che han per primi aderito all’iniziativa: “Agriturismo Boccapane” (Ruino), “Agriturismo Calice dei Cherubini” (Montecalvo Versiggia), “Agriturismo Cella di Montalto” (Montalto Pavese) e “Ristorante Ad Astra” (Santa Maria della Versa). La prossima distribuzione sarà a favore del banco Caritas di Stradella coinvolgerà anche gli altri che man mano, anche compatibilmente con le riaperture, potranno rendersi disponibili. 

Il gruppo de “Il Palio dell’Agnolotto” ha riunito eccellenze del territorio come: “Corte Montini”, “La Pineta”, “Il Melo Rosso”, “Antica Trattoria Del Ginepro”, “Osteria del Giuse”, “Il Feudo Nico”, “La Pernice Rossa”, “Buscone”, “Osteria Pappa e Cena”, “Ristorante Selvatico”, “Ristorante Sasseo”.

Questa attività evidenzia la volontà di aiutare le persone più a rischio dando visibilità alle attività ristorative fortemente danneggiate dal lockdown, un’iniziativa per ricominciare a promuovere il territorio dell’Oltrepò Pavese. Il gruppo ha dichiarato: “È un modo per sottolineare l’importanza dell’unione e della comunione d’intenti a sostegno dei più deboli, ma anche l’opportunità per rafforzare le radici col nostro territorio, perché nessuno si salva da solo”. 

Francesca Zanardi

FIVI SCRIVE AI MINISTRI BELLANOVA E GUALTIERI: SUBITO INTERVENTI FISCALI A FAVORE DEI VIGNAIOLI E DELLA RISTORAZIONE

Le proposte della Federazione: IVA agevolata sul vino al 10%, emissione della fattura solo al momento dell’incasso e posticipo versamento IVA delle fatture già emesse

 

 

FIVI, Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti, scrive a Teresa Bellanova, Ministro delle Politiche Agricole, e a Roberto Gualtieri, Ministro dell’Economia e delle Finanze, affinché intervengano per sostenere il settore vitivinicolo e il settore Horeca fortemente provati dalla situazione di emergenza legata al Covid-19. Sono principalmente tre le azioni che i Vignaioli chiedono: IVA agevolata sul vino al 10%, IVA relativa alle cessioni di vino diventi esigibile al momento dell’incasso della fattura e sospensione del versamento dell’IVA relativa alle fatture già emesse da marzo

 

Il primo comma dell’articolo 6 del DPR 633/72 prevede infatti che le cessioni di beni mobili si considerano effettuate nel momento della loro consegna o spedizione. Alla luce della situazione che ha portato alla sospensione di tutte le attività di somministrazione, tenuto conto che la loro ripresa ed il loro ritorno a livelli economici pre-pandemia saranno incerti, difficoltosi e lunghi, la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti ha chiesto ai Ministri che, fino al 31/12/2023, l’IVA relativa alle vendite di vino all’Horeca sia esigibile solo al momento dell’incasso delle fatture e non al momento della consegna o della spedizione. La richiesta, quindi, è che anche la fattura sia emessa solo dopo aver incassato il corrispettivo dovuto.

 

Per le vendite già effettuate, da marzo in avanti, e per le quali è già stata emessa la relativa fattura di vendita, la FIVI richiede che l’IVA sia considerata “in sospeso” (come avviene per le cessione alla Pubblica Amministrazione) e che diventi esigibile soltanto all’atto dell’incasso della stessa precedentemente emessa. Inoltre FIVI per favorire l’acquisto di vino e per sostenere il settore vitivinicolo, ha chiesto anche che, fino ad almeno il 31/12/2023, l’aliquota IVA non sia quella ordinaria del 22%, ma quella agevolata del 10%.

 

Anna Sperotto

 

FIVI - Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti
La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (FIVI) è un'associazione nata nel 2008 con lo scopo di rappresentare la figura del Vignaiolo di fronte alle istituzioni, promuovendo la qualità e autenticità dei vini italiani. Per statuto, possono aderire alla FIVI solo i produttori che soddisfano alcuni precisi criteri: "Il Vignaiolo FIVI coltiva le sue vigne, imbottiglia il proprio vino, curando personalmente il proprio prodotto. Vende tutto o parte del suo raccolto in bottiglia, sotto la sua responsabilità, con il suo nome e la sua etichetta". 

Attualmente sono circa 1300 i produttori associati, da tutte le regioni italiane, per un totale di circa 13.000 ettari di vigneto, per una media di circa 10 ettari vitati per azienda agricola. Quasi 95 sono i milioni di bottiglie commercializzate e il fatturato totale si avvicina a 0,8 miliardi di euro, per un valore in termini di export di 330 milioni di euro. I 13.000 ettari di vigneto sono condotti per il 51% in regime biologico/biodinamico e per il 49 % secondo i principi della lotta integrata.

2021 © Enocibario P.I. 01074300094    Yandex.Metrica